Si accende il dibattito sulla difesa europea

L’integrazione europea nel campo della difesa e della sicurezza è un tema centrale su cui storicamente l’Unione Europea non è riuscita a fare grandi progressi dai tempi della caduta della CED, la Comunità Europea della Difesa, ma negli ultimi anni qualche cosa si è mosso con PESCO, la Cooperazione Strutturata Permanente sulla difesa, un accordo di cooperazione tra alcuni paesi dell’Unione nel campo dell’iniziativa militare e dell’industria bellica. Ma ora, dopo i recentissimi avvenimenti, dalla crisi politica e umanitaria dell’Afghanistan all’AUKUS, l’UE bisogno di qualcosa di più per non essere emarginata dalle iniziative strategiche mondiali. L’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, ha proposto la creazione di una forza europea d’intervento rapido e probabilmente questo sarà uno dei tema più caldi all’ordine del giorno della Strategic Compass che dovrebbe partire il prossimo anno superate le incognite legate alle elezioni tedesche e francesi.

"Strategic Compass" europeo: a che punto siamo

L’Europa unita nascerà solo se arriverà a definire il proprio ruolo nel mondo, assumendosene in quanto tale le relative responsabilità. In questo senso l’approvazione dello Strategic Compass potrebbe essere un passaggio importante, da collegare ai lavori della Conferenza sul futuro …