Le Capitali – I Paesi dell’Europa orientale si contendono il ‘centro geografico’ dell’Europa

L'isola di Saaremaa in Estonia. [Shutterstock/maloff]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Brexit, gli Stati sono pronti a iniziare il negoziato sul fondo da 5 miliardi per i settori più colpiti di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche Carbon border tax, le industrie europee chiedono l’introduzione con urgenza di Alessandro Follis, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

TALLINN | VILNIUS

L’isola estone di Saaremaa progetta di inaugurare un monumento per identificarla come “centro geografico dell’Europa”, insieme ad almeno cinque paesi dell’Europa centrale e orientale, Lituania, Ucraina, Slovacchia, Bielorussia e Polonia, che rivendicano il centro geografico del continente.

(Benas Gerdžiūnas | LRT.lt/en)

///

PRESIDENZA UE

La Commissione europea accoglie con favore l’approvazione del pass per i viaggi da parte del Parlamento europeo. Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha accolto giovedì l’adozione da parte del Parlamento europeo della sua posizione negoziale sui piani per un pass digitale che provi la negatività Covid-19, il recupero o la vaccinazione per facilitare i viaggi, in attesa dei negoziati con la presidenza portoghese del Consiglio dell’Ue.

(Ana Matos Neves e Beatriz Céu | Lusa.pt)

///

BERLINO

La Germania dice che i nuovi contratti Ue per il vaccino Covid-19 hanno regole chiare sulle mancate consegne. I contratti dell’Ue per i vaccini Covid-19 da consegnare nel 2022/23 contengono regole chiare su cosa accadrebbe se i produttori di vaccini non rispettassero gli accordi, ha detto giovedì il ministro della Salute tedesco Jens Spahn, segnalando che l’Europa ha imparato la lezione dopo i problemi con AstraZeneca.

La Commissione europea ha avviato un procedimento legale contro l’azienda anglo-svedese per non aver rispettato il suo contratto per la fornitura di vaccini Covid-19, e per non avere un piano “affidabile” per assicurare consegne puntuali.

(EURACTIV.de)

///

PARIGI

La Francia impedisce l’ingresso ad alcuni funzionari libanesi che ostacolano il progresso. La Francia ha comunicato giovedì di aver iniziato a mettere in atto misure per limitare l’ingresso nel paese di alcuni funzionari libanesi, colpevoli di bloccare gli sforzi per trovare una soluzione alla crisi politica ed economica nel Paese.

In altre notizie, il presidente francese Emmanuel Macron traccia un piano in quattro fasi per allentare le restrizioni Covid-19, annunciando quattro date principali per la rimozione delle restrizioni in Francia. Come primo passo, il divieto di viaggiare a più di 10 chilometri dal proprio luogo di residenza sarà revocato il 3 maggio. Dal 19 maggio, il coprifuoco inizierà alle 21 invece delle attuali 19, e le terrazze di ristoranti, musei, teatri, cinema e negozi non essenziali apriranno di nuovo, ha detto il presidente ai giornali regionali giovedì.

L’inizio del coprifuoco sarà nuovamente spostato alle 23 dal 9 giugno, quando i centri sportivi, i ristoranti al coperto e i bar potranno riaprire.

(Clara Bauer-Babef | EURACTIV.fr)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Il Regno Unito si ritira dopo il fallimento dei colloqui con la Norvegia. I colloqui tra il Regno Unito e la Norvegia su un nuovo accordo di pesca sono falliti giovedì, con i ministri britannici che sostengono che il governo di Oslo abbia rifiutato una “offerta equa”.

In altre notizie, i ministri dell’Ue hanno concordato la loro posizione su una riserva quadriennale di aggiustamento della Brexit del valore di 5 miliardi di euro giovedì, progettata per aiutare le imprese a coprire le perdite e i costi aggiuntivi imposti dal nuovo accordo commerciale post-Brexit. Per saperne di più.

(Benjamin Fox | EURACTIV.com)

///

DUBLINO

Il controverso database degli elettori del Sinn Fein messo di nuovo offline. Il partito democratico repubblicano e socialista irlandese, Sinn Fein, ha messo offline per la seconda volta il suo database degli elettori. Il portale originale del sistema era già stato chiuso dopo che i dettagli della sua esistenza erano stati pubblicati da un giornale irlandese.

(Paula Kenny | EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI | TALLINN

Il tunnel ferroviario Helsinki-Tallinn rafforzerà la cooperazione nei trasporti. L’obiettivo della Finlandia e dell’Estonia di migliorare le infrastrutture e i collegamenti sia all’interno della regione che verso le destinazioni dell’Europa centrale ha fatto un significativo passo avanti lunedì con la firma di un nuovo memorandum che propone un tunnel ferroviario tra Helsinki e Tallinn.

