Capitali – Schmit: il valore sociale dei lavoratori deve essere rivalutato

Il Commissario UE per il Lavoro Schmit: “Dobbiamo migliorare le condizioni e ripristinare i diritti dei lavoratori” [Photo by Sarantis Michalopoulos]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage on-the-ground del Network EURACTIV . Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi delle Capitali, date un’occhiata all’articolo “L’industria del gas preme per “accelerare” la transizione all’idrogeno” di Frédéric Simon.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano l’UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.


Per rimanere aggiornati su tutto ciò che riguarda il coronavirus in tutte le capitali, cliccate il link seguente EURACTIV’s comprehensive overview, che viene regolarmente aggiornato con l’aiuto della nostra rete di uffici e media partner.


BRUSSELS

Intervista a Nicolas Schmit. L’esperienza maturata durante la crisi da COVID-19 ha dimostrato che il valore sociale delle professioni deve essere rivalutato, ad esempio, nella maggior parte degli Stati membri dell’UE gli operatori sanitari sono sottopagati e sottovalutati rispetto allla rilevanza sociale, ha dichiarato il Commissario UE per il Lavoro e i Diritti Sociali, Nicolas Schmit, in un’intervista a EURACTIV.com.
“Questa situazione deve essere rivista. Dobbiamo rivedere il valore sociale delle professioni e non limitarci ad avere una gerarchia salariale che a volte non corrisponde al valore sociale”, ha detto Schmit.
Ha aggiunto che la crisi da COVID-19 ha aumentato i problemi esistenti nel mercato del lavoro europeo.
Qui le dichiarazioni di Schmit  sulle sfide del mercato del lavoro dell’UE dopo la pandemia e sul tanto atteso piano di ripresa.
(Sarantis Michalopoulos Read more )

Reddito sostitutivo prorogato per lavoratori autonomi. Il governo belga ha esteso il termine per il reddito sostitutivo per i lavoratori autonomi fino al 30 giugno, dando seguito ad un decreto reale approvato dal Consiglio dei ministri.
(Alexandra Brzozowski  Read more )

ISTITUZIONI EUROPEE

Bloccare le acquisizioni cinesi. L’Unione Europea dovrebbe imporre un divieto temporaneo alle acquisizioni cinesi di aziende attualmente sottostimate o in difficoltà a causa della crisi da coronavirus, ha detto domenica (17 maggio) il leader della più grande alleanza politica del PE.
“Dobbiamo reagire al fatto che le aziende cinesi, in parte con il supporto di fondi statali, stanno cercando sempre più insistentemente di acquisire a prezzo di saldo le aziende europee che si sono trovate in difficoltà economiche a causa della crisi dal coronavirus”, ha avvertito Weber
Read more.

ECDC: Abbiamo raggiunto il picco… della prima ondata.  “Quello che stiamo vedendo ora è il picco della prima ondata che mostra una tendenza al ribasso. L’esperienza sulla cosiddetta seconda ondata deriva dallo studio dalle pandemie influenzali del passato”, ha dichiarato Andrea Ammon, direttore del Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie (ECDC), alla televisione greca MEGA.
Alla domanda se la pandemia potrà finire entro la fine dell’anno, ha risposto: “Potrebbe volerci più tempo”.
(Sarantis Michalopoulos)

Oggi da Le Capitali:

BERLINO
AfD espelle i nazionalisti di destra. La direzione di Alternative für Deutschland (AfD) ha votato venerdì (15 maggio) l’espulsione di Andreas Kalbitz, il leader di AfD al parlamento del Brandeburgo, con sette voti favorevoli, cinque contrari e una astensione.
EURACTIV Germany’s  Sarah Lawton esamina più approfonditamente  le
implicazioni che questo scontro potrebbe avere nella lotta in corso per la direzione ideologica del partito.

///

VIENNA
Giornalisti attaccati dopo aver pubblicato la notizia sulla vicenda di Ischgl. La settimana scorsa la rivista Profil  ha pubblicato un articolo in cui si accusava il governo locale tirolese di aver ignorato una direttiva del Ministero della Sanità di febbraio in relazione all’ex stazione sciistica di Ischgl, famosa per essere una delle più importanti stazioni sciistiche del Tirolo (Read more) e in cui si citavano alcuni politici locali attualmente indagati per presunta negligenza.
EURACTIV Germany’s Philipp Grüll : analisi.

///

HELSINKI
Nordico no, Baltico sì. Dopo l’eliminazione delle restrizioni per i viaggi di lavoro e gli altri spostamenti essenziali giovedì (14 maggio) tra Finlandia, Estonia, Norvegia e Svezia, è stato deciso, venerdì (15 maggio), di non consentire gli spostamenti transfrontalieri per ragioni non essenziali perché, pur essendo riusciti a stabilizzare la diffusione del COVID-19, la situazione in Svezia rimane disastrosa.
Pekka Vantinnen reportage da Helsinki


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA
‘Differenze filosofiche’.  Domenica (17 maggio). Il Ministro dell’Ufficio del Gabinetto, Michael Gove ha esortato l’Ue a mostrare maggior flessibilità per superare le “grandi differenze filosofiche” tra le due parti, dopo che i capi negoziatori per l’UE e il Regno Unito hanno ammesso che i colloqui della scorsa settimana hanno fatto poco per rompere la situazione di stallo sulla Brexit.
EURACTIV’s Benjamin Fox: l’analisi.

///

DUBLINO
Prima multa per violazione della direttiva GDPR. Il Data Protection Regulator  irlandese, guidato da Helen Dixon, ha emesso la prima multa ai sensi del regolamento generale dell’UE sulla protezione dei dati (GDPR). L’agenzia per l’infanzia e la famiglia Tusla ha ricevuto una multa di 75.000 euro per tre violazioni dei dati, riferisce il Times. La prima sanzione emessa dal DPC è relativamente contenuta, considerando il fatto che gli organi pubblici possono essere sanzionati con multe fino a 1 milione di euro.
(Samuel Stolton | EURACTIV.com)


SUD EUROPA

ROMA
Retromarcia sulle restrizioni. Il governo italiano ha optato per un drastico allentamento delle misure restrittive  imposte dalla crisi da COVID-19, dopo aver sperimentato il più lungo e severo blocco tra tutti i paesi europei. A partire da oggi (18 maggio), negozi, ristoranti e persino parrucchieri potranno riprendere le loro attività, anche se i cittadini saranno comunque tenuti a rispettare la distanza sociale e a indossare le mascherine facciali negli spazi chiusi.
Il governo proseguirà l’allentamento delle restrizioni per tutto il mese di maggio e giugno. Dal 25 maggio, le palestre e le piscine potranno aprire, mentre gli spettacoli all’aperto con un massimo di 1.000 spettatori, così come i cinema e i teatri con un massimo di 200 spettatori, potranno riaprire dal 15 giugno. Dal 3
giugno i viaggi tra i Paesi dell’Unione Europea non saranno più limitati, una buona notizia, questa, per il settore turistico in gravi difficoltà.
(Gerardo Fortuna | EURACTIV.com)

///

MADRID
Un mese ancora. Il governo spagnolo chiederà un’altra proroga di un mese allo stato di emergenza decretato il 14 marzo sperando sia l’ultima, ha dichiarato il governo sabato (16 maggio).EURACTIV’s partner EFE reportage.”Voglio annunciare che il governo spagnolo chiederà al Congresso dei Deputati (la Camera bassa del Parlamento spagnolo NdR) una nuova proroga dello stato di emergenza, anche se avrà caratteristiche molto diverse dalle precedenti perché la situazione in Spagna è cambiata”, ha dichiarato sabato (16 maggio) il primo ministro socialista Pedro Sánchez ai giornalisti. Il primo ministro ha anche detto che, a patto che non si verifichi una seconda ondata di contagi da COVID-19, il Paese potrebbe tornare alla normalità entro l’estate, ricordando ai cittadini che fino a quando non si troverà un vaccino “dovremo continuare a convivere con il virus”.
Read more.

///

LISBONA
Fase 2. Oggi (18 maggio), il Portogallo entra nella seconda fase di allentamento delle misure di blocco del coronavirus. ” Le prime misure di allentamento che sono state prese 15 giorni fa e che sono entrate in vigore all’inizio di questo mese, non hanno alterato il trend di contenimento” della diffusione del COVID-19, ha detto il primo ministro António Costa venerdì (15 maggio). Mentre il Paese ha registrato, nella giornata di domenica (17 maggio),  29.036 nuovi contagi da COVID-19 e 1.218 morti correlate  oggi , lunedì (18 maggio) riapriranno i caffè, i ristoranti, i musei, i musei, gli asili e alcune scuole del Paese. Saranno permesse anche le visite alle case di riposo.
(Lusa.pt)

///

ATENE
Conversione “Green” all’energia elettrica. Il governo greco sta preparando un programma di sovvenzioni statali per l’elettrificazione dei trasporti  a partire da giugno, ha detto il ministro dell’Ambiente Costis Chatzidakis. Il programma riguarderà non solo le auto elettriche, ma anche scooter e biciclette elettriche. Considerando che le attuali piste ciclabili e le infrastrutture per le auto elettriche in Grecia sono piuttosto scarse, laddove esistono, la realizzazione pratica di questa iniziativa potrebbe rivelarsi difficile.
(Sarantis Michalopoulos | EURACTIV.com)


GRUPPO DI VISEGRAD

BRATISLAVA
Le scuole riaprono, le frontiere restano chiuse. Vista la riduzione dei contagi da COVID-19 – solo uno sabato (16 maggio) – il primo ministro Igor Matovič e il ministro della sanità Marek Krajčí (entrambi del partito OĽaNO) prevedono l’imminente apertura di asili e scuole elementari. La decisione definitiva è prevista per lunedì (18 maggio). Inoltre, mentre il governo non mostra alcun segno di voler aprire le frontiere, che il Primo Ministro definisce “muro di difesa”, gli slovacchi che ritornano in Slovacchia dall’estero non dovranno più essere sottoposti a quarantena obbligatoria nelle strutture statali, ma dovranno rimanere a casa, monitorati da un’apposita app.
(Zuzana Gabrižová | EURACTIV.sk)

///

PRAGA
Il governo potrebbe salvare la Czech Airlines. Il Ministro ceco dell’Industria e del Commercio Karel Havlíček ha dichiarato alla televisione ceca in un’intervista rilasciata sabato (16 maggio) di voler valutare tutti i modi possibili per salvare il gruppo Smartwings, azionista di maggioranza della compagnia di bandiera Czech Airlines. Questo perché “la compagnia ha un’importanza strategica”, ha detto il ministro e ha aggiunto che il governo dovrebbe decidere il salvataggio entro la fine di giugno.
Read more.


DAI BALCANI

SOFIA
Nuova compagnia petrolifera statale. Il governo bulgaro istituirà una “compagnia petrolifera statale” che avrà proprie stazioni di servizio e venderà i carburanti ad un prezzo calmierato per allentare le tensioni del mercato e costruirà stazioni di ricarica per le auto elettriche.
L’obiettivo della nuova società statale non è quello di mettere in ginocchio il mercato dei carburanti già in profonda crisi, ha detto il primo ministro Boyko Borissov, aggiungendo che la crisi ha dimostrato quale ruolo crescente può avere lo Stato nell’economia. Tuttavia, il governo non ha ancora un’idea chiara di quanto costerà realizzare l’iniziativa.
(Krassen Nikolov | EURACTIV.bg)

///

BUCAREST
Essere “troppo rilassati” potrebbe far aumentare i contagi. Le autorità hanno avvertito che un approccio troppo rilassato potrebbe portare a un aumento delle infezioni da COVID-19 visto che la gente nell’ultimo fine settimana dopo il primo allentamento delle restrizioni, ha riempito le strade. E questo nonostante ci sia stato un calo dei ricoveri e un minor numero di nuovi casi nei giorni passati.
Per queste ragioni, il governo sta imponendo misure di distanziamento sociale e l’uso delle mascherine protettive continua ad essere obbligatorio in tutti gli spazi pubblici al chiuso a partire da venerdì (15 maggio).
Inoltre, ristoranti, bar e  caffè sono ancora chiusi e gli incontri pubblici sono ancora vietati. Tuttavia, le persone possono ora lasciare le loro città senza restrizioni e gli hotel sono aperti.
(EURACTIV.ro)

///

ZAGABRIA
Si avvicinano le elezioni. Il partito di opposizione di centro-destra Bridge si candiderà da solo alle prossime elezioni parlamentari, hanno dichiarato i leader del partito domenica (17 maggio) dopo il fallimento dei colloqui per una coalizione con il partito Homeland Movement, guidato dall’ex candidato presidenziale e cantante folk Miroslav Skoro. Questo riporta l’agenzia di stampa statale Hina.  Il partito Homeland Movement ha riconosciuto che i colloqui con Bridge sono falliti, ma si è detto pronto ad assumersi la responsabilità del futuro del Paese e a riunire un nutrito gruppo di alleati con cui far cadere il “duopolio” dell’Unione Democratica Croata (HDZ, PPE) e del Partito Socialdemocratico (SDP).
Il presidente Zoran Milanovic ha dichiarato venerdì (15 maggio) che convocherà le elezioni e procederà secondo la legge dopo lo scioglimento del parlamento, avvenuto oggi (18 maggio). Tuttavia, ha sottolineato che cercherà di evitare le elezioni in un momento in cui molti croati sono all’estero e non possono rientrare in patria, come è avvenuto per le elezioni presidenziali del 5 gennaio.
(Karla Junicic, EURACTIV.hr)

///

LUBIANA 
Sovvenzioni e voucher turistici nel nuovo pacchetto anti-coronavirus. Secondo le bozze dei documenti analizzati dal principale sito web di notizie locali, www.24ur.com, il governo dovrebbe varare questa settimana un terzo pacchetto di provvedimenti anti-coronavirus che dovrebbe introdurre sussidi per i lavoratori part-time e sovvenzioni per il turismo.
Zoran Radosavljević  Read more.

///

BELGRADO
L’esercito riporta 18 migranti nei campi profughi. In seguito alle lamentele dei residenti locali, le truppe serbe sono state dispiegate sabato (16 maggio) attorno ai tre centri di accoglienza per migranti nella città nordoccidentale di Sid e successivamente hanno riportato 18 migranti nei campi, ha riferito domenica (17 maggio) l’emittente statale serba RTS.
EURACTIV Serbia  Read more.

///

Nella sezione altre notizie, l’ambasciatore tedesco a Belgrado, Thomas Schieb, ha detto che le condizioni per una campagna elettorale equa in Serbia dovevano essere predisposte con largo anticipo in vista delle elezioni parlamentari e che i media avrebbero avuto un ruolo chiave nel processo.
EURACTIV Serbia approfondimento.

///

Ancora in altre notizie.  La compagnia di bandiera serba Air Serbia, le cui perdite sono state stimate in oltre 40 milioni di euro, potrà contare sull’assistenza dello Stato, lo ha dichiarato all’emittente televisiva Prva il ministro dell’edilizia Zorana Mihajlovic in un’intervista sabato (16 maggio), aggiungendo che, rispetto a molte altre grandi compagnie aeree estere in difficoltà, la compagnia aerea nazionale è “abbastanza resistente da adattarsi”.
Read more.

***

[Edited by Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Benjamin Fox]