Le Capitali – Il panorama dei media greci suscita preoccupazione a Bruxelles

FOTO: [Shutterstock / Henryk Ditze]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata a Cop26: l’Italia aderisce al Boga, il progetto internazionale per terminare la produzione di gas e petrolio di Davide Lettig

Leggi anche European Fiscal Board: serve una riforma seria e complessiva delle regole fiscali di Fabio Masini


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.

Le notizie di oggi dalle Capitali: 

Buongiorno da ATENE

La legislazione degli stati membri che mira a combattere le fake news durante la pandemia, non dovrebbe ostacolare la pratica del giornalismo, né dovrebbe agire come un deterrente per le “fonti” a parlare con i giornalisti. Un membro della Commissione ha detto a EURACTIV Grecia che il Parlamento nazionale ha approvato giovedì una nuova legge contro le fake news. Tuttavia, questa stessa sembra mettere in dubbio la questione della libertà dei media nel paese. Per saperne di più.


EUROPA OCCIDENTALE

BERLINO

Mentre i conservatori tedeschi della CDU continuano a riprendersi dalla loro peggiore sconfitta elettorale nelle elezioni di settembre, Helge Braun, un alleato di lunga data della Merkel e ministro ad interim della cancelleria, e l’esperto di politica estera Norbert Röttgen, sono emersi come i primi candidati a combattere per la leadership del partito. Per saperne di più.

///

VIENNA

L’Alta Austria stabilirà un lockdown per i non vaccinati. L’Alta Austria metterà in lockdown i non vaccinati da lunedì (15 novembre). L’annuncio è stato diffuso solamente giovedì scorso (11 novembre). La dichiarazione arriva il giorno dopo che il governatore della regione, Thomas Stelzer, ha detto che “nessuno ha bisogno di un lockdown”. Per saperne di più.

///

PARIGI

Macron accoglie il ritorno degli Stati Uniti nel “club del multilateralismo”. “Credo che [il multilateralismo] sia il posto giusto per gli Stati Uniti d’America”, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron di fronte al vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris nel suo discorso di apertura al Forum di pace di Parigi, che ha aperto giovedì.  Per saperne di più.


NORD EUROPA E PAESI BALTICI

HELSINKI

L’azienda finlandese di consegne Wolt fa la storia. Martedì è stato annunciato che la startup tecnologica Wolt, fondata nel 2014 e conosciuta per la sua app di consegna di cibo, sarà acquisita dal gigante americano DoorDash. La mossa è stata elogiata dalla comunità imprenditoriale e da tutto lo spettro politico, compreso il ministro delle Finanze Annika Saarikko.  Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Beaune e le discussioni accese con i brexiteers. Lo scontro tra i ministri britannici e il ministro francese degli affari europei, Clément Beaune, non mostra alcun segno di attenuazione dopo che Beaune ha detto a BFM che “la Brexit ha un impatto sull’economia britannica più negativo del COVID, è scritto nero su bianco”. Per saperne di più.

///

DUBLINO

Taoiseach: La minaccia dell’articolo 16 si allontana.  Il primo ministro irlandese Micheál Martin ha dichiarato che le tensioni sulla potenziale attivazione da parte del Regno Unito dell’articolo 16 del protocollo dell’Irlanda del Nord si stanno attenuando, per ora, in seguito alle preoccupazioni che una tale mossa potrebbe portare a una guerra commerciale con l’UE.  Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

LISBONA

L’UE non dovrebbe finanziare progetti di energia nucleare perché sono insicuri, insostenibili e costosi, ha detto il ministro dell’ambiente e dell’azione per il clima, João Pedro Matos Fernandes, in un evento a margine del vertice sul clima delle Nazioni Unite COP26 a Glasgow. Per saperne di più.

///

ROMA

I comuni riceveranno 50 miliardi di euro dal piano di ripresa. “I comuni e le città metropolitane amministreranno quasi 50 miliardi di euro come attuatori del piano nazionale di rilancio”, ha detto il premier Mario Draghi giovedì (11 novembre) in un discorso alla 38esima assemblea dell’associazione dei comuni e delle città. Per saperne di più.

