Le Capitali – Lo scandalo sulla nomina del giudice ungherese alla Corte di giustizia UE

lead-8 [EPA/EFE-VIRGINIA MAYO]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Legge anti-Ong, Bruxelles avvia la procedura d’infrazione contro l’Ungheria di Federica Martiny, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Un’Italia più forte, in Europa di Andrea Vignini, EURACTIV Italia.


Le notizie di oggi dalle Capitali:

BUDAPEST

Il candidato ungherese al massimo tribunale dell’UE è stato scelto unilateralmente senza una selezione formale. La nomina di Zoltán Csehi come nuovo membro della Corte di giustizia europea da parte del ministro della giustizia ungherese Judit Varga, avvenuta nel 2016, non era stata preceduta né un appello pubblico ai candidati né da qualsiasi altra procedura di selezione formale. Secondo fonti del sito Telex, fino al 2016, quando è stato nominato al Tribunale europeo, Csehi era stato avvocato nello studio legale del predecessore di Varga, e aveva pochissima esperienza nel diritto europeo. Per saperne di più.
(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com with Telex)

///

PRESIDENZA UE

La Commissione vuole “esplorare le opzioni” per il commercio e gli investimenti in India. La Commissione europea ha detto giovedì di voler “esplorare le opzioni” per espandere il commercio e gli investimenti dell’UE con l’India, in particolare in vista del vertice previsto per maggio a Porto nell’ambito della presidenza portoghese del Consiglio dell’UE.

///

PARIGI

Il tribunale francese autorizza la città Parigi a supervisionare gli affitti di Airbnb. Un tribunale francese ha confermato giovedì che i regolamenti messi in atto dalla città di Parigi erano conformi alla legge europea e giustificati per combattere la scarsità di alloggi in affitto a lungo termine in città: quindi, il limite di 120 giorni di affitto all’anno per la residenza principale resterà in vigore. “Questa decisione è una vittoria storica per la città di Parigi. Conclude cinque anni di procedimenti legali. Conferma la nostra decisione di regolamentare queste piattaforme e fornisce strumenti legali efficaci a tutte le autorità locali francesi che desiderano regolamentare il mercato degli affitti turistici”, ha detto la sindaca di Parigi Anne Hidalgo.
(Mathieu Pollet | EURACTIV.fr)

///

BERLINO

Biontech e Pfizer hanno chiesto all’UE 54 € per dose di vaccino a giugno. Le aziende farmaceutiche Pfizer e Biontech avevano richiesto nell’UE 54,08 euro per dose di vaccino lo scorso giugno, un prezzo che è stato poi abbassato attraverso i negoziati a 15,50 euro per dose.

///

VIENNA

Il ministero dell’Interno minaccia di denunciare un attivista. Il ministero degli Interni austriaco minaccia di avviare una causa per diffamazione contro l’avvocato e consulente politico Rudolf Fussi, che critica regolarmente il governo su YouTube, e in particolare la polizia e il ministro dell’Interno Karl Nehammer (ÖVP). Ad esempio, dopo che i cani poliziotto sono stati usati per reprimere una protesta a Vienna, Fussi ha detto che questi animali potrebbero essere più intelligenti degli ufficiali. L’opposizione vede questa mossa come un tentativo di mettere a tacere una voce critica.
(Philipp Grüll | EURACTIV.de)

///

BRUXELLES 

Il Belgio passa non è più la nazione più colpita dal COVID. Il Belgio si colloca al 16° posto su 30 paesi europei in termini di numero di infezioni coronavirus, con 240 infezioni ogni 100.000 abitanti nel corso delle ultime due settimane, secondo i nuovi dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). Quasi tutti i paesi vicini, ad eccezione della Germania, stanno attualmente andando peggio.
(Alexandra Brzozowski, EURACTIV.com)

///


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Una nuova variante del coronavirus rintracciata in Finlandia. I ricercatori dei Vita Laboratories di Helsinki hanno scoperto una nuova variante del coronavirus denominata Fin-796H, che mostra le mutazioni precedentemente scoperte in Gran Bretagna e Sud Africa in una combinazione “unica”.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

TALLINN

L’Estonia vuole ratificare il trattato sul confine con la Russia. Il nuovo governo estone e il suo ministro degli esteri, Eva-Maria Liimets, hanno mostrato la volontà di muoversi verso la risoluzione formale della controversia sul confine del paese con la Russia e garantire che il paese baltico non rimanga più l’unico dell’UE senza un accordo sui confini con Mosca.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///


REGNO UNITO E IRLANDA

LONDRA
Johnson esorta il G7 a sostenere un trattato di preparazione alle pandemie. Il primo ministro britannico Boris Johnson solleciterà i leader del G7, nel vertice di venerdì, a sostenere un trattato sulla preparazione alle pandemie attraverso l’Organizzazione mondiale della sanità.
(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)///

EUROPA MERIDIONALE

ROMA

L’Italia sequestra i beni di otto accusati di aver approfittato di contratti governativi per l’acqyuisto di dispositivi di protezione individuale (DPI). Mercoledì la Guardia di Finanza ha sequestrato beni per un valore di circa 70 milioni di euro a otto persone che avrebbero usato la loro influenza e le loro relazioni personali per intascare commissioni illegali del valore di “decine di milioni di euro” su 1,25 miliardi di euro di contratti governativi per dispositivi di protezione individuale (DPI). Gli otto imputati – che hanno organizzato l’importazione di 800 milioni di maschere dalla Cina durante i primi mesi della pandemia – sono stati accusati di traffico di influenze, ricettazione e riciclaggio di denaro. Secondo i magistrati, il loro accesso privilegiato alla procedura di acquisto è stato reso possibile dal rapporto personale tra uno degli indagati e il commissario straordinario per l’emergenza, Domenico Arcuri.

