Le Capitali – Ancora morti al confine polacco-bielorusso

La Polonia ha introdotto lo stato di emergenza nella regione di confine, il che significa che i media e le ONG fanno molto affidamento sulle informazioni fornite dalle autorità pubbliche. [EPA-EFE/ARTUR RESZKO]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Energia, in Europa i prezzi saliranno fino al 2023: Green Deal a rischio di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche Fake news, nasce l’hub italiano contro la disinformazione di Luca Bertuzzi, EURACTIV Italia.


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.

Le notizie di oggi dalle Capitali: 

VARSAVIA

Tre persone sono morte sabato al confine polacco-bielorusso, mentre una quarta è morta domenica, hanno confermato le guardie di frontiera polacche. Sono tutti morti congelati, hanno aggiunto. Per saperne di più.

///

PRESIDENZA UE

Il ministro degli Interni sloveno esorta Frontex ad aiutare gli Stati membri e i paesi terzi. La situazione al confine dell’UE con la Bielorussia era in cima all’agenda quando il consiglio di amministrazione dell’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera (Frontex) ha iniziato una riunione di due giorni martedì in Slovenia. Per saperne di più.

///

PARIGI

La crisi dei sottomarini alimenta una “crescente sensazione di relazione infranta”. Mentre i diplomatici dell’UE stanno attualmente discutendo se annullare o posticipare un prossimo vertice UE-USA su tecnologia e commercio come risposta all’accordo AUKUS, i funzionari francesi insistono che non si tratta soltanto di un contratto bilaterale di armi perso, ma di una relazione “infranta” tra alleati. Per saperne di più.

///

BERLINO

Laschet ora deve fare affidamento sull’esplicito sostegno di Merkel prima delle elezioni. Mentre i conservatori tedeschi continuano a votare ai minimi storici, il candidato alla cancelleria Armin Laschet scommette sul sostegno della cancelliera uscente Merkel, che l’ha sostenuto pubblicamente nel suo collegio elettorale nel nord-est della Germania. Per saperne di più.

///

VIENNA

L’Afghanistan è in cima all’agenda del governo austriaco. Il governo austriaco ha lanciato martedì due eventi a Washington e Vienna per discutere della situazione umanitaria in Afghanistan e delle potenziali sfide in materia di migrazione e sicurezza. Per saperne di più.


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

Eurodeputato rumeno chiede un’indagine dell’UE sulle presunte pratiche di schedatura del Regno Unito. Un eurodeputato rumeno ha chiesto alla Commissione europea di intervenire a seguito del rilascio di dati che suggeriscono che i funzionari di frontiera del Regno Unito potrebbero condurre una profilazione razziale contro gli stati rumeni e altri paesi dell’Europa orientale. Per saperne di più.

///

DUBLINO

L’Irlanda si rifiuta di impegnarsi nel piano globale per le imposte minime sulle aziende. Il Taoiseach irlandese Micheál Martin ha rifiutato di esprimersi sulla possibilità che il Paese continui a mantenere la sua aliquota sulle aziende del 12,5%, mentre monta la pressione per aderire a un piano dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) per un’aliquota minima globale dell’imposta sulle società del 15 %. Per saperne di più.


PAESI BALTICI

HELSINKI

L’acquisto da parte della Finlandia di nuovi caccia da combattimento potrebbe prendere una piega politica. La scelta tra cinque offerenti che offrono 64 aerei da combattimento per sostituire l’attuale flotta Hornet della Finlandia a un prezzo di 9,4 miliardi di euro è diventata sempre più politica per il governo dopo che l’Australia ha annullato un ordine di sottomarini con Parigi a favore di un accordo con Washington e Londra. Per saperne di più.

///

VILNIUS

La Lituania consiglia di buttare via i telefoni cinesi dopo aver scoperto software di censura al loro interno. Il ministero della Difesa lituano ha raccomandato ai consumatori di evitare di acquistare telefoni cellulari cinesi e ha consigliato alle persone di buttare via quelli che hanno ora dopo che un rapporto del governo ha scoperto che i dispositivi avevano capacità di censura integrate. Per saperne di più.


EUROPA MERIDIONALE
ROMA

L’eurodeputata di destra Francesca Donato lascia la Lega di Salvini. L’euroscettica Francesca Donato si è dimessa dalla Lega di Matteo Salvini dopo che quest’ultimo ha sostenuto una serie di misure per contrastare il COVID-19, tra cui la decisione della scorsa settimana che ha reso obbligatorio il Green pass per tutti i lavoratori. Per saperne di più.

Tre imprenditori italiani su dieci ignorano il PNRR. Tre imprenditori italiani su dieci hanno poca o nessuna idea di cosa implichi il ​​Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza messo a punto dal governo del premier Mario Draghi, anche se la scadenza per presentare i progetti per il finanziamento è alle porte. Lo dice un sondaggio pubblicato dall’istituto di ricerche di mercato Format Research. L’indagine ha coinvolto 900 manager e imprenditori italiani. Per saperne di più.

