Le Capitali – La destra francese “al verde” in vista delle elezioni legislative

Valérie Pécresse, con il 4,78% raggiunto al primo turno delle presidenziali francesi, è scesa sotto la soglia di preferenze del 5% e questo impedisce al suo partito di accedere ai 7 milioni di euro di rimborsi statali su cui inizialmente aveva fatto affidamento. [EPA-EFE/ADNAN FARZAT]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

PARIGI

I Repubblicani francesi rimasti con le tasche vuote. I Repubblicani hanno esaurito i fondi per finanziare la campagna in vista delle elezioni legislative di giugno e fanno ora appello alle donazioni, ha rivelato martedì il tesoriere del partito di destra francese. Per saperne di più.

La sconfitta di Mélenchon dà slancio alla sinistra europea. Il candidato francese di sinistra Jean-Luc Mélenchon non è riuscito a raggiungere il secondo turno delle elezioni presidenziali del 10 aprile, ma la sinistra europea è incoraggiata terzo posto da lui conquistato. Per saperne di più.

///

BERLINO

L’Ucraina rifiuta di accogliere il Presidente tedesco per i suoi legami con la Russia. Il Presidente della Repubblica Federale tedesca Frank-Walter Steinmeier ha cancellato il suo viaggio a Kiev dopo che le autorità ucraine, martedì, hanno riferito che non è il benvenuto a causa dei suoi presunti legami con il Cremlino. Per saperne di più.

///

VIENNA

Il Cancelliere austriaco sotto tiro dopo il viaggio a Mosca. Il Cancelliere austriaco Karl Nehammer è sotto tiro per il suo recente viaggio a Mosca, in cui ha incontrato il Presidente russo Vladimir Putin. Le ragioni degli attriti sono l’apparente fallimento della missione e il fatto che non avesse informato della visita il Presidente e il vice-Cancelliere. Per saperne di più.

///

L’ AIA

Covid-19, in Olanda contagi in calo. Il numero medio di contagi giornalieri da Covid-19 nei Paesi Bassi è sceso sotto la soglia dei 10.000. Non succedeva da novembre, riferiscono le autorità sanitarie nell’ultimo rapporto pubblicato martedì. Per saperne di più.


GRAN BRETAGNA E IRLANDA

LONDRA

Johnson multato per il partygate, ma rifiuta di dimettersi. Il Primo Ministro inglese Boris Johnson e il Ministro delle Finanze Rishi Sunak hanno rifiutato di dimettersi dopo essere stati multati dalla polizia per aver violato le regole del lockdown a Downing Street, nel giugno 2020. Per saperne di più.

///

DUBLINO 

Emittente irlandese denunciata per diffamazione. I Parlamentari europei Clare Daly e Mick Wallace, lunedì, hanno presentato cause separate per diffamazione contro l’emittente nazionale irlandese RTÉ. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

COPENAGHEN

Un danese su tre ancora incerto sul referendum sulla difesa. I danesi sono divisi in vista del referendum che si terrà il primo giugno. Un terzo di loro sono a favore dell’eliminazione dell’opt-out per unirsi in materia di difesa alla cooperazione con l’UE. Quasi altrettanti cittadini, però, sono contro o presentano ancora dubbi, afferma uno studio condotto da Epinion per DR Nyheder. Per saperne di più.

///

HELSINKI | STOCCOLMA

Finlandia e Svezia si avvicinano a un futuro nella NATO. La Finlandia e la Svezia sono sempre più vicine all’ingresso nella NATO. Helsinki dovrebbe produrre un rapporto sulla politica di sicurezza del Paese questo giovedì. Sarebbe un passo chiave verso la sua candidatura. Per saperne di più.

///

STOCCOLMA

L’esercito svedese non esclude l’uso di armi chimiche da parte dei russi in Ucraina. Che l’esercito russo usi armi chimiche a Mariupol è “improbabile ma non da escludersi”, ha detto lunedì il tenente colonnello svedese Joakim Paasikivi all’emittente televisiva statale SVT durante un’intervista. Per saperne di più.

///

OSLO

Nuovi Ministri nominati in Norvegia dopo lo scandalo sessuale. Il governo norvegese ha nominato due nuovi Ministri martedì, dopo che l’ex Ministro della difesa Odd Roger Enoksen ha annunciato le sue dimissioni, visto il coinvolgimento in uno scandalo sessuale. Per saperne di più.

///

VILNIUS

I legislatori lituani sollecitano la condanna della comunità internazionale all’aggressione russa. La comunità internazionale dovrebbe condannare all’unanimità l’aggressione e i crimini di guerra commessi dalla Russia in Ucraina e classificarli come genocidio contro la nazione ucraina, affermano i deputati lituani in una risoluzione adottata all’unanimità martedì. Per saperne di più.


SUD EUROPA 

ATENE

L’Ue: la Grecia recepisca la direttiva sulla protezione degli informatori. Nel vivo del processo a due giornalisti sullo scandalo Novartis, la Commissione europea ha nuovamente invitato il governo greco a integrare nella legge nazionale la direttiva sulla protezione delle persone che denunciano la corruzione, riporta EURACTIV. Per saperne di più.

///

MADRID

La Spagna promette di rafforzare il dialogo nel Sahara occidentale. Il governo spagnolo ha ribadito il suo impegno a trovare una soluzione praticabile al conflitto nel Sahara occidentale. Madrid, come riferiscono fonti diplomatiche a EFE, partner di EURACTIV, ha parlato di una soluzione che venga accettata sia dal Marocco che dal Fronte Polisario, il movimento di liberazione nazionalista Sahrawi. Per saperne di più.

///

LISBONA

Denunce di abusi sessuali alla Chiesa cattolica portoghese. Duecentonovanta persone hanno depositato davanti a una commissione indipendente testimonianze degli abusi sessuali perpetrati dalla Chiesa cattolica portoghese. Sedici di queste sono già state consegnate al Procuratore. Per saperne di più.


VISEGRAD 

VARSAVIA

La Polonia si rifiuta di pagare la multa alla Commissione europea, e il totale cresce. La Commissione europea ha chiesto al governo polacco di pagare una multa da 42 milioni di euro per non aver rispettato una sentenza della Corte di giustizia dell’Ue, ha riferito la radio polacca RMF FM. Per saperne di più.

///

PRAGA

La Repubblica Ceca vuole impegnare i fondi UE per la ripresa a favore dei profughi ucraini. La Repubblica Ceca vuole destinare i fondi Ue per la ripresa post Covid-19 ai rifugiati ucraini. Per questo motivo dovrà ritoccare il Recovery Plan nazionale. Se il cambio verrà consentito, sarà richiesta nuovamente l’approvazione della Commissione europea. Per saperne di più.

///

BUDAPEST 

Le Ong ungheresi in tribunale dopo la multa sul referendum. Alcune Ong ungheresi, multate subito dopo le elezioni per la loro campagna a supporto del voto nullo nel referendum ritenuto omofobo, andranno in tribunale, riporta Telex. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

Gli Stati Uniti invieranno centinaia di soldati in Slovacchia. Almeno 600 soldati americani arriveranno in Slovacchia per il rafforzamento del fianco orientale della NATO e saranno integrati con sistemi di difesa di alto livello, ha confermato il Ministro della difesa Jaroslav Naď (OĽaNO). Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA | SKOPJE

Bulgaria, resta netto il no all’avvio di colloqui Ue con Skopje. La posizione della Bulgaria rimane invariata: Sofia si rifiuta di rimuovere il veto dall’avvio di colloqui per l’adesione della Macedonia del Nord all’UE, ha annunciato martedì il Ministero degli esteri. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

La BEI sosterrà la Croazia nella corsa verso le energie rinnovabili. La Banca europea per gli investimenti finanzierà e sosterrà progetti per costruire impianti di stoccaggio per l’energia rinnovabile, ha detto martedì la Global Relationship Manager della Croazia, Olga Pascenco. Per saperne di più.

