Le Capitali – Il nuovo ministro degli esteri ceco punta agli investimenti cinesi

É possibile che il Presidente ceco sia disposto a bloccare la formazione del nuovo governo solo per evitare che Lipavský diventi ministro degli esteri. [EPA-EFE/MADOKA IKEGAMI]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui. Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.



Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

Buongiorno da Praga.

Il probabile prossimo ministro degli esteri ceco, Jan Lipavský (membro del partito Pirata, affiliato ai Verdi/EFA), vuole cambiare l’indirizzo della politica estera del paese per dare priorità ai diritti umani rispetto agli interessi economici. Per saperne di più.

La redazione: La “guerra silenziosa” nel Mediterraneo rende evidente l’illusione dell’autonomia strategica dell’UE. La “guerra silenziosa” in corso su quale stato dell’UE controllerà la regione mediterranea minaccia l’obiettivo dell’UE, mirato ad un approccio più coordinato in politica estera. Per saperne di più.


EUROPA OCCIDENTALE

BERLINO

La Germania riflette sulla possibilità della vaccinazione obbligatoria, mentre la pandemia colpisce duramente il paese. Con la recente crescita dei casi di COVID-19 e gli ospedali con sempre meno posti letto a disposizione, diversi politici tedeschi di spicco si esprimono a favore dell’obbligatorietà dei vaccini – inizialmente, tale proposta era considerata un tabù. Per saperne di più.

///

PARIGI

Controversia sulla pesca con la Gran Bretagna: la Francia promette di “continuare la lotta”. Il ministro per gli affari marittimi Annick Girardin ha detto ai pescatori durante un viaggio nel Nord della Francia che l’esecutivo “non si arrenderà affatto”, riguardo alla disputa sulle licenze di pesca con il governo britannico. Per saperne di più.

///

VIENNA

Migliaia di persone a Vienna protestano contro la vaccinazione obbligatoria. Circa 40.000 persone si sono riversate nelle strade di Vienna per protestare contro il lockdown totale che sarà introdotto da lunedì, così come le nuove misure che renderanno obbligatori i vaccini da febbraio 2022. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

Un convoglio di trattori protesta contro la PAC a Dublino. Gli agricoltori di tutta l’Irlanda si sono riuniti domenica per protestare contro la Politica Agricola Comune (PAC) dell’UE, invadendo la capitale con centinaia di trattori. Per saperne di più.


NORD EUROPA E PAESI BALTICI

HELSINKI

Una startup finlandese apre la strada alla produzione di cibo senza l’uso di terra e bestiame. Solar Foods, una startup nata nel 2017 dal progetto di ricerca del VTT Technical Research Centre e dell’Università LUT nella Finlandia orientale, ha ideato un metodo per produrre proteine monocellulari sostenibili da anidride carbonica ed elettricità senza l’uso di terra e bestiame. Per saperne di più.

I socialisti danesi e svedesi si oppongono alla direttiva sul salario minimo. La direttiva sul salario minimo è un obiettivo politico chiave per i socialdemocratici europei, ma i partiti di sinistra e i sindacati in Danimarca e Svezia la vedono come un pericolo per il loro modello di mercato del lavoro. Hanno raccolto abbastanza firme per poter forzare un voto nella plenaria di novembre del Parlamento europeo, ritardando potenzialmente la direttiva per i prossimi mesi. Per saperne di più.

La Cina declassa i legami diplomatici con la Lituania su Taiwan. La Cina ha declassato i suoi legami diplomatici con la Lituania domenica (21 novembre), esprimendo una forte insoddisfazione verso lo Stato baltico, dopo che Taiwan vi ha aperto un’ambasciata de facto, ultimo episodio di una disputa di cui ha risentito anche Washington. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Sindacati romani: impossibile controllare il COVID Pass sui trasporti pubblici. Attualmente è impossibile controllare il COVID Pass sui trasporti pubblici perché non c’è abbastanza personale per svolgere tale compito, hanno detto i sindacati dei trasporti di Roma. Per saperne di più.

