Le Capitali – Il Belgio chiede più dosi di AstraZeneca

"Ho contattato AstraZeneca e ho chiesto se è possibile utilizzare i vaccini extra, se ce ne sono", ha detto mercoledì al parlamento fiammingo il ministro del Welfare fiammingo Wouter Beke. [Shutterstock/DiZiga]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Italia-Germania: un interscambio vitale per entrambe di Fabio Masini, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Non si muore di precauzione, ma di paura di Silvia Francescon, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali: 

BRUXELLES

Il Belgio ha chiesto ad AstraZeneca se è possibile ricevere le dosi di vaccino in eccesso dei paesi europei che hanno temporaneamente sospeso l’uso del vaccino britannico per preoccupazioni sui possibili effetti collaterali.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

BERLINO

Il governo tedesco approva la legge sul registro delle lobby. La coalizione di governo tedesca ha approvato l’introduzione di un registro per la trasparenza, che richiederà ai membri del Bundestag di dichiarare gli interessi che rappresentano in un elenco pubblico e di dichiarare se il loro lavoro di lobbismo è svolto regolarmente, è a lungo termine o è svolto su base commerciale per conto terzi.

(Alexandra Brzozowski | EURACTIV.com)

///

PARIGI | VARSAVIA

Macron e Morawiecki discutono della pandemia, dopo le tensioni tra i due paesi sui diritti LGBT+. Il presidente francese Emmanuel Macron e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki si sono visti a Varsavia mercoledì, una settimana dopo che il ministro francese per gli Affari europei Clément Beaune si era lamentato perché le autorità polacche gli avevano negato l’accesso a Kraśnik, una delle municipalità ‘LGBT-free’ presenti in Polonia.
Tuttavia, la discussione si è concentrata principalmente sull’attuale situazione sanitaria e sulla strategia di vaccinazione dell’UE. Mentre Macron ha affermato che “il quadro europeo (…) consente equità, solidarietà, affidabilità per i nostri cittadini”, il suo ospite ha affermato che “l’Europa deve dare una risposta unitaria” alle “difficoltà” che deve affrontare. Secondo il primo ministro polacco, è necessario esercitare pressioni sui laboratori produttori per “accelerare il ritmo della vaccinazione”.

In altre notizie, mercoledì il tribunale dell’UE in Lussemburgo ha vietato la tradizionale pratica francese di caccia agli uccelli che consiste nell’utilizzare le cosiddette trappole a colla, perché “è probabilmente che provochi danni non trascurabili alle specie non-bersaglio catturate”.

(Mathieu Pollet, Anne Damiani | EURACTIV.fr)

///

VIENNA

Il presidente austriaco esorta il mondo a prendere sul serio le preoccupazioni di Israele nei confronti dell’Iran. Durante la visita di stato del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu a Vienna, il presidente austriaco Alexander van der Bellen ha affermato che le preoccupazioni per la sicurezza di Tel Aviv riguardo all’Iran “devono essere prese sul serio”. Ha aggiunto che “condividiamo l’obiettivo di escludere la possibilità che l’Iran sviluppi o acquisti armi nucleari”. L’accordo sul nucleare iraniano (JCPOA) era stato negoziato nel 2015 a Vienna. Van der Bellen ha chiesto a tutte le parti di tornare al tavolo dei negoziati, ma ha osservato che Israele èA sempre stato scettico sul trattato.

(Philipp Grüll | EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il servizio sanitario britannico avverte di un rallentamento della fornitura di vaccini. Il NHS ha avvertito di una “significativa riduzione della fornitura settimanale” di vaccini contro il coronavirus il mese prossimo in una lettera alle organizzazioni sanitarie locali, una mossa destinata a rallentare il programma di vaccinazione del Regno Unito.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///

DUBLINO

Il settore del turismo irlandese accoglie i ‘green pass’ COVID-19. L’Irish Travel Agents Association (ITAA) ha espresso il suo sostegno per i ‘green pass’ per i viaggiatori immuni al COVID-19, definendolo un passo positivo verso viaggi sicuri.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Una compagnia mineraria australiana-finlandese trova un giacimento di cobalto in Finlandia. La società mineraria australiana-finlandese Latitude 66 Cobalt ha annunciato mercoledì di aver trovato il quarto più grande giacimento di cobalto in Europa, con la più alta densità di cobalto nell’UE, nella parte orientale della Lapponia, in Finlandia.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

VILNIUS

Le armi chimiche nel Mar Baltico sono una “minaccia urgente”. Un gruppo di eurodeputati ha invitato Bruxelles ad agire per affrontare la questione delle armi chimiche e convenzionali che giacciono dormienti sul fondo del Mar Baltico.

