Le Capitali – La retorica di estrema destra di Zemmour fa sembrare Marine Le Pen normale

Il candidato di estrema destra alla presidenza francese Eric Zemmour. [EPA-EFE/CHRISTOPHE PETIT TESSON]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui. Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.



Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Scuola, cosa possiamo imparare dalla pandemia: le raccomandazioni dei ministri Ue di Valentina Iorio.

Mettete alla prova le vostre conoscenze sull’agricoltura in Ue con il quiz realizzato da EURACTIV!

Non perdete il webinar “Il Next Generation EU e l’implementazione della COP26”  venerdì 3 dicembre alle ore 17 con Mauro ALBRIZIO, Simona BONAFÈ, Sebastiano MICHELOTTI e Mariagrazia MIDULLA

Il Next Generation EU e l'implementazione della COP26

disponibile su:

 


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

Buongiorno da Parigi.

Dopo mesi di suspense artificiale, il candidato di estrema destra Eric Zemmour è entrato ufficialmente nella corsa alle elezioni presidenziali francesi del 2022 martedì 30 novembre. La sua retorica fa sembrare Marine Le Pen normale, ha dichiarato un esperto di politica francese a EURACTIV. Per saperne di più.

///

PRESIDENZA DELL’UE

Svelata una strategia sulle risorse genetiche. Una strategia sulle risorse genetiche è stata presentata martedì 30 novembre come parte del programma di lavoro della presidenza slovena del Consiglio dell’Ue. Per saperne di più.

///

BERLINO

Il futuro cancelliere tedesco appoggia la vaccinazione obbligatoria per tutti da febbraio o marzo. Con la Germania che si trova nel mezzo della quarta ondata di contagi per Covid-19, Olaf Scholz, che diventerà cancelliere la prossima settimana, si è schierato a favore del vaccino obbligatorio per tutti. Per saperne di più.

///

VIENNA

L’Austria impone controlli restrittivi all’aeroporto di Vienna. Esercito e polizia sono stati dispiegati nel maggiore aeroporto austriaco, Schwechat, per verificare se chi ne esce proviene da Paesi dell’Africa meridionale, per contrastare la diffusione della variante Omicron. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

L’Irlanda valuta la vaccinazione obbligatoria dei lavoratori della sanità. La squadra di emergenza del Dipartimento della salute pubblica irlandese sta valutando se introdurre l’obbligo vaccinale per i lavoratori della sanità, secondo i media. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Cos’è successo al miglior sistema di istruzione del mondo? La Finlandia, che si trovava in prima posizione nell’indice globale sull’istruzione, ha visto il suo livello rispetto ad altri 38 Paesi dell’Ocse precipitare a metà classifica, come mostra un recente sondaggio. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ATENE

La Grecia multerà i vaccinati ultrasessantenni 100 euro al mese. I cittadini che non fisseranno un appuntamento per la vaccinazione entro il 16 gennaio dovranno pagare una sanzione amministrativa di 100 euro ogni mese. L’annuncio ha già portato a un aumento degli appuntamenti per la somministrazione della prima dose tra i greci sopra i 60 anni. Per saperne di più.

///

ROMA

I comuni italiani vogliono il ritorno delle mascherine obbligatorie, mentre il governo non trova l’accordo sulle scuole. I sindaci italiani hanno proposto al governo di rendere obbligatorio l’uso della mascherina all’aperto tra il 6 dicembre e il 15 gennaio, ha annunciato il presidente dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci) Antonio Decaro. Per saperne di più.

///

MADRID

I Paesi Baschi sono pronti a dichiarare l’emergenza sanitaria. L’emergenza sanitaria verrà presto dichiarata nei Paesi Baschi per aiutare le autorità locali a contenere la diffusione del Covid-19, secondo il governo regionale. Per saperne di più.

