Le Capitali – La Spagna approva il disegno di legge per cancellare l’eredità di Franco

Il testo dichiara "nulli" anche tutti i "processi sommari" durante i quattro decenni di repressione sotto il regime di Franco, ha riferito l'EFE [EPA/JUAN CARLOS HIDALGO]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.


 

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, sentitevi liberi di dare un’occhiata a La sfida dei rapporti con la russia di Roberto Castaldi, Euractiv Italia

Leggete anche Von der leyen dobbiamo costruire un’unione della sanita, nel 2021 vertice-mondiale in Italia di Valentina Iorio, Euractiv Italia

Nelle notizie di oggi dalle Capitali:

MADRID

La Spagna approva il “disegno di legge sulla memoria democratica” per cancellare l’eredità di Franco. Il governo spagnolo, una coalizione di socialisti (PSOE) e di sinistra Unidas Podemos (United We Can), ha approvato martedì un progetto di legge con misure specifiche volte a cancellare l’eredità della guerra civile e della dittatura di Francisco Franco, ha riferito l’EFE e El País. Leggi qui.

///

BERLINO

La CDU/CSU e la SPD accettano di accogliere un numero maggiore di rifugiati. La grande coalizione tedesca ha raggiunto un accordo martedì (15 settembre) per accettare altri 1.553 rifugiati a seguito dell’incendio del campo di Moria sull’isola di Lesbo.

Questi si sommeranno ai 150 minori non accompagnati di cui il Paese ha annunciato il trasferimento venerdì scorso, in base ai precedenti accordi. Ciò significa che un totale di 2.750 persone arriveranno in Germania da cinque isole greche. (Sarah Lawton | EURACTIV.de)

/// 

PARIGI

Un decreto governativo riconosce il COVID-19 come malattia professionale. Mentre il riconoscimento per il personale sanitario sarà automatico, gli altri faranno esaminare il loro caso da due medici.

Una volta riconosciute, tutte le spese mediche saranno coperte e sarà corrisposto un indennizzo. Ma le restrizioni sono state fortemente criticate dai sindacati, che sono particolarmente preoccupati per la complessità delle procedure per gli altri lavoratori interessati. (Anne Damiani | EURACTIV.FR)

/// 

BRUXELLES

Rispettare le regole “prima che sia troppo tardi”, avverte il premier belga. Il primo ministro Sophie Wilmès (MR) ha invitato Martedì i belgi in un messaggio video a rispettare le restrizioni COVID-19 esistenti, che includono il mantenimento della distanza sociale, l’uso di maschere per la bocca e la limitazione dei contatti sociali.

Secondo lei, gli ultimi dati sono “allarmanti”, ma per il momento non saranno adottate misure più severe. Tuttavia, ha esortato tutti ad assumersi le proprie responsabilità e a rispettare le regole “prima che sia troppo tardi”. (Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///

VIENNA

L’Austria compra milioni di maschere. L’Austria ha acquistato una “riserva strategica” di attrezzature mediche, tra cui 44,4 milioni di maschere di protezione chirurgica, 2,6 milioni di maschere respiratorie e 991.000 kit di test rapidi COVID-19 che saranno conservati in cinque siti militari, hanno annunciato ieri il cancelliere Sebastian Kurz e il ministro della difesa Klaudia Tanner (entrambi ÖVP). “Abbiamo imparato dalle sfide della crisi del coronavirus e ci prepariamo ad altre sfide”, ha detto Tanner.

Recentemente, il numero di casi austriaci segnalati è aumentato, il che ha portato Kurz a dichiarare l’inizio della “seconda ondata” di domenica. (Philipp Grüll | EURACTIV.de)

///

LUSSEMBURGO

Il telelavoro un giorno alla settimana costa 350 milioni di euro. Se i lavoratori in Lussemburgo dovessero telelavorare un giorno alla settimana, il reddito annuo per il commercio e l’industria alberghiera in Lussemburgo diminuirebbe di €348.328.640, secondo il Consiglio economico e sociale (CES) del paese. La stima si basa sul fatto che dei 460.000 lavoratori lussemburghesi, 197.914, ovvero il 43% della popolazione attiva, ricoprono posizioni amministrative che non richiedono una presenza continuativa in ufficio.