(Benas Gerdžiūnas |  LRT.lt/en)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il tribunale italiano assolve Eni e Shell dalle accuse di corruzione. Dopo un processo di tre anni, tredici intermediari e manager dei colossi petroliferi Royal Dutch Shell ed Eni, tra cui l’amministratore delegato di Eni Claudio Descalzi, insieme al suo predecessore e attuale presidente del Milan, Paolo Scaroni, sono stati assolti mercoledì dal tribunale di Milano dalle accuse di corruzione internazionale.
Secondo il pubblico ministero, che aveva chiesto una pena detentiva di otto anni per Descalzi e sette anni e quattro mesi per l’ex amministratore delegato di Shell, Malcolm Brinded, nel 2011 le due società avrebbero corrotto il governo nigeriano con 1 miliardo di dollari per l’acquisto di una licenza per la trivellazione petrolifera al largo delle coste del Paese. Il tribunale ha assolto tutti gli imputati “per non aver commesso il fatto”.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

La Spagna intende stanziare 10 miliardi di euro per combattere l”esodo rurale’. Il governo spagnolo stanzierà circa 10 miliardi di euro del totale dei fondi di recupero UE post-COVID-19 approvati per il paese iberico, per combattere lo spopolamento rurale.

(Fernando Heller |  euroefe.es)

///

ATENE

Saranno i vaccini a determinare la ripresa del turismo, più che i certificati. Il ‘green pass’  dell’UE per facilitare i viaggi sarà adottato a breve, ma sembra non sarà il fattore principale a determinare l’andamento della prossima stagione estiva. Un esperto in Grecia insiste sul fatto che i protocolli di sicurezza dovrebbero rimanere in vigore.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Dati sensibili sulla sicurezza nazionale ceca sono stati violati. La struttura medica del ministero degli Interni ceco, utilizzata per archiviare dati sensibili relativi alle forze di sicurezza, è stata attaccata da hacker questo mese, come mostrano i reportage del settimanale Respekt e del sito web Aktuálně.cz.

(Ondřej Plevák |  EURACTIV.cz)

///

VARSAVIA

Il governo polacco rafforza le restrizioni sul COVID-19 a livello nazionale con l’arrivo della terza ondata. Le restrizioni attualmente in vigore in quattro delle 16 regioni della Polonia si applicheranno a tutto il paese da sabato, consentendo di restare aperti solo a negozi di alimentari, farmacie, parrucchieri e altri servizi ritenuti essenziali fino al 9 aprile.

(Anna Wolska |  EURACTIV.pl)

///

BRATISLAVA

Il Parlamento slovacco discute una proposta per vietare la chirurgia per la riassegnazione di genere. Il gruppo di estrema destra La nostra Slovacchia ha presentato al parlamento nazionale una proposta legislativa che vieta gli interventi chirurgici per il cambio di genere, e vieta alle coppie dello stesso sesso di essere riconosciute come genitori. La proposta di legge è stata firmata da 44 membri del Parlamento.

(Michal Hudec |  EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Borissov esorta Tirana e Skopje a fare passi avanti verso l’UE. Martedì il primo ministro bulgaro Boyko Borissov ha incontrato il ministro degli Esteri della Macedonia del Nord Bujar Osmani, e ha esortato la Macedonia del Nord e l’Albania a proseguire il loro cammino verso l’UE.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

ZAGABRIA

L’Electronic Media Act sarà liberalizzato in Croazia, afferma il ministro.L’Electronic Media Act croato sarà liberalizzato, e una delle opzioni include il via libera all’integrazione verticale dei media nel paese, ha detto mercoledì il ministro della Cultura e dei media Nina Obuljen Koržinek.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

L’ex premier sloveno chiede l’impeachment del premier Janša. L’ex primo ministro sloveno e capo del partito LMŠ, Marjan Šarec, ha chiesto l’impeachment del primo ministro Janez Janša per il suo fallimento nell’ordinare una seconda fornitura di vaccini Pfizer/BioNTech a giugno, una mossa considerata incostituzionale da Šarec.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

La maggior parte della comunità LGBT serba si aspetta che venga approvata la legge sulle unioni tra persone dello stesso sesso. Più della metà della comunità LGBT serba non si aspetta molto dal nuovo ministero dei Diritti umani e delle minoranze, da poco istituito, ma quasi altrettanti credono che quest’anno potrebbe essere approvato un disegno di legge sulle unione tra persone dello stesso sesso, dice un sondaggio pubblicato mercoledì.

(EURACTIV.rs)

///

BELGRADO | SARAJEVO

Il ministro degli Esteri serbo: le relazioni di buon vicinato sono importanti per la Serbia. La stabilità della Bosnia-Erzegovina (BiH) e le relazioni di buon vicinato con il paese sono di eccezionale importanza per la Serbia, ha detto il ministro degli Esteri serbo Nikola Selaković dopo aver incontrato mercoledì a Sarajevo il suo omologo della Bosnia-Erzegovina, Bisera Turković.

(EURACTIV.rs)

///

PRISTINA

Israele è disposto a inviare vaccini anti-COVID-19 in Kosovo. Secondo Gazeta Express, Israele ha espresso la sua disponibilità a esplorare tutte le possibilità per aiutare il Kosovo a ottenere le necessarie dosi di vaccino contro il COVID-19, ha annunciato il ministero degli esteri del Kosovo. Il paese riceverà le sue prime dosi di vaccini COVID-19 dall’alleanza COVAX entro la fine di marzo.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic]