Tusk: non bisogna essere ingenui sui vaccini russi e cinesi

L'ex presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk [EPA/EFE-ROBERT GHEMENT]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Nuove etichette energetiche Ue, le famiglie potranno risparmiare 285 euro l’anno in bolletta di Valentina Iorio, EURACTIV Italia.

Leggete anche L’Iran non parteciperà agli incontri sul nucleare. L’Aiea a Teheran: “Ispezioni non siano merce di scambio” di Andrea Bianchi, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

 

VARSAVIA | BRATISLAVA

Il presidente polacco Andrzej Duda ha parlato al telefono lunedì con il presidente cinese Xi Jinping per discutere la possibilità di cooperare sui vaccini. Tuttavia, il colloquio ha suscitato la reazione dell’ex primo ministro polacco Donald Tusk, attuale capo del Partito popolare europeo (PPE), che ha invitato i polacchi e gli europei a non essere “ingenui” sulle intenzioni di Mosca e Pechino “Metto in guardia contro un approccio così ingenuo nei confronti di questi giocatori molto cinici. Sto parlando delle autorità cinesi e russe. E soprattutto, metterei in guardia le autorità polacche, e anche quelle di altri paesi europei, contro l’acquisto e il tentativo di vaccinare i loro cittadini con un vaccino che non è stato testato”, ha detto Tusk.
Nel frattempo, il primo lotto di 200.000 vaccini Sputnik V è arrivato in Slovacchia lunedì pomeriggio, accolto all’aeroporto di Košice dal primo ministro Igor Matovič, che a quanto pare non ha consultato i suoi partner della coalizione.
(Joanna Jakubowska e Lucia Yar |  EURACTIV.pl e EURACTIV.sk)

///

PRESIDENZA UE

I certificati vaccinali dell’UE consentiranno di “riprendere la normalità”, afferma il ministro portoghese. La proposta di un certificato di vaccinazione a livello dell’UE, che dovrebbe essere presentata questo mese dalla Commissione europea, consentirà di “riprendere la normalità” nella vita quotidiana dei cittadini europei nelle migliori condizioni possibili, ha detto il ministro della Salute portoghese Marta Temido.
(Beatriz Céu |  Lusa.pt)

///

PARIGI

Sarkozy condannato a tre anni di carcere per corruzione e traffico di influenze. Il tribunale penale di Parigi ha emesso il suo verdetto lunedì, giudicando l’ex presidente francese Nicholas Sarkozy colpevole di corruzione e traffico di influenze, e condannandolo a una condanna a tre anni, due dei quali sospesi per la condizionale.
(Mathieu Pollet |  EURACTIV.fr)

///

BERLINO

Il governo tedesco non metterà a disposizione di tutti il vaccino AstraZeneca. La Germania non renderà disponibile il vaccino britannico-svedese AstraZeneca a tutti i cittadini, ha annunciato il governo lunedì, nonostante una grande quantità di questi vaccini sia in gran parte inutilizzata a causa dello scetticismo nei loro confronti.
(Sarah Lawton |  EURACTIV.de)

///

BRUXELLES

La ministra degli Esteri belga mette in guardia contro il passaporto COVID per i viaggi. Non dovrebbe esserci “nessuna possibilità di legare la vaccinazione alla libertà di movimento in Europa”, come mira invece a fare il passaporto digitale europeo per la vaccinazione COVID-19, ha avvertito lunedì la ministra degli Affari esteri belga Sophie Wilmès.
(Alexandra Brzozowski |  EURACTIV.com)

///

VIENNA

L’Austria riapre lentamente. Il governo ha deciso di annullare l’attuale lockdown: il 27 marzo, le aree esterne dei ristoranti potranno riaprire. Gli ospiti dovranno presentare un test negativo ed essere registrati. I bambini potranno visitare gli impianti sportivi da metà marzo in poi. Le associazioni dei ristoratori hanno espresso disappunto: la camera di commercio avrebbe voluto aprire completamente il 15 marzo. Tuttavia, l’attuale tasso di infezioni non lo ha consentito, ha affermato il ministro della salute Rudolf Anschober (Verdi). “Vogliamo arrivare a Pasqua senza un aumento esplosivo dei numeri”, ha detto il ministro.

