Le Capitali – Il gruppo di Visegrad non è influente quanto credono i leader politici

Un sondaggio condotto tra gli esperti ridimensiona l'influenza del gruppo V4. [EPA-EFE/FRANCOIS WALSCHAERTS]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Covid, la quarta ondata in Europa: lockdown selettivi, vaccini e nuove restrizioni. Cosa stanno facendo i diversi Paesi di Valentina Iorio, EURACTIV.it.

Leggete anche Copyright, l’Italia recepisce la direttiva Ue: i colossi del web dovranno pagare gli editori per le notizie di Valentina Iorio, EURACTIV.it.

Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.

Le notizie di oggi dalle Capitali:

PRAGA

La cooperazione di Visegrad è ancora importante ma non così cruciale come spesso sostengono i leader politici. Lo suggerisce un nuovo studio basato su un sondaggio tra esperti di politica estera e dell’UE cechi, ungheresi, polacchi e slovacchi. Per saperne di più.

///

VIENNA

L’Austria introduce dure restrizioni per i non vaccinati. Solo i vaccinati o coloro che sono guariti dal COVID-19 potranno accedere a bar, hotel ed eventi culturali da lunedì, ha annunciato venerdì il governo austriaco. Per saperne di più.

///

BERLINO

La futura coalizione della Germania è sotto pressione mentre il paese si prepara alla quarta ondata. La futura coalizione SPF-FPD-Verdi è stata criticata per essersi affrettata a rimuovere la base legale per imporre restrizioni COVID-19. L’idea è di porre fine ai lockdown e al coprifuoco entro il 25 novembre, nonostante il tasso di incidenza nel paese sia aumentato del 200% in un mese. Per saperne di più.

///

PARIGI

L’intellettale di estrema destra Zemmour dice che è “tutto a posto” per la candidatura presidenziale. “Tutto è a posto” per una potenziale candidatura presidenziale, ha detto l’esperto televisivo di estrema destra Éric Zemmour a BFM Politique in un’intervista domenica. Nel frattempo, un nuovo sondaggio conferma che riuscirebbe ad arrivare al secondo turno delle elezioni presidenziali francesi in programma ad aprile. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Londra al lavoro sull’alternativa a Horizon. I ministri del Regno Unito stanno lavorando a un’alternativa nazionale al progetto di ricerca dell’UE da 95 miliardi di euro, Horizon Europe, nell’eventualità che la Commissione europea continui a bloccare l’approvazione dell’adesione del Regno Unito ai programmi. Per saperne di più.

///

DUBLINO

Ministro degli esteri irlandese: il Regno Unito intende attivare l’articolo 16 del protocollo dell’Irlanda del Nord. Il governo britannico sembra essere sul punto di far scattare l’articolo 16, ha affermato il ministro degli Esteri irlandese Simon Coveney, avvertendo che l’UE potrebbe accantonare il suo accordo di libero scambio con il Regno Unito in risposta. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ATENE

Gli eroi degli incendi in Grecia attaccati dalla polizia. La polizia greca ha attaccato i vigili del fuoco stagionali durante una manifestazione venerdì (5 novembre) fuori dal ministero della crisi climatica e della protezione civile ad Atene. Per saperne di più.

Mohegan si ritira dal progetto del mega-casinò greco. Mohegan Gaming ha annunciato venerdì la sua decisione di ritirarsi dal suo piano per costruire un casinò in Grecia e concentrare la sua attenzione sulla costruzione di un progetto simile in Corea del Sud. A settembre Mohegan ha annunciato il trasferimento dell’intera partecipazione nel progetto a GEK Terna, società di costruzioni greca precedentemente proprietaria di minoranza del consorzio. Per saperne di più.

///

MADRID

La polizia spagnola cerca 12 persone dopo l’atterraggio di emergenza a Maiorca. La polizia spagnola ha arrestato 12 persone e sta cercando altri 12 fuggitivi da un aereo dopo un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Palma, sull’isola di Maiorca, nelle Baleari. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

BRATISLAVA

Al leader del partito ungherese in Slovacchia è vietato l’ingresso in Ucraina. A Krisztián Forró, leader del partito dell’Alleanza, che rappresenta la minoranza ungherese in Slovacchia, è stato impedito di entrare in Ucraina la scorsa settimana. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

Il controverso ambasciatore polacco a Berlino lascia il suo incarico. Il prof. Andrzej Przyłębski, marito della presidente del Tribunale costituzionale Julia Przyłębska, lascia il suo incarico di ambasciatore della Polonia a Berlino dopo cinque anni. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

I liceali sono stati costretti a guardare film filo-governativi durante l’orario scolastico. Una proiezione di ‘We f*cked up’ (Elk*rtuk), che mostra il discorso trapelato nel 2006 dell’ex primo ministro Ferenc Gyurcsány che ha causato una crisi politica nazionale, ha visto la partecipazione di studenti provenienti da diversi scuole secondarie, alcune delle quali hanno reso il film obbligatorio, ha riferito Telex. Alcuni studenti che non hanno assistito alla proiezione del film, ampiamente considerato dai critici come propaganda filogovernativa, hanno ricevuto un’assenza ingiustificata.

Secondo l’imprenditore che ha organizzato la proiezione e gli insegnanti, i costi della proiezione e il trasporto in autobus degli studenti sarebbe stato coperto dal comune di Karcag, amministrato da Fidesz, e dal suo centro culturale. Il sindaco, però, ha negato che il comune abbia pagato per la proiezione. Alcuni insegnanti non ritenevano etico che la frequenza fosse obbligatoria. (Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com con Telex)


NOTIZIE DAI BALCANI

LUBIANA

Il presidente sloveno propone la prima data possibile per le elezioni per allentare le tensioni politiche. Il presidente sloveno Borut Pahor ha annunciato l’intenzione di indire le elezioni generali il 24 aprile 2022, la prima data possibile, nel tentativo di allentare alcune delle peggiori tensioni politiche che la Slovenia abbia mai vissuto. Per saperne di più.

///

SOFIA

Candidato deputato bulgaro catturato in una truffa sui green pass. Secondo un’indagine condotta da Nova TV, un candidato parlamentare bulgaro del partito nazionalista NFSB è stato coinvolto in uno schema che rilascia certificati di vaccinazione a persone non vaccinate. Per saperne di più.

///

BUCAREST

Le scuole della Romania riapriranno, alcune anche in presenza. Le scuole in Romania riapriranno lunedì dopo che gli studenti hanno preso una vacanza forzata di due settimane a causa della pandemia. Tuttavia, le lezioni in presenza inizieranno solo per gli studenti che frequentano le scuole in cui almeno il 60% degli insegnanti è vaccinato.

La situazione del COVID-19 in Romania è ancora difficile: quasi nessun letto nelle unità di terapia intensiva è libero e ogni giorno muoiono centinaia di persone.

Il ministero dell’Istruzione aveva sospeso per due settimane i corsi sperando che la ridotta circolazione migliorasse la situazione pandemica. Le scuole ripartono lunedì, ma solo i due terzi dovrebbero tornare in aula. (Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

APM Terminals, società UE, firma la concessione per il terminal Deep Sea del porto di Zagabria. È stato firmato un accordo di concessione per lo sviluppo e l’utilizzo commerciale del terminal container Zagabria Deep Sea nel porto dell’Adriatico settentrionale di Rijeka, stimato in 20 miliardi di kune (2,7 miliardi di euro), con un canone di concessione fissato a 2 milioni di euro all’anno per 50 anni. Per saperne di più.

///

BELGRADO

Vucic ignora l’assenza della Serbia dal vertice sulla democrazia negli Stati Uniti. A seguito delle notizie secondo cui la Serbia non è stata invitata al Summit per la democrazia, una conferenza virtuale che ospiterà il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, domenica il presidente serbo Aleksandar Vučić ha dichiarato che “ognuno ha il diritto di valutare le altre democrazie come meglio crede”. Per saperne di più.

