Le Capitali – La Russia cerca di far fallire il disgelo delle relazioni fra Bulgaria e Macedonia del Nord

I presidenti di Bulgaria e Macedonia del Nord faranno una visita congiunta a Roma il 27 maggio per onorare i santi Cirillo e Metodio, un passo visto come l'inizio di un disgelo delle relazioni tra i due paesi dopo le tensioni degli ultimi mesi. [PISCINA EFE / SERGEY ILYIN / KREMLIN / SPUTNIK]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Ungheria, la Corte costituzionale blocca la “legge schiavitù” voluta da Orbán di Federica Martiny, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Il futuro dell’Europa e l’eredità di Altiero Spinelli di Roberto Castaldi, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

SKOPJE

Mentre la Bulgaria si sta impegnando per migliorare le relazioni con la Macedonia del Nord, l’ambasciata russa a Skopje ha diffuso un messaggio che a Sofia potrebbe essere visto come una provocazione. Il 24 maggio è celebrato in diversi paesi, tra cui Bulgaria, Russia e Macedonia del Nord, come il giorno dei santi fratelli Cirillo e Metodio e della scrittura cirillica. I presidenti di Bulgaria e Macedonia del Nord visiteranno insieme Roma il 27 maggio per onorare San Cirillo e San Metodio, che è visto come un passo verso il riscaldamento delle relazioni. Nel frattempo, tuttavia, l’ambasciata russa a Skopje ha diffuso un comunicato in cui sostiene che l’alfabetizzazione in Russia proverrebbe dalla “terra macedone”. La Macedonia però non esisteva come paese quando è stato creato l’alfabeto cirillico, e i fatti storici dicono che l’alfabeto cirillico è stato commissionato ai santi Cirillo e Metodio dal Regno di Bulgaria.

(Krassen Nikolov e Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.bg e EURACTIV.hr)

///

ISTITUZIONI UE

La Commissione: le regole di bilancio devono iniziare a essere applicate di nuovo dal 2023 per evitare “rischi fiscali”. Il vicepresidente esecutivo della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, ha affermato che la fornitura di liquidità ai mercati del debito per “troppo tempo” nell’Unione Europea potrebbe comportare “rischi fiscali” e che pertanto le norme dell’UE sulla disciplina di bilancio devono essere riattivate nel 2023.

(Ana Matos Neves |  Lusa.pt)

///

BERLINO

I Verdi tedeschi propongono di fornire armi di difesa all’Ucraina. L’Ucraina dovrebbe avere la prospettiva di aderire alla NATO e dovrebbe essere fornita di armi per difendersi contro l’intervento militare russo nell’est del paese, ha detto a FAZ e Deutschlandfunk il co-leader dei Verdi tedeschi Robert Habeck dopo aver reso visita al presidente ucraino Volodymyr Selenskyj a Kiev.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

VIENNA

Lo scetticismo sui vaccini è in calo in Austria. Lo scetticismo sui vaccini anti COVID-19 è stato alto in Austria durante la pandemia, ma un nuovo studio condotto dall’Università di Vienna mostra un aumento della percentuale di persone disposte a farsi vaccinare.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)

///

BRUXELLES

Il prossimo comitato consultivo belga è rinviato a giugno. Il prossimo comitato di concertazione del Belgio, inteso a discutere un’ulteriore apertura dalle restrizioni COVID-19, è stato rinviato dal 28 maggio al 4 giugno. La decisione era legata al processo di approvazione del certificato europeo COVID. Tuttavia, il primo ministro Alexander de Croo ha annunciato che il rinvio del comitato di consultazione non mette in discussione le successive fasi di allentamento delle restrizioni, con la data del 9 giugno prevista per la riapertura di una serie di attività indoor, compreso il settore dell’ospitalità.

(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il Regno Unito impone il divieto di sorvolare lo spazio aereo della Bielorussia. I ministri del Regno Unito hanno detto alle compagnie aeree di evitare lo spazio aereo bielorusso in seguito all’arresto del giornalista dissidente Roman Protasevich dopo che il volo Ryanair su cui si trovava è stato dirottato su Minsk.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///

DUBLINO

Il ministro della Salute dell’Irlanda del Nord non si incontrerà con la sua controparte irlandese per discutere dei viaggi transfrontalieri. Parlando lunedì a BBC Radio Ulster, il ministro della Salute dell’Irlanda del Nord, Robin Swann, si è detto deluso che il suo omologo della Repubblica d’Irlanda Stephen Donnelly avesse “incoraggiato i nostri funzionari a incontrarsi” piuttosto che presenziare lui stesso a un meeting per discutere dei viaggi tra i due paesi.

