Le Capitali – Il viceministro ceco: la Russia cerca di screditare la missione dell’UE in Mali

La comunicazione strategica del ruolo delle missioni dell'UE – non solo in Mali ma anche in altre parti del mondo – è tra le massime priorità del ministero della Difesa ceco. [EPA/MAURIZIO GAMBARINI]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Le banche Ue realizzano 20 miliardi di profitti l’anno nei paradisi fiscali. Tra le prime dieci anche Mps e Intesa di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Il PNRR entra nella fase attuativa… e l’Italia guarda al futuro di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.

Le notizie di oggi dalle Capitali: 

PRAGA

La Russia sta cercando di “convincere i maliani che l’UE occupa il Mali” ed è “molto attiva in su questo fronte”: il vice ministro della Difesa ceco Jan Havránek ha avvertito su come la Russia sta descrivendo la missione di addestramento dell’UE in Mali (EUTM Mali).

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

ISTITUZIONI DELL’UE

L’UE considera la cancellazione del debito per i paesi colpiti da inondazioni e incendi. I costi di emergenza relativi alle inondazioni e agli incendi di quest’estate potrebbero essere classificati come spese “una tantum” e quindi esclusi dal calcolo dei deficit pubblici dei paesi dell’UE di quest’anno, ha affermato la Commissione europea.

(Frédéric Simon |  EURACTIV.com)

///

BERLINO

Saldato l’ultimo tubo del Nord Stream 2, il gasdotto è pronto per entrare in esercizio entro il 2021. Il Nord Stream 2, il progetto che aveva causato forti tensioni tra l’UE e la passata amministrazione dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, è ora quasi completo e pronto per iniziare a portare il Gas naturale russo direttamente in Germania.

(Nikolaus J. Kurmayer | EURACTIV.de)

///

PARIGI

Molti centri commerciali francesi non devono più richiedere più il pass sanitario.I centri commerciali con una superficie di oltre 20.000 metri quadrati per i quali è obbligatorio il pass sanitario scendono da 178 a 64, ha annunciato a BFM TV il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire.

(Mathieu Pollet |  EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Rimangono dubbi sul piano del Belgio di chiudere le centrali nucleari entro il 2025. Il Belgio si è impegnato a chiudere i suoi sette reattori nucleari entro il 2025 e ha sancito tale decisione per legge. Ma mentre è ancora tecnicamente fattibile che la chiusura delle centrali avvenga come previsto, ostacoli ben noti come i costi e le ideologie politiche potrebbero impedire che ciò si verifichi.

(The Bulletin)

///

VIENNA

Il database di riconoscimento facciale austriaco ha raccolto oltre 600.000 voci in un anno. Un database istituito da una legge del 2020 che consente l’uso di software di riconoscimento facciale per identificare potenziali criminali ha già raccolto 638.693 voci, secondo un’inchiesta parlamentare del partito liberale NEOS presentata lunedì.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


NORD EUROPA E PAESI BALTICI

OSLO
Un quotidiano norvegese sfida la censura russa. Il quotidiano online norvegese Barents Observer ha lanciato il proprio canale sull’app di messaggistica Telegram, molto popolare tra i russi, nel tentativo di mantenere i suoi lettori nel paese.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il Regno Unito estende nuovamente il periodo di grazia sui controlli delle merci dell’Irlanda del Nord. Il Regno Unito e l’Unione Europea sono in rotta di collisione sul protocollo per l’Irlanda del Nord, dopo che il governo di Boris Johnson ha annunciato lunedì che estenderà di nuovo unilateralmente il periodo di grazia sui controlli delle merci.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

I ministri della salute del G20 firmano il “Patto di Roma” per la distribuzione dei vaccini in tutto il mondo. I ministri della salute del G20 riuniti a Roma hanno firmato all’unanimità il “Patto di Roma”, impegnandosi ad aumentare il sostegno delle nazioni povere e inviare loro più vaccini COVID-19 al fine di raggiungere entro il 2021 un obiettivo di vaccinazione del 40% a livello globale.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

ATENE

La Grecia inizia a somministrare la terza dose di vaccino, mentre migliaia di operatori sanitari sono stati sospesi. A partire dal 14 settembre, i cittadini greci potranno ricevere una terza dose del vaccino COVID-19, hanno annunciato lunedì le autorità sanitarie. Nel frattempo, il governo ha deciso di infliggere pesanti sanzioni dopo lo scandalo di migliaia di certificati di vaccinazione falsi.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

