Le Capitali – L’estrema destra di Salvini e Orbán vorrebbe creare un nuovo “centrodestra” Ue

L'assenza di un incontro con la leader dell'altro partito di destra italiano Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, che ha assunto una linea dura su Putin come il partito polacco di governo, PiS, è stata notata dai media. [EPA-EFE/Szilard Koszticsak]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo, in lingua originale, La valorizzazione della cucina ceca è fondamentale per attirare i turisti “esigenti”, di Barbora Pištorová.

Potete leggere anche l’editoriale di Benjamin Fox Il sostegno esterno nella corsa elettorale in Francia è una mossa rischiosa.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

ROMA

L’estrema destra di Salvini e Orbán vorrebbe creare un nuovo “centrodestra” Ue. Apparentemente ignorando l’esistenza del centro-destra europeo (Partito Popolare Europeo-PPE), l’ex Vicepresidente del Consiglio italiano e leader della Lega Matteo Salvini si è trovato in “pieno accordo” con il Premier ungherese Viktor Orbán in un incontro a Roma giovedì, dove hanno discusso la creazione di un nuovo “centro-destra” per combattere i socialisti in aumento in tutta Europa. Per saperne di più.

///

BERLINO | LUBIANA

La Germania si accorda con la Slovenia per fornire armi pesanti all’Ucraina. Mentre la cessione diretta di armi pesanti all’Ucraina da parte del governo tedesco rimane un’opzione in stand-by, Berlino avrebbe trovato un accordo di scambio con la Slovenia, per sostenere l’Ucraina indirettamente, fornendo carri armati. Per saperne di più.

///

PARIGI

In vista del secondo turno elettorale, i francesi sono più divisi di prima. Il Presidente francese in carica Emmanuel Macron ha la rielezione a portata di mano al secondo turno elettorale di domenica. Ma la sua rivale di estrema destra, Marine Le Pen, non può essere liquidata, perché i francesi sembrano più divisi di prima. Per saperne di più.

Le Pen fatica a vendere il suo dietrofront sulla politica Ue. La candidata di estrema destra alle presidenziali francesi Marine Le Pen insiste nel voler rimanere nell’Ue e riformarla “profondamente”, nonostante le accuse che il suo programma contempli una velata “Frexit”, riporta EURACTIV Francia. Per saperne di più.

///

VIENNA

Omv, il gigante petrolifero austriaco, ferma le importazioni di petrolio russo. L’Austria, uno dei paesi dell’Ue più dipendenti dal gas russo, ha smesso di importare e raffinare il petrolio greggio russo a partire da marzo, ha confermato un portavoce della Omv. Per saperne di più.

///

L’AIA

Il sequestro di beni russi prosegue, ma i deputati olandesi chiedono di saperne di più. Il coordinatore nazionale per il rispetto e l’applicazione delle sanzioni, Stef Blok, continua a sequestrare beni russi, ma non può dire ai legislatori esattamente quanto è stato raccolto, riferisce Dutch News. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI  | STOCCOLMA

I leader dell’opposizione svedese e finlandese ottengono ciò che vogliono a Washington.  I leader dei partiti liberal-conservatori di Finlandia e Svezia hanno fatto un viaggio congiunto a Washington e hanno ricevuto la benedizione dei senatori americani sull’adesione alla NATO. Per saperne di più.

///

STOCCOLMA

Il governo svedese e parte dell’opposizione accelerano verso l’adesione alla NATO. Il governo svedese, insieme al principale partito di opposizione moderato, vuole accelerare l’analisi della politica di sicurezza in vista di una possibile candidatura alla NATO. Per saperne di più.

///

COPENAGHEN

La Premier danese visita Zelensky a Kiev. La Premier danese Mette Frederiksen ha visitato giovedì il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky a Kiev. Ha promesso la consegna di più armi e aiuto nello sgombero delle mine. Per saperne di più.

///

VILNIUS

Il Parlamento lituano prolunga ancora una volta lo stato di emergenza. Il Parlamento lituano, giovedì, ha prolungato per una seconda volta lo stato di emergenza. Introdotto per la prima volta il 24 febbraio, in seguito all’offensiva lanciata da Mosca in Ucraina, che ha provocato una crisi umanitaria, con questa proroga resterà in vigore fino a luglio. Per saperne di più.


SUD EUROPA

MADRID 

Spagna, Portogallo e Germania esortano gli elettori francesi a scegliere Macron. I leader dei governi spagnolo, portoghese e tedesco hanno scritto una lettera aperta, giovedì, invitando gli elettori francesi a rieleggere Emmanuel Macron come Presidente, preferendolo alla sua avversaria di estrema destra Marine Le Pen. Per saperne di più.

Il Premier spagnolo: all’Ucraina 200 tonnellate di attrezzature militari. La Spagna consegnerà altre 200 tonnellate di attrezzature militari all’Ucraina, ha annunciato il Premier Pedro Sánchez durante una visita di giovedì a Kiev, dove ha incontrato il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Per saperne di più.

