Le Capitali – Il primo ministro bulgaro chiede alla Russia di fermare le attività di spionaggio a Sofia

[EPA-EFE/ALEXEI DRUZHININ / SPUTNIK / KREMLIN POOL]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo I taxi aerei sono il futuro dei trasporti. E stanno per diventare realtà anche in Europa di Lucio Palmisano, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Se Londra tenta di recuperare la sovranità rafforzando l’arsenale nucleare di Federica Martiny, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali: 

SOFIA

Il primo ministro bulgaro Boyko Borissov ha invitato la Russia a smettere di condurre attività di spionaggio nel paese, dopo che venerdì sei cittadini bulgari sono stati arrestati a Sofia per presunta partecipazione a una rete di spionaggio russa. I commentatori affermano che lo scandalo delle spie bulgare avrà ripercussioni sulla NATO e potrebbe pesare in termini di ulteriori sanzioni verso la Russia da parte di UE e USA.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

PRESIDENZA UE

Vestager esprime “riserve” sulle proposte sulla privacy online. Margrethe Vestager, vicepresidente esecutivo della Commissione europea, ha dichiarato venerdì (19 marzo) di avere “riserve” sulla proposta della Presidenza portoghese dell’UE per sbloccare i negoziati sul regolamento ePrivacy.

(Ana Matos Neves |  EURACTIV.com with Lusa)

///

BERLINO

La Germania pronta a stringere le restrizioni anti-Covid-19. La Germania il lunedì deciderà di rafforzare le misure di blocco fino a metà aprile, dopo un progressivo allentamento che aveva consentito la riapertura di scuole e negozi.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

PARIGI

Dieci presidenti regionali si oppongono al rinvio delle elezioni regionali francesi.Dieci presidenti regionali francesi di diversi orientamenti politici hanno espresso la loro opposizione a un altro rinvio delle elezioni regionali dovuto alla pandemia di coronavirus, in un articolo pubblicato da Le Figaro di domenica. “Tutte le elezioni sono essenziali. Non è compito del Consiglio scientifico confinare la democrazia!”, hanno scritto. Inizialmente programmato per marzo, il primo e il secondo turno delle elezioni regionali sono ora previsti rispettivamente per il 13 e il 20 giugno.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Il Belgio proroga il divieto di viaggio fino al 18 aprile. Il divieto del Belgio ai viaggi non essenziali è stato prorogato fino al 18 aprile, dopo le vacanze di Pasqua.

In altre notizie, il Belgio commemora le vittime degli attacchi terroristici di Bruxelles del 22 marzo 2016, quando 35 persone – tra cui tre attentatori islamisti – furono uccise e più di 300 ferite in attentati dinamitardi all’aeroporto Zaventem di Bruxelles e nella stazione della metropolitana di Maelbeek. All’inizio di quest’anno, la magistratura belga ha deciso di processare dieci uomini per il loro coinvolgimento diretto negli attacchi di Bruxelles o nella loro preparazione. Un nuovo tribunale è stato allestito nell’area del vecchio quartier generale della NATO per uno dei più grandi processi belgi della storia.

(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

L’UK dice che il divieto di esportazione del vaccino dell’UE è “contro-produttivo”.La Gran Bretagna domenica 21 marzo ha messo in guardia l’Unione europea contro l’interruzione delle esportazioni dei vaccini AstraZeneca nel caso in cui l’UE non riceva le consegne promesse, dicendo che tale mossa sarebbe “contro-produttiva”.

(EURACTIV.com with Reuters and AFP)

La ripresa dei viaggi internazionali per il Regno Unito potrebbe essere ritardata ulteriormente. I ministri del Regno Unito hanno suggerito che i viaggi internazionali non possano riprendere dal 17 maggio come previsto in precedenza, a causa del timore che i viaggiatori possano portare nuove varianti Covid nel Regno Unito, e dei casi in aumento in gran parte dell’Europa.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Un gruppo di hacker cinese responsabile del cyber-attacco al parlamento finlandese. Il servizio di sicurezza e intelligence finlandese (SUPO) ha identificato il gruppo che sta dietro il cyber-attacco contro i sistemi IT del Parlamento finlandese avvenuto lo scorso autunno.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Mentre la situazione dell’epidemia di COVID è ancora critica, con una media di 20 mila contagi al giorno e con restrizioni sugli spostamenti e scuole chiuse in gran parte del paese, in 34 città italiane domenica 21 marzo ci sono state manifestazioni di insegnanti, alunni, genitori e associazioni contro la didattica a distanza e per chiedere la ripresa delle lezioni in presenza, ha scritto il Corriere della Sera. Secondo l’associazione italiana dei presidi, “a causa delle connessioni internet” di scarsa qualità, circa un quarto degli studenti italiani ha difficoltà a seguire le lezioni da casa, e l’8% è rimasto escluso da una qualsiasi forma di didattica a distanza. Sabato, in un intervento televisivo, il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha detto che le scuole sono state chiuse “solo perché la variante inglese ha messo in pericolo i più piccoli. Ma la scuola non si è mai fermata”.

