Le Capitali – Grecia, il limbo dei cittadini vaccinati con AstraZeneca

Il panorama dell'utilizzo di AstraZeneca in Europa è frammentato, poiché nei diversi paesi sono state fatte raccomandazioni contrastanti. [Shutterstock/Dimitris Barletis]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo L’Ue e il Canada avviano una partnership sulle materie prime di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Il rischio-riforme sull’efficacia del PNRR di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

ATENE

Più di 1 milione di cittadini greci che hanno ricevuto una o entrambe le dosi del vaccino AstraZeneca sono stati lasciati nel limbo, dopo che il Comitato nazionale per le vaccinazioni ha improvvisamente raccomandato che il vaccino non venga utilizzato sulle persone di età inferiore ai 60 anni. In tutta Europa, l’utilizzo di AstraZeneca in Europa è frammentato poiché nei diversi paesi sono state fatte raccomandazioni contrastanti.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com with EURACTIV network)

///

PRESIDENZA UE

I ministri della Salute dell’UE sostengono un ruolo più forte per l’EMA. I ministri della salute dell’UE si sono incontrati per l’ultima volta sotto la presidenza portoghese del Consiglio dell’UE, e hanno concordato la posizione di tale organo per i negoziati con il Parlamento europeo su nuove regole per rafforzare il ruolo dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA).

(André Curvelo Campos |  Lusa.pt)

///

ISTITUZIONI UE

Borrell presenterà un rapporto sulla nuova strategia per la Russia. La nuova strategia dell’UE per le sue tese relazioni con la Russia si baserà sul respingere, limitare e allo stesso tempo impegnarsi nel dialogo (pushing back, constraining and simultaneously engaging) con Mosca, ha affermato il capo della diplomazia dell’Unione Josep Borrell prima della presentazione di un rapporto sulla Russia prevista per oggi.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

BERLINO

Aumento degli attacchi informatici dalla Russia ai partiti tedeschi. Il ministero degli Interni tedesco ha messo in guardia sul fatto che le elezioni di settembre rischiano di essere condizionate da attacchi informatici russi.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

BRUXELLES

I parlamentari belgi condannano il “rischio di genocidio” contro gli uiguri. Martedì 15 giugno la commissione per le Relazioni estere del Parlamento belga ha dato il via libera a una risoluzione che avverte che esiste un “grave rischio di genocidio” contro la minoranza musulmana uigura in Cina.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

PARIGI

Il governo francese accoglie con favore la sospensione delle sanzioni UE-USA.Diversi ministri francesi hanno accolto con favore l’accordo di martedì tra l’UE e gli Stati Uniti per porre fine alla controversia Airbus-Boeing che dura da 17 anni, definendolo un “segnale eccellente per le aziende francesi ed europee”.
(Magdalena Pistorius |  EURACTIV.fr)

///

VIENNA

FMI: l’economia austriaca non ha bisogno del pacchetto di austerità post-pandemia. L’economia austriaca è in buona forma nonostante l’aumento della spesa pubblica a causa della pandemia di coronavirus, ha dichiarato martedì il Fondo monetario internazionale (FMI).

(Oliver Noyan | EURACTIV.de)

///

LUSSEMBURGO

Il Lussemburgo finanzierà il progetto spaziale della NATO. Il Lussemburgo dovrebbe investire 7 milioni di euro in un programma NATO per proteggere i satelliti da detriti dannosi e individuare attività ostili nello spazio, secondo quanto riportato dal Luxembourg Times.
“Lo spazio sta diventando sempre più affollato e competitivo, i satelliti sono vulnerabili alle interferenze”, ha affermato la NATO sul suo sito Web quando ha presentato la sua strategia per lo spazio nel 2019.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

Il vicepremier irlandese crede che un’Irlanda unita sia possibile. Il vice primo ministro irlandese Leo Varadkar ha affermato di credere “nell’unificazione della nostra isola, e credo che possa avvenire nel corso della mia vita”, ha riferito l’Irish Timesmartedì.