///

SARAJEVO | BUDAPEST

Il Primo Ministro ungherese Orbán vede i serbi come attori chiave per la pace. L’Ungheria ha un interesse acquisito per la pace, la stabilità e la sicurezza dei Balcani e i serbi che vivono nella Republika Srpska della Bosnia-Erzegovina svolgono un ruolo chiave in tale processo, ha affermato il primo ministro ungherese Viktor Orbán dopo aver incontrato Milorad Dodik, membro serbo dei tre membri della presidenza della Bosnia-Erzegovina. Orbán non ha incontrato gli altri due membri della presidenza. Per saperne di più.

///

SKOPJE

L’opposizione VMRO-DPMNE ha la maggioranza parlamentare. L’opposizione della Macedonia del Nord ha annunciato la creazione di una maggioranza parlamentare composta da cinque partiti in seguito alle dimissioni informali del primo ministro Zoran Zaev, riporta Exit.al. Per saperne di più.

///

PODGORICA

Vice Primo Ministro montenegrino: Nessuna restrizione da parte della NATO. Ci sono preoccupazioni negli Stati Uniti per le tendenze geopolitiche nella regione con dubbi irrisolti, ha affermato il vice primo ministro Dritan Abazović nell’intervista per il quotidiano croato Večernji list.

“Sto cercando di promuovere una tesi: dietro ogni nazionalismo si nascondono corruzione e grandi interessi finanziari. Gli istigatori stanno alimentando l’instabilità per proteggere lo spazio per le loro attività senza ostacoli nei Balcani occidentali”, ha aggiunto Abazović. (Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

Il Montenegro stanzierà 100.000 euro al fondo Onu per aiutare gli afghani. Il Montenegro ha annunciato che donerà 100.000 euro a un fondo delle Nazioni Unite istituito per aiutare le persone in Afghanistan che stanno soffrendo dopo la presa di potere da parte dei talebani. Per saperne di più.

///

TIRANA

L’Albania annuncia che azzererà le emissioni entro 2050, ma non fornisce specifiche. L’Albania si è impegnata a ridurre le emissioni di CO2 del 20,9% per raggiungere lo zero entro il 2050, secondo la ministra dell’Ambiente appena nominata, Mirela Kumbaro.

A seguito delle discussioni alla Conferenza sul clima delle Nazioni Unite COP26, Kumbaro ha affermato che il governo ha deciso di ridurre le emissioni di CO2 in linea con i paesi dell’UE. La ministra non ha fornito dettagli su come il governo avrebbe raggiunto questo obiettivo. (Alice Taylor | Exit.al)

Il tasso di vaccinazione scende del 40% dopo l’entrata in vigore degli obblighi. Il tasso di vaccinazione in Albania è sceso del 40% a ottobre rispetto a settembre e agosto. Il paese fatica a raggiungere anche il 50% di copertura vaccinale. Per saperne di più.


AGENDA:

  • UE: L’informatrice ex Facebook Frances Haugen testimonia alla commissione IMCO del Parlamento europeo / La presidente della Commissione europea von der Leyen tiene un discorso sul bilancio dell’UE alla conferenza annuale / L’Eurogruppo si incontra a Bruxelles per il loro incontro mensile / La commissaria per la salute Stella Kyriakides tiene uno scambio di opinioni con la commissione per il bilancio del Parlamento europeo.
  • Svizzera: al via la campagna di vaccinazione contro il Covid prima dell’apertura delle stazioni sciistiche.
  • Polonia: la Corte europea dei diritti dell’uomo annuncerà il suo verdetto sulla Camera di controllo straordinario della Corte suprema e sul Consiglio nazionale della magistratura (KRS). La sentenza sarà di fondamentale importanza nella discussione sulla legittimità della nomina di tutti i giudici raccomandata dal cd “nuovo KRS”.
  • Repubblica Ceca: il Parlamento si riunisce per la prima volta dalle elezioni generali.
  • Croazia: il Consiglio economico e sociale si riunisce per discutere del sistema sanitario al tempo della pandemia di coronavirus, della riforma del sistema e delle prospettive del mercato del lavoro.
***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor]