Le Capitali – La Commissione UE: la pandemia ha aumentato i rischi di corruzione in Italia

Nonostante siano state avviate iniziative per combattere la corruzione e la collaborazione tra le istituzioni stia funzionando bene, gli sforzi sono stati "ostacolati dall'eccessiva tempistica dei processi penali", afferma il report della Commissione. [EPA-EFE/Riccardo Antimiani]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Clima, le emissioni del turismo spaziale preoccupano gli esperti di Alessandro Follis, EURACTIV Italia.

Leggete anche Un nuovo Spazio europeo della ricerca? di Federica Martiny, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

ROMA

“Durante la pandemia da Covid-19 è aumentato in modo significativo il rischio di corruzione in Italia”: lo afferma la Commissione europea nella sua pagella sullo stato di diritto nei paesi dell’Unione, diffusa martedì 20 luglio.

In particolare, secondo l’esecutivo dell’UE, le conseguenze economiche legate al virus hanno accresciuto la possibilità “di crimini legati alla corruzione, volti a penetrare più in profondità l’economia in Italia”. Nonostante siano state introdotte iniziative per combattere la corruzione e la collaborazione tra istituzioni funzioni bene, scrive il report, gli sforzi sono “ostacolati dai tempi eccessivi dei processi penali”, soprattutto in appello: quello dei processi arretrati, per la Commissione, è una delle “serie sfide” a cui il Paese deve fare fronte.

Stato di diritto, Ungheria e Polonia fanalino di coda dell'Ue. In Italia più corruzione con il Covid

Maglia nera per Budapest e Varsavia su indipendenza della magistratura e pluralismo dei media. La Polonia ha tempo fino al 16 agosto per rispettare le decisioni Corte Ue o ci saranno multe.

La Commissione europea ha pubblicato la seconda relazione sullo …

Nella relazione si riconosce comunque che il “sistema giudiziario italiano continua ad essere oggetto di una serie” di azioni “volte a migliorarne la qualità e l’efficienza, comprese le proposte di legge per lo snellimento delle procedure civili e penali, ancora in discussione in Parlamento”, misure “particolarmente importanti per affrontare le gravi sfide legate all’efficienza del sistema giudiziario” assieme alla digitalizzazione e all’aumento delle risorse umane.

Inoltre, come già emerso dalla classifica sullo stato di salute nei sistemi giudiziari dell’Ue pubblicata nelle scorse settimane, anche il report della Commissione conferma la forte percezione di una scarsa indipendenza della magistratura dalla politica. Per questo il commissario Ue alla Giustizia, Didier Reynders, ha giudicato “positivo” il disegno di legge sulla riforma del Consiglio superiore della Magistratura in discussione al Parlamento, che per deve “tenere conto delle raccomandazioni del Consiglio d’Europa”.

Infine, sul tema della regolamentazione dei media, la Commissione Ue ha ricordato che “l’Italia dispone di un solido quadro legislativo dotato di risorse adeguate ed efficaci”, tuttavia “la prevista riforma delle leggi sulla diffamazione rimane in sospeso in Parlamento e l’indipendenza politica dei media italiani rimane una questione preoccupante, in particolare nel settore audiovisivo”.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

PRESIDENZA UE

Le parti sociali e le regioni avranno voce in capitolo nella conferenza sul futuro dell’UE. Il comitato esecutivo della Conferenza sul futuro dell’Europa ha deciso nella sessione di lunedì di assegnare più seggi nella plenaria della conferenza ai rappresentanti regionali e locali e alle parti sociali, ha affermato la presidenza slovena dell’UE.

(Sebastijan R. Maček | sta.si)

///

BERLINO

Le aree allagate della Germania riceveranno rapidamente aiuti finanziari.La cancelliera Angela Merkel e il candidato cancelliere conservatore Armin Laschet hanno visitato martedì le aree allagate della Germania occidentale, promettendo rapidi aiuti finanziari alle regioni.

