Le Capitali – Polonia, si scalda il confronto con i sindacati per il piano di chiusura delle miniere di carbone

Più di un mese fa, il ministro delle Partecipazioni statali polacco ha presentato una bozza di accordo, che finora è stato respinto dai sindacati dei minatori. [Shutterstock/SaskiaAcht]

Le Capitali vi porta le ultime notizie da tutta Europa, attraverso i reportage sul campo del Network EURACTIV. Potete iscrivervi alla newsletter qui.

Ricordiamo che EURACTIV desidera continuare a fornire contenuti di alta qualità che coprano quanto accade nella UE in modo chiaro e imparziale, nonostante l’attuale crisi abbia colpito pesantemente il settore editoriale. Poiché noi di EURACTIV crediamo fermamente che i lettori non debbano accedere a contenuti esclusivamente a pagamento, la nostra informazione è e rimarrà gratuita, vi chiediamo però di considerare la possibilità di dare un contributo.
Tutto quello che dovete fare è cliccare sul pulsante sotto.

Prima di iniziare a leggere l’edizione di oggi de Le Capitali, date un’occhiata all’articolo Caso Regeni, anche l’UE chiede spiegazioni all’Egitto di Alessandro Follis, EURACTIV Italia.

Leggete anche l’opinione Risorse proprie, quel dettaglio dimenticato di Fabio Masini, EURACTIV.it.


VARSAVIA

Negoziati difficili con i sindacati dei minatori. I rappresentanti del governo polacco hanno incontrato lunedì i sindacati dei lavoratori delle miniere a Katowice, per parlare di un accordo che definirà i dettagli della trasformazione del settore del carbone.
(Joanna Jakubowska |  EURACTIV.pl)

///

PRESIDENZA UE

Il ministro delle finanze portoghese: la sospensione della disciplina fiscale dovrebbe continuare a causa della seconda ondata di COVID. Il ministro delle finanze portoghese ha detto lunedì che le misure di stimolo a sostegno dell’economia europea devono essere mantenute fino a quando la pandemia COVID-19 “perderà slancio”.
(André Curvelo Campos |  Lusa.pt)
///

BERLINO

Le imprese si fanno avanti a sostegno del Nord Stream 2. Il governo tedesco ha dichiarato che non abbandonerà il progetto Nord Stream 2, nonostante le sanzioni statunitensi e le richieste del Parlamento europeo di imporre misure dell’UE contro il progetto del gasdotto sostenuto dalla Russia dopo l’arresto di Alexei Navalny.
(Magdalena Pistorius e Philipp Grüll |  EURACTIV.de e EURACTIV.fr)

L’estrema destra di AfD perde iscritti per la prima volta in cinque anni. i membri del partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) sono diminuiti per la prima volta dal 2015. Le perdite sono in parte legate all’espulsione di membri che non hanno pagato i loro debiti, secondo un portavoce dell’AfD, che ha definito la mossa la “prima vera scossa” intrapresa dal partito sin dalla sua fondazione nel 2013.
Tuttavia, gli esperti mettono in luce anche altri fattori, come l’espulsione di Andreas Kalbitz, leader della parte più estrema del partito, nonché il recente annuncio di probabili indagini sul partito da parte dei servizi di intelligence.
(Sarah Lawton | EURACTIV.de)

///

PARIGI

Macron esorta le aziende straniere a investire in Francia. “Siamo leader in Europa in tutto ciò che riguarda gli investimenti esteri. (…) Anche le nostre riforme strutturali stanno dando i loro frutti”, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron lunedì alla sessione di apertura della videoconferenza di Choose France che ha riunito 100 amministratori delegati di importanti gruppi stranieri, aggiungendo che “l’imposta sulle società sarà ridotta al 25%.”
(Louise Rozès Moscovenko |  EURACTIV.fr)

///

BRUXELLES

La Commissione UE: il Belgio dovrà giustificare il divieto ai viaggi non essenziali.Paesi come il Belgio, che sono andati oltre le raccomandazioni dell’UE in termini di restrizioni sanitarie alla libera circolazione, devono fornire “una spiegazione molto chiara della natura proporzionale, necessaria e non discriminatoria” delle loro misure, ha detto lunedì il commissario europeo alla giustizia Didier Reynders.


PAESI NORDICI E BALTICI

HELSINKI

Il Recovery plan dell’UE potrebbe avere effetti negativi sull’economia finlandese.Secondo uno studio accademico, il fondo per il recupero e la resilienza (RRF) da 750 miliardi di euro dell’UE potrebbe non rilanciare l’economia e le esportazioni finlandesi nel modo in cui è stato presentato all’opinione pubblica.
(Pekka Vanttinen |  EURACTIV.com)

///

STOCCOLMA | OSLO

Chiuso il confine terrestre più lungo d’Europa. La Svezia ha emesso un divieto di ingresso per i residenti in Norvegia a partire da lunedì, a causa dell’elevato numero di infezioni da COVID-19 con la variante britannica nella capitale norvegese Oslo e nell’area circostante e dopo che la Norvegia aveva già chiuso i suoi confini con la Svezia. È la prima volta dalla seconda guerra mondiale che il confine terrestre più lungo d’Europa, che si estende per oltre 1.600 chilometri, viene chiuso.
(Alexandra Brzozowski | EURACTIV.com)


REGNO UNITO E IRLANDALONDRA

La querelle sull’ambasciata UE nel Regno Unito deve essere risolta nonostante i “segnali ostili”. Lunedì il capo della diplomazia dell’UE, Josep Borrell, ha insistito sul fatto che l’UE e il Regno Unito finiranno per risolvere la lite diplomatica sullo status dell’ambasciatore dell’Unione a Londra, anche se ha avvertito che l’intransigenza del Regno Unito “non è un segnale amichevole”.
(Benjamin Fox |  EURACTIV.com)


EUROPA MERIDIONALE

ROMA

Il Comitato Olimpico Italiano a rischio sospensione. Il Comitato Olimpico Internazionale ha dichiarato che mercoledì sospenderà il Comitato Olimpico Italiano (CONI) a causa di una riforma varata nel 2018 e che il CIO considera un’interferenza del governo. La decisione costringerebbe gli atleti italiani a competere come indipendenti alle prossime Olimpiadi di Tokyo e impedirebbe loro di indossare le divise della nazionale e di ascoltare il loro inno nazionale. Inoltre, avrebbe gravi ripercussioni anche sull’organizzazione delle Olimpiadi invernali 2026 che si svolgeranno a Milano e Cortina.

Conte annuncia le dimissioni. Il primo ministro italiano Giuseppe Conte annuncerà le sue dimissioni martedì mattina durante una riunione del Consiglio dei ministri, e successivamente formalizzerà la decisione con il presidente Sergio Mattarella, secondo una breve dichiarazione pubblicata dal governo lunedì sera. L’annuncio era atteso, viste le difficoltà incontrate dal governo nel trovare una nuova maggioranza in parlamento a seguito dell’uscita del partito dell’ex premier Matteo Renzi, Italia Viva. Questa settimana, il governo avrebbe dovuto affrontare il voto del Senato sul rapporto annuale del ministro della giustizia, con un alto rischio di venire battuto. Secondo gli osservatori italiani, lo scenario più probabile è una “crisi pilotata”: Conte dovrebbe ricevere un nuovo mandato dal presidente per provare a formare il suo terzo governo con una nuova maggioranza.
(Daniele LettigEURACTIV.it)

///

LISBONA

Rebelo de Sousa rieletto presidente. Il conservatore Marcelo Rebelo de Sousa è stato rieletto presidente del Portogallo nelle elezioni di domenica con il 60,70% dei voti, secondo i risultati provvisori ottenuti in tutte i 3.092 seggi. Seconda è arrivata Ana Gomes – membro del Partito socialista al governo ma non appoggiata dal governo socialista – con il 12,97%, seguita da André Ventura, leader del partito populista di destra Chega, con l’11,90%. L’affluenza alle urne è stata la più bassa mai registrata nelle elezioni per il capo di stato del paese. Secondo i risultati provvisori, il tasso di astensione è aumentato di 5,96 punti percentuali e ha raggiunto il 60,5% nonostante la registrazione automatica per i cittadini portoghesi residenti all’estero.
(Lusa.pt)

Il Portogallo inizierà la vaccinazione degli alti funzionari governativi la prossima settimana, ha confermato lunedì il ministro della Salute Marta Temido dopo un incontro con la task force incaricata di coordinare il programma nazionale di vaccinazione.
(João Godinho |  Lusa.pt)

///

ATENE

La Grecia si aspetta progressi tangibili da Ankara. Il primo round di colloqui esplorativi informali non vincolanti tra Grecia e Turchia a Istanbul è durato tre ore e mezza. Sebbene siano trapelate poche informazioni, entrambe le parti hanno deciso di rinnovare la loro discussione con un altro ciclo di colloqui esplorativi ad Atene.
(Alexandros Fotiadis |  EURACTIV.gr)


GRUPPO DI VISEGRAD

PRAGA

Le società carbonifere ceche riceveranno gran parte del Fondo di modernizzazione dell’UE. Il governo ceco ha approvato lunedì un documento che concede ingenti finanziamenti dal Fondo di modernizzazione dell’UE alle grandi società di estrazione del carbone.
(Aneta Zachová |  EURACTIV.cz)

///

BUDAPEST

Manifestazione pro-Navalny bandita a Budapest. Ai russi e ai simpatizzanti dell’opposizione russa di Budapest non è stato permesso di mostrare solidarietà ai manifestanti in Russia, nonostante diverse proteste simili si siano svolte nelle capitali di tutta Europa, inclusa Praga, scrive 444.hu. La studentessa russa Daria Serova è stata informata dalle autorità sabato scorso che non avrebbe potuto organizzare una protesta a causa delle restrizioni del COVID-19. Tuttavia, quando lei e altri sette si sono ancora presentati lo stesso, sono stati accolti dai poliziotti che hanno chiesto loro di disperdersi. Serova ha chiesto se poteva manifestare da sola, ma anche ciò le è stato vietato.