///

LISBONA

Il Portogallo introduce nuovamente lo smart working. Da mercoledì 1° dicembre è nuovamente in vigore una raccomandazione che suggerisce di lavorare da casa quando possibile e si applica a tutte le compagnie, come riporta il ministero del Lavoro, Solidarietà e Sicurezza sociale portoghese. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Il futuro ministro degli Affari europei ceco è preoccupato per l’Ungheria. Con il cambio di governo in Repubblica Ceca, Budapest potrebbe perdere il sostegno di Praga nelle sue dispute con l’Unione europea sul tema dello stato di diritto. Lo ha dichiarato il probabile futuro ministro degli Affari europei ceco Mikuláš Bek (Ppe) in un’intervista con Deník N. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

Fidesz insiste per portare avanti il referendum ‘omofobo’. Il parlamento ungherese ha votato per tenere, probabilmente lo stesso giorno delle elezioni della prossima primavera, un referendum sulla “protezione dei bambini”, che viene ritenuto un attacco alla comunità Lgbtq+. La risoluzione parlamentare contiene quattro domande, riporta Telex. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

Il governo polacco introduce uno ‘scudo anti-inflazione’. I cittadini polacchi beneficeranno presto di tagli alle tasse e vedranno abbassarsi i prezzi dei carburanti grazie al cosiddetto ‘scudo anti-inflazione’, ha annunciato il governo martedì 30 novembre. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

BELGRADO

Un’eurodeputata tedesca dei Verdi spera che la Serbia migliori lo stato di diritto. L’eurodeputata tedesca dei Verdi Viola von Cramon-Taubadel ha espresso la speranza che la posizione del nuovo governo tedesco nei confronti della Serbia cambi per via dell’implementazione di riforme e dell’applicazione dello stato di diritto. Per saperne di più.

La ministra dell’integrazione europea serba si aspetta l’apertura di un capitolo di adesione all’Ue entro fine anno. Almeno un capitolo negoziale dovrebbe essere aperto entro la fine dell’anno come parte del processo di adesione della Serbia all’Ue, ha dichiarato la ministra Jadranka Joksimović lunedì, aggiungendo che tutti gli Stati membri hanno partecipato alla stesura del report della Commissione Ue sui progressi della Serbia, che consigliava l’apertura dei capitoli. Per saperne di più.

///

SOFIA

Un’operazione di polizia su larga scala rivela 250 green pass falsi in Bulgaria. In una grande operazione che ha portato all’irruzione in due centri di vaccinazione, l’arresto di tre medici e un dentista, la polizia ha scoperto 250 persone che avevano ricevuto un green pass sebbene non fossero vaccinate. Per saperne di più.

///

BUCAREST

Un aereo della Tarom riporta a casa cittadini rumeni bloccati in Sudafrica. La compagnia di bandiera rumena Tarom ha riportato indietro 46 cittadini rumeni e 18 di altri Stati  membri dell’Ue da Johannesburg nel pomeriggio di martedì 30 novembre. Il Paese si prepara anche a rimpatriare i turisti bloccati in Marocco. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Il Recovery Plan croato contribuirà a una crescita dell’1,4%. L’implementazione del piano di ripresa nazionale croato contribuirà a una crescita del Pil dell’1,4% nel 2022 e 2023. Per saperne di più.

///

TIRANA | SOFIA | SKOPJE

Il presidente albanese accoglie positivamente la posizione bulgara sull’adesione all’Ue. Il presidente albanese Ilir Meta ha accolto con favore la proposta bulgara di separare il procedimento di adesione all’Ue di Albania e Macedonia del Nord, in modo di consentire a Tirana di proseguire. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Il settore minerario bosniaco potrebbe affrontare un nuovo shock. I minatori di carbone che hanno protestato a Sarajevo la settimana scorsa hanno stabilito le condizioni con cui sarebbero disposti a tornare al lavoro. Tuttavia, queste sarebbero troppo costose e causerebbero un nuovo shock finanziario per l’industria, ha detto Nermin Džindić, ministro dell’energia, delle miniere e dell’industria della Federazione di Bosnia ed Erzegovina (entità bosniaca-croata). Solo due delle sette miniere stanno attualmente realizzando un profitto, ha aggiunto il ministro.

