Le Capitali – Il premier ceco Babiš attacca il Recovery Fund

Le Capitali, 17 luglio 2020. [Shutterstock/Alexandros Michailidis]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV . Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Prima di iniziare a leggere l’edizione odierna de Le Capitali, date un’occhiata all’anteprima del vertice UE I leader dell’UE vogliono superare le divergenze e concordare un piano di interventi di portata storica, realizzata da Beatriz Rios.

Sentitevi anche liberi di dare un’occhiata alla nuova edizione delle Brief delle sezioni AgriFood e Global Europe .

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.


Ora che molti paesi europei stanno revocando le restrizioni e riaprendo le frontiere, in toto o in parte, con modalità e tempiste differenti per ciascuno, assicuratevi di essere aggiornati cliccando sulla panoramica sull’Europa, regolarmente aggiornata con l’aiuto della nostra rete di uffici e dei media partner di EURACTIV.


ISTITUZIONI EUROPEE

Il presidente del PE: l’accordo sul Recovery Fund è vitale. Madrid, il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli, ha avvertito che sarebbe “assolutamente irresponsabile” non raggiungere un accordo sul Recovery Fund al vertice del Consiglio europeo di venerdì e sabato prossimi (17 – 18 luglio) , rilevando che i leader dell’Ue devono dare una risposta commisurata alle dimensioni “dell’emergenza” generata dalla crisi COVID-19.

Secondo Sassoli, è “possibile” che gli Stati membri raggiungano un accordo, e poiché le imprese, i cittadini e la società civile europea “ce lo chiedono”, è necessario trovare una soluzione europea.


Oggi da Le Capitali:

PRAGA

Il Primo Ministro ceco attacca l’attuale versione del Recovery Fund. Prima di recarsi a Bruxelles per il vertice UE sul Recovery Fund e sul QFP, il bilancio a lungo termine dell’UE , il primo ministro ceco Andrej Babiš ha criticato i criteri di distribuzione e allocazione delle risorse indicati dal Recovery Fund proposto dalla Commissione Europea.

EURACTIV.cz’s Lukáš Hendrych read more.

///

BERLINO

Accordo sulla localizzazione delle misure di restrizione. Il governo federale tedesco ha raggiunto un accordo con i Länder sulla possibilità di istituire divieti di ingresso e di uscita a livello locale per le zone in cui dovessero essere individuati focolai di COVID-19. Non saranno chiusi interi distretti ma saranno possibili misure restrittive localizzate anche molto severe.

EURACTIV’s Sarah Lawton read more.

Leggete anche: il tedesco Altmaier incoraggia gli eurodeputati ad essere più realistici.

///

VIENNA

Altri dieci divieti di volo per altrettanti paesi. Altri dieci paesi, tra cui Albania, Bosnia-Herzegowina, Kosovo, Macedonia settentrionale, Serbia, Bulgaria, Romania, Moldavia ed Egitto, non potranno effettuare collegamenti aerei con l’Austria a causa dell’aumento del loro tasso di infezione da coronavirus, ha annunciato il ministero degli esteri austriaco. Si stima che ci siano meno di 450 cittadini austriaci in questi paesi.

(Philipp Grüll | EURACTIV.de)

///

PARIGI

Macron e Castex difendono la scelta del ministro degli Interni. Oggetto di un’indagine per stupro, molestie sessuali e abuso di potere, il nuovo ministro degli Interni francese, Gérald Darmanin, ha ricevuto il sostegno pubblico del presidente Emmanuel Macron e del nuovo primo ministro Jean Castex. “Il signor Darmanin è tutelato dai principi basilari della Repubblica, come tutti i cittadini. Siamo testimoni di eccessi inaccettabili, lo dico qui con solennità e gravità”, ha detto Castex. Darmanin, da parte sua, ha negato ogni addebito.

Da diversi giorni le femministe manifestano contro quella che definiscono “la nomina infame”. Anche il nuovo ministro della Giustizia, Eric Dupont-Moretti, è stato messo sotto accusa per aver criticato in precedenza il movimento #metoo.

(Anne Damiani | EURACTIV.FR)

///

BRUXELLES

Allentati i vincoli di spesa per una possibile seconda ondata. Giovedì (16 luglio), il Parlamento belga ha approvato un adeguamento della legge per l’apertura di linee di credito provvisorie per i mesi di luglio, agosto, settembre e ottobre al fine di raccogliere un ulteriore miliardo di euro per fronteggiare una prevedibile seconda ondata di COVID-19. Un primo miliardo era già stato concesso all’inizio della crisi, principalmente per coprire le spese sanitarie, mentre un secondo miliardo è stato utilizzato per aiutare gli ospedali, i centri sociali e i centri di assistenza pubblica, e per i test COVID-19.

In altre notizie, il primo ministro belga Sophie Wilmès ha chiesto a Sciensano [centro di ricerca e istituto nazionale di sanità pubblica federale del Belgio, NdT] di fornire nuovamente i dati giornalieri sul COVID-19 dopo che il servizio sanitario federale aveva ridotto la frequenza dei rapporti da giornaliero a settimanale a causa della minor diffusione del virus nelle ultime settimane. “Dobbiamo essere molto più vigili”, ha detto il ministro ai deputati. Dobbiamo fare tutto il possibile per evitare la seconda ondata”. E l’esperienza degli ultimi mesi è stata utilizzata per migliorare la nostra risposta sia a livello federale che regionale”.

(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///

LUSSEMBURGO

Bettel sollecita l’UE affinché sia più solidale. Il primo ministro lussemburghese Xavier Bettel ammette che ci sarà molto da lavorare con i colleghi dell’UE quando si incontreranno venerdì per discutere l’enorme pacchetto di aiuti per la ripresa post coronavirus. Ma, in un’intervista con AFP, ha esortato i colleghi “frugali” di Olanda, Austria, Danimarca e Svezia ad accettare di fornire sovvenzioni – piuttosto che prestiti – ai partner meridionali più in difficoltà.

“Che senso ha chiedere a un Paese di rimborsare i prestiti se sappiamo benissimo che non sarà in grado di farlo? È ridicolo. Quindi dobbiamo anche saper dare”, ha sostenuto. “Perché oggi io do, ma forse domani sarò io a ricevere qualcosa”.

(EURACTIV.com)

In altre notizie, i deputati lussemburghesi hanno votato una nuova legge sul coronavirus, secondo la quale a partire da sabato (18 luglio) e fino al 30 settembre, le mascherine saranno obbligatorie in ogni raduno di più di venti persone, anche in luoghi non pubblici, se non fosse possibile garantire il distanziamento minimo di due metri tra i partecipanti, sia in piedi che nei posti a sedere. Le forze dell’ordine non potranno tuttavia controllare se le persone che si trovano nelle case di riposo agiranno in conformità con il provvedimento.

(Anne Damiani | EURACTIV.com)

///

LONDRA

L’interferenza russa è “quasi certa”. Il governo britannico ha ammesso giovedì (16 luglio) che i russi hanno quasi certamente cercato di interferire nelle elezioni generali del Regno Unito del 2019 tramite documenti acquisiti illegalmente.

Read more.

///

STOCCOLMA

La Svezia è al primo posto nell’UE per i nuovi casi accertati. La Svezia, il cui approccio più morbido alla lotta contro il COVID-19 ha attirato l’attenzione globale, ha uno dei tassi di contagio più alti dell’UE, le autorità, tuttavia, affermano che la diffusione sta rallentando. Nelle ultime due settimane, il paese è stato secondo solo al Lussemburgo per numero di nuovi casi pro capite con una media pari a più di sei volte la media UE.

Negli ultimi 60 giorni, la Svezia ha registrato un drastico aumento dei malati, ma le autorità sottolineano che i casi gravi di COVID-19 e i decessi associati sono diminuiti. “Se aumenterete i test troverete più casi”, ha detto all’AFP il vice epidemiologo di stato Anders Wallensten. “Ma i casi più gravi, quelli che si ammalano e hanno bisogno di cure ospedaliere, invece, sono diminuiti”.

(EURACTIV.com)


EUROPA DEL SUD

ROMA

Conte “pronto a combattere” in vista del dibattito sul Recovery Fund. “Siamo pronti, abbiamo studiato tutti i dossier e speriamo che il vertice UE sia proficuo”, ha detto Conte alla stampa prima di partire per Bruxelles, per partecipare al vertice del Consiglio europeo del 17 e 18 luglio sul Recovery Fund e sul QFP [Quadro Finanziario Pluriennale, NdT], il bilancio a lungo termine dell’Unione Europea.

EURACTIV Italy’s Alessandro Follis read more.

///

MADRID

Riformare il turismo dopo il COVID-19. Il turismo non può essere escluso dalla transizione verso un’economia verde e digitale che “non è una scelta o un’opzione, ma un obbligo”, ha dichiarato il Commissario europeo per la Coesione e le Riforme, Elisa Ferreira, al forum di EURAGORA, sottolineando il “ruolo cruciale” del settore, duramente colpito, per le economie di Spagna e Portogallo.

Read more.

///

LISBONA

La Banca del Portogallo ha un nuovo governatore. L’ex ministro delle finanze portoghese ed ex presidente dell’Eurogruppo, Mário Centeno, è stato nominato nuovo governatore della Banca del Portogallo giovedì 16 luglio e assumerà le sue nuove funzioni lunedì prossimo (20 luglio). La scelta di Centeno è stata controversa, poiché è passato quasi direttamente da ex Ministro delle Finanze (in carica fino a giugno) a Governatore della Banca del Portogallo.

(Maria João Pereira, Lucília Tiago e Irina Melo, di Lusa.pt )

In altre notizie, il sindaco di Lisbona, Fernando Medina, ha dichiarato che le difficoltà create dalla pandemia COVID-19 possono essere trasformate in opportunità per risolvere problemi come il diritto alla casa, la congestione e l’inquinamento, nel corso del suo intervento a Euragora 2020.

(Maria João Pereira, Lusa.pt)

///

ATENE

Incontro sulla Turchia a margine del vertice UE? Secondo SKAI TV, il premier greco Kyriakos Mitsotakis avrà un incontro separato con il presidente del Consiglio UE, Charles Michel, il capo della Commissione UE, Ursula Von der Leyen, il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per discutere gli sviluppi in corso sulla Turchia.

Read more.


I 4 DI VISEGRAD

VARSAVIA

Il PiS si accorda con l’opposizione? Dopo le elezioni presidenziali, in cui il conservatore Andrzej Duda ha battuto per un pelo l’avversario liberale Rafał Trzaskowski (PO), il partito al governo Law and Justice (PiS) sta manovrando per garantirsi il controllo sul processo legislativo. Il partito ha la maggioranza alla Camera, ma non al Senato, che può bloccare la ratifica di alcune delle sue decisioni e rinviarne altre.

Per ora, sembra che il PiS si sia posto l’obiettivo di formare un accordo di voto, non di governo, con il PSL, il partito conservatore del popolo polacco. Tuttavia, mentre l’eurodeputato del PSL Adam Jarubas ha confermato le trattative con il suo partito, i vertici del PSL hanno deciso di non impegnarsi per il momento.

(Łukasz Gadzała | EURACTIV.pl)

///

BUDAPEST

Annullata la festa nazionale. Le celebrazioni per il 20 agosto [Festa Nazionale di Santo Stefano e della Fondazione dello Stato, NdT], compresi i tradizionali fuochi d’artificio, sono state annullate per motivi epidemiologici, ha annunciato l’ufficio di gabinetto del primo ministro giovedì (18 luglio). Le autorità hanno deciso che i raduni di massa, come le celebrazioni della festa nazionale, rappresentano un rischio troppo grosso per la salute pubblica.

Il ministro dell’ufficio del primo ministro, Gergely Gulyás, non ha specificato come verrà utilizzato il budget stanziato per le celebrazioni, limitandosi a un “siamo contenti di poter risparmiare tutti quei soldi”, secondo quanto riportato da Index.

