Le Capitali – Cipro chiede ai suoi cittadini di respingere le richieste della Turchia sulle rivendicazioni di proprietà

Rivolgersi alla commissione per l'indennizzo della proprietà voluta dalla Turchia significherebbe riconoscere l'amministrazione turco-cipriota, sostiene il Consiglio nazionale di Cipro. [Shutterstock/ trabantos]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Riciclaggio di denaro, l’Ue propone un tetto di 10 mila euro per i pagamenti in contanti di Alessandro Follis, EURACTIV Italia.

Leggete anche L’Italia alla Conferenza sul futuro dell’Europa: nominato il comitato scientifico di Federica Martiny, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

NICOSIA

Il Consiglio nazionale di Cipro ha invitato i greco-ciprioti a evitare di appellarsi a una commissione istituita dallo stato occupato dalla Turchia nel nord di Cipro per riprendersi le loro proprietà, affermando che ciò costituirebbe una grave minaccia per la sicurezza nazionale.

(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

PRESIDENZA UE

I ministri UE discutono dei preparativi per la conferenza COP26. I ministri dell’ambiente dell’UE riuniti per una sessione informale a Brdo pri Kranju hanno discusso della conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP26, che si terrà a Glasgow a novembre.

(Sebastijan R. Maček | sta.si)

///

BERLINO

La Germania ottiene la benedizione degli Usa sul gasdotto Nord Stream 2. Il conflitto tra Berlino e Washington per la costruzione del controverso gasdotto Nord Stream 2 che porta il gas russo in Germania è stato messo a tacere con una dichiarazione congiunta “a sostegno dell’Ucraina, della sicurezza energetica europea e dei nostri obiettivi climatici”.

(Nikolaus J. Kurmayer | EURACTIV.de)

///

PARIGI

La Francia potrebbe presto reimporre le restrizioni COVID-19 man mano che i casi aumentano. Martedì, quando la Francia ha registrato un nuovo picco di infezioni da COVID-19, con 18.000 casi rilevati entro 24 ore, il primo ministro Jean Castex ha confermato che nuove restrizioni potrebbero essere imminenti.

(Magdalena Pistorius |  EURACTIV France)

///

BRUXELLES

I migranti privi di documenti sospendono lo sciopero della fame per sbloccare lo stallo. I lavoratori senza documenti in sciopero della fame a Bruxelles hanno sospeso lo sciopero della fame mercoledì dopo che sono stati presi accordi di principio tra il governo e i loro rappresentanti dei migranti.

(Nick Amies |  EURACTIV.com with The Bulletin)

///

VIENNA

Il rapporto della Commissione sullo stato di diritto suscita polemiche in Austria.Dopo che la Commissione europea ha evidenziato alcuni preoccupanti sviluppi in Austria nel suo rapporto sullo stato di diritto, diversi politici ed esperti anticorruzione hanno espresso le loro preoccupazioni per il deterioramento delle prestazioni del paese in alcune aree del rapporto.

(Oliver Noyan |  EURACTIV.de)

///

LUSSEMBURGO | ISTITUZIONI UE

La Commissione UE nomina i nuovi capi di rappresentanza in Lussemburgo. Anne Calteux assumerà le sue funzioni di capo della rappresentanza della Commissione europea in Lussemburgo sotto l’autorità politica del presidente Ursula von der Leyen, in una data ancora da stabilire.
Dal 2016, Calteux ha ricoperto una serie di posizioni di rilievo in cui ha esercitato un alto livello di responsabilità e gestione delle crisi, in particolare l’ultima, come responsabile del coordinamento della cellula di crisi COVID-19 nel ministero della salute del Granducato.

(Anne Damiani | EURACTIV.fr)


REGNO UNITO E IRLANDA

DUBLINO | LONDRA

L’UE non rinegozierà il protocollo per l’Irlanda del Nord. L’UE non accetterà una richiesta del Regno Unito di rinegoziare il protocollo per l’Irlanda del Nord, ha affermato la Commissione europea dopo che il Regno Unito ha chiesto modifiche agli accordi post-Brexit, secondo quanto riportato dall’Irish Times.

