Le Capitali – La Germania cerca di ridurre la propria dipendenza dalla Cina

Mentre il governo tedesco, insieme all'Ue, continua a lavorare a pieno ritmo per liberarsi dalla dipendenza economica dalla Russia, la Germania intensifica anche gli sforzi per ridurre la dipendenza dalla Cina. [Shutterstock/cdrin]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Smartphone e computer portatili, dal 2024 via al caricabatterie unico di Luca Bertuzzi.

Potete anche leggere Bilancio annuale dell’Ue, quasi 300 miliardi di euro per il 2023 di Alessandro Follis.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

BERLINO

La Germania cerca di ridurre la propria dipendenza dalla Cina. La dipendenza della Germania dalle materie prime cinesi sta attirando sempre più l’attenzione del governo già impegnato a pieno ritmo, insieme all’Ue, per liberarsi dalla dipendenza economica dalla Russia, riporta EURACTIV Germania. Per saperne di più.


ISTITUZIONI UE

Renew Europe si oppone al voto di sfiducia contro von der Leyen. Più di due terzi degli eurodeputati del gruppo liberale Renew Europe non appoggiano la proposta di voto di sfiducia nei confronti della Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, come dichiarato a EURACTIV France da fonti vicine alla leadership del gruppo parlamentare. Per saperne di più.

Presidenza ceca: “Dimentichiamo la strategia Farm to Fork per qualche mese”. Sarebbe saggio dimenticare la politica alimentare sostenibile dell’Ue, la strategia Farm to Fork, durante la Presidenza della Repubblica Ceca al Consiglio dell’Ue, per concentrarsi invece sulle strategie per aumentare la produzione alimentare, ha dichiarato a EURACTIV Štěpán Černý, Direttore generale degli affari europei del governo ceco. Per saperne di più.

Il Premier della Macedonia del Nord: auguriamo buona fortuna all’Ucraina, ma a noi l’Ue non ha ancora portato risultati. Lo stallo del processo di adesione all’Ue sta diventando un problema di sicurezza nella regione dei Balcani occidentali, a causa dell’aumento dell’influenza di attori stranieri, ha dichiarato in un’intervista a EURACTIV il Premier della Macedonia del Nord, Dimitar Kovačevski. Per saperne di più.


EUROPA OCCIDENTALE

PARIGI

Legislative in Francia, al voto estero testa a testa tra Macron e Mélenchon. Il Presidente francese Emmanuel Macron e il leader dell’estrema sinistra, Jean-Luc Mélenchon, risultano testa a testa nei risultati del voto estero delle elezioni legislative, pubblicati martedì. Per saperne di più.

///

VIENNA

L’Austria stanzia 400 milioni per le imprese che saranno colpite dal venir meno del gas russo. Il governo coprirà i nuovi costi che deriveranno dalla diversificazione dei fornitori di gas e dal rinnovamento delle infrastrutture, erogando alle aziende 100 milioni di euro all’anno dal 2022 al 2025. Per saperne di più.

///

L’AIA

Paesi Bassi, raddoppiano i casi di vaiolo delle scimmie. Nei Paesi Bassi, i casi di vaiolo delle scimmie sono saliti a 54, rispetto ai 26 registrati lunedì scorso, come riporta il media olandese NL Times. Per saperne di più.


GRAN BRETAGNA E IRLANDA

LONDRA

“Ultimo round di colloqui”, poi il Regno Unito lascerà Horizon Europe. Il governo britannico si prepara a “un’ultima tornata di colloqui” sul progetto di ricerca e innovazione Horizon Europe, ma si prepara a lasciare il progetto, nel caso in cui non riesca a sbloccare la situazione, in stallo da 18 mesi. Il Ministro del governo britannico per la Scienza, George Freeman, sarà a colloquio con le controparti della Commissione Ue mercoledì (8 giugno). Per saperne di più.

