Le Capitali – La Bulgaria fa passi in avanti verso l’acquisto del vaccino Sputnik V

Kornelia Ninova, leader del Partito socialista bulgaro (Bsp). [Tsvetelina Belutova/Dnevnik]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Aerei, i biocarburanti sfidano l’idrogeno come combustibili del futuro di Alessandro Follis, EURACTIV Italia.

Leggete anche Balcani, gli Stati Uniti spingono per l’adesione all’Ue dopo il “non paper” sulla Bosnia  di Andrea Bianchi, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

SOFIA

Una commissione parlamentare bulgara ha approvato una mozione per acquistare il vaccino russo Sputnik V, nonostante non sia stato approvato per l’uso nell’Ue.

La commissione salute del parlamento recentemente costituito ha sostenuto la proposta dei socialisti (Bsp) di iniziare i negoziati per l’acquisto dello Sputnik V, sostenendo che il fallimento del governo fino ad oggi nel fornire vaccini ai cittadini dovrebbe essere compensato dal vaccino russo.

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

PRESIDENZA UE

“Agire senza indugio” per aiutare il turismo europeo, esorta il Portogallo. Il Portogallo ha esortato gli stati membri e le istituzioni Ue ad “agire senza indugio” per sostenere il turismo europeo a riprendersi dalla crisi, chiedendo anche un rapido progresso nella creazione del passaporto verde.

(Ana Matos Neves | Lusa.pt)

I sostenitori dei lavoratori chiedono più “democrazia sul lavoro” in vista del vertice di Porto. I sindacati e altri sostenitori dei lavoratori continuano a spingere per un maggiore coinvolgimento dei lavoratori nelle decisioni aziendali, etichettando questo come una spinta per “più democrazia sul lavoro”. Vogliono vedere questo argomento giocare un ruolo più importante nell’agenda dell’Ue, in particolare al prossimo vertice sociale di Porto.

(Sarah Lawton | EURACTIV.de)

///

BERLINO

Angela Merkel chiede di riprendere il dialogo sui diritti umani con la Cina. La cancelliera tedesca Angela Merkel ha chiesto che il dialogo con Pechino sui diritti umani riprenda al più presto, nelle sue ultime consultazioni di governo con la Cina come leader della più grande economia europea.

(EURACTIV.com)

///

PARIGI

Macron dovrebbe presentare venerdì la strategia di uscita dal lockdown della Francia. Il presidente Emmanuel Macron presenterà i prossimi passi nella lotta contro il Covid-19 alla fine della settimana, ha annunciato il primo ministro Jean Castex in una conferenza stampa mercoledì. L’esecutivo vuole installare un “regime transitorio” che dovrebbe durare fino al 31 ottobre, dopo che le attuali restrizioni del Covid-19 finiranno il 2 giugno.

(Magdalena Pistorius | EURACTIV.fr)

In altre notizie, il governo francese ha anche presentato il suo progetto di legge antiterrorismo, che propone di rafforzare le disposizioni della legge del 2017 sulla sicurezza interna e la lotta al terrorismo.

(Mathieu Pollet | EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Via libera all’apertura di terrazze e bar. Il Comitato di consultazione del Belgio ha ormai dato definitivamente il via libera alla riapertura dei locali all’aperto l’8 maggio. Per questa riapertura, due importanti condizioni dovevano essere soddisfatte: che la fascia di età superiore ai 65 anni raggiungesse un tasso di vaccinazione superiore all’80% e che le condizioni in terapia intensiva fossero migliorate nelle ultime due settimane.

(Alexandra Brzozowski | EURACTIV.com)


REGNO UNITO E IRLANDA

BELFAST | LONDRA

La leader del Dup Arlene Foster si dimette. La leader del Partito Democratico Unionista Arlene Foster ha annunciato le sue dimissioni mercoledì. Lascerà la sua posizione di leader del Dup il 28 maggio e quella di primo ministro dell’Irlanda del Nord a giugno. Nel suo discorso, si è scagliata contro il protocollo post-Brexit per l’Irlanda del Nord.

(Benjamin Fox e Paula Kenny | EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Il governo finlandese sfugge al collasso e abbandona la stretta prudenza fiscale. Dopo una settimana di negoziati sul bilancio, il governo finlandese a cinque partiti ha raggiunto un accordo mercoledì pomeriggio, sfuggendo al rischio di collasso. I presidenti dei cinque partiti di governo hanno detto che sono stati raggiunti accordi di compromesso su questioni centrali.

