Le Capitali – I polacchi sperano che Tusk riesca ad impedire l’uscita dall’UE

Solo a Varsavia, secondo le stime, in piazza Zamkowy si sono radunate fino a 100 mila persone. [Foto di Piotr Maciej Kaczynski, EURACTIV.pl]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Global tax, anche l’Irlanda e l’Estonia aderiscono all’accordo. Ma manca ancora l’Ungheria di Valentina Iorio, EURACTIV Italia. 

Leggete anche Cybersicurezza, semiconduttori e libertà dei media nel piano digitale Ue per il 2022 di Alessandro Follis e Luca Bertuzzi, EURACTIV Italia.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.

Le notizie di oggi dalle Capitali:

VARSAVIA

Domenica, circa 200 mila persone in 126 città in tutta la Polonia, nel resto d’Europa e nel mondo hanno manifestato contro la decisione della scorsa settimana del Tribunale costituzionale polacco che ha stabilito che i trattati fondamentali dell’UE sono parzialmente illegali. Per saperne di più.

///

BERLINO

I ministri della difesa e dell’economia tedeschi rinunciano a un nuovo mandato nel Bundestag. I membri influenti del partito conservatore tedesco CDU/CSU Annegret Kramp-Karrenbauer e Peter Altmaier hanno annunciato che riununceranno al loro posto nel Bundestag per lasciare spazio ai più giovani membri del partito. Per saperne di più.

///

PARIGI

L’ex primo ministro Philippe lancia il suo partito politico. L’ex primo ministro francese Edouard Philippe ha rivelato sabato il nome del suo nuovo partito di destra – “Orizzonti”. Philippe ha però escluso una corsa per la prossima presidenza, affermando che “il mio obiettivo è che nel 2022 Emmanuel Macron venga rieletto”. Per saperne di più.

///

VIENNA

Il cancelliere austriaco Kurz si dimette per accuse di corruzione. Sabato sera il cancelliere austriaco Sebastian Kurz ha annunciato le sue dimissioni per accuse di corruzione e un’incombente crisi di governo. Gli esperti dicono che agirà come cancelliere ombra e potrebbe tornare in carica una volta scagionato dalle accuse. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA
LONDRA

Cresce il numero dei migranti che attraversano la Manica. Il Ministero degli Interni del Regno Unito ha affermato che negli ultimi due giorni più di mille migranti su oltre quaranta piccole imbarcazioni hanno attraversato la Manica dalla Francia al Regno Unito. Per saperne di più.

///

DUBLINO

Il ministro degli esteri irlandese accusa Londra di star ostacolando il protocollo dell’Irlanda del Nord. Il ministro degli Esteri irlandese, Simon Coveney, ha accusato il governo britannico di creare una “barriera al progresso” nei negoziati post-Brexit sul protocollo dell’Irlanda del Nord. Per saperne di più.


NORD EUROPA E PAESI BALTICI
HELSINKI

La Finlandia esercita pressioni per il riconoscimento dell’energia nucleare come fonte sostenibile. A seguito di una decisione precedentemente segreta, il governo finlandese farà pressioni sull’Unione europea affinché dichiari l’energia nucleare una fonte di energia sostenibile. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

L’Italia valuta lo smantellamento dei movimenti neofascisti. La protesta di una decina di migliaia di manifestanti contro le misure anti-COVID a Roma è finita con l’attacco alla sede romana del sindacato nazionale Cgil, 38 poliziotti feriti e l’arresto di 12 manifestanti di estrema destra. Per saperne di più.

///

ATENE

Le dimissioni di Kurz aprono un dibattito sulla libertà dei media in Grecia. Il cancelliere austriaco Sebastian Kurz si è dimesso dopo essere stato accusato di aver manipolato i media con oltre 1 milione di euro di fondi pubblici. In Grecia, il governo conservatore ha investito più di 30 milioni di euro di denaro statale ai media e nessuno batte ciglio, ha denunciato il principale partito di opposizione Syriza. Per saperne di più.

///

MADRID

Il tasso di infezioni COVID-19 in Spagna scende al minimo livello di rischio, spingendo le regioni a revocare le restrizioni. Circa 21 milioni di persone in Spagna sono libere dalle restrizioni COVID-19 poiché il tasso di incidenza nel Paese è sceso a “basso rischio” per la prima volta in quindici mesi. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Babiš perde le elezioni e la Cechia si sposta verso i conservatori. I cechi hanno votato per una svolta conservatrice: i socialdemocratici e il partito comunista non sono riusciti a raggiungere la soglia del 5% nelle elezioni di venerdì 8 ottobre. Ciò significa che il partito di governo guidato dal primo ministro Andrej Babiš viene effettivamente estromesso dal parlamento ceco. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

Il secondo turno delle primarie dell’opposizione ungherese inizia dopo il ritiro a sorpresa del sindaco della capitale. Il secondo turno delle primarie dell’opposizione è iniziato domenica (10 ottobre) e durerà fino a sabato prossimo. L’eurodeputata socialdemocratica e federalista europea Klára Dobrev affronterà il sindaco indipendente cristiano conservatore Péter Márki-Zay per guidare l’opposizione contro Viktor Orbán nelle elezioni parlamentari del 2022. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