///

DUBLINO

L’Irlanda si unisce al test internazionale sulla settimana lavorativa di quattro giorni. Migliaia di lavoratori irlandesi hanno iniziato a sperimentare la settimana lavorativa di quattro giorni, dopo che il Paese si è unito alla sperimentazione internazionale. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

TALLINN | HELSINKI

Finlandia ed Estonia faticano a legalizzare i “pushback”. L’Estonia e la Finlandia stanno avendo difficoltà nel preparare le basi per legalizzare i respingimenti alle frontiere, cosa che Lettonia, Lituania e Polonia avevano fatto l’anno scorso, con l’Ue chiudeva un occhio. Per saperne di più.

///

STOCCOLMA

Il Ministro della giustizia si salva per poco dal voto di sfiducia. Il Ministro svedese della giustizia e degli affari interni, Morgan Johansson, è sopravvissuto per un solo voto alla mozione di sfiducia presentata dai Democratici di Svezia, partito di estrema destra, martedì. Per saperne di più.


SUD EUROPA

LISBONA

Premier portoghese: “Il settore energetico è la maggiore vulnerabilità dell’Europa”. Il settore energetico è “la più grande vulnerabilità che l’Europa ha” in questo momento, ha dichiarato martedì a Parigi il Premier portoghese António Costa. Per saperne di più.

///

ATENE

Sequestro nave russa con petrolio iraniano, Commissione Ue e Grecia non dicono se costituisce violazione di norme Ue. La Commissione europea e le autorità greche non sanno dire se il sequestro della petroliera russa che trasportava petrolio iraniano dalla Grecia costituisca una violazione delle norme europee. Il sequestro è stato anche il motivo per cui le forze navali del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche in Iran (IRGC) hanno sequestrato, il 27 maggio, due petroliere greche nel Golfo Persico, causando disagi alla navigazione internazionale. Per saperne di più.

///

ROMA

La Commissione Ue fiduciosa che l’Italia introdurrà un sistema di salario minimo. Il governo italiano potrebbe rendersi conto dell’importanza di introdurre un sistema di salari minimi nel Paese, ha dichiarato il Commissario europeo per l’occupazione, Nicolas Schmit, ai giornalisti dopo che martedì, a Strasburgo, è stato raggiunto un accordo provvisorio su una direttiva Ue per definire nuove regole su salari minimi adeguati. Per saperne di più.

///

MADRID

Il governo spagnolo stanzia 7,6 miliardi di euro per investimenti diretti nella mobilità. Il governo spagnolo ha stanziato oltre 7,6 miliardi di euro dal suo Piano di ripresa post-pandemia per incrementare gli investimenti diretti nei trasporti e nella mobilità, un settore in trasformazione per adeguarsi alla sfida della sostenibilità. Lo ha dichiarato la Ministra dei trasporti, della mobilità e dell’agenda urbana, Raquel Sánchez. Per saperne di più.


VISEGRAD 

PRAGA

Il Presidente ceco porrà il veto su un disegno di legge sul matrimonio tra persone dello stesso sesso. Il Presidente Miloš Zeman ha dichiarato che porrà il veto sulla proposta di legge che vorrebbe consentire alle coppie omosessuali di sposarsi in Repubblica Ceca, dopo che la Camera bassa del Parlamento ha ricevuto la proposta di legge che modifica il Codice civile in questo senso. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

Alle famiglie polacche sussidi per far fronte alla carenza di carbone e all’aumento dei prezzi. Le famiglie polacche riceveranno sussidi per far fronte all’impatto della scarsità di carbone e dei prezzi elevati. Lo prevede una delle numerose misure di sostegno annunciate martedì dalla Ministra del clima e dell’ambiente Anna Moskwa. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Il Premier bulgaro rifiuta la richiesta di armi pesanti dell’Ucraina. Il Premier bulgaro Kirill Petkov ha risposto con un no categorico all’Ucraina, che aveva chiesto a Sofia, con una nota resa pubblica lunedì, di inviare armi pesanti per fermare l’offensiva russa nel Donbas. Per saperne di più.