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il Recovery Plan italiano è pronto per la presentazione alla Commissione Ue. Il piano di rilancio dell’Italia ha ricevuto l’approvazione finale dal Consiglio dei ministri giovedì e sarà presentato alla Commissione europea in giornata, in linea con la scadenza fissata dall’esecutivo. Accanto al piano da 220 miliardi di euro finanziato dai fondi di Next Generation Eu, è stato approvato anche un fondo complementare da 30,6 miliardi di euro per le infrastrutture.

“Siamo tra i primi paesi a presentare il piano nazionale di ripresa alla Commissione. Ci sono più di 220 miliardi di euro in gioco che saranno utilizzati per investire in competenze, creare posti di lavoro e avviare grandi progetti in linea con gli obiettivi di transizione verde e digitalizzazione”, ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio. “Circa 100 miliardi di euro saranno destinati al Sud Italia, per garantire a tutti gli italiani le stesse opportunità”, ha aggiunto.

(Alessandro Follis | EURACTIV.it)

///

MADRID

Il tasso di disoccupazione spagnolo scende al 16%. La Spagna ha perso 137.500 posti di lavoro nel primo trimestre dell’anno, secondo una recente indagine pubblicata dall’Istituto nazionale di statistica spagnolo (Ine). Nonostante questo, sia il numero di disoccupati che il tasso di disoccupazione sono diminuiti.

(EuroEFE)

///

ATENE

‘Nessun punto d’incontro’ nei colloqui di Cipro a Ginevra. Nessun punto d’incontro è stato trovato per riavviare i negoziati sulla questione cipriota, dopo un incontro non ufficiale a cinque tenutosi a Ginevra che si è concluso in un punto morto dopo tre giorni di colloqui, ha annunciato giovedì l’Onu.

(Alexandros Fotiadis | EURACTIV.gr)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

Piano di ripresa polacco inviato a Bruxelles, nonostante le opinioni divergenti. La Polonia presenterà venerdì il suo piano nazionale di recupero alla Commissione europea, nonostante il documento continui a dividere la scena politica polacca.

(Aleksandra Krzysztoszek | EURACTIV.pl)

///

PRAGA

Il Parlamento europeo sostiene la Repubblica Ceca e chiede all’Ue di espellere i diplomatici russi. Il Parlamento europeo ha approvato giovedì una risoluzione che chiede ai paesi dell’Ue di coordinare l’espulsione dei diplomatici russi in reazione all’esplosione del deposito di munizioni di Vrbetice del 2014 nella Repubblica Ceca.

(Ondřej Plevák | EURACTIV.cz)

///

BRATISLAVA

Il porto di Bratislava avrà il suo terminal di Gnl da 40 milioni di euro. La Slovacchia otterrà un nuovo terminal di gas naturale liquefatto (Gnl) del valore di 40 milioni di euro, con l’obiettivo di ridurre le emissioni di gas serra e le sostanze inquinanti nel trasporto fluviale sul Danubio, ha detto l’investitore statale Public Ports company.

(Irena Jenčová | EURACTIV.sk)

///

BUDAPEST

Il ministro degli Esteri ungherese a Blinken: Orbán è un ‘combattente per la democrazia’. Il governo degli Stati Uniti non deve temere per la democrazia in Ungheria, ha detto giovedì (30 aprile) a Rtl il ministro degli esteri e del commercio del paese Péter Szijjártó, in reazione ai commenti del segretario di stato americano Antony Blinken sul deterioramento della libertà di stampa nel paese, ha riferito Telex.

(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com con Telex)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

I socialisti bulgari riceveranno il mandato per formare un governo. Il presidente bulgaro Rumen Radev darà il mandato per la formazione del governo ai socialisti bulgari sabato (1 maggio), ha annunciato giovedì il suo ufficio. I due precedenti tentativi di formare un gabinetto dopo le elezioni generali del 4 aprile sono falliti.

(Georgi Gotev | EURACTIV.com)

///

ZAGABRIA

Il governo croato attuerà il piano di recupero. “Il piano nazionale di recupero è importante per sviluppare la resilienza alle crisi come la pandemia Covid-19, e il governo lo attuerà contando sulla sua esperienza e volontà politica”, ha detto giovedì il primo ministro croato Andrej Plenković ai giornalisti.

