Le Capitali – Gli slovacchi si fidano più del vaccino Sputnik che di AstraZeneca e Moderna

Gli slovacchi preferiscono il vaccino russo Sputnik V a quelli di AstraZeneca e Moderna. [Shutterstock/LadyRhino]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Donne in politica: i numeri dell’uguaglianza di genere in Europa di Europea.

Leggete anche Violenza contro le donne: la Commissione avvia una consultazione di Germana Barba, Women in Action, tramite Europea.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

BRATISLAVA

Più della metà degli slovacchi è disposta a prendere il vaccino Sputnik, secondo un sondaggio. Essere vaccinati con il vaccino russo Sputnik V è accettabile per circa lo stesso numero di slovacchi del vaccino Pfizer/BioNTech, secondo un sondaggio condotto dall’agenzia Focus a febbraio.

Sorprendentemente, il sondaggio ha scoperto che il russo Sputnik V è il secondo vaccino più accettabile per gli slovacchi, davanti ai vaccini AstraZeneca e Moderna con il 53% degli slovacchi che accetterebbero di essere vaccinati, mentre il 35% ha dichiarato di opporsi al suo uso.

(Marián Koreň | EURACTIV.sk)

///

PRESIDENZA UE

Esperta: il vertice di Porto può essere un “momento storico” dei diritti sociali dell’Ue. La presidente della Fondazione europea per gli studi progressisti, Maria João Rodrigues, ha detto che il vertice sociale di Porto, promosso dalla presidenza portoghese dell’Ue, può essere un “momento storico” dell’impegno europeo per i diritti sociali.

(Beatriz Céu | Lusa.pt)

///

BERLINO

Parlamentari tedeschi coinvolti nello scandalo delle mascherine. Due legislatori tedeschi nel fine settimana si sono dimessi dai posti nel gruppo parlamentare dell’Unione cristiano-democratica (Cdu) della cancelliera Angela Merkel per presunti pagamenti di tangenti per acquisti statali di mascherine. Lo scandalo arriva solo una settimana prima delle elezioni regionali in Renania-Palatinato e Baden-Württenberg.

(Alexandra Brzozowski | EURACTIV.com)

///

PARIGI

Le associazioni sanitarie francesi chiedono che tutti gli operatori sanitari abbiano la “priorità ai vaccini”. Sette associazioni di professionisti della salute “hanno chiesto con una sola voce” che tutto il personale medico e paramedico sia vaccinato per “fermare la diffusione della pandemia” in un op-ed pubblicato domenica sul Journal du Dimanche.

(Mathieu Pollet | EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

Il coprifuoco in Belgio diventa un punto politico di scontro. Il Comitato consultivo belga ha annunciato venerdì (5 marzo) piccoli allentamenti alle misure contro il Covid-19. Tuttavia, il coprifuoco in vigore dallo scorso ottobre è rimasto intatto.

Jan Jambon (N-Va), ministro-presidente delle Fiandre, in un’intervista a De zevende dag della Vrt, ha definito il coprifuoco “una grave violazione della nostra libertà” e il suo partito N-Va è diventato il primo a presentare una proposta di legge per porre fine alla misura del coprifuoco.

“Spero che il governo federale ci dia un po’ di libertà in questo senso”, ha aggiunto Jambon. “Quando si parlerà di abolirlo, io sarò d’accordo”. La discussione ha creato tensioni nella politica belga.

(Alexandra Brzozowski | EURACTIV.com)

///

LUSSEMBURGO

Il Lussemburgo estende le restrizioni sul coronavirus fino a Pasqua. Il Lussemburgo estenderà le restrizioni contro il Covid-19 fino a Pasqua, hanno annunciato il ministro della salute Paulette Lenert e il primo ministro Xavier Bettel in una conferenza stampa lunedì.

Bettel era ottimista sul fatto che bar e ristoranti potrebbero riaprire il mese prossimo e che alcune altre restrizioni potrebbero anche finire, ma ha sottolineato che il numero di infezioni dovrà rimanere stabile nelle prossime settimane e che non ci sarà “un rapido ritorno alla normalità”.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Frost attacca l’Ue. Il ministro britannico per le relazioni con l’Ue David Frost domenica ha accusato il blocco di aver “minato significativamente” le misure post-Brexit in Irlanda del Nord con la sua minaccia di bloccare le esportazioni del vaccino Covid-19.

(Benjamin Fox | EURACTIV.com)

///

DUBLINO | BELFAST

Governo irlandese e Ue esortati ad assumersi la responsabilità della tensione del protocollo nordirlandese. Il primo ministro dell’Irlanda del Nord e leader del Dup Arlene Foster ha invitato il governo irlandese e l’Ue ad assumersi “qualche responsabilità” per la recente tensione sul protocollo dell’Irlanda del Nord.

(Paula Kenny | EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Elezioni municipali finlandesi rinviate a giugno. Dopo mesi di speculazioni, la maggioranza dei partiti finlandesi, insieme alle autorità, ha annunciato la proposta di rinviare le elezioni comunali da aprile a giugno, citando il deterioramento della situazione del coronavirus.

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)

///

STOCCOLMA

Tre partiti svedesi lottano per restare in parlamento in vista delle elezioni. In vista delle prossime elezioni svedesi, un nuovo sondaggio mostra che il partito dei Verdi, i cristiano-democratici e i liberali stanno lottando per raggiungere o rimanere sopra la soglia del 4% necessaria per rimanere in parlamento.