(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com)

///

BRATISLAVA 

La Slovacchia è a favore della proposta originale fatta dalla Commissione per il Recovery Fund. La Slovacchia difenderà le posizioni che non si discosteranno dalla proposta originaria della Commissione europea per quanto riguarda la distribuzione dei fondi del Recovery Fund nei  dibattiti in corso al vertice del Consiglio europeo del 17-18 luglio.

“D’altra parte, sono consapevole che ci sarà bisogno di un compromesso, poiché ci sono paesi che si oppongono a questo”, ha dichiarato il Primo Ministro Igor Matovič. Il premier si è anche detto favorevole a discutere la questione dei sussidi agricoli del bilancio dell’UE, a meno che ciò non impedisca agli Stati membri di raggiungere un compromesso.

(Zuzana Gabrižová | EURACTIV.sk)


DAI BALCANI

ZAGABRIA

Il Premier annuncia che l’esecutivo sarà composto da sedici ministeri. Il primo ministro croato Andrej Plenković ha illustrato giovedì (16 luglio) la struttura del suo prossimo gabinetto di governo, che sarà composto da sedici ministeri, quattro in meno rispetto all’attuale, ha riferito l’agenzia di stampa croata Hina. Il nuovo governo comprenderà 4 vice premier, ha aggiunto.

Read more.

///

LUBIANA 

La Slovenia assegna la gara d’appalto per la app mobile al concorrente più economico. Giovedì 16 luglio, il governo ha firmato un contratto con l’azienda slovena RSteam per l’app mobile nazionale, che si baserà sulla Corona-Warn-App tedesca, secondo quanto riportato dal quotidiano  Delo.

RSteam è stato il più economico dei sei offerenti che hanno partecipato al concorso, con un prezzo richiesto per lo sviluppo della app. di soli 4.026 euro. L’app dovrebbe essere operativa sia su iOS che su Android entro il 1° agosto, ha annunciato il ministero della pubblica amministrazione.

(Zoran Radosavljević | EURACTIV.com)

///

SOFIA

La maggioranza dei bulgari vuole le dimissioni del governo. Il 58% dei bulgari è contrario al governo e ne chiede le dimissioni, contro solo il 32% a favore, secondo un sondaggio di Gallup International pubblicato lunedì (13 luglio).

Giovedì (16 luglio) è stato l’ottavo giorno di protesta in Bulgaria, con migliaia di manifestanti a Sofia e in altre grandi città che chiedono le dimissioni del governo e del procuratore capo. Circa il 6% degli intervistati ha confermato di essere già sceso in piazza per protestare, mentre il 36% ha dichiarato che avrebbe partecipato alle prossime manifestazioni.

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

Esteso lo stato di allerta a causa dei record di casi che si succedono di giorno in giorno. Il governo rumeno ha esteso lo stato di allerta per altri 30 giorni a partire da venerdì (17 luglio), poiché il numero di nuove infezioni da coronavirus continua ad aumentare infrangendo ogni record un giorno dopo l’altro. Giovedì 16 luglio, le autorità hanno annunciato 777 casi positivi nelle 24 ore precedenti, il conteggio giornaliero più alto dall’inizio della pandemia.

Sempre giovedì, il Parlamento ha finalmente adottato una legge specifica sulla quarantena e sull’isolamento dei soggetti infetti, dopo che la Corte costituzionale aveva stabilito, qualche settimana fa, che le regole applicate dal governo per contenere l’epidemia COVID-19 erano contrarie alla Costituzione. Tuttavia, per motivi procedurali, ci vorrà almeno una settimana prima che la legge entri in vigore.

(Bogdan Neagu, EURACTIV.ro)

///

BELGRADO | PRISTINA

Colloqui sempre tesi tra Serbia-Kosovo, ma qualche progresso c’è. Il proseguimento del dialogo Belgrado-Priština con la mediazione dell’Ue e il primo incontro faccia a faccia con il primo ministro kosovaro Avdullah Hoti a Bruxelles “non sono stati facili”, ha dichiarato il presidente serbo Aleksandar Vučić.

EURACTIV Serbia approfodisce i dettagli dell’incontro.

***

[Edited by Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox]