Le Capitali – La nazionale spagnola giocherà una partita di calcio con i ‘territori del Kosovo’

Secondo alcune fonti citate da Prishtina Insight, la decisione è stata presa a causa della pressione esercitata dal ministero degli Esteri spagnolo. [Shutterstock/Black Pearl Footage]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Croazia, completato con successo la valutazione per l’adesione a Schengen di Alessandro Follis, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione La nostra Europa federale: sovrana e democratica di Gruppo Spinelli e Unione dei federalisti europei.


Le notizie di oggi dalle Capitali: 

PRISTINA | MADRID

La nazionale maschile del Kosovo, che ha in programma di giocare una serie di partite internazionali contro Spagna, Grecia e Georgia, è stata indicata dalla Federcalcio spagnola reale (RFEF) come il “territorio del Kosovo” in una dichiarazione pubblica pubblicata sul suo sito web il 9 marzo. La Spagna è uno dei cinque paesi dell’UE che non riconoscono il Kosovo.

In altre notizie, il portavoce del gruppo radicale islamico Hamas, Hazem Qassem, ha affermato che l’apertura dell’ambasciata del Kosovo a Gerusalemme è una violazione delle leggi internazionali e mira a incoraggiare altri paesi a normalizzare i legami con Israele.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr e EURACTIV.rs)

///

ISTITUZIONI UE

È “possibile” che l’agenzia europea del farmaco approvi lo Sputnik. Fonti dell’UE hanno detto a EURACTIV.com che è “possibile” per l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) approvare il vaccino russo Sputnik. “I negoziati potrebbero iniziare se almeno quattro Stati membri lo chiedessero”, hanno aggiunto le fonti.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

BERLINO

Scholz si scalda per la coalizione ‘semaforo’ a livello federale. Il candidato cancelliere dell’SPD Olaf Scholz e la leadership del partito hanno sottolineato lunedì che una coalizione ‘semaforo’ con i Verdi e i Liberali potrebbe essere un’opzione per formare un governo federale senza la CDU/CSU dopo le elezioni federali in autunno.

(Alexandra Brzozowski | EURACTIV.com)

///

PARIGI

Il governo francese consente l’uso di “video intelligenti” per valutare l’uso delle mascherine sui mezzi di trasporto. Il governo francese in un decreto pubblicato la scorsa settimana ha consentito “l’uso di video intelligenti per controllare l’utilizzo della mascherina su mezzi di trasporto”, il che significa che d’ora in poi le immagini catturate su metropolitane, autobus e treni potranno essere utilizzate per garantire che le misure vengono rispettate.

(Mathieu Pollet |  EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Il Belgio continuerà le somministrazioni di AstraZeneca nonostante le preoccupazioni dell’UE. Nonostante diversi paesi abbiano interrotto temporaneamente l’uso del vaccino AstraZeneca, il ministro della salute belga Frank Vandenbroucke (SP.A) ha affermato che “prendersi una pausa in questa fase sarebbe irresponsabile”

(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///

LUSSEMBURGO

Il Fondo monetario internazionale (FMI) ha esortato il Lussemburgo ad aumentare la sua tassa ambientale. Come parte del rapporto del FMI sull’economia lussemburghese, il Fondo monetario ha detto lunedì che il Granducato dovrebbe prendere in considerazione l’aumento dei prelievi ambientali, per compensare le potenziali perdite di entrate derivanti da una riforma fiscale globale che mira a colpire l’evasione fiscale delle società.

(Anne Damani | EURACTIV.fr)

///

VIENNA

Selmayr difende la distribuzione di vaccini in Europa. La scorsa settimana, il cancelliere Sebastian Kurz (ÖVP) aveva suggerito che la distribuzione dei vaccini tra gli stati membri fosse non trasparente e imperfetta, poiché non tutti gli stati avrebbero ricevuto la giusta quota in base alla loro popolazione. Martin Selmayr, ex segretario generale della Commissione europea e attuale rappresentante in Austria, ha difeso il meccanismo lunedì in un’intervista televisiva. “È il risultato di un processo su cui tutti gli stati hanno deciso” e “ogni decisione è stata approvata da tutti”, ha sottolineato.

(Philipp Grüll, EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO | BELFAST | LONDRA

Dublino sostiene l’azione legale dell’UE. La Commissione europea ha formalmente intrapreso un’azione legale contro il Regno Unito per la sua decisione unilaterale di estendere il periodo di grazia per la Brexit sui controlli di frontiera tra l’Irlanda del Nord e il Regno Unito. Il ministro degli esteri irlandese Simon Coveney ha twittato che “l’azione legale non è uno sviluppo positivo, ma l’approccio del governo britannico non ha dato all’UE alternative”.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)

///

LONDRA

Il Regno Unito aumenterà le riserve di armi nucleari. La Gran Bretagna annuncerà un aumento delle sue scorte di armi nucleari come parte di un ampio piano di revisione della sicurezza, della difesa e della politica estera, hanno scritto lunedì i quotidiani Guardian e Sun.

(EURACTIV.com with AFP)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Una società tecnologica finlandese utilizzerà la “stampa del respiro” per il rilevamento di COVID-19. L’azienda finlandese di tecnologia sanitaria Deep Sensing Algorithms (DSA) è entrata nella fase di produzione del suo dispositivo portatile che misura il respiro espirato. L’apparecchio è destinato agli operatori sanitari per controllare lo stato di salute dei pazienti in attesa fuori dagli ospedali.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

VILNIUS

Una città lituana rifiuta il vaccino AstraZeneca per timori sulla sicurezza. La città inmaggioranza russofona di Visaginas, nel nord-est della Lituania, ha rifiutato le 800 dosi di AstraZeneca disponibili, citando “informazioni contrastanti”.