(Pekka Vänttinen | EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il vaccino AstraZeneca riceve il via libera per gli over 65. Il vaccino AstraZeneca sarà usato anche sulle persone con più di 65 anni, ha confermato il ministro della Salute Roberto Speranza.

Nel frattempo, il governo italiano del primo ministro Mario Draghi sta affrontando le critiche per aver assunto il gigante della consulenza McKinsey per aiutarlo a riscrivere i piani di spesa dei fondi dell’Unione europea volti a ricostruire la sua economia.

(Alessandro Follis | EURACTIV.it)

///

MADRID

La Spagna approverà presto un pacchetto di salvataggio di 11 miliardi di euro per le Pmi. Il governo spagnolo dovrebbe approvare questo mese un pacchetto di salvataggio straordinario di 11 miliardi di euro per le piccole e medie imprese gravemente colpite dalla pandemia di Covid-19.

(Fernando Heller | euroefe.es)

///

ATENE

Il ministro degli Esteri greco visita Egitto e Cipro per sostenere la cooperazione regionale. Il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias si recherà lunedì sia al Cairo che a Nicosia nel tentativo di prevenire ulteriori tensioni nella regione del Mediterraneo orientale, ha confermato il portavoce del ministero degli Esteri Alexandros Papaioannou.

(Alexandros Fotiadis | EURACTIV.gr)

La repressione della polizia contro i cittadini causa disordini politici. L’eccessiva violenza della polizia contro i cittadini in un sobborgo di Atene durante il fine settimana ha causato disordini nella politica greca, con l’opposizione che accusa il governo di cercare di stabilire uno stato di polizia.

(Sarantis Michalopoulos | EURACTIV.com)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

La maggior parte dei polacchi non vuole vaccini russi e cinesi. La maggioranza dei polacchi non vuole che il governo usi i vaccini contro il Covid-19 provenienti dalla Cina o dalla Russia, secondo un sondaggio pubblicato sabato (6 marzo).

(Mateusz Kucharczyk | EURACTIV.pl)

///

PRAGA

La Cecoslovacchia chiede a Germania, Polonia e Svizzera di prendere in carico i pazienti Covid-19. Il governo ceco – dopo forti pressioni da parte delle autorità regionali – ha finalmente deciso di chiedere aiuto a Germania, Polonia e Svizzera, dato che i suoi ospedali sono attualmente a corto di capacità, in particolare nelle regioni confinanti con Germania e Polonia.

(Aneta Zachová | EURACTIV.cz)

///

BUDAPEST

L’Ungheria in “dirittura d’arrivo”, dice il premier. “Siamo in dirittura d’arrivo. Ora dobbiamo chiudere per poter aprire il prima possibile”, ha detto il primo ministro Viktor Orbán in un post su Facebook sabato.

Il governo ha annunciato giovedì mattina che le scuole e gli asili chiuderanno e i servizi saranno sospesi da lunedì fino al 7 aprile. Solo i negozi di alimentari, le stazioni di servizio, le drogherie e le farmacie potranno rimanere aperti, mentre le restrizioni sui negozi rimarranno in vigore fino al 22 marzo.

(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com with Telex)


NOTIZIE DAI BALCANI

BELGRADO

Ambasciatore francese in Serbia: l’offerta di adesione all’Ue non è negoziabile. L’ambasciatore francese in Serbia Jean-Louis Falconi ha detto che l’adesione all’Unione europea non è una questione di negoziazione, ma che il paese candidato deve soddisfare tutti i requisiti per entrare.

(EURACTIV.rs)

///

SOFIA

Senatori americani: La corruzione minaccia le relazioni Usa-Bulgaria. La corruzione e la mancanza di libertà dei media in Bulgaria sono “serie sfide alle relazioni bilaterali Stati Uniti-Bulgaria”, secondo una dichiarazione congiunta del presidente del Comitato Esteri del Senato Usa Bob Menendez (democratico) e Jim Rich, uno dei repubblicani più anziani del comitato.

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

La Romania potrebbe eliminare la restrizione di età per il vaccino di AstraZeneca. Le autorità rumene potrebbero eliminare la restrizione di età per i vaccini AstraZeneca lunedì (8 marzo), secondo il coordinatore della campagna di vaccinazione. Inizialmente, la Romania ha approvato la somministrazione del vaccino AstraZeneca per le persone di età compresa tra 18 e 55 anni. “La restrizione potrebbe essere revocata già lunedì e poi potrebbero essere presi nuovi appuntamenti”, ha detto Valeriu Gheorghita, che è responsabile della campagna di vaccinazione.

La Romania ha finora somministrato i vaccini a quasi 1,2 milioni di persone, di cui 652.000 hanno ricevuto entrambe le dosi. Quasi 190.000 persone hanno ricevuto i vaccini di AstraZeneca.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

La Croazia è contraria allo spostamento del monumento agli ‘indiani’ di Meštrović a Chicago. Le sculture di Ivan Meštrović a Chicago, raffiguranti gli indiani d’America, meritano di restare, ha detto il ministro della cultura croato Nina Obuljen Koržinek.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

Le donne slovene superano gli uomini nell’istruzione. Quasi la metà delle donne occupate in Slovenia e poco più di un quarto degli uomini occupati hanno un’istruzione terziaria, nonostante ci siano più uomini che donne nel paese, secondo i dati dell’ufficio statistico sloveno.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Paula Kenny, Benjamin Fox]