Le Capitali – Il presidente finlandese propone un vertice dei grandi del mondo a Helsinki nel 2025

La Conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa (CSCE) è stata creata all'inizio degli anni '70 come piattaforma per il dialogo Est-Ovest. [EPA-EFE / Chris Kleponis]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Siria, l’allarme Onu: “In crisi i finanziamenti alle missioni umanitarie”. Verso un nuovo esodo di Andrea Bianchi e Benjamin Fox, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Effetto-Draghi sull’economia italiana? di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali: 

HELSINKI

Il presidente finlandese propone un vertice delle maggiori potenze a Helsinki nel 2025. Il presidente finlandese Sauli Niinistö ha proposto che il 50° anniversario della Conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa possa essere sfruttato per riunire le maggiori potenze come Stati Uniti, Cina e Russia attorno allo stesso tavolo per discutere questioni di clima e sicurezza.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

PRESIDENZA UE

Il Commissario alla Coesione sostiene la modernizzazione e l’espansione delle ferrovie dell’UE. Il commissario europeo per la Coesione e le Riforme, Elisa Ferreira, ha espresso il suo sostegno all’espansione delle ferrovie nell’Unione europea, chiedendo investimenti nella modernizzazione e nei collegamenti regionali.

(Beatriz Céu |  Lusa.pt)

///

BERLINO

I membri della CDU preferirebbero Söder a Laschet per la corsa alla cancelleria. Osservando i bassi tassi di popolarità personale di Armin Laschet, leader dei cristiano-democratici tedeschi (CDU), un gruppo di membri del partito si è schierato a sostegno di Markus Söder, leader del partito fratello bavarese della CDU, la CSU, come candidato congiunto dell’Union alla cancelleria se i partiti dovessero vincere le elezioni di settembre.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

PARIGI

Il tribunale francese scioglie la ‘rappresentanza ufficiale’ della Repubblica di Donetsk. La Corte d’Appello di Aix-en-Provence ieri ha sciolto un’associazione che fornisce ‘rappresentanza ufficiale’ alla Repubblica popolare di Donetsk, un’entità autoproclamata nell’Ucraina orientale, definendola “illegale e contraria alla legge”, ha riferito AFP.

(Mathieu Pollet |  EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Auto-test disponibile dal 6 aprile in Belgio. Il Belgio seguirà i paesi vicini, come la Germania, e dal 6 aprile renderà disponibili per la vendita nelle farmacie test automatici rapidi per il coronavirus. I test costeranno 7-8 euro e nella maggior parte dei casi saranno coperti dall’assicurazione sanitaria, secondo il ministro della Salute belga Frank Vandenbroucke.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Johnson raggiunge un accordo sul nuovo vaccino COVID-19. 60 milioni di dosi del vaccino Novavax saranno prodotte e confezionate nell’Inghilterra nord-orientale nell’ambito di un accordo con il gigante farmaceutico GlaxoSmithKline (GSK), annunciato lunedì dal primo ministro britannico Boris Johnson.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///

DUBLINO

Ogni adulto irlandese dovrà essere vaccinato entro settembre. “Entro la fine di settembre ci aspettiamo di aver offerto a tutti gli adulti in Irlanda un vaccino contro il COVID-19”, ha detto lunedì il ministro della Sanità irlandese Stephen Donnelly durante un dibattito sul programma di vaccinazione.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

VILNIUS

Il presidente lituano si unisce a Biden nel definire Putin un “assassino”. Quando lunedì il Baltic News Service ha chiesto al presidente lituano Gitanas Nausėda se, come il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, potesse definire il presidente russo Vladimir Putin un “assassino”, ha risposto: “Sfortunatamente sì”.

(Benas Gerdžiūnas |  LRT.lt/en)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Gli anticorpi al COVID-19 sopravvivono per 9-10 mesi, afferma uno studio italiano. Gli anticorpi al virus COVID-19 possono circolare nell’organismo fino a 9-10 mesi, dicono i dati di un nuovo studio in fase di valutazione per la pubblicazione alla rivista Nature condotto a Vo ‘Euganeo, uno dei primi comuni italiani isolato come ‘zona rossa’ nel marzo dello scorso anno. Lo riporta il Corriere della Sera, partner di EURACTIV.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

La Spagna aspira a creare una nuova strategia di sviluppo UE-Africa. Il primo ministro spagnolo Pedro Sánchez ha affermato che il suo paese ha l’aspirazione di contribuire a creare una nuova strategia di sviluppo dell’UE in Africa, scrive l’agenzia EFE.

(Fernando Heller |  euroefe.es)

///

ATENE

Il governo greco approva il piano nazionale di ripresa. Il piano di ripresa nazionale della Grecia ha ricevuto il via libera lunedì dal governo, e sarà presentato dal primo ministro Kyriakos Mitsotakis una volta che Bruxelles lo approverà definitivamente ad aprile, hanno detto fonti governative.

(Theodore Karaoulanis |  EURACTIV.gr)


GRUPPO DI VISEGRAD

BUDAPEST

Il capitano della nazionale di calcio under 21 rumena denuncia insulti razzisti. Il capitano della nazionale di calcio under 21 rumena, Marius Marin, ha affermato che la squadra ungherese avrebbe lanciato insulti razzisti contro la sua formazione dopo la partita valida per i campionati europei di sabato (finita 2 a 1 per i rumeni). Marin ha scritto in una storia su Instagram (poi non salvata): “Questi zingari, come ci avete chiamato per tutta la gara, vi hanno battuto per 2-1. Vai Romania!”

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com)

///

VARSAVIA

La Polonia si colloca quasi all’ultimo posto nella “classifica della pandemia” di Bloomberg. La Polonia si è classificata al 50° posto su 53 paesi nell’ultima classifica di Bloomberg che valuta le diverse strategie per combattere la pandemia: solo Brasile, Repubblica Ceca e Messico si sono piazzati più in basso.

(Joanna Jakubowska |  EURACTIV.pl)

///

BRATISLAVA

Più del 16% degli slovacchi è a rischio di povertà. Dei 5 milioni di abitanti della Slovacchia, 872.000 sono a rischio di povertà, cioé più del 16 per cento della popolazione, ha detto l’ufficio statistico del paese.

(Lucia Yar |  EURACTIV.sk)

///

PRAGA

Il miliardario ceco Petr Kellner muore in un incidente in elicottero. La persona più ricca della Repubblica Ceca, il fondatore e proprietario della società di investimenti globali PPF group, Petr Kellner, è rimasto ucciso in un incidente in elicottero. Aveva 57 anni.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

In Bulgaria il rischio di manipolazione del voto è molto significativo. L’ong Anti-corruption Fund afferma che la Bulgaria sta affrontando un serio rischio di frode elettorale alle prossime elezioni del 4 aprile, con irregolarità riscontrate in un seggio elettorale su cinque.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

ZAGABRIA

26.000 croati si sono trasferiti in Germania nel 2020. Mentre la Germania nel 2020 ha registrato il numero più basso di immigrati stranieri negli ultimi 10 anni, più di 26.000 croati sono emigrati nel paese mentre la pandemia era in pieno svolgimento, mostrano i dati pubblicati lunedì dall’ufficio statistico tedesco.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA 

Il voto sulla scelta del nuovo presidente del Parlamento sloveno potrebbe portare a elezioni anticipate. I tre gruppi di deputati della coalizione slovena al governo (SDS, NSi, SMC) lunedì hanno presentato una proposta per licenziare il presidente dell’Assemblea nazionale Igor Zorčič, dopo che lui e altri due parlamentari SMC hanno lasciato la coalizione venerdì scorso a causa di opinioni contrastanti sul ruolo di SMC nel coalizione di governo. Il governo di Janez Janša ora però non ha più la maggioranza in Parlamento, e non si esclude il ritorno alle urne.

In altre notizie, l’eurodeputata olandese e presidente del gruppo di monitoraggio della democrazia del Parlamento europeo, Sophie in ‘t Veld, ha respinto le accuse di censura del primo ministro sloveno. L’idea che il Parlamento europeo sia un oppositore della Slovenia è deplorevole e lontana dalla verità, ha detto lunedì all’agenzia di stampa slovena STA. Janša ha invitato in ‘t Veld a dimettersi da presidente del gruppo di monitoraggio della democrazia del Parlamento europeo a seguito di un incidente durante il dibattito pubblico del gruppo lo scorso venerdì.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

BELGRADO | ATENE

Atene accoglierà i turisti serbi indipendentemente dal vaccino che hanno ricevuto. Tutti i vaccini anti-COVID-19 saranno accettati per le persone che viaggiano dalla Serbia alla Grecia, ha detto lunedì a Belgrado il ministro del turismo greco Harry Theoharis.

(EURACTIV.rs)

///

TIRANA

L’Albania avvia una campagna di vaccinazioni di massa prima dell’inizio della stagione turistica. L’Albania ha iniziato la sua campagna di vaccinazione prima della stagione turistica estiva, dopo aver acquisito 192.000 dosi di vaccino cinese Sinovac all’inizio di questa settimana, ha riferito AP. La vaccinazione è andata avanti lentamente da metà gennaio prima dell’arrivo del vaccino cinese, con l’Albania che ha ricevuto meno di 100.000 dosi totali di Pfizer, AstraZeneca e Sputnik V. Il paese ha finora vaccinato 65.000perone tra personale medico, over-80 e insegnanti. Dall’inizio della pandemia, l’Albania ha registrato oltre 123.000 casi di coronavirus e 2.204 morti confermate fino a sabato, secondo le autorità sanitarie. I turisti stranieri che arriveranno in Albania non saranno tenuti a dimostrare di aver ricevuto il vaccino, hanno detto però le autorità.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Josie Le Blond]