Le Capitali – La svolta green della Danimarca per indebolire Putin

All'interno del nuovo pacchetto energetico denominato "La Danimarca può fare di più II", presentato martedì 19 aprile, il governo ha promesso di rendere la Danimarca indipendente dal gas russo. [EPA-EFE/TOMS KALNINS]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

COPENAGHEN

La Danimarca smetterà di dipendere dal gas naturale entro il 2030. Con il nuovo pacchetto energetico, denominato “La Danimarca può fare di più II”, presentato martedì (19 aprile), il governo danese prevede di rendere il Paese indipendente dal gas naturale entro il 2030 e indipendente dal gas russo.

Tuttavia, nel breve periodo, la produzione di gas naturale nel Mare del Nord, che la Danimarca si era precedentemente impegnata a terminare, aumenterà.

“Se diventiamo più verdi, indeboliamo Putin. E se diventiamo più verdi, rallentiamo il cambiamento climatico che sta distruggendo il nostro pianeta”, ha detto la Premier Mette Frederiksen. Per saperne di più.

///

PARIGI

Zemmour invita l’estrema destra a unirsi in vista delle elezioni legislative. Le diverse forze dell’estrema destra dovrebbero unirsi in vista delle elezioni legislative di giugno, ha dichiarato martedì il candidato di estrema destra Éric Zemmour, che non è riuscito ad arrivare al ballottaggio delle presidenziali, avendo ottenuto solo il 7,1% dei voti al primo turno. Per saperne di più.

Macron parla di svolta verde in vista delle elezioni francesi. Il presidente Emmanuel Macron ha promesso di mettere l’ambiente al centro del suo programma di governo, se sarà rieletto il prossimo fine settimana. Questo il contenuto di un discorso, tenuto nel sud della Francia sabato (16 aprile), rivolto ai giovani e agli elettori verdi. Per saperne di più.

///

BERLINO

L’inflazione si mangerà i 100 miliardi di euro per la difesa annunciati da Scholz. Secondo l’economista Florian Dorn, il pacchetto “epocale” di spese per la difesa annunciato dal Cancelliere Olaf Scholz poco dopo l’invasione russa dell’Ucraina non sarà sufficiente a compensare le carenze nelle spese militari del paese. Per saperne di più.

///

VIENNA

Il Partito della Libertà austriaco blocca l’intervento di Zelensky in Parlamento. Il discorso del Presidente ucraino Volodymyr Zelensky al Parlamento austriaco rimane fuori dall’agenda, dal momento che il partito di estrema destra FPÖ continua a negare il via libera. Per saperne di più.

///

L’AIA

Riapre l’ambasciata olandese a Lviv. I Paesi Bassi hanno riaperto la loro ambasciata in Ucraina. Verrà gestita dall’ambasciatore e da un piccolo staff a Leopoli, ha annunciato martedì il Ministero degli esteri. Per saperne di più.

Il governo olandese promette più armi all’Ucraina. Il Premier olandese Mark Rutte e la Ministra della difesa Kajsa Ollongren hanno assicurato il loro sostegno all’Ucraina e hanno promesso più armi al Paese nel corso di una telefonata con il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky, avvenuta martedì. Lo ha annunciato Rutte su Twitter.


GRAN BRETAGNA E IRLANDA

LONDRA

Solo una parte degli aiuti britannici all’Ucraina è stata consegnata. Nonostante la promessa del governo di fornire 220 milioni di sterline di aiuti umanitari a supporto delle vittime dell’invasione russa in Ucraina, meno di un terzo del denaro è stato distribuito, ha rivelato un legislatore britannico. Per saperne di più.

///

DUBLINO 

Il Ministro degli esteri irlandese parla all’ONU dopo la visita in Ucraina. Il Ministro degli esteri e della difesa irlandese Simon Coveney, martedì, di ritorno dal suo viaggio in Ucraina, ha parlato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

“Possibili manovre russe, se la Finlandia entra nella NATO”, avvisa un parlamentare. La Russia potrebbe intervenire se la Finlandia dovesse chiedere l’adesione alla NATO, il monito Jussi Halla-aho, Presidente del Partito nazionalista Veri Finlandesi e della commissione esteri del Parlamento. Per saperne di più.

///

STOCCOLMA

Il governo svedese propone un bilancio da 3,8 miliardi di euro. Il bilancio di primavera del governo include investimenti per circa 35 miliardi di corone svedesi (3,8 miliardi di euro) “per aumentare la capacità di reazione alla crisi”, ha annunciato il Ministro delle finanze Mikael Damberg in una conferenza stampa martedì. Per saperne di più.

