Le Capitali – I leader europei cercano di risolvere l’equazione AstraZeneca-Regno Unito

Un funzionario olandese ha detto a EURACTIV che il Regno Unito, l'UE e AstraZeneca dovrebbero raggiungere un accordo su come "condividere le conseguenze dei ritardi in modo uniforme" [Shutterstock/Dimitris Barletis]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Diritti umani: volano sanzioni tra Unione Europea e Cina di Andrea Bianchi, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Risorse proprie: quei conti che non tornano di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali: 

BERLINO | DUBLINO | L’AIA

I leader dell’UE sono perplessi su come gestire i ritardi nella consegna dei vaccini prodotti dall’azienda farmaceutica anglo-svedese AstraZeneca. La questione sarà discussa in una teleconferenza alla fine di questa settimana. Secondo la bozza delle conclusioni visionata da EURACTIV, il Consiglio europeo si impegnerà a sottolineare l’importanza della trasparenza e ad accogliere con favore l’estensione del regime di autorizzazione all’esportazione.

(Paula Kenny e Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

PARIGI

La ministra del lavoro francese, positiva al COVID, è stata ricoverata in ospedale. La ministra del lavoro francese Elisabeth Borne è stata ricoverata in ospedale dopo aver twittato il 14 marzo di essere risultata positiva al COVID-19, ha confermato lunedì il ministero.

(Mathieu Pollet |  EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Gli esperti belgi chiedono misure più drastiche. Con l’aumento del numero di infezioni, gli esperti sanitari belgi hanno avvertito che le attuali restrizioni non saranno sufficienti per tenere sotto controllo il virus.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

LUSSEMBURGO

Il Lussemburgo sta cercando i suoi procuratori europei. Il Granducato, che ospita la nuova istituzione europea incaricata di gestire i casi di frode al bilancio dell’UE, ha annunciato venerdì di essere alla ricerca di due magistrati specializzati in reati finanziari. I criteri per queste posizioni sono così specifici che il governo ha dovuto cambiare la legislazione per trovare le persone giuste. La procura europea ha bisogno di 140 sostituti per avviare le operazioni: finora ne sono stati nominati 33.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Le esportazioni alimentari del Regno Unito sono diminuite del 75% nel primo mese di scambi post-Brexit. Secondo i dati pubblicati lunedì dalla Food and Drink Federation del Regno Unito, le esportazioni di cibo e bevande del Regno Unito verso l’UE sono diminuite del 75% a gennaio, il primo mese di attività al di fuori del mercato unico dell’UE. Le esportazioni verso l’Unione sono diminuite da 1 miliardo di sterline nel gennaio 2020 a 256,4 milioni di sterline, e di oltre l’80% verso Irlanda, Germania e Italia.

(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

Il Regno Unito ridurrà le dimensioni dell’esercito per affrontare le “minacce del futuro”. La Gran Bretagna ridurrà le dimensioni dell’esercito da 76.500 a 72.500 effettivi entro il 2025, ha detto lunedì il ministro della Difesa Ben Wallace, svelando i piani per quella che ha descritto come una forza più attiva per affrontare meglio le “minacce del futuro”

(EURACTIV.com with Reuters)


PAESI NORDICI E BALTICI

TALLINN

Inizia la corsa verso le elezioni presidenziali. La corsa alla presidenza estone è iniziata con sei mesi di anticipo, con Tarmo Soomere, presidente dell’Accademia estone, che ha annunciato domenica la sua candidatura per la presidenza.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il governo italiano rivaluterà l’apertura delle scuole dopo Pasqua. Dopo le proteste di genitori, studenti e personale scolastico di domenica, il ministro per le Pari Opportunità Elena Bonetti ha dichiarato lunedì in un’intervista televisiva che “dopo Pasqua, con l’aumento delle vaccinazioni, bisognerà rivalutare la possibilità di riaprire gli asili e, almeno, la scuola primaria”, che sono attualmente chiuse in tutta Italia nel tentativo di rallentare l’aumento dei casi di COVID-19. Nel frattempo, mentre centinaia di rinunce al vaccino AstraZeneca vengono registrate in tutto il paese da parte di persone che avevano già prenotato la vaccinazione, il commissario per l’emergenza COVID-19 Francesco Figliuolo ha annunciato che un milione di vaccini Pfizer saranno consegnati alle strutture sanitarie nelle prossime 24 ore.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

ATENE

La Grecia ordina a medici privati di unirsi alla battaglia contro il COVID. Il governo greco ha deciso di ordinare ai medici privati di unirsi alla lotta contro il COVID-19 poiché la situazione nella regione di Atene sta sfuggendo di mano.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

MADRID

Il Partito Popolare spagnolo verso la vittoria a Madrid. Secondo un recente sondaggio, il Partito Popolare spagnolo (Partido Popular, PP) sembra destinato a vincere comodamente le elezioni regionali previste per il 4 maggio a Madrid.