(Nikolaus J. Kurmayer | EURACTIV.de)

///

PARIGI

La Francia riflette sulle nuove restrizioni anti-COVID-19. Mentre la Francia affronta un'”esplosione” di casi COVID-19 a causa della variante Delta, secondo il portavoce del governo Gabriel Attal, l’esecutivo sembra prendere in considerazione nuove restrizioni.

(Magdalena Pistorius |  EURACTIV France)

///

VIENNA

Il rapporto della Commissione Ue accusa l’Austria di attacchi alla magistratura.Una serie di tendenze preoccupanti, tra cui gli attacchi verbali all’indipendenza della magistratura, i rischi per l’integrità dei parlamentari e l’elevata quantità di pubblicità statale, si registrano in Austria, ha scritto la Commissione europea nel suo rapporto sullo stato di diritto nel paese.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO | LONDRA

Johnson: L’UE deve mostrare “pragmatismo” nell’affrontare le questioni del protocollo per l’Irlanda del Nord. Il primo ministro irlandese Micheál Martin e il primo ministro Boris Johnson hanno discusso faccia a faccia prima dell’annuncio di mercoledì delle proposte della Gran Bretagna per cambiare il modo in cui viene implementato il protocollo per l’Irlanda del Nord. Downing Street ha riferito che Johnson ha detto a Martin che l’UE deve mostrare “pragmatismo” nell’affrontare i problemi relativi al protocollo, secondo quanto riportato dall’Irish Times.
“Il primo ministro ha sottolineato che il modo in cui il protocollo sta attualmente operando sta causando notevoli disagi per la popolazione dell’Irlanda del Nord. Ha chiarito l’impegno del governo del Regno Unito a proteggere l’accordo del Venerdì santo in tutte le sue dimensioni. Ha detto che l’UE deve mostrare pragmatismo e trovare le soluzioni necessarie per affrontare le gravi sfide che sono emerse con il protocollo”, ha detto un portavoce.

(Paula Kenny | EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

NICOSIA

Cipro esorta il mondo a usare toni più duri con Erdogan. Se il mondo non reagirà alle nuove azioni provocatorie del presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, la Turchia sarà incoraggiata a continuare, non solo a Cipro, ma in tutta la regione in cui si estende il ruolo destabilizzante del paese, in un modo che mina anche gli interessi degli Stati Uniti, ha detto martedì Nikos Christodoulides, ministro degli Esteri di Cipro.

(EURACTIV.com with Cyprus news agency)

///

MADRID

La Spagna ha vaccinato completamente metà della popolazione. Secondo il ministero della salute, poco più della metà della popolazione spagnola, ovvero 24,4 milioni di persone, è ora completamente vaccinata contro il COVID-19.

In altre notizie, il governo spagnolo ha presentato un disegno di legge che vieterà la glorificazione della rivolta militare del 1936 che rovesciò la Seconda Repubblica spagnola e diede il via alla guerra civile e alla decennale dittatura di Francisco Franco.

(EuroEFE)

///

LISBONA

Il Primo Ministro portoghese prevede l’immunità di gregge entro la fine dell’estate. Il Portogallo dovrebbe raggiungere l’immunità di gruppo entro la fine dell’estate, ha affermato martedì il primo ministro António Costa, aggiungendo che ciò sarà “un momento molto importante per la fiducia e la totale liberazione della società”.

(Alexandra Noronha |  Lusa.pt)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Un gruppo di esperti: la proprietà dei media in Repubblica Ceca è concentrata e non trasparente. La proprietà dei media cechi è molto concentrata e non sempre trasparente, secondo il Media Pluralism Monitor pubblicato dall’Istituto universitario europeo.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

VARSAVIA

La Commissione Ue dà alla Polonia un ultimatum per conformarsi alle decisioni della CGUE. L’esecutivo dell’UE ha dato alla Polonia il termine del 16 agosto per conformarsi all’ordinanza emessa dalla Corte di giustizia dell’UE (CGUE) la scorsa settimana, che ha invitato il Paese a congelare tutte le azioni della camera disciplinare contro i giudici e ha stabilito che la sezione disciplinare del sistema giudiziario del paese è in contrasto con i trattati dell’UE.