///

MADRID

Le stelle sembrano allinearsi per l’economia spagnola dopo il disastroso 2020. L’economia spagnola sembra riprendersi più velocemente del previsto e, dopo un disastroso 2020, le istituzioni nazionali e internazionali prevedono una robusta crescita del PIL del paese iberico nel 2022 e 2023. Leggi la storia completa.

///

ATENE

I sindaci di Atene e Istanbul cercano soluzioni dal basso. I sindaci di Atene e Istanbul hanno affermato di credere di poter costruire ponti di comunicazione, amicizia e comprensione reciproca e procedere insieme per risolvere i crescenti problemi che la Grecia e la Turchia devono affrontare. Per saperne di più.


GRUPPO DI VISEGRAD

BRATISLAVA

Il ministero della salute slovacco tace sulla terza dose di Sputnik. Il ministero della salute ha annunciato che le 20 mila persone che hanno ricevuto il vaccino Sputnik in Slovacchia riceveranno Pfizer come terza dose. Tuttavia, il ministero non ha risposto alla domanda di EURACTIV se avesse ricevuto istruzioni specifiche dal produttore Sputnik in merito alla terza dose. Per saperne di più.

///

PRAGA

La Cechia chiede alla Commissione di ripensare alle nuove norme sulle emissioni per le auto. L’imminente regolamento sugli standard di emissione Euro 7 per tutti i veicoli a benzina e diesel “sembra quasi impossibile da attuare”, ha lamentato il vice primo ministro ceco Karel Havlíček in una lettera alla Commissione europea. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

Fotoreporter ungherese che indaga sui viaggi di lusso dell’élite governativa presa di mira da spyware. L’analisi cellulare del fotoreporter Dániel Németh ha rivelato che i suoi dispositivi erano stati presi di mira dallo spyware israeliano quest’estate, mentre indagava sui viaggi dell’élite governativa, ha riferito Telex. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI
SOFIA

Sofia vuole che l’UE si schieri dalla sua parte nella disputa con Skopje. La Bulgaria si aspetta azioni efficaci da parte delle istituzioni dell’UE per promuovere i valori della democrazia e del rispetto dei diritti umani nella Repubblica di Macedonia del Nord, ha affermato il presidente bulgaro Rumen Radev durante il suo incontro martedì con il commissario per l’allargamento dell’UE Olivér Várhelyi. L’incontro non è stato seguito da un briefing con i media e Várhelyi è partito per Skopje più tardi lo stesso giorno. Per saperne di più.

///

ZAGABRIA

100 mila persone soffrono di demenza in Croazia e la maggior parte ha l’Alzheimer.Si stima che circa 100 mila persone in Croazia soffrano di demenza: tra loro, il 70% ha il morbo di Alzheimer, la causa più comune di demenza, ha detto il medico Ninoslav Mimica all’agenzia di stampa nazionale Hina in occasione della Giornata mondiale dell’Alzheimer martedì. Il dottor Mimica ha sottolineato che la vita di 250 mila persone e delle loro famiglie è colpita dalle conseguenze della malattia e ha chiesto l’adozione di una strategia nazionale contro la demenza. Per saperne di più.

///

LUBIANA

L’opposizione di centrosinistra conclude l’accordo sulla cooperazione post-elettorale. Quattro partiti di opposizione sloveni di centro-sinistra hanno finalizzato un accordo sulla cooperazione dopo le elezioni nel tentativo di formare un blocco di sinistra più unito per sfidare i Democratici (SDS) del primo ministro Janez Janša. Per saperne di più.

///

BELGRADO

Ex premier serbo: la politica di Vucic responsabile di tutto ciò che sta accadendo in Kosovo. La sostituzione delle targhe “KS” nel nord del Kosovo faceva parte dell’accordo che il presidente serbo Aleksandar Vučić ha firmato con gli albanesi cinque anni fa, e la situazione attuale è il risultato della politica di Vucic, secondo l’ex primo ministro serbo Zoran Živković. Per saperne di più.

///

SARAJEVO | ZAGABRIA

Il presidente croato Milanovic incontra i leader stranieri nel tentativo di aiutare a definire la legge elettorale in BiH. Il presidente croato Zoran Milanović ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, principalmente per discutere della situazione in Bosnia-Erzegovina, ha detto il presidente alla TV croata. Per saperne di più.


AGENDA:

  • Slovenia/UE: Riunione informale dei ministri dei trasporti e dell’energia dell’UE a Brdo pri Kranju per discutere due proposte del pacchetto “Fit for 55” / L’UE svela nuove regole per il settore assicurativo.
  • Francia: il presidente Emmanuel Macron parteciperà a un Consiglio dei ministri e a un Consiglio della difesa prima di incontrare il capo della difesa Thierry Burkhard.
  • Spagna: il primo ministro Pedro Sánchez interverrà all’Assemblea generale dell’Onu a New York.
  • Cechia: il primo ministro Andrej Babiš visiterà il valico di frontiera ungherese-serbo Röszke per vedere la gestione della sicurezza locale.
  • Croazia: i parlamentari discuteranno la stesura della legge sulla transizione verso l’energia pulita e il recepimento della direttiva UE 2019 sulle regole comuni per il mercato interno dell’elettricità.

***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]