Le Capitali – Il presidente serbo Vučić: una ‘grande potenza’ vuole il ritiro delle truppe NATO dal Kosovo

Secondo Vučić, un ritiro delle forze di pace guidate dalla NATO e dall'ONU dal Kosovo "sarebbe una catastrofe assoluta" per la Serbia. [Shutterstock/Nada B]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Brexit, paura e zero fiducia nel governo del Regno Unito: un cittadino Ue su quattro teme discriminazioni di Andrea Bianchi, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Israele e Palestina: la caccia all’altro è aperta senza distinzione di Enrico Capassi e Alfredo De Girolamo, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

BELGRADO

Una grande potenza senza nome sta lanciando la richiesta di ritirare la Forza NATO (KFOR) e la Missione delle Nazioni Unite (UNMIK) dal Kosovo, ha detto giovedì il presidente serbo Aleksandar Vučić, aggiungendo che chiederà al segretario generale della NATO Jens Stoltenberg di intervenire.

In altre notizie, la Serbia e la Grecia la prossima settimana firmeranno un accordo per l’annullamento delle tariffe di roaming, ha annunciato giovedì la prima ministra serba Ana Brnabić.

(EURACTIV.rs)

///

PRESIDENZA UE

I ministri UE in cerca di consenso sul turismo sostenibile. Il segretario di Stato portoghese per il turismo spera che un forum di alto livello previsto per venerdì risolverà “due grandi preoccupazioni”: l’impegno degli Stati membri per il turismo sostenibile e le linee di finanziamento per questa trasformazione.

(Maria João Pereira |  Lusa.pt)

///

BERLINO

La Germania allenta le regole di ingresso. Da giovedì 13 maggio, a coloro che tornano dalle vacanze e ad altre persone che viaggiano in Germania saranno applicate delle regole anti COVID-19 nazionali. Non è più richiesta la quarantena o un test per coloro che sono stati completamente vaccinati o guariti dal coronavirus, a meno che non provengano da un’area con nuove varianti di virus più contagiose.

(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///

PARIGI

Francia e Nuova Zelanda esaminano le azioni compiute contro il terrorismo online dopo l’attentato di Christchurch. Il presidente francese Emmanuel Macron e la prima ministra neozelandese Jacinda Ardern ospiteranno venerdì 14 maggio un vertice per esaminare i progressi compiuti nella lotta ai contenuti terroristici online, a due anni dal live streaming del mortale attacco alla moschea di Christchurch.

(Mathieu Pollet |  EURACTIV.fr)

///

VIENNA

Il cancelliere Kurz non si dimetterà nonostante l’indagine anti-corruzione. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha detto che “certamente non si dimetterà” nonostante sia indagato dalla Procura per gli affari economici e la corruzione per aver fornito false testimonianze alla commissione d’inchiesta del parlamento sull’ ‘Ibiza-gate’. Per saperne di più.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)

///

BRUXELLES

Nessuna libertà senza passaporto COVID, afferma il ministro della Salute. Il ministro della Salute belga Frank Vandenbroucke ha affermato che le libertà pre-pandemiche non possono essere riconquistate senza un passaporto COVID-19, o una sua variante, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Belga. Il ministro ha anche affermato che il meccanismo COVID Safe Ticket annunciato dal governo belga questa settimana per consentire l’organizzazione di futuri eventi di massa funzionerà sullo stesso principio. “Non mi interessa la terminologia […] ma senza uno strumento del genere non sarà possibile riconquistare la nostra libertà”, ha detto Vandenbroucke. Tuttavia, una versione belga del certificato sanitario digitale probabilmente non sarà disponibile fino alla fine di settembre. “Ma arriverà”, ha detto il ministro.

