Le Capitali – I Verdi dei paesi baltici si oppongono al gasdotto Nord Stream 2

Una bandiera della multinazionale russa dell'energia Gazprom fuori dagli uffici della società a Mosca. [EPA-EFE/MAXIM SHIPENKOV]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Enel dice addio al carbone, ma non ancora al gas di Daniele Lettig, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Un inizio imbarazzante per la Conferenza sul Futuro dell’Europa di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:
All’indomani dell’incontro tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e quello russo Vladimir Putin, i deputati verdi dei paesi del Mar Baltico hanno espresso la loro “ferma disapprovazione” e “opposizione” al progetto del gasdotto Nord Stream 2.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

PRESIDENZA UE

Il programma Europa Creativa fornirà un finanziamento di 2,5 miliardi di euro per il settore della cultura. Il commissario europeo per l’Innovazione e la Ricerca, Mariya Gabriel, ha affermato che il programma Europa creativa 2021-2027 si concentrerà sulla “sostenibilità economica” e sull'”inclusione digitale” dei settori culturali e creativi finanziando progetti per sfide specifiche.

(Joana Gomes |  Lusa.pt)

///

BERLINO

La ministra della Difesa tedesca elogia il ruolo della Turchia in Afghanistan. La ministra della Difesa tedesca Annegret Kramp-Karrenbauer, in visita ad Ankara, ha elogiato la Turchia per aver voluto assumersi maggiori responsabilità nella missione della NATO in Afghanistan.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

PARIGI

La Francia non adotta una posizione chiara sui futuri finanziamenti per il gas. La Francia deve ancora adottare una posizione chiara sull’accordo raggiunto dai ministri dell’Energia dell’UE la scorsa settimana per eliminare gradualmente i progetti di impianti energetici misti gas-idrogeno.

(Clara Bauer-Babef |  EURACTIV France)

///

BRUXELLES

Il comitato consultivo del Belgio discute di ulteriori allentamenti alle restrizioni. Il comitato consultivo belga si riunirà venerdì 18 giugno per discutere di un ulteriore allentamento delle restrizioni dell’era della pandemia per il settore della ristorazione e dei limiti agli incontri sociali.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

VIENNA

Kurz accoglie i leader dei Balcani occidentali a Vienna. Il cancelliere Sebastian Kurz accoglierà venerdì i capi di Stato balcanici di Serbia, Kosovo, Montenegro, Bosnia-Erzegovina e Macedonia del Nord, nonché il rappresentante speciale dell’UE per il dialogo Belgrado-Pristina per un vertice a Vienna in cui si discuterà del rimpatrio dei migranti irregolari e delle prospettive di adesione all’UE.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

L’UE esaminerà la richiesta del Regno Unito di estendere la scadenza della “guerra delle salsicce”. La Commissione europea ha dichiarato giovedì 18 giugno che esaminerà la richiesta della Gran Bretagna di estendere un periodo di grazia per le regole post-Brexit sulle importazioni di carne refrigerata per l’Irlanda del Nord, parte della cosiddetta “guerra delle salsicce” tra Londra e Bruxelles.

(EURACTIV.com with AFP)

///

BELFAST

Il leader del DUP Poots si dimette. Il leader del Partito unionista democratico dell’Irlanda del Nord, Edwin Poots, si dimetterà a sole tre settimane dalla nomina, ha affermato in una nota.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)

///

DUBLINO

L’Irlanda dà il via libera alle prescrizioni di cannabis medica con una mossa definita come una “pietra miliare”. I pazienti in Irlanda saranno ora per la prima volta in grado di ottenere cannabis terapeutica tramite prescrizione medica, in quella che è stata descritta come una “pietra miliare” che dovrebbe portare speranza a molte famiglie, sebbene permangano ancora barriere all’accesso alla cannabis medica.

