Le Capitali – La Germania ora è a favore di un embargo UE sul petrolio russo

Diversi paesi hanno chiesto di imporre un embargo sul petrolio a condizione che prima si lascino scadere gli attuali contratti, a quanto appreso da Euractiv. [Shutterstock/Avigator Fortuner]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

BERLINO

Inversione a U della Germania: pronta a un embargo Ue sul petrolio russo. Dopo essersi a lungo opposta a ulteriori sanzioni energetiche contro la Russia, la Germania sarebbe pronta a un cambio di rotta. Nel frattempo, EURACTIV apprende che l’Ue starebbe considerando di vietare le importazioni di petrolio trasferito da petroliere e consentire quelle attraverso gli oleodotti, almeno per ora. Per saperne di più.

///

PARIGI

Mélenchon e i Verdi si alleano nel giorno della Festa dei lavoratori. Migliaia di persone si sono riunite in diverse città francesi per partecipare alle manifestazioni della Festa dei lavoratori, il primo maggio, appena una settimana dopo la rielezione del Presidente francese Emmanuel Macron. In questa data simbolica, il partito La France Insoumise (LFI) di Jean-Luc Mélenchon ha raggiunto un accordo con Europe-Ecologie-Les-Verts (EELV) di Julien Bayou, in vista delle elezioni legislative di giugno. Per saperne di più.

///

VIENNA

In Austria nessuna “minaccia militare immediata”, rassicura il Cancelliere. Il Cancelliere conservatore Karl Nehammer (ÖVP), intervistato dal giornale Kurier, ha rassicurato circa l’assenza di una minaccia militare immediata all’Austria, nel contesto della guerra in Ucraina. Per saperne di più.

///

L’AIA

Porto di Amsterdam, i lavoratori si rifiutano di ormeggiare una petroliera russa. I lavoratori del porto di Amsterdam si sono rifiutati di scaricare una petroliera russa, a cui era stato precedentemente vietato di attraccare in un porto svedese. Ora è ancorata nella chiusa di IJmuiden, riferisce NOS. Per saperne di più.


GRAN BRETAGNA E IRLANDA

LONDRA

Banca d’Inghilterra pronta ad aumentare i tassi d’interesse per controllare l’inflazione. La Banca d’Inghilterra dovrebbe aumentare i tassi di interesse alla fine di questa settimana. Al momento è sotto pressione a causa dell’aumento dell’inflazione in crescita nell’economia britannica. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

I finlandesi a favore della presenza permanente della NATO. Secondo un sondaggio condotto da Uutissuomalainena, la maggior parte dei finlandesi accetterebbe il collocamento di basi militari NATO permanenti sul suolo del Paese, in vista della possibile domanda di adesione all’Alleanza. Per saperne di più.

Alametsä (Verdi): in Finlandia cresce la sfiducia verso la Russia. In un’intervista rilasciata a EURACTIV, la deputata finlandese dei Verdi, Alviina Alametsä, ha detto che la maggioranza del Parlamento e l’opinione pubblica del Paese sostengono l’adesione alla NATO. “Vista la situazione in Ucraina, abbiamo capito che non c’è possibilità di fidarsi di Vladimir Putin”, ha detto, spiegando che in Finlandia è in crescita la sfiducia nei confronti di Mosca. Per saperne di più.

///

STOCCOLMA

Aereo militare russo viola lo spazio aereo svedese. Venerdì sera, nello stesso giorno in cui quattro navi da guerra della NATO ormeggiavano nel porto di Stoccolma, un aereo militare russo ha violato lo spazio aereo svedese. Per saperne di più.


SUD EUROPA

ROMA | VARSAVIA

Il Premier polacco ringrazia Fratelli d’Italia per aver tenuto una posizione anti-Putin. Il Premier polacco Mateusz Morawiecki, del partito Diritto e Giustizia (PiS), ha ringraziato il partito Fratelli d’Italia, guidato da Georgia Meloni, per aver preso una posizione chiara contro il Presidente russo Vladimir Putin. Un appoggio che segna la netta divisione dai partiti di destra più favorevoli al Cremlino, il Rassemblement National di Marine Le Pen e Fidesz del Premier Viktor Orbán. Per saperne di più.

Mattarella: il PNRR serva per sostenere la sicurezza sul lavoro. L’obiettivo di maggior sicurezza sul lavoro dovrebbe esser sostenuto anche “attraverso il Piano nazionale di ripresa e resilienza”, ha detto il Presidente Sergio Mattarella, al Quirinale, durante la celebrazione della Festa dei lavoratori domenica (1 Maggio). Ha poi aggiunto che creare più posti di lavoro non dovrebbe tradursi “in più infortuni sul lavoro”. Per saperne di più.

