Le capitali – L’annus horribilis del mercato del lavoro spagnolo

Un giovane disoccupato spagnolo [Shutterstock/Chanclos]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Il Parlamento Ue propone una direttiva per obbligare le aziende a proteggere l’ambiente e i diritti umani di Daniele Lettig, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione La maledizione delle risorse di Fabio Masini, EURACTIV.it.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

MADRID

Gli effetti collaterali della pandemia di COVID-19 sull’economia spagnola sono stati devastanti per il vulnerabile mercato del lavoro del paese: quasi 623.000 persone hanno perso il lavoro lo scorso anno, secondo i nuovi dati pubblicati martedì dall’Istituto nazionale di statistica spagnolo (INE).
(Fernando Heller |  EFE)

///

BERLINO

Sono in arrivo restrizioni ai viaggi, dice Seehofer. Dopo aver inizialmente atteso una soluzione comune a livello europeo, la Germania vieterà i viaggi da paesi con alti livelli di infezione dal coronavirus con mutazioni, ha detto il ministro degli interni tedesco Horst Seehofer (CSU). Una decisione in merito è prevista per venerdì.
(Sarah Lawton |  EURACTIV.de)

///

PARIGI

La Francia potrebbe tornare in lockdown. “Il coprifuoco e tutte le misure sono certamente utili ma probabilmente insufficienti”, ha detto giovedì sera il ministro della Salute Olivier Véran durante l’ormai tradizionale aggiornamento del governo sulla situazione sanitaria, aggiungendo che le nuove varianti dovrebbero essere considerate “come nuovi virus che richiedono nuove misure per proteggerci”.
(Lucie Duboua-Lorsch |  EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

L’associazione dei ristoranti fissa un ultimatum al 1° marzo. Mentre finora il governo belga non ha fornito una data per la riapertura del settore della ristorazione e dei bar, l’associazione dei migliori chef belgi ha dichiarato di voler riaprire i propri ristoranti il 1° marzo.
(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///


PAESI NORDICI E BALTICI

TALLINN | RIGA

I paesi baltici puntano sulle infrastrutture transfrontaliere. Il neo eletto primo ministro estone Kaja Kallas ha chiesto l’unità tra gli Stati baltici, che dovrebbe tradursi in progetti infrastrutturali sincronizzati non solo tra i tre paesi ma anche verso l’Europa centrale.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA

L’UE snobba l’inviato del Regno Unito, continua la tensione sullo status diplomatico.Un alto funzionario dell’UE ha annullato un incontro fissato per giovedì con il nuovo inviato del Regno Unito a Bruxelles, mente prosegue il battibecco sul rifiuto della Gran Bretagna di concedere agli inviati dell’UE il pieno status diplomatico a Londra dopo la Brexit.
(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)

///


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Seconda giornata di consultazioni per risolare la crisi di governo. Il presidente Sergio Mattarella ha ricevuto giovedì le delegazioni di Italia Viva e del Partito Democratico (PD), il cui leader Nicola Zingaretti ha dichiarato di sostenere il primo ministro uscente Giuseppe Conte. Renzi invece si è detto pronto a contribuire alla formazione di un nuovo governo, ma non si sarebbe impegnato esplicitamente a sostenere Conte. Renzi ha aggiunto che l’Italia dovrebbe chiedere i fondi al meccanismo di stabilità europeo, a cui il governo uscente si è sempre opposto.

Sempre Renzi, intanto, è finito al centro delle polemiche per il suo intervento alla Future Investment Initiative organizzata in Arabia Saudita, dove ha elogiato il Paese come possibile culla di un “neorinascimento”. Renzi riceve un compenso fino a 80.000 euro all’anno come membro del consiglio del Future Investment Initiative Institute, una fondazione creata dal re Salman bin Abd al-Aziz Al Saud.
(Daniele LettigEURACTIV.it)

///

LISBONA

Ai cittadini portoghesi è vietato viaggiare all’estero per due settimane. Il governo portoghese ha deciso di vietare i viaggi all’estero dei cittadini portoghesi per le prossime due settimane, salvo casi eccezionali.
(Pedro Morais Fonseca and Vera Amaro |  Lusa.pt)

///

ATENE

Gli studenti protestano contro la proposta di riforma della polizia delle università greche. Migliaia di studenti e insegnanti si sono riuniti ad Atene e Salonicco e hanno protestato contro le riforme dell’istruzione proposte dal governo per creare una forza di polizia speciale per controllare le università, sfidando il divieto di dimostrazioni attualmente in vigore per limitare la diffusione del COVID-19.
(Alexandros Fotiadis |  EURACTIV.gr)

///


GRUPPO DI VISEGRAD

VARSAVIA

I rappresentanti dell’industria gastronomica citano in giudizio il ministero del Tesoro. Il settore gastronomico polacco sta preparando una class action dopo che il ministro della Sanità Adam Nidzielski ha annunciato giovedì che le attuali restrizioni imposte a ristoranti, bar, industria alberghiera, piste da sci e impianti sportivi saranno mantenute fino al 14 febbraio. Molti ristoranti hanno deciso di chiudere l’attività perché non sono più in grado di rimanere sul mercato, o si sono indebitati cercando di mantenere locali attualmente chiusi. Sebbene i ristoranti fossero autorizzati dal 24 ottobre a offrire cibo da asporto per prevenire la diffusione del COVID-19, la maggior parte ha dovuto interrompere tali operazioni a causa di un fatturato insufficiente.
(Monika Mojak | EURACTIV.pl)

///

BUDAPESTL’Ungheria è ancora il paese più corrotto d’Europa. Per il terzo anno consecutivo l’Ungheria condivide l’ultimo posto nell’UE, insieme a Bulgaria e Romania, come paese più corrotto dell’UE, secondo l’indice di percezione della corruzione di Transparency International pubblicato giovedì. Al 68° posto in assoluto, l’Ungheria ha ottenuto 44 punti su 100 nell’indice 2020 (un valore di 100 indica le nazioni meno corrotte): il paese ha perso 11 punti dal 2012. “Nessuno prende sul serio Transparency International in Ungheria. Sono totalmente sul carro dell’opposizione perché sono finanziati dal [miliardario americano-ungherese] George Soros, che quando si tratta di corruzione non è certo ‘Mr. Clean’”, ha scritto su Twitter Zoltán Kovács, il portavoce del governo.

Nel frattempo, l’Ungheria ha deciso di concedere un’autorizzazione di emergenza a tutti i vaccini che sono stati utilizzati per vaccinare più di un milione di persone in tutto il mondo e che hanno ricevuto un permesso in conformità con le normative locali, ha detto giovedì Gergely Gulyás, il ministro responsabile dell’ufficio del primo ministro.
(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com)

///


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Commissione Europea deve essere informata dei un episodio di corruzione su larga scala. La Commissione europea sarà informata del “buco nero di corruzione” da 2,6 miliardi di euro che riguarda il progetto di costruzione dell’autostrada bulgara “Hemus”, ha annunciato Hristo Ivanov, uno dei leader della coalizione di opposizione Democratic Bulgaria (non rappresentata in parlamento) che ha inviato una segnalazione alla Commissione e alle autorità bulgare.
(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

SARAJEVO | ZAGABRIA

Confermato il progetto di interconnessione tra la Croazia e il Sud della Bosnia-Erzegovina. La camera alta del parlamento della Federazione della BiH (entità croato-bosniaca) ha approvato la legge sull’interconnessione meridionale tra BiH e Croazia, che consentirà la costruzione di un nuovo gasdotto per collegare i due paesi e garantire un approvvigionamento stabile di gas. Il progetto vale 100 milioni di euro, di cui circa 20 provenienti dal fondo dell’UE per i Balcani occidentali. Il lavoro sul progetto dovrebbe iniziare nel 2023 e il gasdotto dovrebbe essere messo in funzione entro la fine del 2024.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)
***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]