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)

///

VILNIUS | RIGA | TALLINN

La Russia espelle due diplomatici lituani per ripicca. Il ministero degli Esteri russo ha espulso due diplomatici dall’ambasciata lituana a Mosca, così come un dipendente ciascuno delle ambasciate di Lettonia ed Estonia. La mossa è stata una risposta all’espulsione di diversi diplomatici russi la scorsa settimana da parte dei paesi baltici.

(Benas Gerdžiūnas | lrt.lt)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA | PARIGI

Il governo italiano accoglie con favore l’arresto di sette ex membri delle Brigate Rosse. Roma ha accolto con favore l’arresto da parte delle autorità francesi di sette ex membri del gruppo terroristico di sinistra delle Brigate Rosse, attivo negli anni ’70 e ’80. Altri tre ex membri delle Brigate Rosse sono ancora in fuga.

“Il ricordo di quegli atti barbari è ancora vivo in Italia”, ha detto il primo ministro Mario Draghi. In aprile, i ministri della giustizia italiano e francese, Marta Cartabia e Eric Dupond-Moretti, hanno discusso dell’urgenza di arrestare i terroristi italiani che si nascondono in Francia prima che scadano i termini di prescrizione dei mandati d’arresto europei per la loro cattura.

In altre notizie, il ministro della Salute Roberto Speranza è sopravvissuto a tre mozioni di sfiducia presentate contro di lui al Senato dal partito di opposizione di estrema destra Fratelli d’Italia e da due membri del gruppo misto.

“Le mozioni affermavano che il piano contro i focolai pandemici non era aggiornato, ma si riferivano a un periodo in cui l’Italia ha avuto sette governi diversi”, ha detto Speranza.

“Il virus è il nemico ora, ma noi, purtroppo, vediamo persone che preferiscono il conflitto politico e i discorsi di odio, che non possono mai essere tollerati”, ha aggiunto.

(Alessandro Follis | EURACTIV.it)

///

MADRID

Un nuovo sondaggio prevede la vittoria del Partito Popolare nella ‘battaglia di Madrid’. Un sondaggio ha messo il Partito Popolare (Pp) di centro-destra spagnolo davanti ai suoi rivali a meno di una settimana dal voto per le elezioni regionali del 4 maggio a Madrid. Lo riferisce EFE, partner di EURACTIV.

///

ATENE

Tsipras appoggia AstraZeneca e denuncia l’approccio “mono-industriale” dell’Europa. Il principale leader dell’opposizione greca, Alexis Tsipras, ha dato il suo sostegno al tanto criticato vaccino AstraZeneca, mettendo in discussione il motivo per cui il suo vaccino Covid-19 è stato lanciato senza drammi nel Regno Unito ma non nell’Ue, implicando che interessi politici e commerciali erano in gioco.

(Sarantis Michalopoulos | EURACTIV.com)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

Il governo polacco presenta un piano per eliminare le restrizioni Covid-19 a maggio. Il governo polacco ha svelato i piani per eliminare gradualmente le restrizioni Covid-19 nel corso del prossimo mese, con i gradi 1-3 che torneranno alla scuola in persona a tempo pieno a partire dal 4 maggio.

(Anna Wolska | EURACTIV.pl)

///

PRAGA

L’agenzia spaziale di Praga ottiene un aumento delle competenze. Gli eurodeputati hanno approvato mercoledì un nuovo programma spaziale europeo con un budget settennale di 14,8 miliardi di euro, che riunisce tutte le attività spaziali dell’UE in un unico luogo, ampliando la portata e rafforzando le competenze dell’Agenzia europea Gnss (Gsa) con sede a Praga. La decisione deve essere confermata dagli stati membri.

(Ondřej Plevák | EURACTIV.cz)

///

BRATISLAVA

La Slovacchia propone di riassegnare 1 miliardo di euro di fondi Ue a Bratislava. Un ministero slovacco ha proposto mercoledì una riassegnazione di 1 miliardo di euro dai fondi strutturali e d’investimento europei alla capitale Bratislava, rispetto ai 20 milioni inizialmente previsti.

(Michal Hudec | EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

Ungheria unico paese di Visegrad a non espellere diplomatici russi. L’Ungheria non ha intenzione di espellere i diplomatici russi, ha detto il ministro degli Esteri Péter Szijjártó a Rtl mercoledì (28 aprile), riferisce Telex. L’Ungheria sarà così l’unico paese di Visegrad a non impegnarsi nel rimprovero diplomatico a Mosca dopo che le autorità ceche hanno collegato l’esplosione di un deposito di armi del 2014 ai servizi segreti russi, che da allora ha spinto indagini simili altrove in Europa.

