Le Capitali – Il 5G cinese è pericoloso per l’intera società, dice il capo dell’intelligence finlandese

Nell'intervista, Antti Pelttari ha fatto riferimento a un provider cinese ma non ha menzionato direttamente Huawei. [Shutterstock/metamorworks]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo In Europa si può viaggiare o no? Il punto su divieti, tamponi e quarantene (diversi ovunque) di Federica Martiny, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione L’agricoltura sostenibile deve essere al centro della ripresa post-Covid di Maurizio Reale, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

HELSINKI

Le reti mobili di quinta generazione realizzate dalla Cina possono comportare dei rischi, ha avvertito il direttore del servizio finlandese di sicurezza e intelligence, Antti Peltarri, in un’intervista con la Finnish Broadcasting Corporation (YLE), aggiungendo che paesi come Russia e Cina stanno tentando di impossessarsi delle infrastrutture critiche della Finlandia.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

BERLINO

I tedeschi iniziano a mostrare simpatia per la coalizione tra CDU/CSU e Verdi. A pochi mesi dalle elezioni tedesche, gli elettori sembrano iniziare a vedere i vantaggi di una coalizione tra i Democratici Cristiani e i Verdi.

Un piano per test rapidi gratuiti a partire da marzo. Il ministro della Salute tedesco Jens Spahn (CDU) vuole che i test rapidi siano disponibili per tutti in Germania gratuitamente. Purando molti test sul mercato, “tutti i cittadini dovrebbero essere in grado di essere testati gratuitamente da personale addestrato”, ha detto Spahn al gruppo multimediale tedesco RedaktionsNetzwerk Deutschland (RND). I test saranno disponibili nei principali centri di test, così come negli studi medici e nelle farmacie, con il governo federale a pagare il conto, e giocheranno un ruolo chiave nella strategia del paese per riaprire scuole e asili nido.
(Sarah Lawton |  EURACTIV.de)

///

PARIGI

Ritirare le truppe francesi dal Sahel “sarebbe un errore”, dice Macron. Il presidente francese Emmanuel Macron martedì ha fatto marcia indietro sull’idea di un ritiro immediato delle truppe francesi dispiegate nella regione del Sahel, nell’Africa nord-occidentale, a seguito di un vertice di due giorni sul futuro della missione contro i gruppi militanti islamici della regione.
(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

La Francia si è adeguata alle norme del codice mondiale antidoping. Dopo il voto unanime del Senato francese, martedì è stato approvato definitivamente dal parlamento il disegno di legge che consente alla Francia di recepire la nuova versione del codice mondiale antidoping. L’Agenzia mondiale antidoping aveva fissato la scadenza del 12 aprile per l’adeguamento della Francia alle nuove regole, entrate in vigore il 1 ° gennaio 2021. La Francia ora in conformità con il codice mondiale antidoping. Dopo il voto unanime del Senato francese, martedì è stato approvato definitivamente dal parlamento il disegno di legge che avrebbe permesso alla Francia di recepire la nuova versione del codice mondiale antidoping. L’Agenzia mondiale antidoping aveva fissato la scadenza del 12 aprile per l’adeguamento della Francia alle nuove regole, entrate in vigore il 1 ° gennaio 2021. Su Twitter, l’agenzia antidoping francese ha dato il “benvenuto” alla legge varata dal Senato.
(Mathieu Pollet | EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

La variante brasiliana COVID-19 arriva in Belgio. Quattro contagi con la variante brasiliana del coronavirus sono state identificate per la prima volta in Belgio, ha riferito martedì De Standaard. Questa nuova variante sta destando preoccupazione perché, come quella sudafricana, sarebbe più contagiosa e meno sensibile agli anticorpi.
(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///

L’AIA

Il coprifuoco olandese è stato confermato temporaneamente dopo uno stop legale. I giudici d’appello hanno stabilito martedì che il coprifuoco notturno potrà rimanere in vigore nei Paesi Bassi in attesa di un ricorso del governo contro la sentenza di un tribunale che ha ritenuto che la misura fosse priva di giustificazione legale.
(EURACTIV.com with Reuters)

///

VIENNA

Il ministro delle finanze sopravvive al voto di sfiducia. Il tentativo dei partiti di opposizione di rimuovere il ministro delle finanze Gernot Blümel (ÖVP) è fallito. Il voto di sfiducia, presentato dall’FPÖ di destra, è stato sostenuto dai socialdemocratici ma avrebbe avuto bisogno anche dei voti dei Verdi per avere successo. Il partito ambientalista, però, ha deciso di non votare contro il suo partner di coalizione. La scorsa settimana, la casa di Blümel era stata perquisita, perché è sotto indagine per corruzione.
(Philipp Grüll | EURACTIV.de)

///


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA
Il Regno Unito potrebbe somministrare due dosi di vaccino COVID a tutti gli adulti entro settembre, afferma la task force. Il Regno Unito potrebbe somministrare due dosi di vaccino COVID-19 a tutti gli adulti entro agosto o settembre, aiutato dal suo approccio che prevede l’acquisto da diversi produttori, ha detto martedì a Sky News il capo ad interim della task force del paese sui vaccini.
(Reuters)

///


EUROPA MERIDIONALE
ROMA

Intermediari offrono al Veneto 27 milioni di dosi extra di vaccini per il COVID-19. Secondo quanto riferito da diversi media italiani, due intermediari di aziende farmaceutiche che producono vaccini autorizzati dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) hanno offerto 27 milioni di dosi del vaccino contro il COVID-19 al Veneto, che ne aveva richiesti quattro milioni.

