Erasmus+: Key Action 3 – Sostegno allo sviluppo delle politiche e alla cooperazione

[Flickr/Jirka Matousek]

Budget: 150.000 euro

Scadenza 24/06/2021

Erasmus+ Key Action 3 – Support to policy development and cooperation

L’Azione Chiave 3 fornisce supporto alla cooperazione politica a livello dell’Unione Europea, contribuendo così allo sviluppo di nuove politiche, che possono innescare la modernizzazione e le riforme, a livello dell’Unione Europea e dei sistemi, nei settori dell’istruzione, della formazione dei giovani e dello sport. Le azioni attuate attraverso questa Azione Chiave sono finalizzate a:

  • preparare e sostenere l’attuazione dell’agenda politica dell’UE in materia di istruzione, formazione, gioventù e sport, facilitando la governance e il funzionamento dei metodi aperti di coordinamento;
  • realizzare sperimentazioni politiche europee, guidate da autorità pubbliche di alto livello e che prevedono prove sul campo di misure politiche in diversi paesi, basate su solidi metodi di valutazione;
  • raccogliere prove e conoscenze sui sistemi e sulle politiche dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport a livello nazionale ed europeo, al fine di facilitare la definizione di politiche ragionate;
  • facilitare la trasparenza e il riconoscimento delle competenze e delle qualifiche, così come il trasferimento dei crediti, per promuovere la garanzia della qualità, sostenere la convalida dell’apprendimento non formale e informale, la gestione delle competenze e l’orientamento;
  • promuovere il dialogo politico con le parti interessate all’interno e all’esterno dell’Unione Europea, attraverso conferenze, eventi e altre attività che coinvolgano i decisori politici, gli operatori e le altre parti interessate nei settori dell’istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport, per aumentare la consapevolezza delle agende politiche europee pertinenti e per promuovere l’Europa come eccellente destinazione di studio e ricerca;
  • migliorare l’attuazione del programma in termini qualitativi, facilitando il trasferimento di conoscenze e pratiche tra le Agenzie Nazionali, dotando le Agenzie Nazionali e la Commissione di risorse di “think-tank” che consentano l’elaborazione di attività e strategie per attuare il programma in più forte connessione con gli sviluppi politici, fornendo strumenti per sfruttare meglio il potenziale di sinergie e complementarietà;
  • fornire opportunità alle persone in qualsiasi fase della loro vita con un’esperienza di apprendimento all’estero nel loro campo di competenza, come la governance pubblica, l’agricoltura e lo sviluppo rurale, le nuove tecnologie, l’impresa ecc;
  • consentire agli organismi di attuazione di Erasmus+ di fungere da facilitatori per l’ampliamento dei progetti Erasmus+ per richiedere sovvenzioni o sviluppare sinergie attraverso il sostegno dei fondi strutturali e d’investimento europei gestiti a livello nazionale e regionale, il programma quadro di ricerca e innovazione e i programmi relativi a migrazione, sicurezza, giustizia e cittadinanza, salute e cultura;
  • sostenere eventi, campagne e altre attività che informino i cittadini e le organizzazioni sul programma Erasmus+ e sulle politiche dell’Unione europea in materia di istruzione, formazione, gioventù e sport;
  • contribuire a identificare e diffondere le buone pratiche e le storie di successo dei progetti sostenuti al fine di dare loro maggiore visibilità e scalarli a livello locale, nazionale ed europeo.

La seguente Azione verrà attuata attraverso il programma Gioventù Europea Insieme. Questa azione è gestita dall’Agenzia esecutiva per l’istruzione, gli audiovisivi e la cultura.

L’azione “Gioventù europea insieme” si rivolge alle organizzazioni giovanili a livello di base che desiderano stabilire partenariati transfrontalieri, vale a dire che mirano ad aggiungere una dimensione europea alle loro attività e a collegare queste attività alle politiche giovanili dell’UE, in particolare alla strategia dell’UE per la gioventù 2019-2027. Lo scopo è quello di incoraggiare nuove candidature da parte di organizzazioni non ancora ben consolidate a livello europeo. A tal fine, l’azione consiste principalmente nel sostenere le attività volte a collegare le organizzazioni giovanili a livello europeo e le ONG di base che operano a livello locale (rurale, città, regioni, paesi) che beneficeranno dello sviluppo di attività transfrontaliere. La struttura generale dell’azione tiene conto delle dimensioni crescenti del settore della gioventù, delle tendenze mutevoli della partecipazione giovanile e della necessità di un sostegno finanziario più sostenuto e stabile nel settore della gioventù . Tiene anche conto della necessità di coprire meglio la grande diversità delle organizzazioni giovanili in Europa e di rispondere alle esigenze individuate sia per le attività di base che per i grandi progetti di cooperazione in Europa.

OBIETTIVI DELL’AZIONE: I progetti “Gioventù Europea Insieme” mirano a creare reti che promuovono partenariati transfrontalieri che funzioneranno in stretta collaborazione con i giovani di tutta Europa (paesi del programma Erasmus+). Queste reti organizzeranno la cooperazione, gli scambi, promuoveranno la formazione (per esempio per gli animatori giovanili) e permetteranno ai giovani stessi di creare progetti comuni attraverso attività fisiche e/o online. Contribuire e promuovere gli obiettivi europei per la gioventù e la strategia dell’UE per la gioventù 2019-2027 costituiscono importanti priorità tematiche per l’azione. Gli obiettivi europei per la gioventù si riflettono anche nelle linee guida politiche della Commissione della presidente Von der Leyen. Il ciclo di 18 mesi in corso del Dialogo dei giovani e le sue priorità sono anche una base per questa azione europea Youth Together. Infine, alla luce della pandemia di COVID-19, sono necessarie delle risposte per mitigare il suo impatto socio-economico sui giovani, compreso lo sviluppo di capacità e misure specifiche per affrontare il recupero della crisi di Covid-19 nel settore giovanile. Nel fare ciò, le reti giovanili dovrebbero considerare i modi per forgiare la solidarietà e l’inclusione, che coincidono con le sfide legate alle competenze digitali e agli stili di vita verdi.

L’azione cerca di sostenere specificamente:

  • La promozione e lo sviluppo della cooperazione strutturata transnazionale, online e offline, tra diverse organizzazioni giovanili in modo da costruire o rafforzare i partenariati incentrati sulla solidarietà e la partecipazione democratica inclusiva di tutti;
  • L’attuazione dei quadri e delle iniziative dell’UE, come le raccomandazioni specifiche per paese del semestre europeo165 , nella misura in cui si riferiscono al settore giovanile;
    Iniziative per incoraggiare i giovani a partecipare al processo democratico e alla società organizzando corsi di formazione, mostrando i punti in comune tra i giovani europei e incoraggiando la discussione e il dibattito sul loro legame con l’UE, i suoi valori e le basi democratiche, anche fornendo una voce significativa ai giovani nel quadro del processo di recupero Covid-19;
  • La partecipazione di gruppi di giovani sottorappresentati (ad esempio, giovani vulnerabili e svantaggiati dal punto di vista socioeconomico) alla politica, alle organizzazioni giovanili e ad altre organizzazioni della società civile;
  • Nuovi modi per responsabilizzare le organizzazioni giovanili nell’affrontare la pandemia Covid-19 e le sue conseguenze. Indicativamente, questo potrebbe includere il miglioramento della collaborazione tra le organizzazioni giovanili in un contesto digitale utilizzando metodi di apprendimento non formale e modelli organizzativi pertinenti, comprese modalità alternative di scambio e aiuto reciproco.