///

LISBONA

Zelensky, appello al Parlamento portoghese per più armi pesanti e sanzioni più severe. Il Presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha chiesto armi pesanti e il rafforzamento delle sanzioni contro la Russia, nel suo discorso in videoconferenza al Parlamento portoghese, tenutosi giovedì. Per saperne di più.

Il Portogallo apprezza le aspirazioni europee dell’Ucraina. Il Portogallo apprezza le aspirazioni europee dell’Ucraina e non ostacolerà i processi di avvicinamento all’Ue in nessun modo, ha detto giovedì il Presidente del Parlamento Augusto Santos Silva. Per saperne di più.


VISEGRAD

PRAGA

La Repubblica Ceca chiede più fondi Ue per affrontare la crisi dei rifugiati ucraini. La Repubblica Ceca e gli altri otto paesi più colpiti dalla crisi dei rifugiati chiederanno supporto all’Ue per garantire l’uso efficace delle risorse europee esistenti e aggiuntive. Per saperne di più.

///

BUDAPEST 

Orbán si prepara a cambiare la costituzione, di nuovo. Il partito ungherese Fidesz è pronto a iniziare il suo quarto mandato al potere, modificando la costituzione. La manovra consentirebbe di estendere lo stato di emergenza che l’esecutivo può dichiarare in caso di guerra in un paese vicino. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

Lo sviluppo delle rinnovabili in Slovacchia è in mano ai privati. I prezzi dell’energia alle stelle e le scarse prospettive dei combustibili fossili per il futuro hanno provocato un boom del fotovoltaico, in mano principalmente ad aziende private, che stanno cercando di ridurre la dipendenza dal gas russo, riferisce Denník N. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Nuova crepa nei rapporti tra Sofia e Skopje. L’inaugurazione di un centro culturale bulgaro, intitolato a una figura controversa, nella città nord-macedone di Bitola, ha causato un’altra rottura nelle relazioni tra Bulgaria e Macedonia del Nord. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Ministro degli esteri croato: rischio instabilità nei Balcani occidentali. C’è “un serio rischio” che si crei “instabilità” nei Balcani occidentali, in quanto “terreno di prova per rivalità geostrategiche”, ha detto il Ministro degli esteri croato Gordan Grlić Radman. Per saperne di più.

///

BELGRADO | PRISTINA

Attriti tra Serbia e Kosovo nella sessione del Consiglio di sicurezza dell’ONU. I Ministri degli esteri di Serbia e Kosovo si sono scontrati durante un dibattito sul briefing biennale del Segretario Generale Antonio Guterrres, incentrato sul lavoro della Missione delle Nazioni Unite in Kosovo (UNMIK), al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Per saperne di più.

///

SARAJEVO 

Elezioni generali in Bosnia Erzegovina a ottobre. La Commissione elettorale centrale (SIP) della Bosnia Erzegovina annuncerà la data ufficiale delle elezioni generali il 4 maggio. Poiché vi è l’obbligo di annunciare la data 150 giorni prima delle elezioni, le elezioni generali si terranno il 2 ottobre. Per saperne di più.

///

SKOPJE

La Macedonia del Nord condanna l’ex Premier fuggito dal paese. Un Tribunale della Macedonia del Nord ha condannato l’ex Premier Nikola Gruevski, che è fuggito dal paese nel 2018 e ha ottenuto asilo politico in Ungheria. Gruevski è stato condannato in absentia a sette anni di carcere. Il Tribunale penale ha stabilito che l’ex Premier macedone ha acquisito illegalmente donazioni per un valore di quasi 1,4 milioni di euro, girate al suo ex partito, VMRO-DPMNE (ora più grande partito di opposizione), quando era in carica dal 2006 al 2012.

Gruevski è ora uno stretto alleato del Premier ungherese Viktor Orbán, che ha una forte influenza nel Partito Democratico per l’Unità Nazionale Macedone (VMRO-DPMNE).

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

La Macedonia del Nord elimina le restrizioni anti-Covid all’ingresso nel paese. Coloro che entrano in Macedonia del Nord non dovranno più presentare un certificato di vaccinazione o un test Covid-19 con esito negativo. Per saperne di più.

///

PODGORICA 

L’Assemblea montenegrina farà il primo passo per formare un nuovo governo. Quarantasei deputati hanno deciso che il 28 aprile si terrà la sessione per eleggere il Presidente dell’Assemblea, nonché il Presidente e i membri del 43° governo del Paese. È il primo passo verso la formazione di nuovo esecutivo. Per saperne di più.

///

TIRANA

Albania, boom di importazioni di grano dalla Russia. L’Albania ha importato 10.000 tonnellate di grano dalla Russia a marzo, dopo l’invasione dell’Ucraina. Un aumento del 100% rispetto alle cifre dell’anno scorso. Per saperne di più.

Soldi dei contribuenti sprecati a causa della mala gestione dell’economia. Almeno 159 milioni di euro di denaro dei contribuenti albanesi sono stati persi nel 2021 a causa della cattiva gestione economica, secondo il capo del Controllo Supremo dello Stato (KLSH). Per saperne di più.


AGENDA

  • Croazia: Il Ministro degli affari esteri ed europei Gordan Grlić Radman incontra la sua controparte di Andorra Maria Ubach Font.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Sofia Stuart Leeson]