Le Capitali – Il monitoraggio delle radiazioni in Bielorussia oscurato dopo un presunto incidente in una centrale nucleare

Ostrovets, nella regione di Grodno, in Bielorussia. [Shutterstock/horyd yury]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Agricoltura, l’Ue punta sul bio: mense green, reti turistiche ed ecoincentivi di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Risorse proprie UE: l’agenda di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali: 

VILNIUS | MINSK

Dopo un presunto incidente all’impianto nucleare bielorusso di Ostrovets, che sarebbe avvenuto all’inizio di questo mese, le stazioni di monitoraggio delle radiazioni in tutto il paese si sono oscurate, facendo sparire per diverse ore i dati accessibili al pubblico in Bielorussia, hanno detto alcuni funzionari lituani.

(Benas Gerdžiūnas |  LRT.lt/en)

///

PRESIDENZA UE

Barroso chiede più sostegno europeo per il piano di vaccinazione globale. Il presidente dell’Alleanza globale per i vaccini (Gavi), José Manuel Barroso, giovedì ha invitato l’Unione europea ad accelerare l’accesso ai vaccini nei paesi in via di sviluppo aumentando i contributi multilaterali e donando le dosi in eccesso attraverso la piattaforma Covax.

(Cristina Fernandes Ferreira |  Lusa.pt)

///

BERLINO

Il Bundestag approva il fondo di recupero dell’UE. Giovedì la camera bassa del parlamento ha approvato il piano di ripresa dell’UE, con la cancelliera Angela Merkel che ha sottolineato che il piano dell’UE per mutualizzare il debito e convogliare il denaro verso gli Stati membri più colpiti dal COVID-19 creerà uno strumento importante per superare la crisi, ma dovrà essere un evento unico.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

PARIGI

La Francia annuncia nuove misure restrittive. Il ministro della Salute francese Olivier Véran ha annunciato nuove restrizioni anti-COVID-19 nel tentativo di fermare il crescente numero di casi in tutto il paese, mettendo le regioni del Rodano, dell’Aube e della Nièvre in lockdown parziale. Tuttavia, sebbene secondo il ministro la “pressione epidemica sia allarmante”, le scuole rimarranno aperte in quanto la loro chiusura è considerata come “ultima opzione”. Le regioni Normandia, Hauts-de-France e Île-de-France sono già entrate in lockdown per un mese lo scorso venerdì.

(Clara Bauer-Babef | EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Le restrizioni anti-COVID-19 nella regione di Bruxelles-Capitale sono state estese fino al 25 aprile. A seguito di una decisione del governo belga, il coprifuoco rimarrà in vigore dalle 22:00. Inoltre, sarà in vigore un divieto di consumare alcol negli spazi pubblici l’obbligo di portare la mascherina.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

L’AIA

Il primo ministro olandese prevede che il Regno Unito e l’UE arriveranno presto a un accordo sui vaccini. Il primo ministro olandese Mark Rutte ha detto giovedì che Londra e Bruxelles potrebbero concordare un accordo sulla condivisione dei vaccini entro il fine settimana “o subito dopo” per evitare l’imposizione di un embargo da parte dell’UE.

(EURACTIV.com with Reuters)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il Regno Unito estende i poteri di emergenza del governo contro l’epidemia di COVID-19 per altri sei mesi. Il Regno Unito potrebbe essere pronto per iniziare il processo di allentamento delle restrizioni COVID-19 già dalla prossima settimana, ma giovedì i legislatori hanno votato per estendere i poteri di emergenza sul coronavirus, che conferiscono ai ministri poteri di ampio respiro, per altri sei mesi.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///

DUBLINO

Coveney: il governo non appoggia l’assemblea di unità irlandese. Il governo irlandese non sostiene l’istituzione di un’assemblea di cittadini per discutere di come potrebbe essere un’Irlanda unita, ha affermato il ministro degli Esteri Simon Coveney alla terza riunione del tavolo di dialogo sulle isole condivise.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Il governo finlandese chiede al Parlamento di rafforzare le misure anti-COVID-19.Il governo finlandese ha presentato giovedì una proposta al Parlamento per limitare la libertà di movimento e introdurre la mascherina obbligatoria per tre settimane nelle zone più colpite del paese.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

COPENAGHEN

La Danimarca proroga la sospensione delle vaccinazioni con AstraZeneca. La Danimarca non somministrerà più vaccini AstraZeneca almeno fino al 18 aprile. Il direttore del servizio sanitario danese Søren Brostrøm ha affermato che si tratta di una precauzione e che deve esserci assoluta certezza che non vi sia alcun legame tra il vaccino e lo sviluppo di coaguli nel sangue di alcune persone.

(EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

L’Italia avvierà l vaccinazioni nei luoghi di lavoro. I vaccini contro il COVID-19 saranno somministrati anche nelle fabbriche e negli uffici italiani, hanno detto giovedì il ministro della Salute Roberto Speranza e il ministro del Lavoro Andrea Orlando durante una riunione con le parti sociali. Nei prossimi giorni, “definiremo i requisiti minimi essenziali per garantire vaccinazioni sicure, anche con strutture mobili”, ha spiegato Orlando. Le prime aziende ad essere vaccinate saranno quelle con più di 50 dipendenti, e la vaccinazione partirà “dalle categorie di lavoratori più esposte al rischio di contagio” individuate dall’Inail, hanno aggiunto i ministri.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

La Spagna ha assorbito il 50% degli attuali fondi strutturali dell’UE, afferma il ministro delle Finanze. La Spagna ha assorbito il 50% dei fondi strutturali e di investimento dell’Unione europea per il periodo 2014-20, che possono essere spesi fino al 2023, ha detto giovedì il ministro delle finanze spagnolo María Jesús Montero.

(Fernando Heller |  euroefe.es)

///

ATENE

Gli israeliani potranno viaggiare in Grecia con il certificato di vaccinazione. A partire da giovedì, i residenti permanenti di Israele potranno viaggiare in Grecia se sono vaccinati contro il COVID-19 e sono in possesso di un certificato di vaccinazione.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)


GRUPPO DI VISEGRAD

BUDAPEST

L’Ungheria scende nella classifica sulla libertà di stampa di Freedom House.L’Ungheria è ancora classifica come ‘parzialmente libera’, passando da 70 a 69 punti rispetto allo scorso anno, secondo il rapporto pubblicato giovedì.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com)

///

VARSAVIA

Il governo polacco introduce restrizioni più severe mentre le infezioni aumentano. Giovedì il ministero della Salute polacco ha registrato più di 34.000 nuovi casi di COVID-19: un nuovo record per il paese nel 2021, che ha costretto il governo a ordinare misure restrittive più severe per due settimane.

(Aleksandra Krzysztoszek |  EURACTIV.pl)

///

BRATISLAVA

Gli evasori del pedaggio autostradale costano alla Slovacchia 1 milione di euro di multe non riscosse al mese. I conducenti che hanno evitato i pedaggi autostradali per mesi non sono stati penalizzati perché l’invio automatico delle multe è stato sospeso, il che significa che circa 130.000 sanzioni non sono state pagate, secondo la testata Dennik N. La situazione è stata provocata dalla riduzione del termine per la notifica delle multe a 60 giorni. La nuova norma è stata introdotta dal ministro dell’Economia Richard Sulík nel luglio 2020, come parte del pacchetto di regole per le imprese implementate per rimuovere gli oneri amministrativi durante la pandemia, che sono state adottate in modo accelerato senza un’adeguata discussione in parlamento. Secondo il ministro dei Trasporti Andrej Doležal, la nuova scadenza più breve è impossibile da gestire per il sistema di riscossione.

(Irena Jenčová | EURACTIV.sk)

///

PRAGA

I servizi segreti cechi lanciano l’allarme sul coinvolgimento della Russia nella gara per la costruzione di una centrale nucleare. I servizi segreti cechi hanno messo in guardia il governo di Praga dall’inclusione del gigante energetico russo Rosatom in una gara d’appalto pianificata per la costruzione di una nuova unità presso la centrale nucleare di Dukovany, che renderebbe il paese vulnerabile.

(Ondřej Plevák |  EURACTIV.cz)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria rivede le misure anti-COVID-19 due volte in cinque ore. Il primo ministro Boyko Borissov e il governo bulgaro hanno cambiato le misure anti-COVID-19 del paese per la prima volta in 10 giorni giovedì 25 marzo, consentendo l’apertura di grandi negozi non alimentari se limitano la loro capacità, ma le hanno cambiate di nuovo solo cinque ore più tardi.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

ZAGABRIA

La Croazia estende gli aiuti per il mantenimento del lavoro fino ad aprile. Giovedì il governo croato ha adottato una proposta per prolungare gli aiuti al mantenimento del posto di lavoro per i settori colpiti dalla pandemia COVID-19 per tutto aprile, affermando che a tale scopo finora sono stati stanziati 10 miliardi di kune (1,3 miliardi di euro), coprendo circa 120.000 datori di lavoro e 680.000 dipendenti.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA 

Il Parlamento sloveno respinge la mozione di sfiducia contro il ministro della Cultura. L’Assemblea nazionale slovena ha respinto una mozione di sfiducia contro il ministro della Cultura Vasko Simoniti, con 43 voti a favore del suo licenziamento – tre in meno della maggioranza necessaria – e 40 contrari.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

Il Parlamento europeo adotta la relazione della Serbia sull’andamento dei lavori per l’adesione all’UE. Giovedì il Parlamento europeo ha adottato la relazione dell’europarlamentare Vladimir Bilčík sui progressi della Serbia verso l’adesione all’UE, con 538 deputati favorevoli, 69 contrari e 79 astenuti.

(EURACTIV.rs)

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Benjamin Fox]