///

MADRID

La Spagna guarda al fondo di solidarietà UE per i danni del vulcano di La Palma. La Spagna chiederà formalmente alla Commissione europea di attivare il Fondo di solidarietà UE per ottenere risorse extra per far fronte ai danni causati dall’eruzione vulcanica sull’isola di La Palma, ha annunciato venerdì il primo ministro Pedro Sánchez. Lo ha riferito il partner di EURACTIV, EFE. Per saperne di più.

///

ATENE

Il premier greco Mitsotakis rinnova l’appello per la restituzione dei marmi del Partenone. Il primo ministro greco Kiriakos Mitsotakis ha chiesto ancora una volta la restituzione dei marmi del Partenone in un articolo pubblicato sul Daily Mail domenica 21 novembre. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

Morawiecki: Bielorussia e Russia potrebbero trarre vantaggio dall’Afghanistan. C’è la possibilità che i migranti dall’Afghanistan possano incrementare la prossima ondata migratoria e le tensioni ai confini del’Europa, ha detto domenica il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, parlando insieme al primo ministro lituano Ingride Šimonyte. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

Il premier slovacco Heger spinge per la vaccinazione obbligatoria mentre la sanità del paese è al collasso. “La vaccinazione obbligatoria per le persone oltre i 65 o 60 anni sarebbe l’ideale. Penso che sarebbe opportuno includere anche gli over 50, ma aspettiamo il parere degli esperti”, ha detto il primo ministro Eduard Heger, mentre il paese affronta il peggior aumento dei casi di COVID-19 con il sistema sanitario in serie difficoltà. Heger ha anche detto che stava discutendo tale opzione con gli esperti della corte costituzionale. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Il presidente bulgaro Radev è stato eletto per un secondo mandato. Rumen Radev ha ottenuto il secondo mandato presidenziale nel ballottaggio contro il candidato del partito GERB Anastas Gerdjikov. L’affluenza è stata molto bassa: circa il 30% dei cittadini si è recato alle urne. Secondo gli exit poll della Gallup International Balkan, Radev ha ricevuto il 65,8% dei voti contro il 31,8% di Gerdjikov. Per saperne di più. 

///

BUCHAREST

La Romania è vicina ad avere un nuovo governo. La nuova coalizione di governo è pronta, manca solo l’approvazione del presidente e del primo ministro. I partiti di centro-destra PNL e UDMR hanno raggiunto un accordo con i socialisti del PSD, per formare il nuovo governo. Ancora non si sa chi sarà il primo ministro. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Giornalista aggredito durante la protesta No-Vax a Zagabria. Il giornalista della televisione RTL Goran Latković è stato aggredito durante una protesta contro il COVID Pass a Zagabria, sabato scorso, mentre svolgeva il proprio lavoro all’evento. Per saperne di più.

Reporter tedesco multato di 480 euro per aver attraversato illegalmente il confine con i migranti. Il tribunale municipale di Karlovac ha multato un giornalista tedesco per 480 euro, con l’accusa di aver cercato di attraversare illegalmente il confine tra la Bosnia-Erzegovina e la Croazia con un gruppo di migranti.

Il gruppo di otto persone, tra cui il giornalista tedesco di 44 anni, è stato catturato dalla polizia croata mentre cercava di entrare illegalmente in Croazia vicino alla città di Cetingrad. Dopo essere stati catturati, i sette migranti hanno detto che avrebbero chiesto la protezione internazionale in Croazia.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

La Slovenia opta per una serie di nuove misure di rilancio. Il governo ha proposto ulteriori aiuti per le imprese e per i più vulnerabili, in modo tale da proteggerli dall’aumento dei prezzi, mentre il paese è alle prese con la peggiore ondata di contagi da COVID-19 mai affrontata. Per saperne di più. 

///

BELGRADO

Siemens Mobility Serbia consegnerà il primo tram a Norimberga. La società Siemens Mobility Serbia consegnerà il primo tram interamente prodotto dalla fabbrica di Kragujevac alla città tedesca di Norimberga, è stato annunciato venerdì (19 novembre). Questo sarà il primo dei 12 che saranno prodotti in Serbia per la città tedesca.