“In ogni caso, si tratta di trovare il giusto equilibrio tra l’applicazione del telelavoro e le relative perdite economiche e di bilancio”, conclude il rapporto. (Anne Damiani | EURACTIV.com)

REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il sistema dei test affronta la crisi della domanda. Il ministro della Salute del Regno Unito Matt Hancock è sotto pressione per risolvere un problema crescente di domanda pubblica di test COVID-19, superando la capacità di fornire i test. Martedì scorso Hancock ha detto ai legislatori che il servizio di test ha dovuto affrontare “sfide operative”, che richiederebbero “poche settimane” per essere risolte. Leggi qui

///

DUBLINO

Donnelly è risultato negativo. Il ministro della Sanità irlandese Stephen Donnelly è risultato negativo al test COVID-19 in seguito alla preoccupazione di aver contratto la malattia.

Il governo irlandese aveva ricevuto l’ordine di limitare i loro movimenti in seguito alla notizia che martedì Donnelly si era ammalato di un potenziale caso di virus. Queste restrizioni ora non sono più in vigore, e il primo ministro Micheál Martin ha detto che originariamente erano state messe in atto per “eccesso di cautela”. (Samuel Stolton | EURACTIV.com)

NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Il deficit di bilancio supera le aspettative. Il deficit di bilancio del prossimo anno sarà di oltre 7 miliardi di euro, più del previsto, ha annunciato il ministro delle Finanze Matti Vanhanen (Partito del Centro) a metà dei tre giorni di negoziati sul bilancio, lunedì sera (14 settembre). In altre parole, gli effetti del coronavirus, i test e i costi per il vaccino a venire, stanno avendo un impatto negativo sul Paese. Leggi qui.

///

VILNIUS

Le esercitazioni militari russe e bielorusse “sono preoccupanti”. Le esercitazioni militari russe e bielorusse sono di fatto operazioni offensive, anche se definite come esercitazioni difensive, ha sostenuto il comandante responsabile della difesa lituana Valdemaras Rupšys martedì (15 settembre).

“Le esercitazioni sono preoccupanti, perché, contrariamente a quanto afferma [la Bielorussia], sono orientate ad azioni offensive”, ha detto Rupšys dopo l’incontro con il presidente lituano Gitanas Nausėda e il ministro della difesa Raimundas Karoblis, aggiungendo che non c’è una minaccia militare diretta contro il Paese. Da parte sua, Karoblis ha detto che la Lituania non “cederà alle provocazioni”. (Benas Gerdžiūnas | LRT.lt/it)

EUROPA DEL SUD

ROMA

Piano di ripresa italiano per concentrarsi su “alcuni grandi progetti”. “Ci concentreremo su pochi grandi progetti piuttosto che disperdere i fondi su centinaia di piccoli progetti”, ha dichiarato ieri il Ministro dell’Economia Roberto Gualtieri alle Commissioni Bilancio e Finanza della Camera. “Il Recovery Fund rappresenta un punto di svolta per il rilancio dell’economia e un’occasione per lasciarsi alle spalle un lungo periodo di stagnazione”, ha aggiunto Gualtieri. Leggi qui.

///

ATENE

Alta temperatura diplomatica ad Atene. Numerosi funzionari stranieri sono in visita ad Atene questa settimana alla luce di una crescente disputa con la Turchia e in vista di un vertice cruciale dell’Ue per discutere le future relazioni UE-Turchia. A livello UE, il presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel ha incontrato il premier greco Kyriakos Mitsotakis, seguito dal capo del MES (Meccanismo europeo di stabilità) Klaus Regling. Inoltre, Mitsotakis ha parlato al telefono con Angela Merkel concentrandosi sulla Turchia e l’immigrazione. Leggi qui.