MADRID

Il Partito Popolare spagnolo vincerebbe se le elezioni si tenessero oggi, secondo nuovi sondaggi. Se si dovessero tenere nuove elezioni oggi, il Partito Socialista Spagnolo (PSOE) scenderebbe sotto la soglia dei 100 seggi in parlamento, lasciando probabilmente l’esecutivo nelle mani del Partito Popolare (PP) di centrodestra, secondo un nuovo sondaggio pubblicato lunedì su El Mundo.

(EFE)

///

LISBONA

Portogallo: oltre l’85% delle persone ha ricevuto una dose di vaccino contro il COVID-19. Oltre l’85% della popolazione portoghese ha ricevuto almeno una dose di vaccino contro il COVID-19, ha annunciato il direttore generale della sanità del paese, aggiungendo che sono stati delineati tre scenari di risposta, a seconda di come si svilupperà la pandemia nei prossimi mesi .
“Oggi è un giorno importante per tutti noi”, ha detto Graça Freitas in un’intervista al canale televisivo SIC Notícias domenica. “L’ottantacinque per cento della popolazione portoghese ha una dose del vaccino e questo è un risultato di cui dovremmo tutti, come popolo, essere molto orgogliosi”. Lunedì la task force per COVID-19 ha invitato tutti i migranti che non sono stati ancora vaccinati a farlo, indipendentemente dal loro status di residenza in Portogallo.

(Pedro Caetano, Helena Neves Marques, Lusa.pt)

///

NICOSIA

Cipro diventa la seconda casa di molti libanesi. Proprio come durante la guerra civile del 1975-1990 che ha devastato il loro paese, centinaia di famiglie libanesi si stanno rivolgendo alla vicina Cipro per sfuggire alle miserie della vita quotidiana nel loro paese.

(EURACTIV.com with AFP)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

La Commissione esorta le regioni polacche a rinunciare alle dichiarazioni anti-Lgbt. La Commissione europea ha inviato lettere a cinque regioni governate dal partito al governo Legge e giustizia (PiS), esortandole a rimuovere le dichiarazioni anti-Lgbt adottate negli ultimi anni.

In altre notizie, il parlamento polacco ha autorizzato lunedì l’introduzione dello stato di emergenza lungo il confine bielorusso.

(Piotr Maciej Kaczynski |  EURACTIV.pl)

///

BUDAPEST

Il miliardario alleato di Orbán vince una gara per le infrastrutture del valore di quasi 1 miliardo di euro. V-Híd Zrt., di proprietà dell’amico d’infanzia del primo ministro ungherese Viktor Orbán, Lőrinc Mészáros, ha vinto una gara per lo sviluppo ferroviario più significativo della capitale dal secolo scorso, la cosiddetta Southern Circular Railway, con un’offerta netta di 969 milioni di euro, secondo quanto riportatoda Telex via 24.hu.
L’offerta nominava anche come subappaltatori Híd-Tám Kft, la società del fratello di Lőrinc Mészáros, János Mészáros, e V-Híd Vagyonkezelő, anch’essa un interesse di Mészáros. L’unico altro offerente avrebbe offerto 992 milioni di euro. Da quando Orbán è salito al potere nel 2010, Mészáros è cresciuto accumulando ricchezza fino a diventare l’individuo più ricco d’Ungheria con un patrimonio netto di circa 1,3 miliardi di euro, in gran parte grazie a contratti governativi.

In altre notizie, i soldati continueranno ad assistere i dipendenti delle istituzioni sanitarie in compiti logistici, ha affermato il ministero della Difesa ungherese in una nota. I soldati assisteranno il lavoro degli operatori sanitari con circa 83 persone in 23 ospedali in tutto il paese, ha affermato il ministero in una nota. In primavera sono stati dispiegati circa 1.100 soldati in 93 istituzioni sanitarie. Sono stati coinvolti in compiti logistici, assistenza nella misurazione della temperatura dei pazienti in arrivo, gestione dei pazienti, scorta e guida dei pazienti, nonché attività amministrative e di trasporto, che hanno contribuito a ridurre il carico di lavoro degli operatori sanitari.

(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com con Telex)

///

BRATISLAVA

Attivisti e investitori si scontrano per la costruzione di un terminale GNL in Slovacchia. Durante il fine settimana, gli attivisti di Greenpeace Slovacchia e altre organizzazioni hanno protestato contro la costruzione di un nuovo terminal GNL (gas naturale liquefatto) a Bratislava, con gli investitori che sostengono che il terminal ridurrebbe le emissioni di gas serra e contribuirebbe a rendere l’industria navale più rispettosa dell’ambiente.

(Michal Hudec |  EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

L’uomo accusato di aver inviato minacce di morte al presidente del parlamento agli arresti domiciliari. Un tribunale ha posto agli arresti domiciliari il 26enne Lyubomir Yakov, arrestato dalla polizia con l’accusa di aver minacciato di assassinare il presidente dell’Assemblea nazionale bulgara Iva Miteva.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

USR PLUS lascia il governo rumeno. Martedì tutti i ministri del partito USR PLUS presenteranno le loro dimissioni dal governo rumeno, il che significa che il governo perderà la sua maggioranza in parlamento.

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

La Croazia ha un problema di sterilità. “L’infertilità è in costante aumento, a livello globale e in Croazia. Si stima che in 10 anni circa il 30% delle coppie nella maggior parte del mondo sarà sterile”, ha detto il ginecologo Velimir Šimunić, specialista della riproduzione umana e pioniere della fecondazione in vitro (IVF) in un ospedale femminile di Zagabria, citato dal quotidiano Večernji List.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

Il tribunale ordina al governo sloveno di finanziare l’agenzia di stampa nazionale sotto attacco da mesi. La Corte Suprema slovena ha stabilito lunedì che il governo conservatore deve riprendere il finanziamento dell’agenzia di stampa del paese STA, che ha interrotto perché ostile alla sua gestione.

(EURACTIV.com with AFP)

In altre notizie, la Slovenia espande la regola dei vaccinati guariti. La regola dei guariti-vaccinati-testati, attualmente lo strumento principale della Slovenia nella lotta alla quarta ondata di COVID-19, è stata estesa ad ampie aree delle attività dei servizi, mentre aumentano i casi e i ricoveri ospedalieri.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

BELGRADO | BERLINO

La Serbia continuerà la cooperazione sull’energia con la banca tedesca per lo sviluppo. Il ministro serbo dell’energia Zorana Mihajlović ha incontrato lunedì i rappresentanti della banca tedesca per lo sviluppo KfW per discutere del proseguimento della cooperazione nel settore energetico, dove il valore totale dei progetti comuni completati, in corso o pianificati è stato di quasi 1,5 miliardi di euro.

(EURACTIV.rs | betabriefing.com)


Agenda:

  • Slovenia | UE: i ministri dell’agricoltura discuteranno i modi per rafforzare il dialogo tra aree urbane e rurali in una riunione informale ospitata dalla presidenza slovena dell’UE.
  • Francia: il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian incontra l’omologo senegalese Aïssata Tall Sall.
  • Italia: il ministro degli Esteri Luigi Di Maio riferirà al parlamento sulla situazione in Afghanistan.
  • Repubblica Ceca: il primo ministro Andrej Babiš incontrerà il suo omologo slovacco Eduard Heger e il cancelliere austriaco Sebastian Kurz a Lednice (Cechia) per discutere di Afghanistan, migrazione, sistema Schengen, questioni di sicurezza e pandemia di COVID-19.
  • Bulgaria: il Partito socialista restituirà il terzo mandato per formare un gabinetto al presidente Rumen Radev.
  • Romania: il presidente Klaus Iohannis e il primo ministro Florin Citu partecipano alla riunione annuale della diplomazia rumena.
  • Croazia: il presidente del parlamento Gordan Jandroković partecipa alla quinta conferenza mondiale dei presidenti del parlamento dell’Unione interparlamentare (PU).
  • Serbia: il direttore dell’ufficio del governo serbo per il Kosovo, Petar Petković, dovrebbe guidare la delegazione serba in un nuovo round di due giorni di dialogo mediato dall’UE tra Belgrado e Pristina. Petković dovrebbe incontrare l’inviato speciale dell’UE per il dialogo, Miroslav Lajčak.

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic, Josie Le Blond]