Nel frattempo, la fondazione politica del partito al governo Fidesz, la Foundation for a Civic Hungary, ha comprato uno spazio per uffici di 506 m2 nel mezzo del quartiere europeo a Bruxelles, di fronte all’edificio principale della Commissione europea, grazie all’acquisizione, lo scorso settembre, di una società belga per 2,27 miliardi di euro, segnalato hvg.hu.
(Vlagyiszlav Makszimov |  EURACTIV.com)


NOTIZIE DAI BALCANI

SOFIA

La Bulgaria si propone come hub per l’intelligenza artificiale. Lo sviluppo dell’intelligenza artificiale diventerà uno dei focus della nuova versione del piano di ripresa dell’UE che il governo bulgaro proporrà nei prossimi giorni.
(Krassen Nikolov |  EURACTIV.bg)

///

LUBIANA

Test di massa per gli insegnanti prima del ritorno a scuola. I test di massa per gli insegnanti e il personale educativo sono iniziati lunedì in Slovenia, nella più grande operazione di test di questo tipo condotta finora. Gli asili e le prime tre classi della scuola primaria riaprono martedì in nove delle 12 regioni del paese.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

BELGRADO

Un’alleanza per affrontare il problema dell’inquinamento atmosferico. L’inquinamento atmosferico è un problema condiviso in tutti i Balcani occidentali, per il quale è necessaria un’alleanza regionale in modo che le persone possano esercitare il loro “diritto di respirare”, ha detto a BETA il direttore esecutivo del Fondo europeo per i Balcani, Aleksandra Tomanić, in un’intervista lunedì per il lancio della campagna “The Balkans United for Clean Air”.
(EURACTIV.rs)

///

SARAJEVO

I cittadini di Bihać si oppongono al ritorno dei migranti. Il rappresentante speciale del Consiglio d’Europa per la migrazione e i rifugiati, Drahoslav Štefanek, lunedì ha tentato di convincere le autorità locali e i cittadini di Bihać della necessità di riaprire l’ex campo per migranti, ma non ha ricevuto alcun sostegno. L’attivista di Bihać ed ex consigliere comunale Sej Ramić ha detto che Štefanek “ha cercato di convincerci che sarebbe stato un alloggio temporaneo per i migranti. Sappiamo già cosa significa temporaneo.” Se necessario, i cittadini della città hanno detto di essere pronti a impedire fisicamente qualsiasi tentativo di riportare i migranti a Bira. Štefanek ha cercato di incoraggiare la riapertura del campo di Bira, che le autorità avevano deciso di chiudere nel settembre 2020, sostenendo che i suoi cittadini non si sentivano al sicuro a causa della presenza di un gran numero di migranti illegali.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

TIRANA

Primo decremento della popolazione nella storia. L’Albania ha registrato per la prima volta nella storia una crescita naturale negativa della popolazione, a causa della pandemia COVID-19 e di un trend di fertilità in calo. Rispetto al 2019, il numero di morti è aumentato del 28% lo scorso anno con 28 mila morti in più. Per quanto riguarda le nascite, l’Albania ha registrato 27.600 bambini nel 2020, lo 0,2% in meno rispetto al 2019. Il tasso di fertilità si aggira intorno a 1,35 bambini per donna, una delle cifre più basse in Europa.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)

///

PRISTINA | BELGRADO

Pristina e Belgrado devono “superare i tecnicismi”, dice un nuovo rapporto. “Tredici anni dopo la separazione del Kosovo dalla Serbia, i due paesi restano impantanati nel reciproco non riconoscimento, con effetti deleteri su entrambi. Le parti devono superare i tecnicismi per affrontare le principali questioni in gioco: l’indipendenza di Pristina e l’influenza di Belgrado sulla minoranza serba del Kosovo”, si legge in una delle principali conclusioni del nuovo rapporto dell’International Crisis Group sulla controversia Serbia-Kosovo. Nel suo rapporto, il gruppo ha rilanciato l’idea di modifiche ai confini: “Nonostante la forte opposizione dall’interno dell’UE, i sostenitori hanno sostenuto per anni che uno scambio territoriale potrebbe essere la chiave per sbloccare la disputa Kosovo-Serbia”, afferma il rapporto. “La Serbia ha lanciato privatamente un’idea simile nel 2010 e, come notato [l’allora presidente del Kosovo Hashim] Thaçi e Vucic l’hanno rivista nel 2018”, ha aggiunto. Tuttavia, un’idea del genere potrebbe essere molto pericolosa in quanto potrebbe aprire il vaso di Pandora per altre “correzioni di confine” nei Balcani, cosa che quasi sempre è sfociata in una guerra.
(Zeljko Trkanjec |  EURACTIV.hr)
***

[A cura di Alexandra Brzozowski, Daniel Eck, Zoran Radosavljevic]