(Paula Kenny | EURACTIV.com)


EUROPA DEL NORD E PAESI BALTICI

VILNIUS

La Lituania afferma che la Bielorussia sta aiutando i migranti mediorientali ad attraversare i suoi confini. Il primo ministro lituano ha affermato di ritenere che la Bielorussia sia responsabile di un recente picco di immigrazione illegale in Lituania, a seguito della minaccia del suo presidente che non impedirà più ai migranti di attraversare il confine occidentale.

(EURACTIV.com with Reuters)

///

HELSINKI | STOCCOLMA | COPENAGHEN

Tre paesi nordici in cima alla lista dello sviluppo sostenibile. Finlandia, Svezia e Danimarca sono in cima alla lista dei paesi che stanno facendo più progressi nell’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite per il 2030, secondo un nuovo rapporto dell’ONU  compilato con la Fondazione tedesca Bertelsmann.

(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il partito di Berlusconi propone di creare un partito unitario di destra. Forza Italia, il partito dell’ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi, sta riflettendo sulla creazione di un partito di destra unito a fianco dei partiti di estrema destra Lega e Fratelli d’Italia, che hanno superato la popolarità di Berlusconi negli ultimi anni. Diverse fonti interne suggeriscono che questa idea sia stata al centro di una discussione nella delegazione di Forza Italia al Parlamento europeo. L’obiettivo sarebbe quello di creare un partito ispirato dai conservatori britannici prima delle prossime elezioni politiche del 2023.

(Alessandro Follis | EURACTIV.it)

///

MADRID

Grazia attesa nelle “prossime settimane” per i separatisti catalani incarcerati. Il governo spagnolo dovrebbe concedere la grazia nel giro di poche settimane a diversi separatisti catalani incarcerati per il loro coinvolgimento nell’organizzazione di un referendum indipendentista illegale nel 2017.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Un partito di opposizione ceco farà causa al premier Babis. Il Partito Pirata Ceco (Verdi/EFA) intenterà una causa contro il Primo Ministro ceco Andrej Babiš per i suoi commenti sulla politica migratoria del partito.

(Aneta Zachová | EURACTIV.cz)

///

VARSAVIA

Altre e-mail del capo dell’ufficio del Primo Ministro polacco Dworczyk sono trapelate. Il servizio di messaggistica russo Telegram ha pubblicato ulteriori messaggi, dopo i primi rivelati la scorsa settimana, trapelati dall’account di posta elettronica del politico polacco Michał Dworczyk, capo dell’ufficio del primo ministro e membro del partito al governo Legge e giustizia (PiS).

(Anna Wolska | EURACTIV.pl)

///

BUDAPEST

I deputati ungheresi approvano il disegno di legge contro le persone LGBTQI.Martedì il Parlamento ungherese ha approvato un pacchetto di leggi che raggruppano le minoranze sessuali con i pedofili e cercano di eliminare l’omosessualità e le persone trans dalle scuole e dalle pubblicità.

(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com)

///

BRATISLAVA

La Corte Suprema slovacca annuncia un nuovo processo per l’omicidio del giornalista Ján Kuciak. La corte suprema slovacca ha accolto l’appello del pubblico ministero per un nuovo processo a Marian Kočner e Alena Zsúszová, entrambi accusati di aver ordinato e organizzato l’omicidio del giornalista Ján Kuciak e della sua fidanzata Martina Kušnírová nel 2018.

(Michal Hudec | EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria perderà il 25% della sua popolazione entro il 2040. La Bulgaria è il paese con il decremento di popolazione più rapido al mondo, ed entro il 2040 i cittadini del paese diminuiranno del 40%, secondo uno studio dell’Accademia delle scienze bulgara e dell’Università di Sofia.

