Le Capitali – La nuova legge sui media mette Polonia e Stati Uniti in rotta di collisione

L'alto diplomatico americano Matthew G. Boyse arriverà lunedì a Varsavia e la questione sarà in cima all'agenda della sua visita, ha riferito il partner di EURACTIV Gazeta Wyborcza. [Shutterstock/OleksSH]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo 
G20: raggiunto l’accordo sulla tassa globale per le multinazionali di Valentina Iorio, EURACTIV Italia. 

Leggete anche l’opinione Produttività e lavoro: oltre la logica di Fantozzi di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

VARSAVIA

Un emendamento alla legge sui media polacca diretto contro il principale canale di notizie indipendente, TVN24, di proprietà della società statunitense Discovery, potrebbe danneggiare gravemente le relazioni tra Varsavia e Washington. La questione sarà discussa oggi con Matthew G. Boyse, vice assistente del Segretario di Stato americano, in visita a Varsavia.

(Mateusz Kucharczyk |  EURACTIV.pl)

///

PRESIDENZA UE

Ministro sloveno: i confini interni dell’Ue devono collegare, non dividere le nazioni. Il ministro della Pubblica amministrazione sloveno Boštjan Koritnik ha detto a una conferenza ospitata dal suo ministero che i confini all’interno dell’UE dovrebbero unire, non dividere le nazioni.

(Mateja Benec |  sta.si)

///

ISTITUZIONI UE

Fonte UE: una terza dose di richiamo del vaccino anti-COVID è “altamente probabile”. Sebbene l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) affermi che per ora non ci sono prove che sarebbe necessaria una terza dose di richiamo, una fonte dell’UE ha detto a EURACTIV che uno scenario del genere è “altamente probabile”

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)
///

BERLINO

Il candidato alla cancelleria tedesca Laschet è favorevole ai prezzi della CO2. Il candidato conservatore alla cancelleria alle elezioni di settembre, Armin Laschet, si è detto favorevole ai prezzi della CO2 in un’intervista tv.

(Nikolaus J. Kurmayer |  EURACTIV.de)

///

PARIGI

Il presidente francese Macron incontra i rappresentanti del settore automobilistico. Il presidente francese Emmanuel Macron riceverà lunedì mattina i rappresentanti dell’industria automobilistica all’Eliseo, prima della presentazione da parte della Commissione europea di un pacchetto di leggi sull’energia e sul clima volto a raggiungere l’obiettivo dell’UE 2030 di ridurre le emissioni del 55%.

(Anne Damiani |  EURACTIV.fr)

///

VIENNA

L’Austria sostiene la Commissione europea nella spinta alla tassazione del cherosene. L’Austria sostiene la proposta della Commissione europea sulla tassa sul cherosene come parte del pacchetto sul clima ‘Fit for 55’ che sarà presentato mercoledì, e sollecita l’esecutivo dell’UE a introdurre una “tassazione equa” del settore dei trasporti.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

L’Irlanda del Nord potrebbe subire restrizioni fino all’autunno. Le restrizioni per il COVID-19 in Irlanda del Nord potrebbero estendersi fino all’autunno, ha avvertito il vice primo ministro Michelle O’Neill, affermando che “i casi stanno aumentando e continueranno ad aumentare” e che i funzionari stanno osservando attentamente come tale aumento si traduca in ospedalizzazione e decessi nella regione, secondo l’Irish Times.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

VILNIUS

La Lituania spenderà 41 milioni di euro per la recinzione al confine con la Bielorussia. La Lituania costruirà una recinzione al confine con la Bielorussia, ha confermato il ministro degli Interni Agnė Bilotaitė.

(LRT.lt/en)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

L’Italia esplode in festa dopo il trionfo agli Europei di calcio. Gli italiani si sono riversati in massa nelle strade e nelle piazze domenica 11 luglio dopo che la nazionale di calcio ha battuto l’Inghilterra e ha vinto Euro 2020, celebrando un successo visto come una rivincita dopo il fallimento della mancata qualificato per l’ultima Coppa del Mondo.

(EURACTIV.com with Reuters)

///

ATENE

Settore alberghiero greco: posti all’interno solo per vaccinati. La scorsa settimana il governo greco aveva annunciato l’intenzione di creare luoghi COVID-free (che e accettano clienti vaccinati e guariti da COVID-19) o misti (che accettano anche coloro che non sono stati ancora vaccinati se hanno fatto un tampone rapido) nel settore dell’ospitalità. Tuttavia, la rapida ripresa dei casi di COVID-19 ha cambiato i piani, ha riferito il canale MEGA TV.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

MADRID

Il primo ministro spagnolo Sánchez porta a termine un radicale rimpasto di governo. Sabato il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha presentato un completo rimpasto del suo gabinetto, sostituendo tra l’altro i ministri degli Affari esteri e della Giustizia, aumentando la rappresentanza delle donne e riducendo l’età media del governo.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Babiš sostiene la legge anti-Lgbt di Orbán. Il primo ministro ceco Andrej Babiš non firmerà una lettera sostenuta da 18 Stati membri dell’UE a sostegno delle minoranze sessuali, redatta in risposta alla controversa nuova legge ungherese che vieta la promozione delle tematiche LGBT tra i bambini.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

BUDAPEST

Il governo spinge per acquistare l’aeroporto di Budapest al di sotto del prezzo di mercato. Il governo ungherese ha fatto un’offerta per rilevare il consorzio che gestisce l’aeroporto internazionale Liszt Ferenc, ha riferito Bloomberg, citando fonti vicine al dossier.

(EURACTIV.com)

///

BRATISLAVA

Sondaggio: il 60% degli slovacchi preferisce le energie rinnovabili al gas naturale.I risultati di un’indagine dell’agenzia Focus commissionata dall’iniziativa climatica slovacca mostrano che le importazioni di gas naturale sono preferite dal 30% degli slovacchi, mentre il 60% degli intervistati preferisce la produzione basata sulle energie rinnovabili.

(Michal Hudec |  EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Il GERB dell’ex primo ministro Boyko Borissov perde le elezioni anticipate in Bulgaria. Il partito GERB dell’ex primo ministro Boyko Borissov ha perso le elezioni parlamentari anticipate di domenica in Bulgaria, arrivando secondo dopo il movimento ‘C’è un popolo’ della star televisiva Slavi Trifonov.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

Il 75% dei rumeni vuole entrare nell’eurozona. Tre quarti dei cittadini rumeni sono favorevoli all’introduzione dell’euro, secondo un sondaggio Eurobarometro pubblicato venerdì. Oltre il 60% dei rumeni ritiene che l’introduzione dell’euro avrebbe effetti positivi, nonostante il Paese non abbia soddisfatto i criteri necessari per adottare la moneta unica.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Zagabria promette di proteggere i diritti dei croati della Bosnia-Erzegovina. Il presidente croato Zoran Milanović ha dichiarato domenica nella città bosniaca di Vitez che insisterà costantemente sulla protezione dei diritti dei croati della Bosnia-Erzegovina, e anche sul rispetto dell’accordo di Dayton finché sarà in vigore.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

Gli elettori sloveni rifiutano la nuova legge sulla gestione delle acque. Oltre l’86% degli elettori sloveni ha respinto in modo schiacciante una nuova legge sulle acque in un referendum che si è svolto domenica con un’affluenza di quasi il 46%, la più alta per un referendum dal 2007.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

BELGRADO

I mediatori europei descrivono i colloqui elettorali serbi come “costruttivi”. I membri del Parlamento europeo che mediano i colloqui interpartitici sulle condizioni elettorali hanno affermato sabato a Belgrado che i colloqui tra i partiti di governo e l’opposizione in Serbia sono stati costruttivi e aperti e si sono svolti in una buona atmosfera.

(EURACTIV.rs)

///

SKOPJE

Primo ministro della Macedonia del Nord: spero in un governo stabile in Bulgaria che tolga il veto. “Mi aspetto un Parlamento funzionale e un governo politico che ci diano il via libera – sblocchi la Macedonia sulla strada verso l’Unione europea”, ha affermato il primo ministro della Macedonia del Nord Zore Zaev.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PODGORICA

Il vicepremier del Montenegro: inaccettabile il comportamento della Serbia nei confronti del Montenegro. Il vice primo ministro del Montenegro Dritan Abazović ha dichiarato di “non essere soddisfatto” del modo in cui la Serbia ha trattato il suo paese e ha affermato che è tempo di rivalutare il rapporto tra Podgorica e Belgrado.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA: 

  • Belgio: riunione dei ministri degli Esteri dell’UE / riunione dei ministri delle Finanze dell’Eurozona, con la partecipazione del segretario al Tesoro americano Janet Yellen.
  • Germania: La cancelliera Merkel, il presidente ucraino Zelensky si incontrano per colloqui.
  • Francia: il presidente Emmanuel Macron tiene un consiglio straordinario di difesa sanitaria, si rivolgerà alla nazione alle 20.00.
  • Irlanda del Nord: l’Orange Order protestante tiene marce annuali attraverso l’Irlanda del Nord.
  • Lussemburgo: il ministro della Giustizia Sam Tanson parteciperà alla riunione del Gruppo Vendôme a Parigi con i suoi omologhi di Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Spagna sulla necessità di un approccio comune nella lotta alla discriminazione, ai crimini d’odio e all’incitamento all’odio , nonché sullo stato di avanzamento dei lavori sulle prove elettroniche in materia penale (E-evidence).
  • Croazia: il presidente Zoran Milanović in visita a Mostar e in altre aree popolate da croati in Bosnia ed Erzegovina.
  • Moldavia: gli osservatori elettorali dell’OSCE tengono una conferenza stampa sul voto moldavo

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie LeBlond]