Le Capitali – Francia, in migliaia nelle strade per protestare contro il Green pass obbligatorio

Le manifestazioni hanno riunito nelle piazze francesi circa 17 mila persone, secondo le autorità. [Geoffroy Van Der Hasselt/AFP]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Clima, l’Ue adotta il programma “Fit for 55”. Addio ai motori diesel e benzina dal 2035 di Alessandro Follis, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Per una contabilità climatica di finanza pubblica di Fabio Masini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

PARIGI

Migliaia di persone (circa 17 mila in tutto il paese, secondo le autorità) si sono radunate nelle piazze francesi nel giorno dell’anniversario della presa della Bastiglia per protestare contro l’inasprimento delle regole sul pass sanitario. Le proteste hanno avuto luogo due giorni dopo che il presidente Emmanuel Macron ha svelato la sua rigorosa strategia per affrontare l’aumento delle infezioni, compresa la vaccinazione obbligatoria per gli operatori sanitari e il Green pass obbligatorio per recarsi nella maggior parte dei luoghi pubblici.

(Mathieu Pollet |  EURACTIV.fr)

///

PRESIDENZA UE

Logar interpellato sul non-paper sui Balcani occidentali e le dichiarazioni sull’Iran. Presentando le priorità della presidenza slovena dell’UE in materia di affari esteri alla commissione per gli Affari esteri del Parlamento europeo, il ministro degli Esteri Anže Logar ha affrontato le domande degli eurodeputati sul documento non ufficiale sul ridisegno dei confini dei Balcani occidentali, sulla situazione della Macedonia del Nord e dell’Albania e sulle recenti dichiarazioni del primo ministro Janez Janša sull’Iran e sulla libertà dei media.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

BERLINO

La maggior parte dei rifugiati siriani adulti in Germania dipende dall’assistenza sociale. Secondo il rapporto del giugno 2021 dell’agenzia del lavoro tedesca, quasi i due terzi (65%) dei rifugiati siriani in Germania in età lavorativa dipendono almeno parzialmente dal programma di assistenza sociale Hartz IV, rispetto al 43% dei rifugiati afghani.

(Nikolaus J. Kurmayer |  EURACTIV.de)

///

BRUXELLES

Il numero dei casi di virus aumenta dell’84%, i ricoveri ospedalieri restano stabili. Nell’ultima settimana, in Belgio sono state rilevate una media di 1.066 nuove infezioni da COVID-19 al giorno, con un aumento dell’84% rispetto alla settimana precedente.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

VIENNA

L’Austria accoglie con favore il pacchetto climatico “Fit for 55” della Commissione. Numerosi politici austriaci hanno elogiato il pacchetto climatico dell’UE per i suoi ambiziosi obiettivi in materia di scambio di quote di emissioni, tassazione dell’energia e misure per mitigare gli effetti sociali della transizione verde.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

L’Irlanda avvia il lancio del certificato digitale COVID. Finora sono stati inviati oltre 1,3 milioni di e-mail e lettere contenenti il certificato digitale UE COVID-19 ai residenti irlandesi che sono stati completamente vaccinati, ha riferito RTE.

(Paula Kenny |  EURACTIV.com)


PAESI NORDICI E BALTICI

VILNIUS

I parlamentari lituani chiedono di inasprire le regole sulla migrazione “troppo liberali” dell’Europa. Due commissioni parlamentari lituane hanno suggerito di spingere per politiche UE più severe sull’immigrazione, invitando il ministero degli Esteri lituano a redigere proposte e avviare discussioni a Bruxelles

(Jūratė Skėrytė |  LRT.lt/en)

///

TALLINN

La Corte di giustizia europea decide sulla perdita dell’udito come motivo di licenziamento. La Corte di giustizia europea (ECJ) di Lussemburgo deciderà giovedì se l’ipoacusia è un motivo valido per il licenziamento. Nello specifico, si tratta della decisione sul caso di un agente carcerario estone, che ha lavorato in carcere per 15 anni e che a causa di una menomazione a un orecchio ha perso il posto. L’uomo ha portato il suo caso alla Corte di Stato estone, che ha chiesto alla Corte di giustizia europea di interpretare la non discriminazione per motivi di disabilità.
L’ordinanza secondo la quale gli agenti penitenziari devono avere una certa capacità uditiva minima, è stata emanata in Estonia solo nel 2013 in relazione al fatto che i dipendenti possono effettuare telefonate e ascoltare allarmi e messaggi radio.

(EURACTIV.com)

///

RIGA

La Corte di giustizia europea si pronuncia sulle prestazioni sociali per gli stranieri comunitari. La Corte di giustizia europea (ECJ) emetterà due sentenze giovedì sulle condizioni in base alle quali l’assistenza sanitaria pubblica per i cittadini dell’UE di altri paesi o i servizi che garantiscono il sostentamento possono essere negati.
Lo sfondo è il caso di un italiano trasferitosi in Lettonia. Poiché all’inizio non aveva un lavoro, ha rifiutato il servizio sanitario lettone finanziato dallo stato e ha messo termine alla sua adesione, che è aperta solo agli stranieri dell’UE che lavorano in Lettonia. In linea di principio, gli Stati membri dell’UE devono pagare prestazioni ai cittadini dell’UE di altri paesi se hanno un diritto di soggiorno.

(EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il Primo Ministro italiano chiede una riforma del sistema carcerario. Il presidente del Consiglio Mario Draghi e la ministra della Giustizia Marta Cartabia hanno visitato mercoledì il carcere di Santa Maria Capua Vetere in Campania, teatro dalle violenze dell’aprile 2020.

(Daniele Lettig | EURACTIV Italia)

///

ATENE

La Grecia ritira ila riforma delle pensioni dopo gli avvertimenti sull’impatto fiscale. Il governo greco ha deciso di rinviare una bozza di legge sulle pensioni dopo che la Commissione europea ha avvertito del suo impatto sul debito pubblico del paese, ha appreso EURACTIV.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

LISBONA

Il governo portoghese vuole chiudere le centrali elettriche a gas prima del 2040. Il ministro dell’Ambiente portoghese João Pedro Matos Fernandes ha detto mercoledì al parlamento che è possibile anticipare l’obiettivo del 2040 per la chiusura delle centrali a gas, come già fatto nel caso delle centrali a carbone.

(Maria João Pereira |  Lusa.pt)

///

MADRID

Il tasso di infezione da COVID-19 triplica tra i giovani spagnoli. Il tasso di infezione da COVID-19 in Spagna è salito a 436 casi ogni 100.000 residenti nelle ultime due settimane, con i giovani particolarmente colpiti, con un aumento di tre volte rispetto alle due settimane precedenti.

(EuroEFE)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Il governo ceco adotta un controverso emendamento alla legge sull’edilizia. La camera bassa del parlamento ceco questa settimana ha ribaltato il veto del senato a un emendamento a una legge sull’edilizia elaborata dal ministro per lo Sviluppo regionale Klára Dostálová, che velocizza le autorizzazioni a costruire.

(Ondřej Plevák |  EURACTIV.cz)

///

VARSAVIA

Le misure provvisorie imposte al sistema giudiziario polacco dalla massima corte europea sono contro la costituzione polacca, ha affermato mercoledì la Corte costituzionale polacca, intensificando lo scontro sullo stato di diritto tra Varsavia e Bruxelles.

(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

BUDAPEST

La Commissione Europea risponde ai commenti sugli attivisti LGBTQI+ di Orbán.La Commissione Europea ha emesso un comunicato stampa negando di aver affermato di voler inserire attivisti LGBTQI+ nelle scuole ungheresi a seguito dei commenti del Primo Ministro Viktor Orbán in tal senso.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

BRATISLAVA

La Corte costituzionale slovacca sospende le nuove regole sulle frontiere. La Corte costituzionale slovacca deciderà se le regole per l’attraversamento delle frontiere emanate dall’Autorità per la sanità pubblica sono conformi alla costituzione. Le regole sono state fino ad allora sospese.

(Michal Hudec |  EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA | BUCAREST

Bulgaria e Romania donano vaccini quasi scaduti. La Bulgaria donerà 172.500 dosi del vaccino AstraZeneca al Bhutan, con tutte le spese di consegna a carico del destinatario. All’inizio di questo mese, entrambi i paesi hanno dichiarato di voler iniziare a donare vaccini per evitare la distruzione delle quantità scadute.

(Krassen Nikolov e Bogdan Neagu |  EURACTIV.bg e EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA

La Croazia sta valutando “modi intelligenti” per ottenere l’immunità di gregge. Il governo croato chiederà ai dipendenti dei settori della sanità, dell’assistenza sociale e dell’istruzione di farsi vaccinare, ha annunciato il primo ministro Andrej Plenković in un discorso trasmesso da HRT.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

La Slovenia inasprisce i requisiti di ingresso. Giovedì sono entrate in vigore regole significativamente più rigide per l’ingresso in Slovenia, poiché l’elenco dei paesi con codice colore è stato sostituito con il requisito secondo cui i passeggeri che desiderano entrare nel paese devono avere un certificato COVID-19, indipendentemente dalla loro provenienza.

(Sebastijan R. Maček |  sta.si)

///

BELGRADO

Le ong denunciano la filiale di Rio Tinto in Serbia. Due ong hanno presentato denunce penali contro la filiale del gruppo minerario Rio Tinto in Serbia e i suoi subappaltatori, sostenendo che hanno inquinato l’ambiente.

(EURACTIV.rs | betabriefing.com)

///

SKOPJE

La Turchia chiede alla Macedonia del Nord di consegnare 86 sostenitori di Gülen.L’ambasciatore turco in Macedonia del Nord Hasan Sekizkök ha affermato che la Turchia si aspetta che la Macedonia del Nord consegni 86 persone che si dice siano sostenitori del critico del presidente Recep Tayyip Erdoğan, Fethullah Gülen, secondo quanto riportato da republika.mk.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

SARAJEVO

Arrestato il capo dei servizi segreti della Bosnia-Erzegovina. La polizia di Sarajevo ha arrestato mercoledì il direttore dell’intelligence-security agency (OSA) della Bosnia-Erzegovina, Osman Mehmedagić, che i pubblici ministeri sospettano di abuso d’ufficio, frode documentale e riciclaggio di denaro.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

TIRANA

Il Primo Ministro albanese: La Turchia entrerà nell’UE quando l’Albania avrà la presidenza. Il primo ministro Edi Rama ha dichiarato mercoledì che l’iniziativa Schengen sui Balcani non è la nuova Jugoslavia, come alcuni sostengono mentre dichiarano che l’Albania sarà l’ultima a lasciare l’Unione europea.
Al “Symi Symposium” di Atene, organizzato e guidato dall’ex primo ministro greco George Papandreou, Rama ha affermato che mentre gli euro-ottimisti affermano che “la Turchia entrerà nell’UE quando l’Albania avrà la presidenza”, gli europessimisti credono che “l’Albania entrerà nell’UE quando la Turchia avrà la presidenza”.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA: 

  • Germania: Biden ospita la cancelliera tedesca Merkel alla Casa Bianca.
  • Francia: il Primo Ministro Jean Castex presiederà il primo comitato interministeriale sulla laicità.
  • Belgio: il Parlamento vota la mozione che condanna il “genocidio” degli yazidi del gruppo ISIS.
  • Lussemburgo: l’avvocato generale della Corte europea esprime parere su una parte fondamentale della direttiva UE sul diritto d’autore digitale.
  • Grecia: diventa obbligatorio vaccino contro il Covid per l’ingresso nei luoghi pubblici al chiuso.
  • Spagna: Cerimonia di Stato in memoria delle vittime del Covid-19.
  • Bulgaria: l’ex premier Boyko Borissov è stato convocato per essere interrogato dalla polizia.
  • Slovenia: i ministri degli interni dell’UE si incontrano per discutere della riforma della politica migratoria a Brdo pri Kranju.
  • Serbia: la conferenza sui risultati e le possibilità dei fondi IPA di preadesione in Serbia presenterà i discorsi di apertura del presidente serbo Aleksandar Vučić, del commissario europeo per l’allargamento Oliver Varhelyi, del capo della delegazione dell’UE in Serbia, Sem Fabrizi e del ministro serbo per l’integrazione europea Jadranka Joksimović .

***

[A cura di Sarantis Michalopoulous, Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie Le Blond]