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

La campagna di vaccinazione della Romania è ferma. La Romania è lontana dal raggiungere gli obiettivi di vaccinazione, e ha persino iniziato a chiudere i centri di vaccinazione a causa della scarsa domanda. Entro martedì 15 giugno, meno di 4,6 milioni di persone in Romania avevano ricevuto almeno una dose di vaccino contro il COVID-19, al di sotto dell’obiettivo del governo di vaccinare 5 milioni di persone entro il 1° giugno.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

LUBIANA

La Slovenia nomina il nuovo ministro della Giustizia. La Slovenia ha un nuovo ministro della Giustizia, Marjan Dikaučič, dopo che il suo predecessore si è dimesso a fine maggio a causa della decisione del governo di sospendere la nomina dei membri sloveni della Procura europea (EPPO).

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

ZAGABRIA

Il presidente croato: il riferimento a Dayton è stato censurato da altri Stati dell’UE. Il riferimento all’accordo di Dayton nel comunicato della NATO a seguito del suo vertice è stato bloccato da Germania, Italia e alcuni altri paesi occidentali, ha affermato il presidente croato Zoran Milanović martedì 15 giugno, aggiungendo che possibili cambiamenti in Bosnia Erzegovina non devono avvenire senza il coinvolgimento di Croazia e Serbia.

(Zeljko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

Le aziende tedesche e serbe criticano la corruzione in Serbia. La Serbia deve fare di più per combattere la corruzione e la criminalità, hanno detto martedì 15 giugno a Belgrado i rappresentanti della Camera di commercio tedesco-serba (AHK Serbia).

(EURACTIV.rs)


AGENDA: 

  • Francia: mercoledì pomeriggio il presidente Emmanuel Macron visiterà il più grande evento tecnologico e startup europeo Salon VivaTech a Parigi. Da mercoledì a sabato, l’evento vedrà la partecipazione del capo di Apple Tim Cook, del fondatore di Facebook Mark Zuckerberg e del Commissario per il mercato interno dell’UE, Thierry Breton.
  • Svizzera: il presidente degli Stati Uniti Joe Biden il presidente della Russia Vladimir Putin si incontreranno per la prima volta a Ginevra.
  • Germania: Conferenza dei ministri della salute a Berlino sulle restrizioni estive.
  • Lussemburgo: il ministro della Difesa François Bausch, il ministro della Difesa belga Ludivine Dedonder e il vicepresidente della Commissione europea Josep Borrell visiteranno la base aerea militare belga di Melsbroek.
  • Spagna: il Consiglio nazionale della sanità si riunirà per esaminare i prossimi passi nell’abolizione delle restrizioni e discutere se le mascherine saranno obbligatorie negli spazi aperti quest’estate.
  • Polonia: su richiesta del primo ministro Mateusz Morawiecki, si terrà una sessione segreta della camera bassa del parlamento (Sejm) sulle e-mail trapelate dei membri del governo.
  • Repubblica Ceca: il vice primo ministro Karel Havlíček parteciperà alla conferenza Globsec a Bratislava, in sostituzione del primo ministro Andrej Babiš che non può partecipare all’evento a causa di problemi di salute.
  • Romania: Il governo discuterà in una riunione alcune misure fiscali e sostegno finanziario per i dipendenti delle miniere di carbone chiuse.
  • Serbia: il presidente dell’Assemblea nazionale Ivica Dačić inizierà la sua visita di due giorni in Marocco mentre il ministro della Difesa britannico Ben Wallace è pronto a visitare la Serbia. Nel frattempo, il presidente Aleksandar Vučić incontrerà il comandante in seconda della Guardia nazionale dell’Ohio, Steven Stivers, al quale presenterà l’Ordine della bandiera serba per il suo contributo allo sviluppo e al consolidamento della cooperazione pacifica e delle relazioni amichevoli tra la Serbia e gli Stati Uniti.
  • Bosnia ed Erzegovina: il Parlamento discuterà il licenziamento del ministro della Giustizia Vladimir Leposavić dopo la sua dichiarazione di non riconoscere il genocidio di Srebrenica.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Josie Le Blond]