Le Capitali – La Germania respinge qualsiasi piano di cambiamento dei confini nei Balcani

Il Primo Ministro del Kosovo Albin Kurti (a sinistra) accoglie il Ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas prima del loro incontro a Pristina, il 22 aprile 2021. [EPA-EFE / VALDRIN XHEMAJ]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Recovery Plan: interventi per 221,5 miliardi. I numeri e le previsioni di crescita del piano Draghi di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione “Circular Culture”: arti dello spettacolo ed economia circolare di Julia Lagahuzère, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

BERLINO | PRISTINA

Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha detto che la Germania è contraria a qualsiasi ridisegno dei confini nei Balcani occidentali secondo linee etniche, come suggeriva il “non-documento” sloveno di cui si è molto parlato nell’ultima settimana. Secondo Mass queste ipotesi “appartengono al passato” e sono pericolose e irrealistiche.

(Alexandra Brzozowski e Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.com e EURACTIV.hr)


PRESIDENZA UE

Il nuovo Bauhaus europeo è “di importanza cruciale” per gli obiettivi climatici dell’UE. Il primo ministro portoghese António Costa ha affermato che l’iniziativa europea chiamata New European Bauhaus è di fondamentale importanza per garantire che l’Unione raggiunga i suoi obiettivi climatici.

(Tiago Almeida |  Lusa.pt)


                                                     EUROPA OCCIDENTALE

PARIGI

La situazione del COVID-19 in Francia sta migliorando. La situazione del COVID-19 in Francia “sta migliorando”, ha detto giovedì sera il primo ministro francese Jean Castex in una conferenza stampa, aggiungendo che “il picco della terza ondata sembra essere alle nostre spalle”.

(Clara Bauer-Babef |  EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Il Comitato consultivo belga si riunisce sull’applicazione della riapertura dei dehors.Il comitato consultivo belga si riunirà nel tardo pomeriggio di venerdì per discutere delle modalità concrete di allentamento delle misure anti COVID, come la riapertura delle terrazze e quante persone possono sedersi attorno a un tavolo e fino a che ora. I ministri discuteranno anche le prospettive per il settore della cultura e degli eventi.

(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///

BERNA

Il presidente svizzero parteciperà al vertice Ue sul trattato che prevede l’adozione delle regole del mercato unico da parte della confederazione. Il presidente svizzero Guy Parmelin si recherà venerdì a Bruxelles per un vertice con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, dedicato a un trattato, in fase di stallo, che minaccia di congelare i legami tra la Svizzera e il suo principale partner commerciale.

(EURACTIV.com with Reuters)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

I deputati hanno fissato la data per il voto sulla Brexit, ma avvertono Londra: “nessuna nuova concessione”. I deputati dell’Europarlamento sono pronti a ratificare finalmente l’accordo commerciale post-Brexit con il Regno Unito, dopo che i leader dei gruppi politici del Parlamento europeo hanno fissato martedì prossimo (27 aprile) come data per il voto in plenaria.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///

DUBLINO

Lo Sinn Fein ha spostato il database dei suoi elettori a Londra, poi a Francoforte dopo la Brexit. Dopo aver rifiutato di rivelare la posizione del loro database degli elettori nelle ultime due settimane, il leader dello Sinn Fein Mary Lou McDonald ha rivelato giovedì alla stazione radio Newstalk che le informazioni sono state spostate a Francoforte dopo la Brexit.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI

STOCCOLMA

Huawei contesta in tribunale il divieto svedese sul 5G. Il gigante cinese delle telecomunicazioni Huawei ha intentato una causa contro il regolatore delle telecomunicazioni svedese, dopo che alla società è stato vietato di partecipare alle aste 5G in Svezia e agli operatori di telecomunicazioni è stato ordinato di rimuovere la tecnologia fornita loro dall’azienda cinese prima della fine del 2024.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il governo sta per svelare il piano italiano di ripresa e resilienza (PNRR) per il progetto Next Generation EU. Il presidente del Consiglio Mario Draghi presenterà venerdì al Consiglio dei ministri il piano italiano per il programma UE Next Generation. Secondo le prime bozze, il piano prevede lo stanziamento di 221,5 miliardi di euro, di cui 191,5 miliardi dall’UE e 30 miliardi dal fondo complementare creato dal governo, riporta il quotidiano economico Il Sole 24 ore. Il piano sarà accompagnato da indicazioni su alcune riforme da approvare, come quelle relative alla pubblica amministrazione, alla giustizia, alla semplificazione delle procedure burocratiche e a nuove regole per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

I fondi del piano di ripresa iniziano ad arrivare alle regioni spagnole. Il governo spagnolo ha già destinato alle regioni, nelle ultime settimane, 2,1 miliardi di euro del suo programma di recupero dal coronavirus, pari al 7,9% dei 26 miliardi di euro che la Spagna dovrebbe ricevere in fondi dell’UE quest’anno, hanno riferito i media finanziari spagnoli.

(EuroEFE)

///

ATENE

La Grecia offrirà l’immunità a coloro che gestiscono la crisi COVID-19. Il governo greco ha proposta un emendamento dell’ultimo minuto in un disegno di legge, che offre l’immunità a tutti coloro che si occupano e prendono decisioni riguardo alla pandemia in corso.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)


GRUPPO DI VISEGRAD

BUDAPEST

L’Ungheria costruirà il campus dell’università cinese di Budapest grazie a un prestito cinese. Il governo ungherese ha in programma di costruire a Budapest un campus che ospiterà l’Università cinese Fudan, e he sarà finanziato da un prestito di 1,25 miliardi di euro dalla Cina, i cui dettagli sono emersi questo mese. Il controverso progetto ha scatenato una lite tra il governo ungherese e il comune di Budapest. Il media partner di EURACTIV Telex dà un’occhiata più da vicino alla vicenda.