(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///

LUSSEMBURGO

Il governo darà all’emittente RTL più di 10 milioni di euro all’anno. Un nuovo accordo tra l’emittente RTL e il governo lussemburghese vedrà l’emittente ricevere più di 10 milioni di euro all’anno a partire dal 2024, una volta scaduto l’attuale accordo, ha detto il primo ministro Xavier Bettel martedì in una riunione della commissione parlamentare. Il premier ha affermato che il costo finale del nuovo contratto “non è ancora quantificabile”, ma “avrà sicuramente un trend al rialzo”.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

L’ambasciatore israeliano accusa i politici irlandesi di diffondere “odio” verso lo Stato ebraico. L’ambasciatore israeliano in Irlanda Ophir Kariv ha accusato alcuni politici irlandesi di aver usato espressioni di odio verso lo Stato ebraico, durante un confronto molto acceso che si è svolto giovedì durante una riunione di una commissione parlamentare, ha riferito l’Irish Times.

(Paula Kenny | EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Rapporto: l’economia finlandese crescerà ma permangono problemi irrisolti. La crescita economica in Finlandia vedrà un balzo nel 2021, dopodiché inizierà sostanzialmente a normalizzarsi, ha affermato il ministero delle Finanze in un rapporto pubblicato mercoledì.

In altre notizie, il parlamento finlandese ha ripreso il suo dibattito sul fondo di recupero dell’UE giovedì sera, dopo che era stato sospeso al mattino. La maggior parte dei discorsi, che includevano estratti dagli inni della chiesa e dalla fiaba di Cappuccetto Rosso, sono stati pronunciati dai parlamentari del Partito finlandese che si sono alternati per fare ostruzionismo, ha riferito l’agenzia di stampa STT. La votazione finale sul pacchetto UE, che richiede l’approvazione della maggioranza dei due terzi dei parlamentari finlandesi, si svolgerà probabilmente la prossima settimana.

I paesi baltici si avvicinano al collegamento alla rete elettrica dell’UE, ponendo fine alla dipendenza dalla Russia. I tre stati baltici dell’UE giovedì 13 maggio hanno fatto un grande passo verso l’accesso alla rete elettrica dell’Unione, una mossa volta a porre fine alla dipendenza energetica dalla Russia che risale all’era sovietica.

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Kerry a Roma: la crisi climatica ha bisogno di un “approccio multiplo”. “Non c’è una sola cosa che possa risolvere la crisi climatica. Abbiamo bisogno di un approccio multiplo”, ha detto l’inviato speciale degli Stati Uniti per il clima, John Kerry, che giovedì ha incontrato a Roma i ministri degli Esteri e della Transizione ecologica italiani, nonché gli amministratori delegati delle principali società energetiche del paese.

In altre notizie, l’ex presidente della Commissione Ue Romano Prodi si è unito all’appello per la liberalizzazione dei brevetti sui vaccini COVID-19. L’appello, coordinato dall’Alleanza popolare per i vaccini, è sostenuto da intellettuali, premi Nobel e politici tra cui l’ex presidente francese François Hollande e l’ex primo ministro spagnolo José Luìs Zapatero.
Secondo Prodi, “la liberalizzazione è necessaria perché i Paesi più sviluppati hanno già ampliato la loro capacità produttiva, ma il resto del mondo è ancora completamente scoperto di fronte alla pandemia e va aiutato. Quando si verificano eventi drammatici e globali come una pandemia, è necessaria un’eccezione alla regolamentazione, giusta e comprensibile, della proprietà intellettuale”.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

La Spagna mira a rilanciare il settore del turismo colpito dal COVID con una nuova campagna. Questa settimana il ministro del turismo spagnolo Reyes Maroto ha esortato gli stranieri a iniziare subito a prepararsi per le loro vacanze in Spagna, sottolineando che le condizioni nel paese hanno consentito la ripresa dei viaggi internazionali e nazionali.

(EuroEFE)

///

ATENE

I grandi progetti pubblici sotto il controllo del Primo Ministro greco. I grandi progetti pubblici della Grecia saranno messi sotto la diretta supervisione del primo ministro Kyriakos Mitsotakis, secondo un emendamento inserito all’ultimo minuto in un disegno di legge, che ha innescato la forte reazione dell’opposizione.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

L’opposizione di destra polacca contraria ai “passaporti vaccinali”. I “certificati verdi” che saranno introdotti in tutta l’UE “ostacoleranno in modo significativo o addirittura renderanno impossibile a decine di milioni di persone, compresi almeno 10 milioni di cittadini polacchi, di viaggiare in Europa”, ha affermato giovedì in una conferenza stampa al Parlamento polacco Michał Wawer, avvocato e tesoriere del partito della Confederazione, una formazione di destra all’opposizione.