Permangono difficoltà nell’accesso all’aborto legale in Slovacchia. Secondo uno studio dell’organizzazione femminista Possibility of Choice, ben un terzo di tutti gli ospedali e le strutture mediche intervistate rifiuta di fornire aborti legali per motivi di obiezione di coscienza. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI
SOFIA

La Bulgaria pensa al 2040 per la fine del carbone. Il governo sta valutando tre possibili scadenze per la chiusura delle centrali elettriche a carbone: entro il 2035, 2038 o 2040, ha annunciato il ministro dell’Energia Andrey Zhivkov. Lo riporta la Radio nazionale bulgara (BNR). Per saperne di più.

///

BUCAREST

Il governo romeno continua ad essere in profonda crisi. La Romania ha un governo provvisorio e una situazione terribile nei suoi ospedali a causa della pandemia. Tuttavia, non sembra esserci una soluzione rapida alla crisi politica. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Agenti antisommossa sospesi in Croazia per violenti respingimenti di migranti. Il direttore della polizia Nikola Milina ha affermato che tre agenti di polizia sono stati sospesi dopo essere stati identificati tra i partecipanti ai violenti respingimenti dei migranti al confine in un video. Nei loro confronti dovrebbero essere prese ulteriori misure disciplinari. Per saperne di più.

///

BELGRADO

Epidemiologo avverte che la situazione COVID in Serbia è la peggiore in Europa. La Serbia è uno degli Stati più colpiti dal virus dallo scoppio della pandemia, ha affermato il principale epidemiologo del paese, il dottor Zoran Radovanović. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Gli Stati Uniti vuole sanzionare i responsabili della corruzione in Bosnia-Erzegovina.Gli Stati Uniti intensificheranno la comunicazione con i partner europei per garantire l’introduzione di sanzioni efficaci per le persone della Bosnia-Erzegovina coinvolte nella corruzione, ha annunciato l’ambasciata degli Stati Uniti a Sarajevo. Per saperne di più.

///

SKOPJE

Openness Index: governo della Macedonia del Nord primo nei Balcani occidentali. Secondo l’ultimo Openness Index, che classificai governi e i parlamenti di quattro paesi dei Balcani occidentali – Macedonia del Nord, Serbia, Montenegro e Bosnia-Erzegovina – il governo della Macedonia del Nord è al primo posto. Il parlamento del Paese invece si piazza al terzo posto, secondo meta.mk. Per saperne di più.

///

PRISTINA

Kurti chiede che i fondi UE siano collegati al progresso. Sabato il primo ministro del Kosovo, Albin Kurti, ha chiesto all’UE di condizionare l’erogazione dei fondi dell’UE al mantenimento dello stato di diritto e alla lotta alla corruzione. Per saperne di più.

///

TIRANA

L’Albania dichiara lo stato di emergenza energetica in risposta all’attuale crisi. Venerdì il primo ministro Edi Rama ha dichiarato lo stato di emergenza energetica a causa della crisi in corso. Per saperne di più.


AGENDA:

  • UE/Bruxelles: UE e Gran Bretagna iniziano i colloqui su Gibilterra.
  • Lussemburgo: i ministri dell’agricoltura e della pesca dell’UE si incontrano in Lussemburgo / La Corte di giustizia accoglie l’appello di Polonia e Ungheria sul collegamento dei fondi UE al rispetto dello stato di diritto.
  • Germania: SPD, FDP e Verdi tengono colloqui per formare una coalizione.
  • Austria: il presidente Alexander van der Bellen darà al ministro degli Esteri austriaco in carica Alexander Schallenberg il ruolo di cancelliere dopo le dimissioni di Kurz / Forum europeo sui diritti fondamentali a Vienna.
  • Estonia: Alar Karis assume la presidenza del Paese.
  • Svezia: Premio Nobel per l’economia a Stoccolma.
  • Portogallo: il governo dovrebbe presentare al parlamento il disegno di legge di bilancio per il 2022.
  • Repubblica Ceca: Vĕra Jourová, Vicepresidente della Commissione per i valori e la trasparenza, è Praga per parlare alla 25a Conferenza Forum 2000.
  • Croazia: La conferenza “Ferrovie per il futuro”, organizzata dal partner di EURACTIV Hanza Media, discuterà gli investimenti nel settore ferroviario, con un discorso del ministro croato dei trasporti e delle infrastrutture Oleg Butković.
  • Romania: il presidente Klaus Iohannis tiene consultazioni con i partiti politici sulla formazione di un nuovo governo.
  • Serbia: Sessione giubilare del Movimento dei Paesi Non Allineati, dedicata al 60° anniversario della fondazione del Movimento, alla quale parteciperanno più di 100 delegazioni straniere, tra cui una quarantina di ministri degli esteri.
***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]