(Benas Gerdžiūnas |  LRT.lt/en)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

I sacerdoti non potranno impartire alcuna forma di benedizione ai matrimoni tra persone dello stesso sesso. La Congregazione per la Dottrina della Fede – l’organismo della Chiesa cattolica che si occupa di questioni dottrinali – ha annunciato che i suoi sacerdoti non potranno impartire alcuna forma di benedizione ai matrimoni tra persone dello stesso sesso o alle unioni civili, dopo che Papa Francesco aveva in più occasioni commentato favorevolmente l’introduzione di unioni civili per le coppie dello stesso sesso. Secondo la Congregazione, la benedizione non può essere ammessa perché, nonostante non abbia lo stesso valore dei sacramenti, essa costituisce di fatto una legittimazione che sottintende un giudizio positivo.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

LISBONA

Secondo il Portogallo, i negoziati per la riforma della PAC potrebbero vedere presto una svolta. Il Portogallo è ottimista sul fatto che possa presto essere raggiunto un accordo sulla riforma della politica agricola comune (PAC), ha dichiarato a EURACTIV il ministro dell’Agricoltura del paese Maria do Céu Antunes in un’intervista esclusiva.

(Gerardo Fortuna e Natasha Foote |  EURACTIV.com)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Il partito ANO del premier ceco Babiš vede il primo calo nei sondaggi d’opinione.Il partito di governo del primo ministro ceco Andrej Babiš ANO (Rinnovamento) ha subito il primo arretramento  nei sondaggi dalle ultime elezioni generali, tenutesi nel 2017.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

VARSAVIA

La politica climatica della Polonia mostra una “deludente mancanza di ambizione”. “La politica energetica della Polonia fino al 2040 (PEP 2040) ha una “deludente mancanza di ambizione”, secondo il think tank sui cambiamenti climatici Ember.

(Joanna Jakubowska |  EURACTIV.pl)

///

BRATISLAVA

L’emittente pubblica slovacca criticata per presunte false affermazioni sul vaccino AstraZeneca. La tv pubblica slovacca RTVS sta affrontando critiche per il suo recente servizio “Morte dopo la vaccinazione anche in Slovacchia” che ha indotto gli spettatori a credere che la morte di un insegnante di 38 anni e il vaccino AstraZeneca fossero collegati.

(Lucia Yar |  EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

Il partito di estrema destra ungherese organizza la protesta contro le misure anti-COVID-19 nella giornata della festa nazionale. Nonostante gli avvertimenti della polizia contro i raduni illegali, lunedì – nella giornata della festa nazionale ungherese che commemora la rivoluzione del 1848 – il partito di estrema destra Our Homeland Movement ha organizzato una manifestazione contro le misure contro il coronavirus, ha riferito Telex.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria è il peggior paese dell’UE nel sostenere le persone e le imprese durante la pandemia. La Bulgaria si è classificata ultima nell’UE in termini di sostegno alle imprese e ai dipendenti colpiti dalla pandemia, secondo un rapporto sugli effetti della crisi COVID-19 sul mercato del lavoro e sull’occupazione nell’UE preparato dalla Fondazione europea per le condizioni di vita e lavoro (Eurofound).

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

Il primo film rumeno a ottenere una nomination all’Oscar. Il documentario rumeno Colectiv (Collettivo), sull’incendio in un nightclub di Bucarest che ha provocato 64 vittime, è stato nominato per le categorie ‘Miglior film straniero’ e ‘Miglior documentario’ agli Academy Awards di quest’anno. L’incendio del nightclub è stato il punto di partenza per le indagini dei giornalisti su frodi sanitarie pubbliche e corruzione diffusa.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

L’agenzia medica croata ispeziona la documentazione del vaccino russo.L’agenzia croata per i prodotti medicinali e i dispositivi medici (HALMED) ha detto lunedì che è in corso un’ispezione preliminare della documentazione sul vaccino russo Sputnik V.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA | ZAGABRIA

Il ministro degli Interni sloveno è scettico sul fatto che la candidatura croata a entrare nell’area Schengen abbia un sostegno. “Non sono ottimista sul fatto che i paesi dell’UE sostengano l’adesione della Croazia alla zona Schengen”, ha detto lunedì alla stampa il ministro degli interni sloveno Aleš Hojs, aggiungendo che sebbene non si aspetti che la Presidenza portoghese del Consiglio dell’UE rimetta la questione all’ordine del giorno, non avrebbe nessun problema a farlo durante la presidenza slovena dell’UE che inizierà a luglio, ha riferito l’Agenzia di stampa slovena (STA). Il primo ministro croato, Andrej Plenković, aveva ribadito lunedì in un’intervista a Politico che è ragionevole aspettarsi che la Croazia entri nella zona euro e nell’area Schengen entro la seconda metà del 2024.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

SARAJEVO

La situazione del coronavirus in Bosnia-Erzegovina peggiora. Mentre la Bosnia ed Erzegovina ha confermato lunedì quasi 600 nuovi casi di coronavirus e 63 morti nelle ultime 24 ore, l’attuale primo ministro del cantone di Sarajevo, Edin Forto, ha paragonato la situazione di Sarajevo a quella di Bergamo all’inizio del la pandemia dell’anno scorso, osservando che “Sarajevo è attualmente il più grande hotspot in Europa”.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic]