Le Capitali – Dopo la sentenza della Corte costituzionale, la Polonia cammina su un campo minato

Il primato del diritto dell'UE non è più incondizionato in Polonia. [Shutterstock/Alexandros Michailidis]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo COP26, l’Ue si impegnerà a fissare degli obiettivi sul clima da raggiungere ogni cinque anni di Daniele Lettig, EURACTIV Italia. 

Leggete anche Dalla global tax alla tutela dei lavoratori dall’amianto: gli obiettivi della politica economica Ue per il 2022 di Janos Ammann e Valentina Iorio, EURACTIV Italia.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.

Le notizie di oggi dalle Capitali:

VARSAVIA

In una sentenza senza precedenti, il Tribunale costituzionale polacco ha dichiarato la supremazia assoluta della costituzione del Paese sui trattati dell’UE, in quello che secondo alcuni potrebbe segnare l’inizio del “conto alla rovescia per la Polexit”.

Il primato del diritto dell’UE in Polonia non è più incondizionato ed è strettamente limitato alle competenze delegate all’UE. Mentre il governo festeggia la decisione, secondo l’opposizione la scelta è equivalente a “camminare in un campo minato”. Per saperne di più.

///

PRESIDENZA UE

Il primo ministro sloveno accusa Bruxelles di abusare dei suoi poteri rispetto allo stato di diritto. Janez Janša, il primo ministro sloveno che attualmente detiene la presidenza semestrale a rotazione dell’UE, ha accusato la Commissione europea di abusi politici sul tema dello stato di diritto. Per saperne di più.

///

ISTITUZIONI UE

Dodici Stati membri chiedono alla Commissione di finanziare le “barriere fisiche” come misure di protezione delle frontiere. Dodici ministri degli interni dell’UE hanno chiesto di aggiornare il Codice sulle frontiere del blocco Schengen per consentire le “barriere fisiche” come misure di protezione delle frontiere, secondo una lettera inviata alla Commissione europea e visionata da EURACTIV. Per saperne di più.

///

BERLINO

Il leader conservatore Laschet segnala la volontà di fare un passo indietro. “Sarei felice se riuscissimo, in questi tempi difficili, ad avere un nuovo inizio con nuove personalità”, ha detto giovedì Armin Laschet, leader del partito conservatore CDU/CSU. Sebbene non abbia dichiarato che si farà da parte, sembra essere soltanto questione di tempo. Per saperne di più.

///

PARIGI

Il candidato di destra Barnier propone un “elettroshock di autorità”. L’ex negoziatore della Brexit Michel Barnier ha presentato il suo progetto per rafforzare la sicurezza nazionale istituendo un nuovo ministero della pubblica sicurezza. Per saperne di più.

///

VIENNA

Lo scandalo che sta travolgendo Kurz mette alla prova la coalizione tra verdi e conservatori. Dopo che il cancelliere austriaco Kurz è stato coinvolto in una controversia sul suo presunto coinvolgimento in uno scandalo di corruzione, il futuro del della coalizione conservatori-verdi è in pericolo, dato che i Verdi si domandano se Kurz è davvero idoneo a governare. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO

L’opposizione è molto più avanti del governo irlandese nei sondaggi. Il governo di coalizione irlandese rimane notevolmente indietro rispetto al partito di opposizione Sinn Féin nell’ultimo sondaggio MRBI Irish Times/Ipsos. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Una delegazione delle Nazioni Unite chiede all’Italia di trattare meglio i lavoratori migranti e di lavorare sulle pratiche di sicurezza sul lavoro. Il Gruppo di lavoro delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani ha criticato le autorità italiane per azioni che “offuscano la reputazione dell’Italia nel campo delle imprese e dei diritti umani” e che “dovrebbero essere immediatamente cambiate per proteggere i diritti delle persone in posizioni altamente vulnerabili”. Per saperne di più.

///

MADRID

Il governo approva il progetto di bilancio per il 2022 con investimenti record. Il governo di coalizione spagnolo, formato dal partito socialista (PSOE) e dalla sinistra Unidas Podemos, ha approvato giovedì il progetto di bilancio per il 2022, con un forte accento sulle politiche sociali e una “equa ripresa” dopo la pandemia. Per saperne di più.

///

LISBONA

Destituito il giudice anti-lockdown Rui Fonseca e Castro. Il Consiglio Superiore della Magistratura (CSM) del Portogallo ha deciso all’unanimità di destituire il giudice Rui Fonseca e Castro per varie infrazioni. Tra le giustificazioni del licenziamento, il Csm ricorda che Fonseca e Castro ha pubblicato sui social dei video che “incoraggiavano alla violazione delle norme di legge e sanitarie” relative alla pandemia di COVID-19.

La decisione è stata comunicata ai giornalisti dal membro del Csm Inês Ferreira Leite. Un gruppo di manifestanti sostiene il giudice. (Antonio Pereira Neves, Lusa.pt)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Škoda Auto fermerà la produzione in Cechia a causa di una carenza di chip. La casa automobilistica ceca Škoda Auto limiterà o fermerà completamente la produzione di automobili in tutte e tre le fabbriche ceche dal 18 ottobre fino alla fine dell’anno. La società ha preso la decisione a causa della carenza globale di chip. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

Google in Ungheria: il governo potrebbe essere dietro ai tentativi di rubare la tua password. Giovedì mattina Google ha avvertito Tamás Bodoky, caporedattore dell’agenzia di notizie online Átlátszó, di un attacco di hacker riconducibile allo Stato verso il suo account Gmail, secondo quanto riportato dal sito. Lo stesso messaggio è stato inviato ad András Lőke, giornalista investigativo, e Ádám Bihari, giornalista di HVG. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA

Il ministro dell’Economia slovacco propone di chiudere gli uffici di collocamento. Il ministro dell’Economia Richard Sulík (SaS/ECR) ha proposto mercoledì di chiudere gli uffici di collocamento. L’obiettivo è ridurre la spesa pubblica. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI
SOFIA

Un russo e due lituani arrestati per spionaggio in un impianto militare bulgaro. La polizia bulgara ha arrestato un cittadino russo e due lituani con l’accusa di aver esportato “informazioni sensibili” dallo stabilimento militare dell’Arsenal a Kazanlak. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

Crisi evidente tra i socialdemocratici croati. Il Partito socialdemocratico (SDP) è in subbuglio dopo che la dirigenza del partito ha rimosso l’ex leader Davor Bernardić e altri sei deputati. Quattro parlamentari sono stati espulsi diversi mesi fa. Per saperne di più.

Plenkovic si aspetta un rapporto sui violenti respingimenti dei migranti dal confine croato-bosniaco. Il primo ministro Andrej Plenković ha affermato di aver parlato con il ministro degli Interni Davor Božinović del violento respingimento dei migranti sul confine croato con la BiH e si aspetta un rapporto per valutare cosa è successo. Per saperne di più.

///

LUBIANA

Il governo continua a cercare candidati a procuratore UE. Il governo ha chiesto al ministero della Giustizia di pubblicare un altro nuovo appello per ricoprire le due principali posizioni di procuratore UE del Paese. Dopo che un tribunale ha annullato la sua scelta precedente, l’ultima mossa suggerisce che la procedura di nomina potrebbe trascinarsi per settimane, se non mesi. Per saperne di più.

///

BELGRADO

Ong: alla maggioranza dei cittadini serbi è negato il diritto a un lavoro dignitoso. Alla maggior parte dei cittadini serbi viene negato il diritto a un lavoro dignitoso in termini di opzioni di lavoro, salario adeguato, protezione dei disoccupati e occupazione sicura, ha affermato giovedì la Fondazione Centro per la democrazia di Belgrado. Per saperne di più.

///

SARAJEVO

Dietro a un nuovo canale televisivo regionale appena fondato ci sarebbe Dodik. Severina, una cantante pop croata, ha detto al partner di EURACTIV Jutarnji list che non si sarebbe unita a Una TV dopo aver appreso che la famiglia di Milorad Dodik sostiene economicamente il nuovo canale. Per saperne di più.

///

SKOPJE

Commissione energia: gli aumenti dei prezzi dell’elettricità non dovrebbero preoccupare i macedoni. Non c’è motivo di panico tra i cittadini macedoni per quanto riguarda il prezzo dell’elettricità nei prossimi mesi, ha affermato la Commissione per la regolamentazione dell’energia della Macedonia del Nord, secondo quanto riportato da meta.mk. Per saperne di più.

///

PRISTINA

I veterani della guerra del Kosovo si dichiarano innocenti all’Aia. Due veterani della guerra del Kosovo, ora leader di un’associazione di veterani, si sono dichiarati innocenti giovedì. I due sono accusati di intimidazione di testimoni e ostacolo alla giustizia. Per saperne di più.

///

TIRANA

Il ritorno in classe degli studenti albanesi è in ritardo a causa della scarsa diffusione del vaccino. Il governo albanese ha posticipato l’inizio dell’anno accademico di una settimana, fino al 18 ottobre, a causa dell’esitazione vaccinale tra gli studenti. Per saperne di più.


AGENDA:

  • Ue/Lussemburgo: Ministri degli interni Ue discutono rotte dei migranti, situazione in Afghanistan.
  • Francia: il vertice Africa-Francia si svolge a Montpellier / Udienza nella causa per diffamazione del Marocco contro la redazione di Forbidden Stories per l’inchiesta sul software Pegasus.
  • Norvegia: Annuncio del Premio Nobel per la pace.
  • Spagna: re Felipe VI riceve il segretario generale della Nato Stoltenberg.
  • Repubblica Ceca: i cechi si recano alle urne per le elezioni parlamentari.
  • Croazia: al via l’incontro annuale di due giorni della Federazione europea dei giornalisti (EFJ).
  • Serbia: il primo ministro Ana Brnabić incontra il vice primo ministro e ministro del commercio slovacco, Richard Sulik.
***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]