(Natasha Foote |  EURACTIV.com)


EUROPA DEL NORD E PAESI BALTICI

VILNIUS

La Lituania registra un rapido aumento dell’immigrazione irregolare. Il numero di migranti privi di documenti detenuti in Lituania dopo il passaggio dalla Bielorussia è aumentato a 397, compresi sei cittadini iracheni fermati giovedì.

(LRT.lt/en)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il governo italiano rafforza le misure di sicurezza informatica. Il governo italiano ha deciso di ampliare gli attori inclusi nel perimetro di sicurezza informatica nazionale, per includere aziende pubbliche e private che avranno l’obbligo di segnalare tempestivamente attacchi o incidenti rilevati, nonché di adeguare le misure di protezione delle proprie reti a standard definiti se vogliono continuare ad operare.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

ATENE

La Turchia vuole che Ue e Usa restino fuori dai colloqui con la Grecia. Ankara e Atene hanno interpretato in modo diverso l’esito del recente incontro a margine di un vertice Nato tra il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis e il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan sul ruolo di Ue e Usa nel confronto greco-turco.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

MADRID

Il COVID-19 scatena la “tragedia demografica” in Spagna. La pandemia di COVID-19 ha visto il tasso di mortalità della Spagna aumentare del 17% nel 2020, con 492.930 nuovi decessi direttamente o parzialmente correlati alla pandemia, il tasso di mortalità più alto nel paese dal 1941.

(EuroEFE)

///

LISBONA

Il Portogallo registra il maggior aumento giornaliero dei casi di virus dalla fine di febbraio. I casi di coronavirus in Portogallo sono aumentati di 1.350 nelle ultime 24 ore, il più grande aumento dalla fine di febbraio, secondo i dati dell’autorità sanitaria nazionale DGS.


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA | VARSAVIA

Iniziano i negoziati sulla centrale di Turów. I governi della Repubblica Ceca e della Polonia hanno avviato giovedì 17 giugno i negoziati per cercare di risolvere la controversia sulla  miniera di lignite polacca Turów, situata vicino al confine, che secondo la Repubblica Ceca è diventata una questione ambientale per il paese.

(Ondřej Plevák | EURACTIV.cz)

///

VARSAVIA | BERLINO

I presidenti polacchi e tedeschi lodano i legami reciproci dei due paesi, nonostante le differenze. Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier ha visitato Varsavia giovedì 17 giugno per incontrare il suo omologo polacco Andrzej Duda e celebrare un trattato di cooperazione firmato nel 1991.

(Aleksandra Krzysztoszek | EURACTIV.pl)

///

BUDAPEST

Il primo ministro ungherese: la legge LGBTQ ha scatenato di nuovo contro l’Ungheria gli “schiacciasassi liberali”. La nuova legge ungherese che vieta la “rappresentazione e la promozione” dell’omosessualità e dell’identità trans nelle scuole, i contenuti dei media e le pubblicità rivolte ai minori di 18 anni non viola “alcuni alti ideali o leggi europee”, ha detto giovedì il primo ministro ungherese Victor Orbán, aggiungendo che “gli schiacciasassi liberali sono di nuovo all’opera contro l’Ungheria”.

(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com)

///

BRATISLAVA

Il Parlamento slovacco respinge il rapporto sulla salute sessuale del Parlamento europeo. Il Parlamento slovacco ha approvato giovedì 17 giugno una risoluzione che critica una relazione del Parlamento europeo sulla salute e i diritti sessuali e riproduttivi nell’UE, presentata dall’eurodeputato croato Predrag Matic, insistendo sul fatto che la salute sessuale e riproduttiva dovrebbe essere una questione di competenza degli Stati membri da affrontare come meglio credono.

(Irena Jenčová | EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Riprendono i colloqui Sofia-Skopje, con proposte concrete sul tavolo. Il Primo ministro della Macedonia del Nord Zoran Zaev è in visita a Sofia con proposte specifiche per porre fine allo stallo nel processo di integrazione del suo paese nell’UE, che il suo omologo bulgaro Stefan Yanev ha annunciato sarà discusso intensamente nei prossimi giorni.