///

TALLINN

Sempre più russi vogliono diventare estoni. Le domande di cittadinanza estone presentate da cittadini russi a seguito dello scoppio della guerra in Ucraina sono triplicate rispetto a un anno fa, ha riferito giovedì (14 aprile) l’Agenzia di stampa estone ERR.

Più in generale, è in aumento il numero di russi che vogliono rinunciare alla loro cittadinanza, secondo le statistiche redatte dal Consiglio di polizia estone e guardia di frontiera estone (PPA).

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)


SUD EUROPA

ATENE

I greci pagano il prezzo più alto per l’elettricità. Secondo i prezzi del mercato Day-Ahead dell’Ue, la Grecia ha avuto il prezzo dell’elettricità più alto di tutti gli altri Stati Membri per due giorni consecutivi. Il governo promette di prendere ulteriori misure per affrontare l’escalation della crisi energetica, mentre l’opposizione sollecita azioni contro il “cartello dell’energia”. Per saperne di più.

///

ROMA

L’Italia guarda a Congo e Angola per ridurre la dipendenza energetica da Mosca. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi e il Presidente della Repubblica del Congo Dénis Sassou N’Guesso hanno convenuto sulle “ampie potenzialità del partenariato bilaterale, in particolare nel settore energetico”, ha riferito Palazzo Chigi martedì. Per saperne di più.

///

MADRID

Sanchez incontrerà “presto” Zelensky a Kiev. Il Premier spagnolo Pedro Sánchez intende incontrare “presto” il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky e manifestargli la solidarietà del suo Paese al popolo ucraino, secondo quanto confermato martedì da fonti del governo spagnolo. Per saperne di più.

///

LISBONA

Il Ministro dell’economia portoghese: niente tassa sugli extra profitti per ora. Il Ministro dell’economia portoghese Antonio Costa Silva, martedì, ha annunciato che il governo non sta considerando l’ipotesi di aumentare la tassazione sulle aziende che registrano profitti straordinari per sostenere quelle che stanno subendo gli effetti della guerra in Ucraina. Per saperne di più.


VISEGRAD 

BUDAPEST 

L’Ungheria tesse relazioni con la Turchia. Il Ministro degli esteri ungherese Péter Szijjártó si è recato martedì nella capitale turca per visitare il futuro cantiere di 3.000 metri quadrati della nuova ambasciata, segno di rafforzamento delle relazioni con la Turchia. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

La Corte suprema polacca secreta la dichiarazione patrimoniale dei giudici. La Corte Suprema ha secretato la dichiarazione patrimoniale della Presidente della Corte Costituzionale polacca Julia Przyłębska. Lei stessa aveva preso una decisione analoga per le dichiarazioni di altri cinque giudici del Tribunale. Si tratta di un nuovo caso di corruzione riportato martedì dal quotidiano Gazeta Wyborcza. Per saperne di più.

///

PRAGA

Eperto ceco cassa la CoFoE: il cambiamento dei trattati Ue è improbabile. La Conferenza sul futuro dell’Europa non porterà a cambiamenti nei trattati dell’Ue perché non c’è consenso tra gli Stati Membri in materia, ha detto un esperto ceco a EURACTIV.cz. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

Il vicepresidente del Parlamento Ue verso la leadership di Slovacchia Progressista. Il vicepresidente del Parlamento europeo Michal Šimečka è l’unico candidato alla corsa per diventare Presidente del partito Slovacchia Progressista (PS), ma non vuole rinunciare al suo posto e alla sua posizione nell’assemblea dell’Ue. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

BELGRADO 

L’ambasciata britannica nega di aver armato il Kosovo, come riportavano i media serbi. L’ambasciata britannica a Belgrado, martedì, ha smentito le notizie riportate da diversi media in Serbia sulle presunte esportazioni di armi dal Regno Unito al Kosovo, definendole totalmente false. Per saperne di più.

///

SOFIA | L’AIA

Ufficiale olandese invitato a rivelare i segreti sugli F-35 in Bulgaria. Un funzionario militare olandese, che fa parte dello staff dei caccia invisibili F-35 di stanza in Bulgaria, ha ricevuto una proposta di pagamento per condividere informazioni sugli aerei, afferma un articolo pubblicato sul sito olandese www.nrc.nl. Per saperne di più.

///

BUCAREST

La Romania riapre l’ambasciata a Kiev. La Romania ha deciso di riaprire la sua ambasciata in Ucraina a Kiev, ha riferito martedì il Ministro degli Esteri Bogdan Aurescu. “L’attività dell’ambasciata sul campo riprenderà al più presto, non appena saranno ultimati i necessari preparativi tecnici e di sicurezza”, ha detto Aurescu in un post su Twitter.

L’ambasciata rumena in Ucraina aveva sospeso la sua attività a Kiev il 25 febbraio, un giorno dopo l’invasione militare russa.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Le autorità croate avranno accesso al Registro dei conti unificato. Il Ministero delle finanze ha sottoposto a consultazione pubblica un progetto di legge per facilitare la fruizione delle informazioni finanziarie per prevenire e individuare i reati. La legge consentirebbe alla Procura Generale dello Stato (DORH), alle amministrazioni doganali e fiscali e alla polizia di avere accesso al Registro dei conti unificato (JRR), che ora è disponibile solo per l’Agenzia Finanziaria (FINA). Per saperne di più.

///

SARAJEVO | ZAGABRIA

Il Premier croato: serve un accordo sulla riforma elettorale in Bosnia-Erzegovina. Il Premier croato Andrej Plenković ha esortato i politici della Bosnia ed Erzegovina a trovare un accordo sulla riforma elettorale e sulla riforma parziale della Costituzione. L’invito è arrivato nell’ambito dell’incontro con il Presidente della Camera dei popoli dell’Assemblea parlamentare bosniaca, Dragan Čović, avvenuto a Zagabria, riferisce Hina. Per saperne di più.

///

SARAJEVO 

La Russia blocca i finanziamenti all’OHR in Bosnia ed Erzegovina. La Federazione Russa ha informato l’Ufficio dell’Alto Rappresentante in Bosnia ed Erzegovina (OHR) di aver sospeso i contributi finanziari a questa istituzione, ha appreso il quotidiano Nezavisne Novine. Per saperne di più.

///

PODGORICA 

Đukanović: con la nascita di un governo di minoranza, al DPS spetta un ruolo decisivo. La formazione di un governo di minoranza significa anche il ritorno del Partito Democratico dei Socialisti (DPS) a una posizione politicamente rilevante, ha detto il Presidente della Repubblica del Montenegro, nonché leader del DPS Milo Đukanović.

“La formazione di un governo di minoranza significa il ritorno del DPS come soluzione transitoria fino alle prossime elezioni parlamentari, ed equivale a un ritorno del nostro partito a un ruolo centrale nella politica pro-Ue in Montenegro”, ha detto Đukanović.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

TIRANA

Il settore turistico albanese in bilico a causa della guerra in Ucraina. La carenza di manodopera, l’aumento dei prezzi del carburante e del cibo, e la guerra ucraina sono le tre forze che minacciano la ripresa della nascente industria turistica albanese, che rappresenta oltre un quarto del Pil. Per saperne di più.


AGENDA

  • Ue: La commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo discute le sanzioni Ue alla Russia / Il sindaco di Melitopol Ivan Fedorov e i deputati ucraini visitano Bruxelles / Wendy Sherman, vicesegretario di Stato statunitense, è a Bruxelles per tre giorni di colloqui su Cina, Russia e Indo-Pacifico / La commissione per le libertà civili del Parlamento europeo discute la situazione in Ungheria con il commissario europeo per la giustizia Didier Reynders.
  • Germania: La Ministra degli esteri Annalena Baerbock intraprende un viaggio di tre giorni nei paesi baltici / La leadership della SPD incontra l’ambasciatore ucraino a Berlino.
  • Francia: Il Presidente Emmanuel Macron e la rivale di estrema destra Marine Le Pen si affrontano in un dibattito televisivo prima delle elezioni.
  • Danimarca: La Commissaria europea alla concorrenza Margrethe Vestager incontra la Premier danese Mette Frederiksean a Copenhagen.
  • Finlandia: I parlamentari iniziano a discutere l’ipotesi di un ingresso della Finlandia nella NATO.
  • Gran Bretagna: Il Primo Ministro Boris Johnson risponde alle domande del Parlamento  (PMQs).
  • Spagna: A partire da mercoledì, in Spagna cade l’obbligo di indossare maschine anti-Covid al chiuso, con poche eccezioni (negli ospedali e nelle farmacie).
  • Bulgaria: Il Ministro degli esteri ucraino Dmytro Kuleba incontrerà a Sofia il Presidente della Bulgaria, Rumen Radev. Aveva già incontrato il Premier bulgaro Kiril Petkov e alcuni Ministri.
  • Bosnia ed Erzegovina: Una delegazione del Congresso Usa arriverà in Bosnia ed Erzegovina mercoledì, nell’ambito di una visita nei Balcani, riferisce la testata Voice of America.
  • Albania: Continuano le discussioni parlamentari su chi sarà il prossimo Presidente della Repubblica.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Sofia Stuart Leeson]