(Fernando Heller |  euroefe.es)


GRUPPO DI VISEGRAD

BUDAPEST

L’Ungheria approva il vaccino cinese CanSino. La cinese CanSino Biologics ha annunciato che il suo vaccino contro il COVID-19 ha ricevuto una licenza di emergenza dall’Istituto Nazionale di Farmacia e Nutrizione ungherese (OGYÉI), secondo quanto riportato da Reuters lunedì e successivamente confermato dall’ufficiale medico capo ungherese, Cecília Müller.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

VARSAVIA

Un sondaggio mostra cambiamenti all’orizzonte per la politica polacca. Il partito Polonia 2050, che è stato recentemente creato dal giornalista Szymon Hołownia, sta guadagnando un numero crescente di elettori, quasi abbastanza da rivaleggiare con la formazione al governo Legge e Giustizia (PiS), secondo un recente sondaggio condotto da Kantar per OKO.press e Wyborcza pubblicato venerdì. Circa il 26% degli intervistati ha indicato che voterebbe per il candidato di Legge e Giustizia, mentre quello di Polonia 2050 sarebbe al secondo posto con il 23%. Piattaforma Civica, il partito dell’ex primo ministro Donald Tusk, è stata scelta dal 16% degli elettori, lasciandola al terzo posto. Il sondaggio mostra che PiS non è ancora in grado di recuperare la perdita di consensi (il 10% in meno)  iniziata in autunno, e che la nuova formazione Polonia 2050 ha il potenziale per rimodellare in modo significativo la scena politica polacca.

(Joanna Jakubowska | EURACTIV.pl)

///

BRATISLAVA

Il governo slovacco vieta i viaggi per svago per cinque settimane. Il governo slovacco ha imposto il divieto di viaggi ricreativi all’estero dal 20 marzo al 28 aprile, in risposta alle critiche ricevute dal governo a causa delle misure COVID-19 che vietano i viaggi all’interno del paese, ma non all’estero.

(Lucia Yar |  EURACTIV.sk)

///

PRAGA

Il rapporto dei revisori rivela che lo stato ceco era mal preparato per la pandemia. L’Ufficio supremo di controllo ceco ha pubblicato lunedì un rapporto in cui afferma che il ministero della Salute ha commesso numerosi errori durante la lotta alla pandemia COVID-19.

(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria espelle altri due diplomatici russi. Il ministero degli Esteri bulgaro annunciato lunedì di aver dichiarato persona non grata due diplomatici russi e di aver loro concesso 72 ore per lasciare il Paese.

(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

Il Primo Ministro vuole punizioni più dure per le persone che violano le regole anti-COVID-19. Il primo ministro rumeno Florin Citu chiede misure più severe contro chi infrange le regole contro la diffusione del coronavirus. “Non voglio che i rumeni che osservano le regole da più di un anno soffrano a causa di [quelli che non rispettano le restrizioni]”, ha detto il premier, aggiungendo che senza la collaborazione delle persone, la Romania non sarà in grado di affrontare la terza ondata di pandemia, indipendentemente dalle misure e dalla sistemazione di nuovi letti ospedalieri. “Se rispettiamo le misure di protezione, l’economia rimarrà aperta e gli ospedali non traboccheranno”, ha aggiunto Citu.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

Nuova gara per il terminal container Zagreb Deep Sea a Fiume. A seguito di una decisione presa lunedì dal comitato direttivo dell’autorità portuale di Fiume (Rijeka), è stata pubblicizzata una gara d’appalto per una concessione per lo sviluppo e le operazioni al terminal container di Zagabria Deep Sea, hanno riferito lunedì le autorità portuali.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

Le strutture commerciali e alimentari della Serbia rimangono chiuse. Il governo serbo ha deciso lunedì di mantenere chiuso il settore dei servizi, mentre aziende come negozi di alimentari, parrucchieri, cinema, teatri, biblioteche e altre istituzioni culturali potrebbero aprire ma devono garantire di avere almeno nove metri quadrati per cliente, mentre il fitness, i centri benessere e gli impianti sportivi dovranno garantirne un minimo di 16.

(EURACTIV.rs)

///

PRISTINA | BELGRADO

Il parlamento del Kosovo dà la fiducia al nuovo governo guidato da Kurti. Lunedì il parlamento del Kosovo ha approvato il nuovo governo guidato dal leader di Vetëvendosje e ora primo ministro Albin Kurti, che ha già confermato che il suo nuovo governo porterà in giudizio la Serbia dinanzi alla Corte internazionale di giustizia.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic]