Brexit, il Parlamento europeo approva l’accordo commerciale tra Ue e Regno Unito

Il capo della task force sulle relazioni con il Regno Unito Michel Barnier (al centro) partecipa alla plenaria del Parlamento europeo sulle relazioni Ue-Uk, insieme alla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen (a destra) e al vicepresidente della Commissione responsabile degli affari interistituzionali Maroš Šefčovič (a sinistra). 27 aprile 2021. [EPA-EFE/OLIVIER HOSLET / POOL]

Il Parlamento europeo ha votato a favore dell’accordo sulla Brexit, che stabilisce le regole per le relazioni future tra l’Ue e il Regno Unito.

Con 660 voti a favore, cinque contrari e 32 astensioni, l’accordo commerciale e di cooperazione con il Regno Unito è stato approvato con larghissima maggioranza dal Parlamento europeo.

Anche la risoluzione che accompagnava l’accordo, contenente commenti e osservazioni degli eurodeputati, è stata approvata con 578 voti favorevoli, 51 contrari e 68 astensioni.

Dopo l’approvazione ottenuta in Parlamento, l’accordo entrerà in vigore una volta che il Consiglio l’avrà concluso entro il 30 aprile.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, parlando all’apertura della plenaria, ha ricordato il viaggio che ha portato a questo accordo, a partire dal momento in cui Londra ha consegnato la lettera in cui comunicava l’intenzione di lasciare l’Ue.

“È stato un procedimento difficile, portato avanti attraverso grandi difficoltà. Voglio ringraziare ancora una volta Michel Barnier, il nostro capo negoziatore, per il lavoro che ha svolto”, ha dichiarato von der Leyen.

“L’accordo che abbiamo raggiunto è qualcosa di importante, perché protegge prima di tutto i diritti dei cittadini europei. Aiuta a evitare fastidi per i lavoratori e i viaggiatori, protegge gli interessi europei e il mercato unico, salvaguarda il level playing field che questo Parlamento ha sempre voluto difendere”, ha ricordato la presidente della Commissione.

Von der Leyen ha poi ricordato che l’accordo contiene anche misure legali per risolvere le dispute e misure di rimedio unilaterali, che “speriamo di non dover usare, ma non esiteremo a farlo se sarà necessario”, ha detto.

Brexit, l'Ue respinge le richieste di Londra sull'Irlanda del Nord. Ripresi i controlli doganali nell'Ulster

In una lettera del vicepresidente Šefčovič a Gove, Bruxelles respinge la richiesta di prorogare il periodo di semplificazione sui controlli doganali sulle merci in transito.

L’Unione europea ha respinto molte delle richieste avanzate dal Regno Unito per riavvicinare l’Irlanda del Nord …

La maggioranza dei deputati si è schierata a favore dell’accordo commerciale tra Ue e Regno Unito, ritenuta l’opzione migliore per ammortizzare gli effetti dannosi della Brexit e assicurare l’integrità del mercato unico.

Molti deputati intervenuti hanno sostenuto l’utilità del testo nel combattere contro le misure unilaterali messe in atto dal Regno Unito in violazione dell’accordo di recesso e del protocollo sull’Irlanda del Nord: fornirà ulteriori strumenti giuridici per prevenire e proteggere da possibili divergenze di una delle due parti dagli obblighi concordati.

“Per anni, se non per decenni, dovremmo vivere con le conseguenze della Brexit. Sin dall’inizio, l’obiettivo dell’accordo è stato quello di evitari peggiori conseguenze da entrambe le parti”, ha dichiarato David McAllister, presidente della Commissione sugli Affari esteri del Parlamento europeo.

“Questo accordo di cooperazione e commercio con il Regno Unito non è totalmente esaustivo da un lato, dall’altro richiede molte misure di implementazione che potrebbero causare ulteriori problemi”, ha proseguito. “L’Ue è sempre stata e sempre sarà pronta a lavorare per soluzioni comuni. La Brexit è una situazione di sconfitta per entrambi, ma noi siamo disponibili per arrivare alla migliore risoluzione possibile”.

Bernd Lange, presidente della commissione sul Commercio internazionale, ha aggiunto: “In questo tipo di accordi commerciali, si cerca sempre di avere delle salvaguardie nel caso di violazioni degli standard. In questo accordo ci sono delle novità significative in questo senso. Si tratta di una direzione che potrebbe essere seguita anche per accordi ulteriori”.

Brexit, gli ambasciatori Ue approvano l'accordo con il Regno Unito: quali sono i punti più importanti

Lunedì 28 dicembre gli ambasciatori dei 27 Paesi Ue hanno approvato all’unanimità l’accordo commerciale e di cooperazione tra Unione europea e Regno Unito.

L’accordo entrerà in vigore provvisoriamente il 1 gennaio 2021, in attesa del via libera del Parlamento Ue. A …

L’accordo di cooperazione

Concordato dai negoziatori di Ue e Regno Unito il 24 dicembre 2020, l’accordo di cooperazione post-Brexit stabilisce i termini per il libero scambio delle merci, senza dazi e tariffe su settori come la pesca, l’energia e la sicurezza interna, oltre a quelli sulla concorrenza.

A fianco del voto è presentata anche una risoluzione di 17 pagine, in cui la Brexit è definita un “errore storico” e in cui si invita la Commissione europea a proseguire nella sua azione legale contro Londra. Nel testo si cita anche l’assenza di cooperazione in materia di politica estera e di scambi studenteschi.

Nel frattempo, la Francia ha minacciato “misure di ritorsione” contro il Regno Unito se non sarà attuato l’accordo sulla pesca previsto nell’intesa di recesso. “Chiediamo semplicemente che sia rispettato l’accordo nel suo complesso. Se non sarà attuato, prenderemo misure di ritorsione in altri settori, se necessario”, ha dichiarato il ministro agli Affari europei Clement Beaune a Bfm Business.