Bulgaria, il partito del primo ministro Petkov verso l’ingresso in Renew Europe

Il primo ministro bulgaro Kiril Petkov. [EPA-EFE/STEPHANIE LECOCQ]

Il partito ‘Continuiamo il cambiamento’, vincitore a sorpresa dell’ultima tornata elettorale bulgara dello scorso 14 novembre, si prepara ad entrare nel gruppo  Renew Europe al Parlamento europeo dopo aver partecipato all’incontro del partito politico liberale Alde.

‘Continuiamo il cambiamento’, forza politica anticorruzione fondata in Bulgaria a settembre 2021, ha vinto le elezioni solo due mesi dopo ed è riuscita a formare un governo di coalizione con altri tre partiti, ponendo così fine a mesi di instabilità politica.

Il primo ministro bulgaro Kiril Petkov è stato invitato all’incontro del partito politico liberale europeo Alde, confluito in Renew Europe, dove ha incontrato tra gli altri Emmanuel Macron, il primo ministro olandese Mark Rutte, il belga Alexander De Croo e il lussemburghese Xavier Bettel.

L’obiettivo del partito di Petkov è quello di entrare a far parte di Renew Europe nel Parlamento europeo. Il premier ha posto solo una condizione: che le dichiarazioni sulla tolleranza zero riguardo la corruzione fossero applicate non solo a livello europeo ma anche “nazionale e locale”.

Bulgaria, dopo mesi di crisi e tre elezioni al via il nuovo governo: vaccinazioni e lotta alla corruzione le priorità

Lunedì 13 dicembre il parlamento di Sofia ha dato il via libera al nuovo governo guidato dal primo ministro riformista ed europeista Kiril Petkov, mettendo fine a una crisi politica durata quasi un anno e passata attraverso tre elezioni generali …

“Dovrebbe esserci un nuovo standard per le famiglie europee, perciò non dobbiamo chiudere gli occhi di fronte alla corruzione locale, fingendo che a livello europeo vada tutto bene”, ha detto Petkov con un velato riferimento all’altro membro bulgaro di Renew Europe, il Movimento dei diritti e delle libertà (Dps).

Il Dps si trova attualmente all’opposizione in Bulgaria e uno dei suoi membri del parlamento bulgaro, l’uomo d’affari Delyan Peevski, è stato sottoposto a sanzioni lo scorso giugno dall’ufficio per gli esteri del Dipartimento del Tesoro americano, in accordo con il Magnitsky Act.

Petkov ha esortato il Dps ad “allinearsi ai nuovi standard” di lotta alla corruzione e stato di diritto, sottolineando però che questo problema riguarda anche altre famiglie europee. “Mi piacciono i politici europei di Renew Europe. Posso dire lo stesso di quelli del Ppe. Se vedranno l’esempio di Renew, potrebbero mettere in discussione anche la partecipazione del Gerb”, ha detto, facendo riferimento al partito dell’ex primo ministro Boyko Borissov.

Borissov è stato l’anno scorso al centro di uno scandalo che ne ha minato il potere, portando alla caduta del suo governo. Immagini trapelate della sua camera da letto mostravano pistole sui comodini, oltre  a banconote da 500 euro e lingotti d’oro nascosti nei cassetti.