(Paula Kenny | EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Prodi è stato spiato dai servizi segreti marocchini. L’ex primo ministro italiano ed ex capo della Commissione europea, Romano Prodi, sarebbe stato spiato dai servizi segreti del Marocco utilizzando il software israeliano Pegasus, secondo quanto riportato mercoledì dal Washington Post.

(Daniele Lettig | EURACTIV.it)

///

MADRID

La Spagna vota per porre fine alla regola obbligatoria della mascherina all’esterno. Il parlamento spagnolo ha approvato un decreto governativo del 26 giugno che pone fine all’obbligo di indossare mascherine all’aperto quando è praticabile il distanziamento.

(EuroEFE)

///

LISBONA

Il Portogallo mira a vaccinare 570.000 bambini entro metà settembre. Il Portogallo mira a vaccinare 570.000 giovani tra i 12 e i 17 anni tra il 14 agosto e il 19 settembre, ha annunciato mercoledì il primo ministro Antonio Costa.

(Pedro Morais Fonseca |  Lusa.pt)


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

La Polonia elegge un nuovo difensore civico in una situazione di stallo sullo stato di diritto. Marcin Wiącek, avvocato e professore all’Università di Varsavia, è stato eletto dal Senato polacco alla carica di difensore civico, con 93 voti a favore, nessuno contrario e cinque astenuti.

(Anna Wolska |  EURACTIV.pl)

///

BUDAPEST

Orbán annuncia un referendum sulle controverse disposizioni di legge anti LGBTQI+. Il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha affermato che il suo governo indirà un referendum “per dire no” alle obiezioni di Bruxelles alle controverse disposizioni di legge LGBTQI+.

(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

BRATISLAVA

Diversi valichi di frontiera slovacchi bloccati a causa di proteste contro le restrizioni anti-COVID. I manifestanti hanno tentato mercoledì di bloccare più valichi di frontiera per protestare contro le nuove misure anti COVID-19 annunciate la scorsa settimana dal governo.

(Michal Hudec |  EURACTIV.sk)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

Il partito bulgaro di centrodestra sostiene l’integrazione della Macedonia del Nord nell’UE. La coalizione di centrodestra filo-europea Bulgaria democratica è stata l’unica formazione politica a sostenere apertamente l’integrazione europea della Macedonia del Nord nel corso della discussione nel primo giorno del nuovo parlamento bulgaro, mercoledì 21 luglio.

(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BUCAREST

La Romania vede un aumento dei casi di COVID-19. La Romania ha confermato più di 100 nuovi casi di COVID-19 in un giorno mercoledì, per la prima volta in più di un mese. Le autorità stimano che il numero di casi di COVID-19 aumenterà lentamente, ma continuerà a progredire poiché il governo prevede di allentare le attuali restrizioni.

(Bogdan Neagu | EURACTIV.ro)
///

ZAGABRIA

La Banca nazionale croata propone cinque motivi per le monete in euro. La Banca nazionale croata (HNB) ha svelato cinque nuovi motivi per le monete in euro tra cui lo stemma croato, una mappa geografica della Croazia, la martora (in croato: kuna, nome della valuta croata), la scrittura glagolitica e Nikola Tesla. Saranno ora esaminati dal Consiglio nazionale per l’introduzione dell’euro come moneta ufficiale nella Repubblica di Croazia, e poi finalizzati dal governo.
La scelta è stata compiuta dai cittadini attraverso un sondaggio online su euro.hr a cui hanno partecipato quasi 50.000 persone, e un sondaggio nazionale strutturato su un campione di 1.000 interviste.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

Dopo le dimissioni, un assistente critica aspramente il ministero della Giustizia sloveno. L’autore e professore Anže Erbežnik ha espresso dure critiche al ministero della Giustizia e al suo ex capo in una lettera rilasciata dopo le sue dimissioni da segretario di Stato, affermando che era stato impossibile lavorare in modo da rispettare il diritto dell’UE, lo stato di diritto e diritti umani.