(Martyna Kompała |  EURACTIV.pl)

///

BUDAPEST

Scandalo Pegasus: indaga la procura ungherese. L’ufficio del procuratore generale sta esaminando il software spia israeliano che ha preso di mira giornalisti, avvocati, politici e uomini d’affari ungheresi, mentre l’ufficio dati del paese è in vacanza, ha riferito Telex martedì.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

BRATISLAVA

Messe papali in Slovacchia solo per vaccinati. Solo coloro che sono completamente vaccinati contro il Covid-19 potranno partecipare all’incontro con papa Francesco, che visiterà la Slovacchia a settembre, ha annunciato il ministro della Salute Vladimír Lengvarský, dopo che è stato raggiunto un accordo con il presidente della Conferenza episcopale slovacca Stanislav Zvolenský.

(Marián Koreň |  EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Bulgaria condannata per trattamento disumano nei confronti di un giornalista turco estradato. La Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha condannato la Bulgaria per trattamento disumano e degradante nei confronti di un giornalista estradato in Turchia, nonostante i rischi di abusi durante la persecuzione dei gulenisti nel paese.

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

La Commissione Ue riconosce i progressi della Romania nella riforma giudiziaria.La Romania sta lavorando per rivedere i cambiamenti apportati alcuni anni fa al sistema giudiziario che hanno sollevato molte preoccupazioni, ha affermato l’esecutivo dell’UE, indicando però uno stallo nelle discussioni.
Secondo il rapporto annuale della Commissione sullo stato di diritto, il governo rumeno “propone riforme volte a rispondere alle preoccupazioni sollevate dalle modifiche alle leggi sulla giustizia del 2017-2019, che hanno suscitato critiche per il loro impatto negativo sull’indipendenza, la qualità e l’efficienza della giustizia”. A Bucarest, tuttavia, le cose non sembrano così rosee. La coalizione di governo è bloccata su come smantellare la Sezione per le Indagini sui Reati nella Magistratura, la cui creazione qualche anno fa è stata pesantemente criticata. Mentre il governo ha proposto un disegno di legge per abolire questa sezione a febbraio, la sua adozione è stata ritardata in Parlamento, con i partner della coalizione che si accusano a vicenda di non voler effettivamente continuare l’iter.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)
///

ZAGABRIA

Dodici politici di Spalato arrestati con l’accusa di corruzione. Il sindaco di Spalato Ivica Puljak ha confermato che la polizia e l’ufficio anticorruzione dell’USKOK stanno indagando sull’amministrazione della città, e che lui farà tutto ciò che è in suo potere per risolvere eventuali casi di corruzione.
Gli arrestati erano coinvolti nel settore edile, compreso un ex capo del dipartimento di pianificazione e costruzione dell’amministrazione comunale. Alcuni degli arrestati sono membri o vicini a HGS, un partito organizzato e guidato dal magnate eljko Kerum. La nuova amministrazione di Spalato, come quella di Zagabria, è entrata nella sua posizione propugnando la tolleranza zero alla corruzione. Le istituzioni corrotte a livello locale e provinciale in Croazia sono state spesso menzionate dagli investitori stranieri come il più grande ostacolo all’espansione degli affari e degli investimenti.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

I funzionari sanitari serbi annunceranno nuovi incentivi ai vaccini. Nei prossimi giorni saranno presentati nuovi incentivi per il vaccino contro il COVID-19 per i residenti in Serbia, ha affermato Mirsad Djerlek, segretario di stato presso il ministero della salute del paese.