(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com)


NOTIZIE DAI BALCANI

LUBIANA

La Slovenia adotta il piano nazionale di ripresa, punta a una maggiore spesa verde. La Slovenia prevede di superare significativamente l’obiettivo di spesa verde fissato nel Recovery and Resilience Facility dell’Ue, ma non sfrutterà la totalità dei prestiti disponibili, secondo il piano nazionale di recupero e resilienza che il governo ha adottato mercoledì.

(Sebastijan R. Maček | STA)

///

BUCAREST

La Romania organizza “maratone di vaccinazione”. L’Università di Medicina di Bucarest organizzerà una “maratona di vaccinazione” tra il 7 e il 10 maggio, dove i cittadini romeni e i residenti stranieri potranno ricevere il vaccino Pfizer senza appuntamento. Ci saranno 50 linee di vaccinazione aperte e funzioneranno non-stop per 64 ore.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

SARAJEVO

L’ambasciatore americano in Bosnia-Erzegovina lancia un attacco al governo. L’ambasciatore americano in Bosnia-Erzegovina, Eric Nelson, ha scritto sul suo blog che “gli Stati Uniti rimangono un amico della Bosnia-Erzegovina e sostengono fermamente la sua integrità territoriale e la sua sovranità”, lanciando anche un attacco al governo dei politici bosniaci per la mancanza di considerazione dei bisogni dei cittadini.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PODGORICA

Il governo montenegrino non vuole rinunciare alla centrale termica a carbone. Il Montenegro non è attualmente in grado di rinunciare alla centrale termoelettrica (Tpp) Pljevlja, ha dichiarato il primo ministro del Montenegro Zdravko Krivokapić in parlamento. “Ci sono circa 1.400 dipendenti nella Tpp, così come un gran numero di lavoratori nella miniera di carbone, che è direttamente collegata alla Tpp”, ha detto Krivokapić.

“Il governo è impegnato ad attuare una drastica riduzione delle emissioni di CO2 e la transizione della nostra energia verso fonti rinnovabili. Tuttavia, come persone serie e responsabili, dobbiamo analizzare attentamente la decisione di accettare il 2030 come anno delle emissioni zero. Deve essere preceduta da un’analisi complessa”, ha aggiunto.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

TIRANA

Il Partito socialista albanese vuole destituire il presidente. Il Partito socialista albanese (Sp), il vincitore delle recenti elezioni parlamentari, è pronto ad avviare la procedura di destituzione del presidente Ilir Meta una volta che la Commissione elettorale centrale avrà annunciato i risultati finali.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


Agenda:

  • Il Parlamento europeo prenderà posizione su una potenziale tassa digitale e saranno annunciati i risultati del voto sul certificato digitale verde.
  • Germania: La Corte costituzionale federale decide sull’azione per il clima dell’organizzazione ambientalista Bnd e dei rappresentanti di Fridays for Future.
  • Francia: Il presidente Emmanuel Macron incontrerà le parti sociali in preparazione del vertice sociale di Porto fissato per il 7 maggio.
  • Italia: Il Consiglio dei ministri darà la sua approvazione finale al piano di ripresa del paese, dopo di che sarà presentato alla Commissione europea.
  • Spagna: L’associazione sindacale Ugt organizzerà una conferenza nazionale sul “diritto ad un alloggio decente” giovedì a Madrid, mentre la Spagna sta per ricevere altri vaccini Janssen Covid-19.
  • Polonia: Il consiglio nazionale del principale partito di opposizione Piattaforma Civica (Po) si riunisce a Rzeszów per la prima volta dallo scorso autunno.
  • Repubblica Ceca: Il governo terrà una riunione straordinaria per decidere sui potenziali cambiamenti nelle misure relative al Covid-19.
  • Slovacchia: Il ministro delle finanze Igor Matovič si reca in Ungheria per incontrare il ministro degli esteri ungherese Péter Szijjártó e discutere l’interconnessione dei sistemi di trasmissione elettrica dei loro paesi, e ufficiosamente il vaccino russo Sputnik V.
  • Bulgaria: Il ministro degli Esteri Ekaterina Zaharieva ha convocato l’ambasciatore russo dopo che la procura ha annunciato il possibile collegamento russo con le esplosioni nei depositi militari bulgari.
  • Slovenia: Il primo ministro Janez Janša visiterà la Francia su invito del presidente Emmanuel Macron per discutere le successive presidenze del Consiglio dei paesi. L’agenda include anche la pandemia di Covid-19 e i Balcani occidentali.
  • Croazia: La Banca nazionale (Hnb) e la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) organizzeranno una conferenza online sul ruolo delle banche nel sostenere la crescita economica verde.

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie Le Blond]