///

BELGRADO 

La Camera di Commercio serba chiede alle imprese di aiutare gli ucraini. Le aziende in Serbia, nei limiti delle loro possibilità, dovrebbero unirsi alla raccolta di aiuti umanitari a sostegno del popolo ucraino, ha detto martedì Marko Cadez, Presidente della Camera di Commercio della Serbia. Per saperne di più.

///

SARAJEVO | ZAGABRIA 

Flussi di migranti in calo al confine tra Croazia e Bosnia. Il numero di migranti irregolari che cercano di entrare in Croazia dal cantone dell’Una-Sana, nella parte occidentale della Bosnia ed Erzegovina, è in costante diminuzione. I migranti cercano altri percorsi per entrare nei Paesi dell’UE, riferiscono le stime degli organi di governo e della polizia locale in Bosnia occidentale. Per saperne di più.

///

SARAJEVO 

Alto rappresentante per la Bosnia ed Erzegovina sospende la legge sui beni immobili nella RS. L’Alto rappresentante per la Bosnia ed Erzegovina, Christian Schmidt, martedì ha deciso di sospendere la legge sulla proprietà immobiliare nella Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina (RS), una delle entità della Bosnia ed Erzegovina. Per saperne di più.

///

SKOPJE

Gruevski: per proteggere gli interessi macedoni mi sono fatto molti nemici. L’ex Primo Ministro Nikola Gruevski ha risposto alla decisione del governo degli Stati Uniti di metterlo nella lista nera per presunta corruzione, dicendo che la sua lotta per proteggere gli interessi macedoni “ha irritato alcuni Paesi” e gli è valsa molti nemici, tra cui il miliardario ungherese-americano George Soros. Per saperne di più.

///

PODGORICA | SKOPJE 

Đukanović preoccupato che la Serbia venga armata da paesi ostili all’Europa e alla NATO. Qualsiasi riarmo, compreso quello della Serbia, può destare preoccupazione perché aumenta la sensazione di minaccia alla sicurezza in Europa, ha detto martedì a Cetinje il Presidente montenegrino Milo Đukanović. Per saperne di più.

///

TIRANA

Dalla BERS milioni di credito all’agroalimentare e al turismo albanese. L’Albania e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo hanno firmato un accordo per garantire più fondi alle aziende albanesi del settore agroalimentare e del turismo. Per saperne di più.

///

TIRANA | BELGRADO

Il Premier albanese liquida l’acquisto di armi cinesi da parte della Serbia. Il Primo Ministro albanese Edi Rama ha riferito che non vede perché preoccuparsi se la Serbia acquista armi cinesi mentre è in corso l’invasione dell’Ucraina da parte del suo alleato russo. Per saperne di più.


AGENDA

  • Ue: Assemblea parlamentare euro-latinoamericana
  • Francia: Il Consiglio dell’Agenzia Spaziale Europea tiene una sessione straordinaria.
  • Cipro: Il Presidente della Repubblica di Cipro Nicos Nikos Anastasiadīs incontra il leader turco-cipriota Ersin Tatar nella zona cuscinetto di Nicosia.
  • Croazia: La Ministra dell’Agricoltura Marija Vučković presenta a 33 beneficiari nuovi accordi di sovvenzione nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale, con un sostegno approvato del valore di oltre 65 milioni di kune (8,66 milioni di euro).
  • Bulgaria: Membri della Commissione per i bilanci del Parlamento europeo in visita informativa.
  • Serbia: Il primo forum franco-serbo sull’innovazione sarà organizzato nel Museo della scienza e della tecnologia dall’ambasciata francese in Serbia, con l’Istituto francese in Serbia e la Fondazione Tempus. / La Ministra per l’integrazione europea Jadranka Joksimović firmerà un accordo con l’Unione europea che darà alla Serbia 12 milioni di euro di aiuti per finanziare la lotta contro la pandemia. Il capo della delegazione UE Emanuel Giaufret parteciperà alla cerimonia della firma.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Sofia Stuart Leeson]