Le Capitali – Alcuni paesi Ue valutano la possibilità di espropriare asset energetici legati alla Russia

Il Partito Bulgaria democratica chiede l'introduzione di una legge che consenta di prendere il controllo di siti strategici attualmente controllati da soggetti legati alla Federazione Russa o al regime di Putin. [Shutterstock/fortton]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo della rete di EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita. Vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.

Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante qui sotto.


Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo: Georgia, la regione separatista dell’Ossezia del Sud terrà a luglio un referendum sull’annessione alla Russia


Le notizie dall’Europa che vale la pena leggere. Benvenuti su le Capitali di EURACTIV.


Le notizie di oggi dalle Capitali

SOFIA | BERLINO | ROMA 

Alcuni Paesi Ue valutano di espropriare asset energetici legati alla Russia. Da Sofia a Berlino, i governi stanno pensando di espropriare, nazionalizzare o sequestrare le infrastrutture energetiche chiave di proprietà di società legate alla Russia. Per saperne di più.


ISTITUZIONI UE

BRUXELLES

Leak: i Paesi dell’Ue invitati a prepararsi allo stop delle forniture di gas dalla Russia. In un documento programmatico che verrà adottato mercoledì (18 maggio), la Commissione europea esorta gli Stati membri dell’Ue a intensificare i preparativi per una “completa interruzione delle forniture di gas russo”, prendendo in considerazione misure di emergenza come un tetto temporaneo ai prezzi del gas. Per saperne di più.

Un diplomatico Ue a microfoni spenti: “Raggiunto il limite con le sanzioni contro la Russia”. “Se l’embargo al petrolio russo ha creato un tale scompiglio, immaginate cosa accadrebbe se si proponesse di bandire il gas”, ha dichiarato un diplomatico dell’Ue a EURACTIV al termine della riunione dei Ministri degli esteri dell’Ue, lunedì. Per saperne di più.

Più screening per intercettare malattie cardiovascolari, insistono gli stakeholders. La pandemia dovrebbe essere considerata un campanello d’allarme per i responsabili politici dell’Ue, portandoli ad adottare un approccio più mirato nei confronti delle malattie cardiovascolari, il killer numero uno in Europa. I pazienti hanno già pagato un prezzo pesante a causa della Covid-19, avvertono le parti interessate. Per saperne di più.


EUROPA OCCIDENTALE

PARIGI

Macron nomina come Premier Elisabeth Borne, ma la scelta fa discutere. Lunedì, il Presidente Emmanuel Macron ha incaricato la Ministra del Lavoro Elisabeth Borne del ruolo di Premier. Una nomina che altri partiti politici hanno subito criticato. Per saperne di più.

///

BERLINO

Il governo tedesco prova a riassestarsi dopo le sconfitte alle elezioni statali. La coalizione tripartitica tedesca ha faticato a ritrovare la calma lunedì, dopo che due partiti di governo hanno subito pesanti sconfitte nelle importanti elezioni statali di domenica. Per saperne di più.

///

VIENNA

L’Austria toglie le barriere anti-Covid all’ingresso nel Paese. Per entrare in Austria non è più necessario dimostrare di esser vaccinati, mostrare certificati di guarigione o risultati di tamponi anti-Covid. Da lunedì, infatti, sono stati eliminati tutti i requisiti di ingresso studiati per contenere la pandemia. Per saperne di più.

///

L’AIA

Sull’Olanda l’ombra di nuove chiusure autunnali. Gli olandesi potrebbero essere costretti a un nuovo round di chiusure in autunno, dato che il governo non ha predisposto una strategia efficace in previsione di un’altra ondata di contagi da Covid-19, riporta il media olandese NOS. Per saperne di più.


GRAN BRETAGNA E IRLANDA

DUBLINO

Premier irlandese: “inaccettabile” bloccare l’esecutivo in Irlanda del Nord. È “inaccettabile” che venga impedita la formazione di un esecutivo in Irlanda del Nord, ha dichiarato lunedì il Taoiseach irlandese Micheál Martin, in occasione della visita a Dublino della leader del Sinn Fein, partito vincitore alle recenti elezioni. Per saperne di più.


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

La Finlandia alla Turchia: l’adesione alla NATO non può essere barattata. Il Ministro degli Esteri Pekka Haavisto, del partito dei Verdi, ha minimizzato i timori che la Turchia possa bloccare l’adesione della Finlandia alla NATO durante il dibattito parlamentare di lunedì, incentrato sull’Alleanza. Per saperne di più.

///

VILNIUS

Lituania, attacchi informatici in aumentato dall’inizio della guerra in Ucraina. Il numero di attacchi cyber in Lituania è aumentato significativamente da fine febbraio, in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Per saperne di più.


SUD EUROPA

MADRID

L’ex re vuole tornare in patria dopo l’esilio. Juan Carlos I, l’ex re spagnolo, ha espresso la volontà di tornare in Spagna entro la fine di maggio, come dichiarato lunedì da fonti vicine all’ex monarca alla radio privata spagnola Onda Cero. Per saperne di più.

///

LISBONA

Il Premier portoghese Costa sbarra la strada alla legge sull’accesso ai metadati. Una revisione costituzionale per garantire alle forze di sicurezza l’accesso ai metadati non è possibile, ha detto il Premier portoghese António Costa lunedì, escludendo così l’ipotesi di una nuova legge pensata per aiutare a combattere il terrorismo e indagare sui casi di criminalità organizzata. Per saperne di più.