///

BUCAREST

I Ministri della difesa del B9 si impegnano a dar priorità alla sicurezza sul fianco orientale della Nato. I Ministri della difesa del gruppo Bucarest Nine (B9), associazione di nove paesi dell’Europa centrale e orientale, hanno adottato una dichiarazione congiunta per ribadire l’impegno a promuovere priorità di difesa e sicurezza sul fianco orientale della NATO. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Il Presidente croato: sanzioni statunitensi in Bosnia “arroganti e intimidatorie”. Le nuove sanzioni statunitensi contro un alto funzionario croato bosniaco rappresentano un “atto  arrogante nei confronti di un legittimo rappresentante del popolo croato”, ha dichiarato martedì il Presidente croato Zoran Milanović, alzando ulteriormente il tiro della sua retorica nazionalista, spesso rivolta contro l’Occidente. Per saperne di più.

///

LUBIANA 

Slovenia, la Corte sospende le norme sulla Responsabilità estesa del produttore. La Corte Costituzionale ha sospeso l’attuazione delle disposizioni di una nuova legge sulla protezione ambientale che riguardano la Responsabilità estesa del produttore (EPR). Per saperne di più.

///

BELGRADO

L’Ue rischia di perdere credibilità, se trascura i Balcani occidentali. L’Ue perderà credibilità se non si concentrerà sull’integrazione nel blocco dei Paesi dei Balcani occidentali, minacciati dalla guerra della Russia in Ucraina. Lo hanno dichiarato martedì i relatori di una conferenza a cui hanno partecipato rappresentanti di alto livello delle istituzioni e della società civile serba e rumena. Per saperne di più.

L’Onu affronterà il tema della “pulizia etnica” durante le amministrative nella Valle di Preševo. La questione della rimozione di massa dell’etnia albanese dalle liste elettorali nella Valle di Preševo, nel sud della Serbia, sarà discussa dalle Nazioni Unite, dopo un incontro tra i rappresentanti politici albanesi e l’ambasciatore dell’Albania all’Onu. Per saperne di più.

///

TIRANA

Varhelyi partecipa ad Open Balkan, nonostante il placet russo all’iniziativa. L’annuncio che il Commissario europeo per l’allargamento Oliver Varhelyi parteciperà al secondo giorno dell’iniziativa Open Balkan, appena un giorno dopo che il Ministro degli esteri russo Sergei Lavrov è sembrato sostenerla, ha suscitato l’indignazione di politici e analisti albanesi. Per saperne di più.


 AGENDA

  • Ue: Il Taoiseach irlandese Micheal Martin e il Presidente del Parlamento ucraino Ruslan Stefanchuk intervengono al Parlamento europeo / Il Parlamento europeo vota sul Fit for 55 / La Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen partecipa al dibattito sulle conclusioni della riunione speciale del Consiglio europeo del 30-31 maggio 2022 / L’Ufficio europeo per la lotta antifrode (OLAF) tiene una conferenza stampa sulla sua relazione annuale / L’Alto Rappresentante per gli Affari esteri dell’Ue, Josep Borrell, partecipa alla riunione del Consiglio ministeriale dell’Ocse 2022 / Il Commissario per l’allargamento Olivier Varhelyi partecipa al vertice Open Balkan a Ohrid, in Macedonia del Nord.
  • Francia: Cena di lavoro tra il Presidente francese Emmanuel Macron e il Premier italiano Mario Draghi a Parigi.
  • Spagna: Il Premier Pedro Sánchez espone al Parlamento le conclusioni dell’ultimo Consiglio europeo, riferisce dei nuovi legami con il Maroccoe e della nuova politica spagnola nel Sahara occidentale.
  • Italia: Il Premier Draghi partecipa alla cerimonia di apertura della Riunione a livello ministeriale del Consiglio dell’Ocse.
  • Grecia: Proteste per il trattamento dei migranti e la violenza alle frontiere.
  • Turchia: Il Ministro degli esteri russo Sergei Lavrov in Turchia insieme a una delegazione militare.
  • Mondo: Giornata mondiale degli oceani.
  • Balcani occidentali: Secondo giorno del vertice “Open Balkan”, che si svolge a Ohrid, in Macedonia del Nord.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Vlad Makszimov, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Sofia Stuart Leeson, Eleonora Vasques]