In altre notizie, l’Ungheria ha raggiunto 3,5 milioni di persone vaccinate venerdì, ha scritto il premier Viktor Orbán sulla sua pagina Facebook. Il capo dello staff di Orbán, Gergely Gulyás, ha suggerito che l’Ungheria potrebbe raggiungere la cifra di 4-4,5 milioni di vaccini somministrati la prossima settimana, e che chiunque si registri ora potrà ottenere il vaccino in appena una o due settimane. Secondo il portavoce del governo, solo l’1% di coloro che sono stati vaccinati con la prima dose ha contratto il virus.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com)

///

VARSAVIA

La Polonia ha il tasso di mortalità per COVID più alto d’Europa. La scorsa settimana la Polonia ha registrato il più alto numero in Europa di decessi correlati al COVID, secondo i dati dell’OMS. Nel frattempo, il tasso di mortalità in eccedenza del paese durante la pandemia, in confronto al periodo 2016-2019, è stato il più alto dell’UE in quanto, secondo i dati di Eurostat, è stato pari al 23,5%.

(Aleksandra Krzysztoszek |  EURACTIV.pl)

///

PRAGA

Zeman continua a tacere sulla disputa ceco-russa. Il presidente ceco Miloš Zeman è rimasto finora in silenzio sulla più grande controversia diplomatica che ha coinvolto il suo paese dai tempi dell’indipendenza, dopo che il governo ha affermato di ritenere che gli agenti russi del GRU fossero dietro le esplosioni in un deposito di munizioni avvenute nel 2014. Zeman – noto per le sue opinioni filorusse – ha detto che domenica commenterà la questione.

(Ondřej Plevák |  EURACTIV.cz)

La Repubblica Ceca giovedì ha ordinato alla Russia di rimuovere da Praga la maggior parte di quel che resta del suo personale diplomatico, in un’escalation della peggiore controversia tra i due paesi da decenni.

(EURACTIV.com with Reuters)

///

BRATISLAVA

La Slovacchia espelle tre diplomatici russi. La Slovacchia espellerà tre diplomatici russi in solidarietà con la Repubblica Ceca, hanno detto giovedì il primo ministro slovacco Eduard Heger, il ministro della Difesa Jaroslav Naď e il ministro degli Esteri Ivan Korčok.

(Irena Jenčová |  EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Professore universitario bulgaro licenziato dopo la protesta contro Borissov.L’accademico Martin Osikovski è stato licenziato per motivi disciplinari dal suo incarico presso l’Università di Economia nazionale e mondiale di Sofia pochi giorni dopo aver criticato la visita pre-elettorale del primo ministro Boyko Borissov all’istituzione il 2 aprile scorso.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

Le autorità rumene: per i lavori d’irrigazione nessun fondo dal piano di recupero. La Commissione europea ha dichiarato alle autorità rumene che i lavori di irrigazione non possono essere finanziati dal Fondo per il recupero e la resilienza, e che il governo ha assegnato una quota troppo ampia del fondo alle infrastrutture di trasporto.

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Il PIL della Croazia si è contratto del 7,8% nella prima metà del 2020. Il PIL della Croazia si è ridotto del 7,8% nella prima metà del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, ha detto giovedì il governatore della Banca nazionale croata (HNB) Boris Vujčić. La caduta è stata attribuita alla pandemia COVID-19 e ai terremoti che hanno colpito il paese.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

La transizione verso le emissioni zero costerà alla Slovenia fino a 27 miliardi di euro. La Slovenia prevede di spendere tra i 21 e i 27 miliardi di euro per raggiungere le emissioni zero di gas a effetto serra entro il 2050, in linea con gli obiettivi dell’UE sulla neutralità climatica.

(Sebastijan R. Maček |  STA)

///

BELGRADO | SARAJEVO

Vučić: la Serbia vuole relazioni più forti con bosniaci e croati di Bosnia. La Serbia vuole stabilire relazioni più forti con bosniaci e croati, e non solo con i serbi in Bosnia ed Erzegovina, ha detto giovedì il presidente serbo Aleksandar Vučić a Banja Luka, in visita ufficiale alla delegazione serba della città.

(betabriefing and EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO

I cantoni di Israele, Croazia e Bosnia-Erzegovina vogliono sviluppare la cooperazione economica. I rappresentanti diplomatici di Croazia e Israele si sono incontrati giovedì con le autorità cantonali locali a Široki Brijeg in Bosnia ed Erzegovina (nella parte in cui i croati formano la maggioranza) per discutere di progetti economici congiunti per i quali la Croazia ha stanziato fondi quest’anno, ha riferito l’agenzia di stampa Hina.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

TIRANA

Elettricità in ogni seggio elettorale, garantisce l’ambasciatore degli Stati Uniti. Yuri Kim, ambasciatore degli Stati Uniti in Albania, ha annunciato che l’operatore di distribuzione di energia OSHEE le ha garantito che l’alimentazione elettrica rimarrà stabile in tutto il paese durante il giorno delle elezioni del 25 aprile.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie Le Blond]