VISEGRAD 

PRAGA

Praga vuole istituire un operatore energetico statale per avere forniture a basso costo. La Repubblica Ceca vuole istituire un nuovo “operatore energetico statale” che garantisca forniture di energia a basso costo al Paese e sostituisca le società private attualmente incaricate dell’acquisto di gas e altri combustibili. Per saperne di più.

///

VARSAVIA

Polonia-Commissione Ue, accordo raggiunto: presto i fondi europei per la ripresa. Il governo polacco ha raggiunto un accordo con l’Ue sul Piano di ripresa nazionale, come annunciato dal Premier Mateusz Morawiecki. Si apre così la strada che porterà la Polonia a ottenere i finanziamenti del Fondo di ripresa e resilienza dell’Ue. Per saperne di più.

///

BUDAPEST

I desideri di rielezione di Orbán provocano reazioni negative. Il Premier ungherese Viktor Orbán ha ottenuto la fiducia del Parlamento lunedì per il quarto mandato consecutivo alla guida del Paese e ha lasciato intendere di pensare a future rielezioni. Esternazioni che hanno fatto discutere ma non i leader Ue, che si sono congratulati con il Premier. Per saperne di più.

///

BRATISLAVA |  VARSAVIA

Gazprom rinuncia alla sua quota di transito del gas attraverso Slovacchia e Polonia. Per il mese di giugno, Gazprom ha deciso di non rinnovare le sue quote di capacità nel gasdotto Yamal né nel tratto che attraversa la Polonia né nel tratto slovacco, ha riferito l’agenzia di stampa ceca ČTK in seguito ai risultati di un’asta in ambito energetico. Per saperne di più.


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA | ATENE

L’interconnettore del gas tra Bulgaria e Grecia supera i primi test. L’interconnessione bulgaro-greca di Stara Zagora, già collegata alla rete nazionale di trasporto del gas della società statale bulgara Bulgartransgaz, ha superato con successo i test di resistenza, tenuta e misurazione del gas, ha annunciato lunedì la società ICGB, che lavora al progetto. Per saperne di più.

///

BUCAREST

Romania, il leader socialista annuncia modifiche al fisco. Il governo rumeno dovrebbe introdurre diverse modifiche fiscali entro la fine del mese, in modo da poterle includere nel bilancio del prossimo anno, ha dichiarato lunedì Marcel Ciolacu, Presidente della Camera dei deputati e leader del Partito Social Democratico (PSD). Per saperne di più.

///

LUBIANA 

Il nuovo governo sloveno deciso a cambiare strategia in politica estera. L’accordo di governo, predisposto dai tre potenziali partner di coalizione dell’esecutivo sloveno di sinistra nel fine settimana, prevede una rottura con la politica estera perseguita dal precedente governo conservatore. Per saperne di più.

///

BELGRADO

Belgrado, allarme bomba in oltre 100 scuole. Decine di scuole, un edificio pubblico nel centro di Belgrado e l’aeroporto della città di Niš sono stati evacuati a seguito di un allarme bomba diffuso lunedì mattina. Per saperne di più.

///

SARAJEVO 

Bosnia, status di candidato Ue “ultima possibilità” per evitare la secessione. Il Paese dei Balcani occidentali sta assistendo a una silenziosa secessione da parte di una delle sue due entità e ottenere lo status di candidato all’Ue potrebbe essere “la sua ultima possibilità”, ha dichiarato lunedì la Ministra degli esteri della Bosnia, Bisera Turković,  alle   controparti dell’Ue, dipingendo il quadro cupo del suo Paese. Per saperne di più.

///

TIRANA

Albania: obiettivi del Green Deal per l’agricoltura biologica entro il 2030. La Ministra dell’Agricoltura e dello Sviluppo Rurale, Frida Krifca, ha dichiarato che l’Albania confida di poter raggiungere l’obiettivo europeo del Green Deal che prevede di destinare il 25% dei terreni agricoli all’agricoltura biologica entro il 2030, senza impattare negativamente sugli agricoltori o sui consumatori durante la transizione. Per saperne di più.


AGENDA

  • Ue: La Commissaria Ue per l’istruzione e la cultura, Mariya Gabriel, terrà il discorso di apertura del Tech.eu Summit / La Commissaria Ue per gli affari interni, Ylva Johansson, a New York interviene all’International Migration Review Forum (IMRF) / La Vicepresidente della Commissione Ue, Dubravka Šuica, partecipa alla Commissione AFCO a tema “Primi risultati attesi della Conferenza sul futuro dell’Europa”.
  • Germania: Conferenza stampa della Ministra degli esteri Annalena Baerbock e del Ministro degli esteri danese, Jeppe Kofod / Conferenza stampa del Cancelliere Olaf Scholz insieme al Premier del Liechtenstein Daniel Risch.
  • Svizzera: Conferenza stampa virtuale dell’Oms sul Covid-19 e altre questioni di interesse globale.
  • Paesi Bassi: Il Ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba in visita in Olanda.
  • Gran Bretagna: Protesta contro l’estradizione di Julian Assange davanti agli uffici della Ministra dell’Interno Priti Patel.
  • Spagna-Marocco: Riaprono le frontiere di Ceuta e Melilla con il Marocco per i cittadini dei Paesi Schengen.
  • Spagna: Il governo spagnolo potrebbe approvare il disegno di legge sul congedo mestruale / L’emiro del Qatar, Tamim Bin Hamad al-Thani, in visita di Stato.
  • Grecia: Il Premier Kyriakos Mitsotakis interviene al Congresso a Washington.
  • Repubblica Ceca: Il Premier ceco Petr Fiala e il Cancelliere austriaco Karl Nehammer tengono una conferenza stampa.

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Benjamin Fox, Zoran Radosavljevic, Alice Taylor, Sofia Stuart Leeson]