///

MADRID

Spagna e Commissione Ue d’accordo sullo strumento per finanziare il piano di risanamento. Il governo di sinistra spagnolo ha firmato un accordo con la Commissione che descrive in dettaglio tutti gli strumenti operativi del Recovery Plan del paese. Questo passo formale permetterà a Madrid di richiedere la prima “tranche” semestrale di 10 miliardi di euro dalle risorse dell’UE.  Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

La Repubblica Ceca deve eliminare gradualmente il carbone il più presto possibile per raggiungere gli obiettivi climatici europei. Tuttavia, la transizione verso un’economia verde è ancora lontana dal diventare una realtà. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

L’Ungheria fissa il prezzo del gas. Il governo fisserà il prezzo della benzina a 95 ottani e del diesel a 480 HUF (1,34 euro) al litro, ha annunciato giovedì (11 novembre) il ministro responsabile dell’ufficio del primo ministro, Gergely Gulyás, secondo quanto riportato da Telex. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

La marcia dell’estrema destra per il Giorno dell’Indipendenza va avanti nonostante la sentenza del tribunale. Mentre la Polonia celebrava l’anniversario dell’indipendenza, la marcia annuale ha avuto luogo a Varsavia con circa 150.000 persone presenti, nonostante il divieto imposto dal sindaco della città e mantenuto dal tribunale distrettuale. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

L’EPPO indaga su uno dei più grandi progetti digitali finanziati dall’UE in Slovacchia. La Procura europea (EPPO) indagherà su uno dei più grandi progetti informatici della Slovacchia, del valore di oltre 50 milioni di euro, che il precedente governo di Peter Pellegrini ha eseguito. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Commissione bulgara per la protezione della concorrenza (CPC) ha accusato Lukoil Bulgaria di abusare della sua posizione dominante nel mercato del carburante del paese a seguito di un’indagine. Per saperne di più.

///

BUCHAREST

Nuova legge rumena introduce una tassa sui produttori di energia verde. Una recente legge che istituisce uno schema per compensare i consumatori per gli alti prezzi dell’energia ha anche introdotto una tassa dell’80% sul reddito aggiuntivo generato dai produttori di elettricità. Tuttavia, la tassa si applica solo ai produttori di energia verde, dato che i produttori di combustibili fossili sono esenti. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

L’EPPO accusa l’ex ministro, il capo dell’agenzia e gli imprenditori di aver sottratto 1,8 milioni di euro. Il Partito Socialdemocratico (SDP) all’opposizione e il Blocco Verde-Sinistra hanno annunciato che formeranno una commissione d’inchiesta per esaminare l’assorbimento dei fondi UE, in seguito allo scandalo soprannominato Software in cui è stata arrestata Gabrijela Žalac, membro della presidenza dell’Unione Democratica Croata (HDZ) al potere ed ex ministro dei fondi UE. Per saperne di più.

///

Zagabria

La Croazia sosterrà l’università e il Teatro nazionale croato a Mostar. La Croazia concederà 6 milioni di kune (800.000 euro) dal suo bilancio per sostenere l’università e il Teatro nazionale croato a Mostar, in Bosnia ed Erzegovina. Il primo ministro Andrej Plenković ha detto che il bilancio dell’Ufficio centrale dello Stato per i croati all’estero l’anno prossimo aumenterà quasi del 100%.

Il segretario di Stato per i croati all’estero Zvonko Milas ha detto che la decisione è una continuazione del sostegno finanziario che il governo ha fornito all’Università di Mostar e al Teatro nazionale croato (HNK) di Mostar dal 2017.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

LJUBLJANA

Lo scandalo rischia di spazzare via il ministro dell’ambiente sloveno. Il ministro dell’ambiente Andrej Vizjak, uno stretto collaboratore del primo ministro sloveno, potrebbe essere perdere il posto dopo che un partner minore del governo di minoranza ha detto che non lo sostiene più in seguito alle dichiarazioni che ha fatto in una conversazione trapelata con un capo aziendale 14 anni fa. Per saperne di più.