(Ela Petrovčič |  sta.si)

///

BELGRADO

Vucic: La Serbia proteggerà i suoi interessi se il Kosovo si batterà per l’indipendenza. La Serbia farebbe di tutto per proteggere i propri interessi se il Kosovo violasse l’accordo di Washington firmato nel 2020, ha dichiarato mercoledì il presidente serbo Aleksandar Vučić, indicando che Belgrado e Pristina sono entrambe obbligate ad astenersi dal fare campagne per il ritiro dall’acordo, come fare pressioni per il riconoscimento globale dell’indipendenza del Kosovo.

(betabriefing and EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO

L’ambasciata russa conferma la proposta di porre fine alla carica di Alto rappresentante della Bosnia-Erzegovina. L’ambasciata russa in Bosnia-Erzegovina ha confermato l’esistenza di una bozza di risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, sostenuta da Russia e Cina, che chiede l’abolizione dell’Ufficio dell’Alto rappresentante (OHR) in Bosnia-Erzegovina entro la fine di luglio 2022.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

SKOPJE | SOFIA

Primo ministro della Macedonia del Nord: non cercheremo alternative al blocco dell’UE. C’è grande delusione e trauma tra i cittadini dopo il blocco del percorso europeo della Macedonia, ma il paese non cercherà alternative, ha detto il primo ministro Zoran Zaev a Conflict Zone di DW in un’intervista.

(Zeljko Trkanjec | EURACTIV.hr)

///

PRISTINA | ATENE

Il primo ministro del Kosovo: La Grecia mostrerebbe di avere la leadership nei Balcani se riconoscesse il Kosovo. Il riconoscimento dell’indipendenza del Kosovo da parte della Grecia sarebbe la prova che Atene è pronta a svolgere un ruolo regionale di primo piano nei Balcani, ha affermato il primo ministro kosovaro Albin Kurti in un’intervista esclusiva con Το Βήμα.
Kurti ha anche sottolineato che lo status del Kosovo è stato definitivamente definito e il dialogo con Belgrado riguarda solo le future relazioni tra i due Paesi. “L’indipendenza del Kosovo ha 13 anni. Dalla decisione della Corte internazionale di giustizia nel 2010, che ha convalidato il fatto che la dichiarazione di indipendenza del Kosovo non ha violato il diritto internazionale, il dibattito sugli stati è chiuso”, ha affermato. “Non discuterò dello status del Kosovo, né della nostra integrità territoriale. È una questione risolta. Non possiamo permettere il rilancio di progetti falliti di scambio territoriale né di bosniaci del Kosovo”, ha detto Kurti.

(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

TIRANA

L’Alta Corte sospende la costruzione di due centrali idroelettriche in Albania.L’Alta Corte albanese ha sospeso la costruzione di due centrali idroelettriche fino a quando un tribunale non deciderà sulle cause intentate dai residenti contro la loro costruzione, ha riferito exit.al. L’Alta Corte ha accolto la richiesta avanzata dai residenti della valle di Valbona che Gener 2 e Dragobia Energy le aziende sospendono la costruzione dei loro due HPP in una delle attrazioni turistiche più popolari in Albania.

(Željko Trkanjec | EURACTIV.hr)


AGENDA: 

  • Germania: la cancelliera tedesca Angela Merkel tiene la tradizionale conferenza stampa estiva, l’ultima dei suoi 16 anni al potere.
  • Francia: il segretario di Stato per gli affari Ue, Clément Beaune, incontrerà a Zagabria il suo omologo croato Andreja Metelko Zgombic e il ministro degli Esteri Gordan Crlic Radman.
  • Italia: i ministri dell’ambiente, del clima e dell’energia del G20 si incontrano a Napoli / Il presidente della Camera dei deputati Roberto Fico incontra il presidente dell’Assemblea nazionale serba, Ivica Dacic.
  • Bulgaria: Il Consiglio giudiziario supremo discuterà la proposta del ministro della Giustizia ad interim Yanaki Stoilov di licenziare il procuratore capo Ivan Geshev per violazione dei suoi doveri e danno al prestigio della magistratura.
  • Slovenia: riunione informale dei ministri del mercato interno e dell’industria dell’UE a Brdo pri Kranju, edilizia verde, economia circolare e industrie creative.

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Paula Kenny, Zoran Radosavljevic, Josie Le Blond]