///


GRAN BRETAGNA E IRLANDA

LONDRA

Facendo i conti con i costi della Brexit. I produttori britannici hanno sostenuto i costi dell’interruzione della catena di approvvigionamento a febbraio, visto che la Brexit e il terzo lockdown hanno rallentato la crescita della produzione nelle fabbriche, secondo un sondaggio di IHS Markit e del Chartered Institute of Procurement & Supply.
(Samuel Stolton |  EURACTIV.com)

///


PAESI NORDICI E BALTICI

TALLINN

Il settore agricolo estone riceverà un robusto sostegno. Il settore agricolo dell’Estonia dovrebbe presto ricevere 3,8 milioni di euro in aiuti per superare gli effetti della pandemia COVID-19. Il piano   del ministro degli Affari rurali Urmas Kruuse sarà approvato a stretto giro dal parlamento del paese, il Riigikogu.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

VILNIUS

La Lituania inizierà a fornire gas naturale alla Polonia dal prossimo anno. La società energetica lituana Ignitis Group inizierà a fornire gas naturale liquefatto (GNL) alla Polonia il prossimo anno, quando un nuovo gasdotto tra i due paesi sarà attivato, ha detto lunedì l’ad della società.
(EURACTIV.com with Reuters)

///


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Draghi sostituisce il commissario per l’emergenza COVID-19 con un generale dell’esercito. Mentre i contagi da coronavirus sono di nuovo in aumento e si stanno istituendo ‘zone rosse’ in regioni come la Lombardia, il premier italiano Draghi ha deciso di sostituire il commissario straordinario per l’emergenza COVID-19, Domenico Arcuri – il cui lavoro negli ultimi mesi è stato al al centro di molte polemiche – con il generale dell’esercito Francesco Paolo Figliuolo.
(Daniele Lettig |  EURACTIV.it)

///

MADRID

Lavoratori autonomi spagnoli pessimisti sulla ripresa. Secondo l’Associazione spagnola dei lavoratori autonomi (Asociación de Trabajadores Autónomos, ATA), si prevede che nel 2021 in Spagna saranno persi circa 300.000 posti di lavoro in più, soprattutto nelle piccole imprese, in un nuovo colpo all’economia già martoriata.
(Fernando Heller |  euroefe.es)

///

ATENE

L’ex commissaria europea greca si ritira dalla corsa alla presidenza dell’OCSE. L’ex ministra greca e commissaria europea Anna Diamantopoulou ha annunciato di aver ritirato la sua candidatura nella corsa per alla segreteria generale dell’OCSE. L’organizzazione annuncerà i finalisti che si giocheranno il posto martedì. Diamantopoulou, in un tweet, ha scritto di essersi ritirata “nel tentativo di facilitare il consenso nel processo di selezione”.
(Theodore Karaoulanis | EURACTIV.gr)

///


GRUPPO DI VISEGRAD
BUDAPEST
Solo la metà dei cittadini ungheresi invitati a farsi vaccinare si è presentata. Secondo Béla Merkely, rettore della Semmelweis Medical University, solo una persona su due a cui i medici di famiglia avevano preso appuntamento per il vaccino anti-COVID si è presentata per riceverlo.
(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

VARSAVIA

I commissari UE: la camera disciplinare dei giudici polacca viola il diritto comunitario. “La Commissione europea ritiene che la Polonia violi il diritto dell’Unione europea consentendo alla Camera disciplinare di continuare a giudicare nei casi che riguardano direttamente i giudici, in particolare nei casi di revoca dell’immunità”, scrivono in una lettera il responsabile dei valori e della trasparenza della Commissione europea Vera Jourova e il commissario alla giustizia Didier Reynders.
(Joanna Jakubowska |  EURACTIV.pl)

///

PRAGA

La Germania e la Francia invieranno vaccini in Repubblica Ceca. Gli stati tedeschi di Baviera, Sassonia e Turingia invieranno 15.000 dosi di vaccini COVID-19 del produttore britannico-svedese AstraZeneca alla Repubblica Ceca, ha confermato il primo ministro Andrej Babiš. Nel frattempo, la Francia ha promesso di inviare alla Repubblica Ceca 100.000 dosi Pfizer / BioNTech sotto forma di “prestito” da rimborsare in seguito, ha aggiunto il Primo Ministro.
(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

BRATISLAVA

Slovacchia: commessi e autisti si prenotano per il vaccino AstraZeneca. Il ministero della salute ha dichiarato che dal 27 febbraio commessi, macchinisti dei treni, autisti dei trasporti pubblici, tassisti e controllori dei trasporti pubblici di età compresa tra i 18 ei 55 anni possono prenotarsi per la vaccinazione con il vaccino AstraZeneca.
(Lucia Yar |  EURACTIV.sk)

///


NOTIZIE DAI BALCANI

SARAJEVO

Il Srebrenica Memorial Center pubblica le trascrizioni del genocidio. Lunedì il Srebrenica Memorial Center ha pubblicato una raccolta di documenti intitolati Genocide Transcripts, che dimostrano che le autorità serbo-bosniache pianificarono di dividere la Bosnia-Erzegovina, che fu attuata la pulizia etnica e furono commessi crimini di guerra di massa.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

5 ministri dei paesi del C5 discutono della presidenza slovena dell’UE e della pandemia. I ministri degli esteri di Slovenia, Austria, Repubblica ceca, Ungheria e Slovacchia, che insieme formano il cosiddetto gruppo dei ‘5 centrali’ (C5), hanno discusso dell’imminente presidenza slovena dell’UE e della pandemia di coronavirus durante un incontro lunedì a Brdo pri Kranju in Slovenia. Le priorità della Presidenza slovena del Consiglio dell’UE comprendono il rafforzamento della resilienza dell’UE alle crisi e l’ulteriore allargamento dell’UE ai Balcani occidentali. “Le aspettative sono alte e questo non deve essere un altro anno perduto per i Balcani occidentali”, ha detto il ministro degli Esteri austriaco Alexander Schallenberg, aggiungendo che l’Austria ha grandi interessi nella regione. Il suo omologo ceco, Tomáš Petříček, ha chiesto meno restrizioni ai lavoratori migranti che attraversano le frontiere durante la pandemia e ha sostenuto le priorità dell’UE della Slovenia per una ripresa economica post-pandemia e l’espansione dell’integrazione dell’UE nei Balcani occidentali.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

SOFIA

Protezione dei diritti dei bulgari all’estero: il presidente Radev incontra i servizi di sicurezza. Il presidente bulgaro Rumen Radev ha convocato i direttori dei servizi di sicurezza per discutere le misure per proteggere i diritti dei bulgari all’estero, dopo aver ricevuto una lettera dal presidente del Centro culturale “Ivan Mihailov” in Macedonia del Nord e reclami da bulgari che vivono nel nord Macedonia che rivendicano che nel paese i propri diritti vengono spesso violati.
(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

ZAGABRIA

Il consiglio per la transizione energetica croato adotta le linee guida sull’energia solare. Il consiglio per la transizione energetica del presidente croato Zoran Milanović ha adottato lunedì le linee guida per incoraggiare l’installazione di impianti solari integrati su case private ed edifici commerciali.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

TIRANA

Accordo di coalizione post-elettorale contro il primo ministro Rama. I due principali partiti di opposizione albanesi, il Partito Democratico (PD) e il Movimento socialista per l’integrazione (LSI) hanno firmato lunedì un accordo di coalizione, secondo quanto riportato da exit.al. Le due parti hanno affermato che la firma dell’accordo rappresenta “l’unione contro il primo ministro Edi Rama”. Le principali priorità dell’accordo in 13 punti includono la volontà di portare il paese fuori da quella che i due partiti considerano una crisi economica creata dall’attuale governo, e di avanzare nell’integrazione europea. I partiti di opposizione si sono anche impegnati a creare posti di lavoro, porre fine alla pandemia, combattere la criminalità organizzata, adottare lo stato di diritto, frenare l’emigrazione, sostenere i giovani e le donne, sviluppare la cultura e restituire proprietà alle comunità religiose. Nel frattempo, il presidente Ilir Meta ha detto che si dimetterà se il Partito socialista guidato dal premier Rama otterrà i 71 voti necessari per la maggioranza alle elezioni “senza rubarne nemmeno uno”.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]