Secondo il comunicato, i tram Avenio prodotti in Serbia, insieme ai treni della metropolitana G1, anch’essi forniti dalla Siemens, faranno parte della modernizzazione del sistema di trasporto pubblico cittadino su cui Norimberga sta investendo. L’assemblaggio dei veicoli di questa commessa è iniziato nell’estate del 2021. I tram Avenio sono lunghi 36,9 metri, hanno una velocità massima di 70 chilometri all’ora e possono trasportare fino a 218 passeggeri.

(EURACTIV.rs | betabriefing.com)

Il CdE chiede a Belgrado di smetterla di osannare i criminali di guerra. I relatori dell’Assemblea del Consiglio d’Europa chiedono al governo serbo di prendere provvedimenti contro la glorificazione degli autori di crimini contro l’umanità e di rimuovere immediatamente il murales di Ratko Mladic condannato per crimini di guerra. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Il leader della parte bosniaca nel BiH: HDZ non otterrà nulla sulla legge elettorale se non si giunge a un compromesso. “Se l’HDZ non è pronta al compromesso, allora non otterrà nulla”, ha detto Bakir Izetbegović, presidente del più grande partito bosniaco SDA, a proposito delle modifiche alla costituzione e alla legge elettorale. Per saperne di più.

///

SKOPJE

Zaev si dimetterà quando la maggioranza in Sobranje (parlamento) sarà confermata. I media della Macedonia del Nord hanno riferito che il primo ministro Zoran Zaev si dimetterà non appena ci sarà la maggioranza in parlamento. Per saperne di più.

///

PRISTINA | BELGRADO

La Serbia si mostra indispettita dall’accenno del leader del Kosovo all’unificazione con l’Albania. Il primo ministro serbo Ana Brnabić ha visto negativamente l’accenno del suo omologo kosovaro Albin Kurti a un possibile referendum sull’unificazione con la vicina Albania. Per saperne di più.

///

TIRANA

L’Albania imporrà grosse sanzioni a chi inquina. Secondo il primo ministro Edi Rama, chi viene trovato a gettare rifiuti in Albania dovrà pagare multe elevate, anche se non è ancora disponibile un’adeguata raccolta e riciclaggio dei rifiuti.

 


                                                                         AGENDA

 

  • UE: incontro ministeriale UE-Asia Centrale a Dushanbe, Tajikistan con l’Alto rappresentante Josep Borrell e il commissario Urpillainen / Sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo.
  • Germania: Forum di politica estera a Berlino con il ministro degli Esteri Heiko Maas.
  • Belgio: Il primo ministro Alexander De Croo incontra l’omologo francese Jean Castex / Entrano in vigore le nuove restrizioni Covid, tra cui l’uso della mascherina in molteplici spazi al chiuso.
  • Austria: La leader dell’opposizione bielorussa Svetlana Tikhanovskaya partecipa alla conferenza online sulla Bielorussia / Entrano in vigore le restrizioni Covid per tutti.
  • Ungheria: La relatrice delle Nazioni Unite sulla libertà di opinione e di espressione Irene Khan tiene una conferenza stampa a Budapest.
  • Slovacchia: Entrano in vigore le restrizioni del Covid per i non vaccinati.
  • Croazia: Il primo ministro Andrej Plenković riceve il giudice Carmel Agius, presidente del Meccanismo internazionale residuale per i tribunali penali (MICT), successore del Tribunale penale internazionale per l’ex Jugoslavia (ICTY). Il presidente e comandante supremo delle forze armate e il ministro della difesa Mario Banožić partecipano alla cerimonia di congedo del 36° contingente di truppe croate alla missione KFOR guidata dalla NATO in Kosovo.
  • Slovenia: Il parlamento voterà una mozione di sfiducia nei confronti del ministro della Giustizia Marjan Dikaučič per i problemi relativi alla nomina dei procuratori europei.
  • Serbia: Alla stazione ferroviaria di Novi Sad, il presidente serbo Aleksandar Vučić parteciperà a una cerimonia sulla tratta Novi Sad-Kelebija, parte del progetto ferroviario ad alta velocità Belgrado-Budapest, con il ministro degli Esteri e del Commercio ungherese Peter Szijjarto e l’ambasciatore cinese a Belgrado Chen Bo.
***
[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]