(Aleksandra Krzysztoszek |  EURACTIV.pl)

///

PRAGA

Il quarto ministro della salute della Repubblica ceca dallo scoppio della pandemia scatena un’altra polemica. Il nuovo ministro della Salute della Repubblica ceca, Petr Arenberger, entrato in carica il 7 aprile, è stato invitato a spiegare presunte irregolarità sostanziali nella sua dichiarazione dei redditi, ha detto giovedì il primo ministro ceco Andrej Babiš.

(Ondřej Plevák |  EURACTIV.cz)

///

BRATISLAVA

La Slovacchia sosterrà le famiglie in difficoltà materiali. Il governo ha deciso di versare un’indennità una tantum di 333 euro per bambino alle famiglie bisognose.

(Michal Hudec |  EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

L’Ungheria lancia l’app mobile per il certificato di vaccinazione. L’Ungheria ha lanciato giovedì (13 maggio) un’app che consente ai titolari di certificare il proprio stato di vaccinazione. Diversi utenti hanno tuttavia riscontrato problemi con l’utilizzo dello strumento, ha riferito Telex.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria mira all’immunità di gregge entro circa due mesi. La Bulgaria potrà ottenere l’immunità collettiva contro COVID-19 entro 63 giorni se verrà mantenuto l’attuale tasso di vaccinazione, ha detto giovedì il consigliere sanitario del governo Nikolay Vitanov.

(Krassen NikolovEURACTIV.com)

///

BUCAREST

La Romania annuncia piani per allentare le restrizioni. La Romania abolirà gradualmente le restrizioni, man mano che il tasso di vaccinazioni aumenterà e il numero di infezioni da coronavirus diminuirà in tutto il paese. A partire da sabato 15 maggio, indossare mascherine all’esterno non sarà più obbligatorio, ad eccezione di mercati e fiere, ha detto il presidente Klaus Iohannis. Inoltre, il coprifuoco notturno verrà revocato ei negozi potrebbero tornare ai normali orari di apertura.

(Bogdan Neagu |  EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

La Croazia testa con successo i certificati verdi digitali. La Croazia è il primo paese dell’UE ad aver testato con successo il sistema per i certificati verdi digitali, ha annunciato giovedì il ministro degli interni Davor Božinović.

(Tea Trubić Macan |  EURACTIV.hr)


AGENDA

  • Francia: venerdì il primo ministro Jean Castex visiterà la sua città natale nel Gers, dove visiterà i centri di vaccinazione locali.
  • Italia: l’inviato speciale statunitense per il clima John Kerry incontrerà il premier italiano Mario Draghi; il giudice delle indagini preliminari di Catania deciderà se incriminare l’ex ministro dell’Interno e leader della Lega Nord, Matteo Salvini, con l’accusa di sequestro di persona per aver bloccato lo sbarco da una nave della marina militare di 174 migranti per sei giorni nel 2019.
  • Spagna: FITUR, la seconda fiera del turismo e del commercio più importante al mondo, aprirà la prossima settimana a Madrid in un formato “ibrido” (50% digitale): sarà il primo grande evento organizzato in Spagna dall’inizio della pandemia.
  • I ministri degli esteri dei paesi V4 si incontreranno venerdì a Łódź, in Polonia, per discutere di politica estera e riassumere le attività del gruppo negli ultimi 30 anni.
  • Polonia: il Senato ha rinviato al 27 maggio l’esame del progetto di legge sul fondo di recupero dell’UE e sulle risorse proprie.
  • Il presidente sloveno Borut Pahor si recherà in visita in Serbia.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Josie Le Blond]