///

MADRID

La Spagna richiede la seconda quota di fondi Ue. La Spagna, venerdì, ha richiesto i 12 miliardi di euro di fondi europei, ha annunciato la Ministra dell’Economia Nadia Calviño. Per saperne di più.

///

LISBONA

Il sindacato dei lavoratori chiede un aumento del salario minimo. Il segretario generale della Confederazione sindacale del Portogallo, CGTP, sostenuta dai comunisti, domenica ha chiesto misure di controllo dei prezzi e l’aumento del salario minimo a 800 euro al mese. Per saperne di più.

///

ATENE

La Grecia intende discutere della posizione della Turchia verso Russia con gli Stati Ue. Il governo greco dovrebbe discutere con i suoi partner europei la decisione di Ankara di non aderire alle sanzioni occidentali contro Mosca, ha appreso EURACTIV. La posizione turca mette in discussione la narrazione della Turchia come mediatore neutrale nel conflitto Russia-Ucraina. Per saperne di più.


VISEGRAD 

VARSAVIA | VILNIUS

La Polonia importerà gas dalla Lituania. La Polonia ha aperto un nuovo gasdotto per importare il gas dalla Lituania, dopo che la russa Gazprom ha interrotto le consegne al Paese, il 27 aprile. Per saperne di più.

///

PRAGA | BUDAPEST

Praga preme su Budapest per un cambio di atteggiamento verso Mosca. Il Premier ceco Petr Fiala vuole convincere il suo omologo ungherese, Viktor Orbán, a cambiare la posizione sulla Russia. L’Ungheria è infatti tra i Paesi disposti a pagare in rubli le importazioni di gas naturale da Mosca. Una mossa che la Repubblica Ceca reputa inaccettabile, nonostante la sua forte dipendenza dal gas russo. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

La maggior parte degli slovacchi è contro lo stop delle importazioni di gas russo. Più del 60% degli slovacchi non è favorevole all’interruzione delle importazioni di gas russo e il 25% è a favore di uno stop graduale. Solo il 7% richiede un arresto immediato delle forniture, secondo il sondaggio realizzato dell’agenzia Focus. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria rifiuta di unirsi alle indagini internazionali sui crimini russi in Ucraina. Il Consiglio giudiziario supremo (SJC) ha rifiutato di nominare rappresentanti della magistratura bulgara che partecipino alla Commissione internazionale istituita col fine di documentare e investigare sui crimini russi in Ucraina. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA | PARIGI

Il Presidente croato: errore acquistare caccia francesi. Il Presidente croato Zoran Milanović, domenica, ha criticato la decisione del suo Paese di acquistare 12 caccia Dassault Rafale dalla Francia. Milanović li ha definiti “inutili”. Per saperne di più.

///

LUBIANA 

Il prezzo del carburante torna alle stelle in Slovenia.  Domenica, i prezzi della benzina in Slovenia hanno fatto un balzo in avanti dell’8%, e il diesel è diventato più caro di oltre il 20% rispetto a sabato, dopo che il governo ha deciso di porre fine al controllo dei prezzi. Per saperne di più.

///

PRISTINA | BELGRADO

Kosovo e Serbia tornano a negoziare per risolvere la disputa sulle targhe. I capi negoziatori del Kosovo e della Serbia si incontreranno a Bruxelles il 13 maggio per raggiungere un accordo permanente sulla disputa delle targhe, dopo che sei mesi di negoziati condotti dall’Ue non sono serviti a trovare una soluzione. Per saperne di più.

///

TIRANA

Albania, da maggio parte la svolta digitale. Da maggio, gli albanesi dovranno utilizzare il portale di servizi elettronici del governo per usufruire di molti servizi pubblici, compreso il ritiro delle copie dei loro certificati di nascita e il pagamento delle tasse. Per saperne di più.


AGENDA

  • Ue: I Ministri dell’energia dei Paesi Ue si incontrano a Bruxelles per discutere delle conseguenze della guerra della Russia contro l’Ucraina / Inizia la sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo / I Commissari Gentiloni e Dombrovskis parlano alla Commissione Econ del Parlamento europeo / L’Alto Rappresentante dell’Ue per gli affari esteri, Josep Borrell, visita il Canale di Panama.
  • Germania: Il Premier indiano Modi a Berlino in visita al Cancelliere Scholz per le 6° consultazioni governative tra Germania e India.
  • Ungheria: Prima sessione per il nuovo Parlamento.
  • Grecia: Il Re del Belgio Philippe e la regina Mathilde in visita ad Atene.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Sofia Stuart Leeson]