///

BELGRADO

La Camera di commercio serba apre formalmente una missione a Gerusalemme. La Camera di commercio serba ha aperto mercoledì (10 novembre) una missione a Gerusalemme per promuovere i legami economici tra la Serbia e Israele, sottolineando la cooperazione delle aziende nell’innovazione, nella tecnologia, nella conoscenza scientifica e nella ricerca, ha dichiarato la Camera. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Maas: niente soldi all’entità che lavora per distruggere la BiH. Il ministro degli Esteri tedesco Heiko Mass si è unito a quelli che sostengono che l’attuale crisi in BiH è estremamente pericolosa e che è necessario fermare le azioni delle autorità della Republika Srpska (entità serba, RS) che potrebbero portare alla disintegrazione del paese. Per saperne di più.

///

SKOPJE

Rinviato il voto di sfiducia al governo della Macedonia del Nord. La sessione del Sobranje (parlamento) per il voto di sfiducia contro il primo ministro Zoran Zaev è stata rinviata a tempo indeterminato per mancanza di quorum. Dopo diversi ritardi, il vice presidente del parlamento Fadil Zendeli ha detto che le delibere non potevano iniziare con solo 60 dei 120 rappresentanti presenti. Per saperne di più.

///

PRISTINA

Trump: Pace, normalizzazione economica tra Serbia e Kosovo possibile. “I grandi popoli della Serbia e del Kosovo hanno superato enormi ostacoli nella ricerca della normalizzazione economica. Gli accordi che la mia amministrazione ha mediato (a Washington, il 4 settembre 2020) sono storici e non devono essere abbandonati, sono in gioco molte vite”, ha dichiarato l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump in una dichiarazione. Per saperne di più.

///

TIRANA

L’UE è a favore dell’applicazione per la chiusura degli impianti in Albania. La delegazione dell’Unione Europea a Tirana ha parlato dell’importanza dello stato di diritto e dell’applicazione delle decisioni giudiziarie vincolanti, dopo la sentenza di un tribunale di sospendere il funzionamento di due centrali idroelettriche nel nord del paese.  Per saperne di più.


AGENDA:

  • UE: Il Consiglio Affari Economici e Finanziari si riunisce a Bruxelles / La Corte dei Conti europea pubblica il suo rapporto annuale di audit finanziario sui partenariati pubblico-privato dell’UE.
  • Francia: Il presidente Emmanuel Macron ospita una conferenza internazionale sulla Libia, co-presieduta dalla cancelliera tedesca Angela Merkel / Il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian e il ministro della Difesa Florence Parly incontrano i loro omologhi russi.
  • Germania: Il ministro della Salute Jens Spahn e il capo dell’RKI Lothar Wieler tengono una conferenza stampa sulla situazione del Covid-19.
  • Belgio: Gruppi femministi boicottano i bar per protestare contro la violenza sessuale.
  • Svizzera: Il capo dell’AIEA Rafael Grossi parla con la stampa alla fine della conferenza sulla sicurezza nucleare a Ginevra.
  • Regno Unito: Il vicepresidente della Commissione europea Maros Sefcovic visita Londra per colloqui sul protocollo dell’Irlanda del Nord con David Frost.
  • Danimarca: Reintrodotto il Covid pass.
  • Repubblica Ceca: Il Congresso Mondiale Uiguro (WUC) si riunisce a Praga.
  • Bulgaria: il primo ministro ad interim Stefan Yanev risponderà alle domande dei cittadini e dei media durante una trasmissione in diretta sulla pagina Facebook del Consiglio dei ministri.
  • Croazia: L’associazione di allevatori Baby Beef tiene una conferenza annuale incentrata sulla difficile situazione del settore dell’allevamento del bestiame, sulle tendenze globali e su un possibile aumento dei prezzi della carne.

***
[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]