Le Capitali – L’Estonia potrebbe unirsi al fronte pro-nucleare

Inizialmente l'Estonia aveva considerato la dichiarazione congiunta voluta dalla Francia come "prematura". [Shutterstock/vlastas]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Fondi europei, meno di 6 italiani su 10 ne vedono gli effetti positivi di Valentina Iorio, EURACTIV Italia. 

Leggete anche Caro energia, le indicazioni Ue: “Gli Stati taglino le tasse e usino sussidi”, di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

TALLINN

L’Estonia sta considerando la dichiarazione pro-nucleare fatta da nove paesi dell’UE che sostengono la Francia. Inizialmente riteneva la dichiarazione congiunta come “prematura”, ma l’Estonia ora afferma che non esclude l’uso di più energia nucleare per differenziare il proprio settore energetico. Per saperne di più.

///

BERLINO

La Germania ha avviato un acceso dibattito sulla legalizzazione della cannabis. I socialdemocratici, il liberali dell’FDP e i Verdi stanno per avviare complessi negoziati di coalizione – e le loro ali giovanili potrebbero avere una cosa in comune: il desiderio di legalizzare la marijuana. Per saperne di più.

///

PARIGI

Il miliardario francese Bolloré rappresenta un “vero pericolo” per la libertà di stampa. Le pratiche dell’uomo d’affari Vincent Bolloré rappresentano “un vero pericolo per la libertà di stampa, ma anche per la democrazia”, ​​secondo un documentario chiamato “Sistema B” pubblicato giovedì dall’ONG Reporters sans frontières e condiviso sui social media. Per saperne di più.

///

VIENNA

Il nuovo Cancelliere austriaco si reca a Bruxelles per sottolineare che l’allargamento ai Balcani occidentali è una priorità. Nella sua prima visita all’estero, il cancelliere Alexander Schallenberg, appena insediato, si è recato a Bruxelles per incontrare il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il presidente del Consiglio Charles Michel, delineando le principali priorità della sua amministrazione. Per saperne di più.

***

REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

I ministri aprono ai macellai stranieri a causa della carenza di personale. Il governo del Regno Unito ha annunciato piani per consentire ai macellai stranieri di entrare nel Regno Unito con visti temporanei di sei mesi nel suo ultimo tentativo di affrontare la carenza di forniture. Per saperne di più.

///

DUBLINO

L’Irlanda accoglie con favore le proposte dell’UE sul protocollo dell’Europa del Nord. Il governo irlandese ha espresso il suo sostegno alle proposte sul protocollo dell’Irlanda del Nord dell’UE, pubblicate questa settimana. Per saperne di più.

***

NORD EUROPA E PAESI BALTICI

VILNIUS

Riunione degli inviati sulla migrazione in Bielorussia inaspettatamente rinviata. Giovedì l’esecutivo dell’UE ha convocato gli inviati di Polonia, Lituania e Lettonia per discutere del destino dei migranti bloccati al confine con la Bielorussia. Ma l’incontro non ha avuto luogo. Per saperne di più.

///

OSLO

Il nuovo governo norvegese non concorda con l’impegno dell’UE sulla trivellazione nell’Artico. Il nuovo governo di centro-sinistra del Paese ha affermato che cercherà di far crescere la sua redditizia industria petrolifera e del gas, cercando di ridurre le emissioni di carbonio. I commenti sono arrivati ​​solo un giorno dopo che l’UE si è impegnata a perseguire il divieto di sfruttare nuovi giacimenti di combustibili fossili in una nuova strategia regionale. Per saperne di più.

***
EUROPA MERIDIONALE

ROMA

I lavoratori portuali di Trieste annunciano il blocco totale delle operazioni. I lavoratori portuali di Trieste – il settimo porto d’Europa per la movimentazione delle merci e il primo terminal petrolifero del Mediterraneo – hanno annunciato un blocco totale delle operazioni a partire da venerdì per protestare contro l’obbligo di Green pass per tutti i lavoratori. Per saperne di più.

///

MADRID

Esperti: non c’è fine in vista per i movimenti del vulcano La Palma. Giovedì è stato registrato un picco di attività sismica sull’isola spagnola di La Palma, dove il vulcano Cumbre Vieja continua a brontolare 26 giorni dopo aver iniziato a eruttare. Per saperne di più.

I socialisti spagnoli celebrano il loro 40° Congresso federale. Nel mezzo di un rinascimento socialdemocratico in tutta Europa, il PSOE celebra il congresso che determinerà le sue linee politiche per i prossimi quattro anni.

Il programma quadro, lanciato questa settimana al congresso di Valencia, inizia chiedendosi se il neoliberismo si avvia alla fine e presenta una proposta per rinnovare l’economia politica europea. Altri temi chiave includono la transizione energetica e i diritti LGTBI.

Dopo un difficile 39° congresso in cui un breve margine ha eletto per la prima volta Pedro Sánchez, ora è stato nuovamente nominato segretario generale all’unanimità. L’attuale presidente spagnolo ha unito lentamente il partito intorno alla sua figura dopo la grande divisione provocata dalla sua elezione sei anni fa. Ora gode di una posizione di potere interna che nessuno dei suoi predecessori aveva. (Pol Afonso, EURACTIV.com)

///

LISBONA

Costa avverte della necessità di vigilare sull’equilibrio di bilancio favorendo la ripresa. Il bilancio dello Stato è sempre una moneta con due facce, in cui contano tanto entrate quanto uscite. È fondamentale salvaguardare la credibilità internazionale dell’economia del Paese, ha affermato giovedì il primo ministro António Costa. Per saperne di più.

///

ATENE

Nuova tempesta paralizza la Grecia. La Grecia si sta preparando per il secondo giorno di forti piogge e inondazioni, poiché la tempesta soprannominata “Ballos”, che sta martellando il Paese dalle prime ore di giovedì, dovrebbe peggiorare. Venerdì saranno chiuse anche tutte le scuole della regione dell’Attica e di altre parti della Grecia. Per saperne di più.

***
GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

Nuovo muro al confine polacco-bielorusso, nuovo cadavere ritrovato. Giovedì il parlamento polacco ha adottato una legge sulla costruzione di una recinzione permanente per prevenire l’afflusso di migranti inviati dal regime di Alexander Lukashenko. Nel frattempo, vicino al confine, è stato recuperato il corpo di un migrante di 24 anni. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

​​Bratislava non può contare sui soldi dell’UE. Il sostegno alla regione di Bratislava deve essere compatibile con la sua capacità di risolvere i suoi problemi, ha affermato il commissario per la coesione e la riforma Elisa Ferreira. A causa del suo elevato PIL pro capite, Bratislava ha problemi a lungo termine con l’accesso ai fondi strutturali e di investimento europei. Per saperne di più.

***

NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria rischia di rimanere senza gas. La compagnia statale bulgara del gas Bulgargaz rischia di rimanere senza soldi per pagare le forniture dalla Russia e dall’Azerbaigian dopo il 25 ottobre. La crisi è dovuta al debito denunciato della società che gestisce l’impianto di riscaldamento centralizzato nella capitale – Toplofikacia-Sofia. Per saperne di più.

///

BUCAREST

L’autorità rumena per l’energia multa i fornitori. L’autorità di vigilanza energetica rumena ANRE ha multato diversi fornitori di gas naturale per aver aumentato il prezzo del gas consegnato nonostante i contratti a tasso fisso. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Il governo croato limita il prezzo al dettaglio di benzina e diesel. Il governo ha approvato un decreto che limita il prezzo al dettaglio della benzina a 11,10 kune (1,48 euro) al litro e il prezzo del diesel a 11,00 kune (1,46 euro) al litro per i prossimi 30 giorni. Per saperne di più.

///

LUBIANA

Jansa sotto tiro per il tweet sui “pupazzi di Soros”. Il primo ministro Janez Janša ha affrontato pesanti critiche dopo aver pubblicato un tweet in cui affermava che molti eurodeputati sono “burattini di Soros”. Uno dei bersagli del post è Sophie in ‘t Veld, presidente di una missione d’inchiesta che sta attualmente esaminando la conformità della Slovenia allo stato di diritto e ai trattati sulla libertà dei media . Per saperne di più.

///

BELGRADO

Serbia e Russia discutono di fornitura di gas a lungo termine. Il ministro delle miniere e dell’energia Zorana Mihajlovic e il vice primo ministro russo Alexander Novak hanno discusso giovedì (14 ottobre) a Mosca sul processo di conclusione di un nuovo accordo a lungo termine per la fornitura di gas alla Serbia. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Dodik: Commissione UE non sanzionerà Republika Srpska. Non ci sarà una nuova guerra in Bosnia-Erzegovina, ma in caso di sanzioni, l’entità della Republika Srpska (RS) dominata dai serbi dichiarerà la propria indipendenza, ha affermato Milorad Dodik, membro serbo della presidenza tripartita del Paese. Per saperne di più.

///

PRISTINA

L’ambasciata britannica sostiene il Kosovo nell’incidente di Mitrovica. L’ambasciata britannica a Pristina ha sostenuto l’azione del governo del Kosovo per contrastare la criminalità organizzata che mercoledì ha provocato un attacco alla polizia e ai giornalisti da parte dei serbi del Kosovo. Per saperne di più.

///

TIRANA

La Commissione di Venezia lascia le elezioni amministrative albanesi nel limbo. La Commissione di Venezia ha affermato che la Corte costituzionale albanese non ha il potere di decidere se le elezioni locali del 2019 fossero costituzionali o meno. Per saperne di più.

***

AGENDA:

  • UE: Gli inviati di UE e Regno Unito tengono i primi colloqui dopo le concessioni di Bruxelles sul tema dell’Irlanda del Nord.
  • Germania: Liberali e Verdi devono decidere se avviare negoziati di coalizione con i socialdemocratici / la cancelliera tedesca Merkel visita Bruxelles.
  • Francia: il premier Castex incontra virtualmente l’omologo marocchino Akhannouch.
  • Belgio: il pass sanitario Covid diventa obbligatorio all’interno di bar, ristoranti nella regione di Bruxelles.
  • Italia: l’obbligo di green pass è esteso ai luoghi di lavoro.
  • Spagna: il Partito Socialista tiene il congresso a Valencia.
  • Lettonia: si svolge la conferenza sulla sicurezza di Riga.
  • Slovenia: i deputati tengono una conferenza stampa dopo la missione conoscitiva sulle questioni relative allo stato di diritto.
  • Bulgaria: il primo ministro ad interim Stefan Yanev prenderà parte alla conferenza “Green Transition – Solutions and Challenges for Bulgaria”, che si terrà venerdì a Sofia. Durante l’evento, Yanev incontrerà il vicepresidente della Commissione europea Frans Timmermans.
  • Croazia: il parlamento dovrebbe votare sull’elezione del giudice Radovan Dobronić a presidente della Corte suprema

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]