///

In altre notizie, la maggior parte delle banche croate non considera ancora il cambiamento climatico come una seria minaccia per i loro affari, secondo un sondaggio condotto dalla Banca nazionale croata (Hnb) giovedì. Il sondaggio è stato presentato come parte di una conferenza online chiamata “Il ruolo delle banche nel rendere più verde la nostra economia”, organizzata dalla Hnb e dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers).

Secondo l’indagine, solo due banche hanno una strategia legata al cambiamento climatico inclusa nella loro strategia aziendale generale, esprimendo preoccupazione per i rischi e anticipando possibili cambiamenti del quadro normativo. Tuttavia, 15 banche hanno detto di essere in attesa che i regolatori facciano i primi passi.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

BELGRADO | BUDAPEST

Cittadini serbi e ungheresi vaccinati possono attraversare la frontiera senza quarantena e test. Il ministro degli Esteri serbo Nikola Selaković e il suo omologo ungherese, Péter Szijjártó, giovedì hanno deciso di accettare e riconoscere reciprocamente tutti i certificati di vaccinazione, indipendentemente dal vaccino ricevuto.

(EURACTIV.rs | betabriefing.com)

///

SARAJEVO

Ambasciata russa in Bosnia-Erzegovina: Washington ci incolpa di tutto. L’ambasciata russa in Bosnia ed Erzegovina ha dichiarato giovedì di aver seguito da vicino le dichiarazioni dell’ambasciatore americano Eric Nelson e dell’inviato speciale per i Balcani occidentali Matthew Palmer che, secondo loro, hanno incolpato la Russia per tutti i problemi della Bosnia ed Erzegovina, per aver minato la stabilità del Paese e dell’intera regione, ha riportato N1.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PODGORICA

Il Montenegro vuole mantenere “investimenti, relazioni economiche con l’Eurasia”. “Ci vediamo come parte dell’Ue, e abbiamo investimenti e relazioni economiche con l’Eurasia, che vogliamo mantenere”, ha detto il ministro delle finanze montenegrino Milojko Spajić al quotidiano croato partner di EURACTIV, Jutarnji list, aggiungendo che l’esposizione del paese agli investimenti cinesi è un po’ meno pronunciata che in Serbia.

///

In altre notizie, il primo ministro Zdravko Krivokapic ha detto che il suo governo formerà una commissione per negoziare l’annosa disputa marittima con la Croazia sulla penisola di Prevlaka vicino a Dubrovnik, ha riportato Balkan Insight.

“L’intenzione di questo governo è di formare una commissione che, in accordo con la parte croata, cercherà di risolvere un problema molto complesso. Abbiamo bisogno di risolverlo a causa dell’integrazione dell’Ue, perché non tollereranno questioni bilaterali irrisolte nel processo di adesione”, ha detto Krivokapić al parlamento. “Spero che questa commissione aiuterà a risolvere questo problema”, ha aggiunto.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PRISTINA

Netflix riconosce il Kosovo. La piattaforma di streaming online Netflix ha aggiunto il Kosovo alla lista dei paesi in cui ci si iscrive, qualcosa che i media locali hanno caratterizzato come un riconoscimento dello stato del Kosovo.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA

  • Italia: Il sistema di codifica dei colori delle regioni sarà rivalutato per decidere l’eventuale allentamento delle misure COVID-19, che entrerebbero in vigore lunedì.
  • Portogallo/Spagna: La frontiera terrestre tra Portogallo e Spagna riaprirà per tutti i viaggi sabato dopo più di tre mesi di restrizioni e controlli alla frontiera come Lisbona termina lo stato di emergenza
  • Spagna: I corpi di David Beriain e Roberto Fraile, i due giornalisti spagnoli uccisi in un attacco contro una pattuglia anti-bracconaggio in Burkina Faso martedì, arriveranno all’aeroporto di Madrid-Barajas venerdì.
  • Polonia/Lituania: I presidenti di Lituania, Lettonia, Estonia e Ucraina attesi a Varsavia lunedì per celebrare l’anniversario della Costituzione del Commonwealth lituano-polacco del 1791, che Varsavia e Vilnius considerano la prima costituzione scritta in Europa.
  • Croazia: Il ministro degli Esteri italiano Luigi di Maio e il suo omologo croato Gordan Grlić Radman visiteranno la contea di Sisak-Moslavina, devastata da un terremoto lo scorso dicembre.
  • Bulgaria: Anche se domenica è la Pasqua ortodossa e venerdì è San Giorgio, una festa nazionale, la settimana politica in Bulgaria sarà calda in termini di eventi che fanno presagire le elezioni a luglio.

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie Le Blond]