In altre notizie, il principale leader dell’opposizione Alexis Tsipras ha rivelato sui social media la nuova identità e il nuovo logo del suo partito SYRIZA (una stella che rappresenta una coalizione), che molti vedono come un tentativo di attirare un pubblico più ampio e di muoversi verso un’agenda più social-democratica. (Theodore Karaoulanis | EURACTIV.gr)

VISEGRAD 

VARSAVIA

Entra in vigore il nuovo regolamento dei divieti di volo. Martedì è entrato in vigore un nuovo regolamento sui divieti di volo a causa della pandemia COVID-19, valido dal 16 settembre. Mentre il precedente divieto riguardava 44 Paesi, la nuova lista ridotta ne comprende 30. L’unico nuovo Paese aggiunto alla lista è la Francia, mentre Messico, India, Albania e Romania ne sono stati rimossi. (Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

In altre notizie, Varsavia accetta le credenziali del nuovo ambasciatore tedesco. Martedì (15 settembre), il presidente polacco Andrzej Duda ha accettato le credenziali del diplomatico tedesco Arndt Freytag von Loringhoven. In precedenza, la nomina del nuovo ambasciatore aveva creato polemiche in quanto suo padre, un ufficiale della Wehrmacht, aveva lavorato nelle immediate vicinanze di Hitler negli anni Quaranta. Alexandra Brzozowski dell’EURACTIV ha approfondito qui.

///

PRAGA

Coordinamento su COVID-19. Il ministro degli Esteri ceco Tomáš Petříček (S&D) ha incontrato i suoi omologhi austriaci, slovacchi, polacchi e sloveni per discutere della cooperazione regionale e della lotta contro il covid-19. “Vogliamo coordinare le misure introdotte per ridurre la diffusione di COVID-19”, ha detto Petříček dopo l’incontro a Brdo in Slovenia.

Nel frattempo, il numero di nuovi casi di COVID-19 sta diventando allarmante nella Repubblica Ceca, dove si stima che una persona con COVID-19 infetti di media altre 1,59 persone. Martedì è stato registrato un nuovo record giornaliero nel Paese con 1.677 casi segnalati. Pertanto, sempre più paesi, tra cui la Slovacchia, hanno inserito la Repubblica Ceca nella lista delle destinazioni ad alto rischio. (Aneta Zachová)

NOTIZIE DAI BALCANI

BUCAREST

Grande apertura della metropolitana. I funzionari rumeni di alto rango sono stati i primi a viaggiare sulla nuova linea della metropolitana di Bucarest, che si dà il caso sia la prima costruita da zero dalla fine dell’era comunista più di 30 anni fa. Uno dei più grandi progetti infrastrutturali di Bucarest, la linea M5 era stata ritardata per anni, con la prima gara d’appalto per la sua costruzione tenutasi nel 2008. Leggi qui.

///

ZAGABRIA

Modernizzare l’esercito. Il ministro della difesa croato Mario Banožić ha annunciato ulteriori passi verso la modernizzazione dell’esercito, che dovrebbe diventare uno dei rami più efficienti delle forze armate. Lo sviluppo futuro dei progetti sarà specificato nel nuovo piano a lungo termine per le forze armate per il periodo 2020-2033. Leggi qui.

In altre notizie, la Croazia ha registrato la sua più giovane vittima di COVID-19, un uomo di 42 anni, senza alcuna condizione preesistente, a parte una pressione sanguigna leggermente più alta, le autorità hanno confermato. Leggi qui.

///

BELGRADO 

La città serba fa causa alla società cinese Zijn per inquinamento atmosferico. Le autorità della città orientale della Serbia, Bor, hanno presentato una denuncia penale contro i responsabili dell’azienda cinese Serbia Zijin Bor Copper, accusando i livelli eccessivi di anidride solforosa e di altre sostanze nocive per la salute umana. Leggi qui.

///

In altre notizie, l’ambasciatore palestinese Mohammed Nabhan ha detto ieri al presidente serbo Aleksandar Vucic che il suo Paese era preoccupato di apprendere che la Serbia avrebbe trasferito la sua ambasciata da Tel Aviv a Gerusalemme, sperando che la Serbia avrebbe, “nello spirito della tradizionale amicizia”, appoggiato la posizione del popolo palestinese, ha detto un comunicato dall’ufficio di Vucic. Per saperne di più leggere qui.

***

[Edited by Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]