(Paula Kenny | EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Un think tank afferma: il governo finlandese “distruggerà” il futuro del paese. Il governo a cinque partiti di sinistra del Primo Ministro Sanna Marin (SDP) “distruggerà il futuro della Finlandia”, secondo un rapporto pubblicato lunedì dall’Istituto di ricerca sull’economia finlandese (Etla), un think tank vicino all’industria e comunità d’affari.

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Tensione nel governo italiano sulla proroga del divieto di licenziamento. La proroga fino al 28 agosto del divieto di licenziamento del personale nelle grandi aziende, proposta la scorsa settimana dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, è stata messa da parte lunedì, dopo che Confindustria ha criticato la mossa. “Ho proposto un’estensione selettiva del blocco perché sono profondamente convinto che servano tutti gli strumenti possibili per affrontare la transizione di giugno”, ha detto Orlando, come riporta il quotidiano la Repubblica.
Per il governo rimane comunque centrale la questione dell’occupazione, che punta a varare un pacchetto di regole per contrastare la crisi provocata dalla pandemia. Uno studio della Banca d’Italia prevede 577mila possibili licenziamenti dopo la fine del divieto di licenziamento.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

La Spagna vuole diventare l’hub dell’idrogeno verde in Europa. La Spagna ha le “migliori condizioni” per diventare il polo europeo dell’idrogeno verde, ha dichiarato lunedì il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

BRATISLAVA

Il settore culturale slovacco richiede l’intervento della Commissione. Quasi 650 rappresentanti del settore culturale e delle istituzioni culturali slovacche hanno inviato una lettera aperta alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e ad altri rappresentanti delle istituzioni europee, chiedendo di esercitare pressioni sul governo slovacco affinché includa la cultura e i settori creativi nel piano di ripresa e resilienza del paese.

(Lucia Yar |  EURACTIV.sk)

///

VARSAVIA

La Polonia non si conformerà alla sentenza della Corte suprema dell’UE su Turow, afferma il primo ministro. La Polonia non si conformerà alla sentenza del tribunale supremo dell’Unione europea, che ha ordinato a Varsavia di interrompere immediatamente l’attività mineraria nella miniera di lignite di Turów al confine con la Repubblica Ceca, ha detto lunedì il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki.

(EURACTIV.com with Reuters)

///

BUDAPEST

La proposta di imposta globale sulle società potrebbe vedere l’Ungheria perdere investimenti esteri. In Ungheria crescono i timori per la proposta del governo degli Stati Uniti di un’imposta globale sulle società del 21%: un editoriale ha avvertito dei possibili rischi per il paese, che attualmente ha un’imposta sulle società del 9%, la più bassa dell’UE e la quarta più bassa del mondo.
In un articolo per Hungary Today, il giornalista Zalán Trajbár ha espresso il timore che la proposta dell’amministrazione Biden di un’imposta globale del 21% sulle società multinazionali porti le società a lasciare l’Ungheria. “L’Ungheria non è un paradiso fiscale; non ospita una moltitudine di sedi multinazionali che lo utilizzano per evitare di pagare le tasse. L’Ungheria sta utilizzando un’aliquota d’imposta sulle società bassa, combinata con molti altri incentivi economici, per portare grandi quantità di investimenti di capitale straniero”, ha scritto Trajbár.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)


NOTIZIE DAI BALCANI

LUBIANA

La Slovenia propone un compromesso per nominare i suoi procuratori delegati.Dopo mesi avanti e indietro sulla nomina di due procuratori delegati alla Procura europea (EPPO), il commissario europeo alla Giustizia Didier Reynders ha proposto una soluzione di compromesso per consentire alla Slovenia di nominare un solo procuratore.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

BUCAREST

Il presidente della Romania chiede un’equa “ripartizione degli oneri” nella lotta al cambiamento climatico. La Romania vuole essere parte della lotta europea contro il cambiamento climatico fintanto che la ripartizione degli oneri sarà effettuata in modo equo, ha detto il presidente Klaus Iohannis alla riunione del Consiglio europeo a Bruxelles.
“La lotta al cambiamento climatico deve essere gestibile sia per le economie nazionali, sia per ogni cittadino, e sarò molto impegnato nel trovare una soluzione, una regolamentazione equa, che ci metta nelle condizioni di lottare contro il cambiamento climatico, ma con solo condivisione degli oneri”, ha aggiunto Iohannis.
Il capo dello Stato ha affermato che gli obiettivi climatici dell’UE stabiliti dai leader dell’UE a dicembre sono ambiziosi ma raggiungibili. A dicembre, i leader dell’UE hanno approvato un obiettivo vincolante dell’UE per una riduzione interna netta di almeno il 55% delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990.