In altre notizie, giovedì il nuovo governo guidato da Mario Draghi, ha ottenuto la fiducia della Camera dei Deputati, dopo quella del Senato arrivata mercoledì. Nel suo intervento Draghi ha affermato che l’impegno del governo a proteggere le industrie italiane “dalla concorrenza sleale sarà totale”, e ha annunciato la volontà di “migliorare la giustizia civile e penale” per garantire il diritto a “un processo equo e di durata ragionevole, in linea con la durata degli altri paesi europei”.
(Daniele Lettig |  EURACTIV.it)

///

MADRID

Il debito della Spagna raggiunge il livello più alto da oltre un secolo. La Spagna ha aumentato il suo debito nel 2020 di 112.438 milioni di euro – quasi l’equivalente del costo annuale delle pensioni nel paese – a causa del pesante impatto della pandemia di COVID-19.
(Fernando Heller |  euroefe.es)

///

ATENE

Le molestie sessuali contro gli artisti svelano il segreto nascosto della Grecia. Un numero crescente di artisti greci denuncia da giorni casi di molestie sessuali nel mondo dello sport, della TV e del teatro, svelando il segreto ben nascosto della Grecia.
(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///

NICOSIA

Un eurodeputato cipriota chiede all’UE di mettere fuorilegge l’organizzazione turca dei “Lupi grigi”. L’eurodeputato cipriota Costas Mavrides (S&D) ha inviato una lettera al massimo diplomatico dell’UE Josep Borrell, chiedendo all’UE di mettere al bando l’organizzazione estremista turca “Lupi Grigi” in tutta l’Unione.  L’eurodeputato ha anche lanciato una petizione per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione.
(Sarantis Michalopoulos |  EURACTIV.com)

///


GRUPPO DI VISEGRAD
BRATISLAVA
Le restrizioni alle frontiere tedesche minacciano l’industria slovacca. I principali industriali della Slovacchia temono che le nuove restrizioni alle frontiere tedesche, che richiedono ai camionisti, a partire da domenica, di presentare un test COVID-19 negativo non più vecchio di 48 ore all’ingresso in Germania dall’Austria o dalla Repubblica Ceca, potrebbero “creare gravi problemi”, anche per i conducenti slovacchi provenienti da paesi “ad alto rischio”.
(Irena Jenčová |  EURACTIV.sk)
///
VARSAVIA

Il candidato alla carica di Commissario per i diritti umani del PiS è stato respinto dal Senato. Giovedì la camera alta del parlamento polacco ha respinto la candidatura del viceministro degli Esteri Piotr Wawrzyk (Legge e Giustizia) alla carica di Commissario per i diritti umani, a cui era stato designato il 22 gennaio. Ciò significa che la procedura per la selezione di un nuovo Mediatore deve ricominciare da capo, poiché il mandato quinquennale dell’attuale Commissario per i diritti umani, Adam Bodnar, è scaduto nel settembre 2020.
(Monika Mojak |  EURACTIV.pl)

///


NOTIZIE DAI BALCANI

ZAGABRIA

Una possibile nuova variante di COVID trovata in Croazia. “Potremmo essere davanti a una nuova variante croata del virus”, ha detto il dottor Oliver Vugrek, capo del team di esperti dell’Istituto Ruđer Bošković, che sono ancora in attesa di ulteriori dati.
(Tea Trubić Macan |  EURACTIV.hr)

///

LUBIANA

L’UE condanna l’attacco online del premier sloveno ai giornalisti. Giovedì Bruxelles ha condannato il primo ministro sloveno per gli attacchi personali che ha lanciato online contro dei giornalisti che denunciavano il deterioramento dello stato di diritto nel paese, che assumerà la presidenza di turno dell’UE a luglio.
(EURACTIV.com with AFP)

///

BELGRADO

Monsignor Porfirije eletto nuovo patriarca della Chiesa ortodossa serba. Il metropolita di Zagabria e Lubiana è stato eletto giovedì nuovo patriarca della Chiesa ortodossa serba, ha annunciato la Chiesa.
(EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO

Il commissario Ue invita la Bosnia a gestire meglio la situazione dei migranti. Il commissario dell’Unione europea per la migrazione, Ylva Johansson, giovedì ha esortato la Bosnia a gestire adeguatamente la situazione dei migranti e a condividere il peso della crisi in modo equo in tutto il paese se vuole rimanere sulla strada per l’adesione all’UE.
(EURACTIV.com with Reuters)

***

[A cura di Sarantis Michalopoulos, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]