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

I cambi di personale dell’emittente pubblica rumena sono stati dichiarati incostituzionali. La Corte costituzionale rumena ha stabilito che il cambio di manager all’emittente statale del paese “non è conforme alla Costituzione”. La sentenza arriva come un vero colpo per i partiti della coalizione di governo, che hanno negoziato a lungo i cambiamenti prima di decidere di portare la decisione in parlamento.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

LUBIANA

Preoccupazione dopo la missione degli eurodeputati Verdi in Slovenia. Due membri del Parlamento europeo dei Verdi-Alleanza libera europea hanno espresso preoccupazione dopo aver condotto una missione di tre giorni in Slovenia. Hanno descritto la situazione nel Paese come “molto complessa”.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

ZAGABRIA

Il premier croato chiede il sostegno turco alla riforma elettorale della Bosnia-Erzegovina. Giovedì il primo ministro croato Andrej Plenković ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan, chiedendo il sostegno della Turchia agli sforzi per garantire il rispetto dell’uguaglianza di tutti e tre i popoli costituenti in Bosnia-Erzegovina (BiH) e per la riforma della legge elettorale del paese.

(Zeljko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

Vučić: La Serbia ha fermato 38.000 tentativi valicare la frontiera in modo irregolare nel 2020. La Serbia ha impedito più di 38.000 tentativi da parte dei migranti di attraversare il confine serbo nel 2020, ha dichiarato giovedì il presidente Aleksandar Vučić, aggiungendo che 3.977 migranti si trovano attualmente nei centri di accoglienza e asilo.

(betabriefing and EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO

Di Caprio esorta la Bosnia-Erzegovina a smettere di costruire mini impianti idroelettrici. La star del cinema di Hollywood Leonardo Di Caprio ha inviato una lettera alle autorità della Federazione della Bosnia-Erzegovina (entità bosniaca e croata), chiedendo loro di adottare la legislazione che vieta la costruzione di molte piccole centrali idroelettriche – una richiesta che aveva già fatto lo scorso autunno.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

PODGORICA

Il 67% dei montenegrini sostiene l’adesione alla NATO. Un totale del 67% dei cittadini montenegrini voterebbe per il mantenimento dell’adesione del Montenegro alla NATO, mentre il 33% è favorevole all’uscita del paese dall’alleanza, secondo l’ultimo rapporto della NATO riportato dal quotidiano Pobjeda.
Le cifre, risultanti da un sondaggio condotto in aprile e maggio in vista del vertice NATO di questa settimana, suggeriscono che il sostegno all’alleanza sta crescendo in Montenegro. Solo il 50% dei cittadini era favorevole nel 2020. Nonostante il crescente sostegno, il paese ha ancora uno dei punteggi più bassi tra gli alleati, posizionandosi appena sopra la Slovacchia con il 61% dei suoi cittadini a favore dell’adesione alla NATO.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PRISTINA

Il Primo ministro Kurti all’ambasciatore Usa: nessuna associazione basata sull’etnia in Kosovo. Il primo ministro del Kosovo Albin Kurti ha affermato di non sostenere associazioni basate sull’etnia nel paese, affermando che “ci può essere un’associazione di comuni su base di sviluppo, ma non su base geografica”.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)


AGENDA: 

  • Germania/Francia: la cancelliera Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron si incuoreranno a Berlino.
  • Austria: il cancelliere Sebastian Kurz ospiterà a Vienna il vertice sui Balcani occidentali.
  • Slovacchia: venerdì in Lussemburgo il ministro delle Finanze ed ex primo ministro Igor Matovič presiederà il consiglio dei governatori della Banca europea per gli investimenti, che esaminerà le attività della banca, le operazioni di finanziamento e le sfide del periodo passato.
  • Croazia: il Parlamento dovrebbe adottare una revisione del bilancio dello Stato.
  • Serbia: in visita in Serbia il viceministro degli Esteri russo Alexander Grushko.

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Josie Le Blond]