Admin Andelija, direttore dell’azienda di approvvigionamento elettrico (EP BiH), ha detto che “momenti difficili” attendono il settore dell’elettricità. Ha ricordato che le miniere sono entrate a far parte dell’azienda dal 2009, e all’epoca erano in uno stato “trascurato”. Ha dichiarato che uno dei problemi era il numero eccessivo di lavoratori e ha notato che più di 300 milioni di marchi (153 milioni di euro) sono stati investiti nelle miniere fino ad oggi.

Andelija ha nuovamente invitato il sindacato dei minatori a colloqui per “porre fine all’agonia e impegnarsi a ristrutturare la miniera a beneficio dello stato”. Il carbone rappresenta più del 60% del mix energetico del paese.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

SKOPJE

I prezzi alla produzione industriale in Macedonia del Nord sono aumentati del 13,7% rispetto all’anno scorso. I prezzi alla produzione industriale sono aumentati del 13,7% su base annua a ottobre, dopo essere aumentati del 10,6% a settembre, ha annunciato l’ufficio statistico della Macedonia del Nord.

Rispetto allo scorso ottobre, i prezzi alla produzione sono aumentati del 2,8% nello stesso mese, ha detto Makstat in un comunicato. Gli investimenti diretti esteri (Ide) hanno totalizzato 285,6 milioni di euro nei primi nove mesi del 2021, rispetto a un afflusso netto di 119,5 milioni di euro nello stesso periodo del 2020, hanno mostrato i dati della banca centrale.

Solo nel terzo trimestre, il totale degli investimenti diretti nel paese ha registrato un afflusso netto di 38,6 milioni di euro, rispetto a un deflusso di Ide di 5,4 milioni di euro nel terzo trimestre del 2020. Nel periodo gennaio-settembre, gli afflussi netti basati sul capitale e sul reinvestimento degli utili hanno totalizzato rispettivamente 113,2 milioni di euro e 196,7 milioni di euro. Nel 2020, gli Ide in Macedonia sono stati pari a 239,8 milioni di euro, in calo rispetto ai 398,76 milioni di euro del 2019.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PRISTINA

Il nipote di un eroe nazionale nominato comandante dell’esercito del Kosovo. La presidente del Kosovo Vjosa Osmani ha nominato comandante dell’esercito Bashkim Jashari, nipote dell’eroe nazionale Adem Jashari che ha guidato la battaglia contro le forze serbe negli anni ’90.

Jashari è stato raccomandato per la posizione dal primo ministro Albin Kurti e dal ministro della difesa. Nel marzo del 1998, Adem Jashari e 58 membri della sua famiglia furono uccisi dalle forze serbe nella loro casa di Prekaz, inclusi 28 tra donne e bambini. L’evento è stato un punto di svolta nella lotta per l’indipendenza del Paese.

(Exit.al/en)


AGENDA:

  • EU: La Commissione europea presenta il progetto Global Gateway per contrastare la Nuova via della seta cinese e un aggiornamento delle regole Schengen sui confini. I ministri degli esteri della Nato continuano l’incontro a Riga, insieme a quelli di Finlandia e Svezia e a Josep Borrell. La commissaria europea all’energia Kadri Simson terrà un discorso alla Settimana europea dell’idrogeno.
  • Germania: I candidati alla leadership della Cdu Friedrich Merz, Norbert Röttgen e Helge Braun terranno una riunione a Berlino.
  • Francia: I repubblicani annunciano il candidato per le elezioni presidenziali. Emmanuel Macron ospita il primo ministro lettone Krisjanis Karins.
  • Svizzera: Conferenza stampa dell’Oms sull’Assemblea della salute mondiale e sulla variante Omicron del Covid-19.
  • Svezia: Il pass vaccinale diventa obbligatorio per i grandi eventi pubblici al chiuso. Vengono consegnati i premi Nobel alternativi.
  • Polonia: Il Parlamento discute un disegno di legge popolare che propone il divieto di aborto.
  • Portogallo: Entrano in vigore nuove misure di controllo del Covid, si accelera con la somministrazione delle terze dosi.
  • Romania: Il presidente Iohannis sarà presente a una parata militare a Bucarest e terrà un ricevimento speciale a Palazzo Cotroceni.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]