In altre notizie, il leader della Lega Nord Matteo Salvini, che ha deciso di sostenere il nuovo governo guidato da Mario Draghi nonostante le sue note posizioni euroscettiche, ha detto in un’intervista televisiva che l’euro non è “irreversibile”. “Solo la morte è irreversibile, fortunatamente. Siamo nelle mani del buon Dio ”, ha detto Salvini.
(Daniele Lettig |  EURACTIV.it)

///

MADRID

Quasi la metà del territorio spagnolo ha perso più della metà della sua popolazione dal 1950. Quasi il 46% del territorio spagnolo ha perso più della metà della sua popolazione dal 1950 e, come impatto diretto di questo rapido spopolamento, ha perso anche un notevole potere economico, ha rivelato un nuovo sondaggio del think tank spagnolo Funcas.
(Fernando Heller |  euroefe.es)

///

LISBONA 

Il Portogallo valuta l’utilizzo di 2,7 miliardi di euro dai fondi post-crisi dell’UE per le aziende e per progetti di housing. Il Portogallo sta valutando la possibilità di attingere 2,7 miliardi di euro di prestiti europei dai fondi post-crisi COVID-19 per investire in alloggi a prezzi accessibili, capitalizzazione aziendale e trasporti, secondo il piano di ripresa e resilienza (RRP) pubblicato martedì.
(Ana Matos Neves |  Lusa.pt)

///

ATENE

I casi di frode sui fondi di recupero potrebbero sovraccaricare la procura dell’UE, dice il suo membro greco. La gestione dei fondi di recupero dell’UE potrebbe essere “una sfida per la Procura europea, perché si teme che possano verificarsi frodi nel rivendicare e spendere queste somme particolarmente elevate”, ha detto il procuratore europeo della Grecia, Dimitrios Zimianitis, alla testata partner di EURACTIV AMNA.
(Theodore Karaoulanis |  EURACTIV.gr with Athens-Macedonian News Agency (ANA)

///


GRUPPO DI VISEGRAD
BRATISLAVA 
Gli agricoltori slovacchi protestano contro i cambiamenti nell’erogazione dei sussidi da parte del governo. La Camera slovacca dell’agricoltura e dell’alimentazione (SPPK) sta preparando una protesta contro le modifiche alle sovvenzioni agricole elaborate dal ministro dell’Agricoltura Ján Mičovský dopo che il suo ministero ha annunciato la scorsa settimana che avrebbe introdotto un pagamento ridistributivo per trasferire una parte dei sussidi agricoli dell’UE dalle grandi aziende agricole a quelle più piccole. Sebbene l’SPPK, la più grande associazione agricola del paese, non respinga la redistribuzione in quanto tale, non è soddisfatto del modo in cui Mičovský vuole introdurla.
(Marián Koreň |  EURACTIV.sk)
///
BUDAPEST
I vaccini cinesi arrivano in Ungheria. Martedì in Ungheria sono arrivate 550.000 dosi del vaccino cinese Sinopharm: l’Ungheria è il primo paese dell’UE a ricevere il vaccino cinese.

In altre notizie, l’opposizione ha detto che non voterà per la proroga dei decreti di emergenza emessi dal governo di Viktor Orbán, che detiene la maggioranza in parlamento. Martedì i parlamentari hanno discusso un’altra proroga dello stato di emergenza e dei decreti. Anche se la proclamazione e la durata dello stato di emergenza spetta interamente al governo, i decreti emanati durante l’ordinamento straordinario devono essere prorogati dal parlamento. Fidesz, il partito di maggioranza, li prolungherà probabilmente di altri 90 giorni.
(Vlagyiszlav Makszimov | EURACTIV.com con Telex)

///

NOTIZIE DAI BALCANI
SOFIA
La Bulgaria condannata per aver ignorato il negazionismo dell’Olocausto e l’antisemitismo. In due sentenze, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha stabilito che le istituzioni bulgare avevano reagito in modo inadeguato, non rimproverando o condannando Volen Siderov, il leader di estrema destra del partito filorusso Ataka (Attacco) – che faceva parte della coalizione di governo con il partito GERB del primo ministro Boyko Borissov appena un anno e mezzo fa – per i suoi commenti antisemiti e anti-rom.
///
BELGRADO | PRISTINA
I serbi in Kosovo non sono contenti del governo ma vogliono che siano rappresentati i propri interessi, dice il presidente del parlamento serbo. È stato positivo vedere un gran numero di serbi votare nelle recenti elezioni anticipate in Kosovo e votare per il partito Serbo Ticket che rappresenta un collegamento con la Serbia, ha detto a Pink TV il presidente del parlamento serbo Ivica Dačić. Ha aggiunto che mentre i serbi del Kosovo non sono “contenti” di nessun governo a Pristina, vogliono comunque che i loro interessi siano rappresentati nelle istituzioni.
***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]