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

La Croazia potrebbe allentare le regole anti COVID-19 prima del 1° giugno. Alcune delle restrizioni pandemiche della Croazia, compresa l’apertura delle sezioni interne dei ristoranti, potrebbero essere allentate prima del 1° giugno, ha detto lunedì il ministro dell’Interno Davor Božinović.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

La ministra degli Esteri svedese: la Serbia avanza nelle riforme, ma la loro qualità ha bisogno di lavoro. La Serbia ha fatto progressi nelle riforme, ma la qualità di queste riforme necessita ancora di lavoro, secondo la ministra degli Esteri svedese Ann Linde, che attualmente presiede l’OSCE. L’OSCE è pronta a sostenere il percorso intrapreso dalla Serbia, ha affermato Linde dopo aver incontrato a Belgrado il suo omologo serbo Nikola Selaković, che ha confermato il sostegno del suo paese alle priorità dell’OSCE stabilite durante la presidenza svedese dell’organismo. Linde ha anche elogiato la Serbia per aver donato vaccini ai paesi vicini e ha sottolineato le buone relazioni bilaterali tra i due paesi. I temi discussi durante la riunione includevano l’attuazione delle riforme in Serbia, il dialogo Belgrado-Priština e le relazioni bilaterali.

(EURACTIV.rs | betabriefing.com)

///

BELGRADO | PRISTINA

Belgrado estende l’assistenza finanziaria a tutti i serbi in Kosovo. Ogni serbo in Kosovo, bambini compresi, riceverà un pagamento di 100 euro dal governo serbo come parte di un “pacchetto finanziario una tantum”, ha detto il ministro delle finanze serbo Siniša Mali.

(EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO

Il leader dell’HDZ in Bosnia-Erzegovina: La BiH non sarà mai uno stato unitario. Dragan Čović, il leader dell’HDZ bosniaco, ha affermato che “la Bosnia ed Erzegovina non sarà mai uno Stato unitario. Non sarà nemmeno uno stato civico, nel modo in cui alcuni pensano e cercano di implementarlo attraverso il dominio sugli altri” ha riferito N1.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

SARAJEVO | PODGORICA

Il premier montenegrino si scusa personalmente per le vittime del genocidio di Srebrenica. Il primo ministro montenegrino Zdravko Krivokapić ha detto lunedì a Sarajevo di essere profondamente dispiaciuto per tutte le vittime del genocidio di Srebrenica del 1995 e ha ricordato di aver chiesto il licenziamento di un ministro del suo gabinetto che aveva minimizzato quel crimine di guerra contro i bosniaci.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)


AGENDA

  • Francia: l’Assemblea nazionale discuterà il rafforzamento della sovranità digitale nazionale e dell’UE.
  • Spagna: i sindacati e le associazioni imprenditoriali negoziano l’estensione dei regimi di licenziamento temporaneo, che scadranno alla fine di maggio.
  • Polonia: il presidente polacco Andrzej Duda e sua moglie visiteranno la capitale della Georgia, Tbilisi, da mercoledì a giovedì.
  • Repubblica Ceca: il ministro degli Esteri Jakub Kulhánek visiterà la Germania, dove incontrerà la sua controparte, Heiko Maas per discutere del dialogo strategico ceco-tedesco, delle nuove regole di viaggio e di trasporto, nonché della presidenza di turno del Consiglio dell’UE che la Repubblica Ceca, nella seconda metà del 2022.
  • Croazia: la commissione giudiziaria del parlamento terrà un sessione in cui esprime il proprio parere sui candidati alla carica di presidente della Corte di Cassazione.
  • Slovenia: gli alti funzionari del Parlamento europeo inizieranno i colloqui con il primo ministro Janez Janša, il ministro degli esteri Anže Logar e il presidente Igor Zorčič come parte della loro visita virtuale di due giorni.
  • Serbia: il ministro degli Esteri svedese Ann Linde continua la sua visita in Serbia, dove incontrerà il presidente, il primo ministro, il ministro per l’Integrazione europea, il ministro della Giustizia e il presidente del Parlamento serbi.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Josie Le Blond]