(betabriefing and EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO | MOSCA

La Russia chiede al Consiglio di sicurezza dell’Onu di abolire la carica di Alto rappresentante in Bosnia-Erzegovina. La Russia ha chiesto che giovedì si tenga un voto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sulla sua recente bozza di risoluzione, che se adottata comporterebbe la chiusura dell’istituzione dell’amministratore internazionale della Bosnia entro la fine di luglio del prossimo anno, ha riferito l’AFP.
Spetta ora alla Francia decidere sulla richiesta, poiché il paese detiene la presidenza del Consiglio di sicurezza per questo mese. La bozza di risoluzione, appoggiata anche dalla Cina, priverebbe immediatamente anche l’alto rappresentante della comunità internazionale, incaricato di sovrintendere all’attuazione civile dell’Accordo di pace di Dayton del 1995, dei suoi poteri speciali.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

SKOPJE

La Macedonia del Nord approva il disegno di legge sugli stupefacenti e le sostanze psicotrope. Il governo della Macedonia del Nord ha approvato il testo del disegno di legge sul controllo degli stupefacenti e delle sostanze psicotrope, che è armonizzato con diversi atti internazionali.

(Zeljko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PODGORICA

Usa e Montenegro avviano un dialogo economico. Gli Stati Uniti e il Montenegro avvieranno un dialogo economico bilaterale nei prossimi mesi, approfondendo la cooperazione nei settori del commercio e degli investimenti per creare nuove opportunità di investimento per le società statunitensi, ha affermato l’ambasciatore statunitense Judy Rising Reinke.
Secondo la dichiarazione, parlando dell’ambiente imprenditoriale in Montenegro, Rising Reinke ha fatto riferimento ai benefici che l’adesione alla NATO ha portato al paese. “Non è un segreto che gli investitori cerchino stabilità e prevedibilità. A lungo termine, ogni nuovo investimento implica nuovi posti di lavoro, sviluppo infrastrutturale, reddito aggiuntivo e un migliore tenore di vita per i cittadini del Montenegro”.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

PRISTINA
La Turchia cerca il sostegno degli Stati Uniti per rafforzare lo status internazionale del Kosovo. Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha detto che sta facendo del suo meglio per aumentare il numero di paesi nel mondo che riconoscono il Kosovo.
“Vogliamo aumentare il numero, che attualmente è di 114”, ha detto, secondo exit.al. “A questo punto, discuteremo nuovamente di questi temi negli incontri con Biden all’Assemblea generale delle Nazioni Unite quest’anno. Vorremmo svolgere un lavoro congiunto sul riconoscimento del Kosovo e glielo proporremo”, ha affermato Erdoğan.
Sotto il presidente Aleksandar Vučić, la Serbia ha intrapreso una campagna diplomatica per spingere i paesi a ritirare il riconoscimento del Kosovo, ma non è chiaro quanto successo abbia avuto. Nel 2020, Vučić si è impegnato a porre fine a questa campagna in un documento firmato alla Casa Bianca. In cambio, il Kosovo si è impegnato a sospendere per un anno i suoi tentativi di chiedere l’adesione alle organizzazioni internazionali.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA: 

  • Belgio: festa nazionale/istituzioni UE iniziano la pausa estiva.
  • Francia: il pass sanitario diventa obbligatorio nei luoghi culturali che ospitano più di 50 persone.
  • Paesi Bassi: funerali del giornalista ucciso Peter R. de Vries.
  • Irlanda/Regno Unito: il ministro della Brexit David Frost e il segretario dell’Irlanda del Nord Brandon Lewis rilasceranno mercoledì alla Camera dei Lord e alla Camera dei Comuni le nuove proposte per il protocollo per l’Irlanda del Nord.
  • Italia: Riunione della cabina di regia del governo per decidere nuove misure COVID-19.
  • Bulgaria: il Parlamento si riunisce per la prima volta dopo che le elezioni anticipate
  • Serbia: delegazione parlamentare serba, guidata dal presidente dell’Assemblea nazionale Ivica Dačić, in visita di due giorni in Italia.

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie Le Blond]