In altre notizie, lunedì 22 marzo in Italia si svolgerà uno sciopero dell’intera filiera di Amazon, che riguarda sia i lavoratori dei magazzini e dei centri di smistamento sia quelli delle aziende di trasporti. I lavoratori potenzialmente coinvolti potrebbero essere circa 40 mila, anche è difficile prevedere se ci saranno blocchi o rallentamenti delle consegne. In Italia, i dipendenti diretti di Amazon sono circa 9 mila, a cui si aggiungono gli addetti delle società di trasporto e consegna. Tra le richieste dei sindacati ci sono l’apertura di una trattativa sugli orari e i ritmi di lavoro dei dipendenti della logistica e dei guidatori, la verifica della contrattazione dei turni di lavoro, la stabilizzazione dei dipendenti a tempo determinato e il rispetto delle normative sulla salute e la sicurezza.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

Trenta aziende spagnole chiedono aiuto al governo a causa dell’epidemia di Covid-19. Circa trenta società spagnole colpite economicamente dalla crisi Covid-19 hanno chiesto al governo misure di salvataggio per un importo tra 3 e 3,3 miliardi di euro al fine di sopravvivere e rimanere competitive.

(Fernando Heller |  euroefe.es)


GRUPPO DI VISEGRAD

BUDAPEST

La Russia usa il ministro degli Esteri ungherese per pubblicizzare il vaccino Sputnik. Il ministero degli Esteri russo ha utilizzato l’intervista rilasciata sabato dal ministro degli Esteri ungherese, Péter Szijjártó, al canale televisivo di stato russo RT, per promuovere il vaccino Sputnik V sui social media con l’hashtag “La Russia aiuta”.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

VARSAVIA

Medici polacchi vaccineranno il personale della NATO. Oltre 20 medici polacchi voleranno giovedì a Bruxelles per vaccinare 3.500 dipendenti del quartier generale della NATO utilizzando il vaccino AstraZeneca. La Polonia ha ricevuto un invito ufficiale dalla NATO per trasportare i vaccini presso la sede centrale dell’Alleanza di Bruxelles, ha annunciato domenica il primo ministro Mateusz Morawiecki

(Mateusz Kucharczyk |  EURACTIV.pl)

///

BRATISLAVA

Il primo ministro slovacco esorta i suoi critici a dimettersi insieme a lui. La crisi di governo slovacca finalmente è giunta a una svolta nel weekend, con il primo ministro Igor Matovič che ha annunciato le sue dimissioni, a condizione che i ministri e i deputati che lo hanno criticato facciano lo stesso.

(Michal Hudec |  EURACTIV.sk)

///

PRAGA

L’indipendenza della tv pubblica ceca è minacciata in vista delle elezioni. La televisione pubblica ceca è minacciata nella sua indipendenza dopo che la Commissione di vigilanza – che controlla le attività della tv, nomina il direttore generale e approva il bilancio – è stata improvvisamente rimossa a novembre e che un voto in Parlamento, la scorsa settimana, ha chiesto che l’attuale direttore generale, Petr Dvořák, venga sostituito presto.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)


NOTIZIE DAI BALCANI

BALCANI OCCIDENTALI

Sei Stati membri esortano l’UE a riportare l’attenzione sulla Bosnia. Sei paesi del Sud e dell’Est Europa chiedono ai ministri degli Esteri dell’Unione di dedicarsi alla Bosnia-Erzegovina e di aiutare il paese a portare avanti le riforme chiave che dovrebbero avvicinarlo all’adesione all’UE e alleviare le tensioni nella regione.

(EURACTIV.com)

///

BUCAREST

Lockdown a Bucarest? Con il numero di casi di COVID in forte aumento negli ultimi giorni, la capitale della Romania si avvicina alla soglia di 6 casi ogni 1.000 abitanti negli ultimi 14 giorni, che prevede l’introduzione di un nuovo lockdown.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Il 45% dei cittadini della Croazia vuole adottare l’euro,afferma la Banca nazionale. Nel febbraio di quest’anno, il 45% dei cittadini croati era favorevole all’adozione dell’euro, rispetto al 41% registrato l’anno scorso, dice un sondaggio condotto dalla Banca nazionale croata (HNB).

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

La NATO e gli USA svolgeranno esercitazioni militari su larga scala intorno alla Serbia fino all’estate. L’esercitazione militare su larga scala guidata dagli Stati Uniti, dalla NATO e dai suoi alleati, chiamata Defender-Europe 21, è iniziata a metà marzo e durerà fino alla seconda metà di giugno: la maggior parte delle attività si svolgerà nei Balcani e nelle immediate vicinanze della Serbia.

(EURACTIV.rs)

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Benjamin Fox]